User Tag List

Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 137
  1. #1
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito Birmania, i monaci contro il regime militare

    Birmania, i monaci contro il regime militare



    Un migliaio di monaci buddisti ha marciato pregando sabato mattina per le strade di Mandalay, nel centro della Birmania, mentre altri duemila sfilavano a Rangun, la più grande città del Paese, per protestare contro la giunta militare al potere nel Paese asiatico.
    La marcia di Mandalay, località che conta numerosi luoghi di culto buddisti e centri di educazione religiosa, si è conclusa senza incidenti. Stesso scenario nella capitale Rangun, dove circa duemila bonzi hanno proseguito nella loro protesta che ormai dura da qualche giorno, recandosi in preghiera alla pagoda di Shwedagon. Qui hanno pregato una ventina di minuti, per poi recarsi in corteo verso l'ambasciata cinese.
    I monaci stano protestando dall'inizio della settimana e sono alla testa di un movimento, iniziato il 19 agosto, dopo il regime birmano ha aumentato drasticamente i prezzi dei carburanti e dei trasporti pubblici, colpendo duramente le condizioni di vita della popolazione.

    Pubblicato il: 22.09.07
    Modificato il: 22.09.07 alle ore 11.40


    http://www.unita.it/view.asp?IDcontent=69070

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Qualcuno ha notizie aggiornate sulla situazione?

    Io non ne so molto.

    Grazie.

  3. #3
    Comunista democratico
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo (Gramsci)
    Messaggi
    5,720
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Continua In Birmania La "rivoluzione Porpora" Dei Monaci 23/9/07

    CONTINUA IN BIRMANIA LA "RIVOLUZIONE PORPORA" DEI MONACI 23/9/07

    Migliaia a Rangoon, sotto le finestre della sede diplomatica di Pechino e di fronte alla casa della Nobel Aung San Suu Kyi agli arresti domiciliari. Che, sfidando le restirzioni cui è sottoposta da 11 anni, esce in strada e saluta un movimento che, partito dai monatseri, sta contagiando il paese


    Theo Guzman

    Domenica 23 Settembre 2007

    Venerdi la federazione dei giovani monaci birmani l'aveva detto chiaramente: “E' tempo per il popolo di lavorare con i monaci e dimostrare coraggiosamente le proprie genuine aspirazioni”. Per la prima volta dall'inizio del “boicottaggio” deciso lunedi scorso dai “mantelli porpora” della Birmania e messo in atto da martedi 18, i monaci avevano chiesto a studenti e civili di unirsi a loro nella lotta contro un regime definito, nei giorni precedenti, “retrogrado” e responsabile della povertà e degli stenti dei birmani. Un appello che non è caduto nel vuoto.
    Ieri la protesta ha nuovamente attraversato il paese e a Mandalay, la più importante comunità monastica del paese, con almeno duecento monasteri, ha visto sfilare 10mila tuniche porpora per le strade della città. Ma se a Mandalay non sono stati molti i civili a seguire il corteo dei religiosi (probabilmente per timore di arresti e incidenti) a Rangoon, la vecchia capitale, le cose sono andate molto diversamente e benché il numero dei dimostranti sia stato assai inferiore, il valore politico della marcia di ieri non sfugge a nessuno. Innanzi tutto un migliaio di monaci sono partiti dalla pagoda di Shwedagon, uno dei luoghi ormai topici della protesta, per raggiungere il sobborgo di Dagon dove si trovano i locali della rappresentanza diplomatica cinese. Nella scelta dell'obiettivo della marcia c'è tutta la coscienza che è la Cina il principale sostenitore della giunta birmana. Sono infatti i cinesi che comprano energia in Birmania e difendono la giunta dagli attacchi del consiglio di sicurezza bloccando mozioni e risoluzioni. Infine, altri duecento monaci si sono recati di fronte alla casa della Nobel per la pace Aung San Suu Kyi, il simbolo della resistenza alla giunta. Erano accompagnati e circondati da studenti e cittadini.
    Vestita di giallo, la donna che ha passato undici degli ultimi 17 anni della sua vita agli arresti domiciliari (stato in cui ancora si trova), sfidando le restrizioni cui è sottoposta, è uscita sulla porta di casa, sulla Rangoon's University Avenue, per incontrare i monaci venuti a tributarle il riconoscimento di una statura politica che ha ormai varcato i confini nazionali e che è evidentemente anche nel cuore degli abati buddisti. Mentre le autorità di pubblica sicurezza in assetto anti guerriglia circondavano la casa della Nobel, Suu Kyi si è intrattenuta con un monaco mentre gli abati cantavano salmi e mentre molti manifestanti la salutavano gridando slogan. Un movimento dunque che si estende e che ha registrato l'apprezzamento e il sostegno di Tun Myint Aung, leader del movimento “Studenti dell'88” (anno delle stragi e del golpe militare) ma anche di intellettuali e artisti come Aung Way, uno dei poeti più noti nel paese: “E' tempo – ha detto - che ogni artista birmano e ogni poeta si unisca ai monaci che hanno preso la leadership della protesta contro il regime”.
    Regime che tenta di reagire anche servendosi dei monaci vicini alla giunta. La rivista Irrawaddy riferisce che a Sittwe, nell'Arakan, dove martedi scorso ci sono state le proteste più violente e dove la giunta ha usato i gas e arrestato e picchiato diversi monaci, il Comitato Sangha Maha Nayaka, un'organizzazione di monaci filo governativa, ha messo in guardia le teste calde tra i mantelli di porpora su nuove possibili manifestazioni. Ma i monaci avrebbero respinto al mittente l'avvertimento e dunque il Comitato si sarebbe limitato a raccomandare prudenza anche perché, a quanto pare, i monaci “ribelli” avrebbero messo in piedi un proprio comitato per organizzare nuove manifestazioni. Come che sia, avvertono fonti di stampa locali, le forze di sicurezza non stanno con le mani in mano e stanno rafforzando tutti i loro dispositivi nel paese.
    Il futuro, per monaci e cittadini birmani, è ancora incerto e denso di rischi. Un analista birmano esiliato in Thailandia, Aung Thu Nyein, che ha definito il breve incontro fra i monaci e la Nobel a Rangoon un «evento importante» ha detto alla France Press che «il regime si è mostrato estremamente prudente negli ultimi giorni e sta tentando di evitare tensioni con i manifestanti». La scommessa è quanto durerà.

    http://www.lettera22.it/showart.php?id=7812&rubrica=50
    Myrddin

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 Nov 2012
    Messaggi
    2,100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    non certamente come le pretaglie nostrane che mai hanno fatto qualcosa contro regimi del genere.
    Tanto meno marciando scalzi sotto la pioggia.
    "Son contento quando consumo senza pagare un pò meno quando pago e non consumo"

  5. #5
    Comunista democratico
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo (Gramsci)
    Messaggi
    5,720
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Spartacus74 Visualizza Messaggio
    non certamente come le pretaglie nostrane che mai hanno fatto qualcosa contro regimi del genere.
    Tanto meno marciando scalzi sotto la pioggia.
    Ci furono vittime dei nazi-fascisti, come don Giuseppe Morosini (1913-1944), fucilato a Roma e don Pietro Pappagallo, ucciso alle Fosse Ardeatine († 24-3-1944), come i tanti parroci uccisi dai tedeschi insieme ai loro fedeli, a S. Anna di Stazzena, Boves, Marzabotto, ecc.
    Myrddin

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,188
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Myanmar - 23.9.2007 10:45:00Ventimila persone in piazza contro la giunta a Yangon, anche monache
    Si allarga la protesta contro la giunta militare in Myanmar. Circa 10.000 monaci buddisti, sostenuti da altrettanti cittadini, stanno manifestando oggi nel centro di Yangon, l'ex capitale birmana. Lo riferiscono testimoni. Alla protesta per la prima volta si sono unite anche monache buddiste. Ieri, al passaggio del corteo dei monaci era uscita di casa anche Aung San Suu Kyi, la leader dell'opposizione che ha trascorso 11 degli ultimi 18 anni agli arresti domiciliari. Nata come protesta contro il caro prezzo degli alimentari e del carburante, la protesta è ora apertamente contro la giunta militare al potere dal 1962. I dimostranti hanno detto di voler andare avanti fino alla caduta del governo. I monaci hanno esortato i cittadini a tenere delle veglie sulla porta di casa oggi, domani e martedì per 15 minuti, alle ore 20.

    http://www.peacereporter.net/default_news.php?idn=42611

    Io sto seguendo la cosa dall'inizio. E' stato un continuo crescendo, da 300 iniziali, sono diventati 700 e poi sempre di più. Comunque potrei sbagliarmi ma a parer mio non ne verrà fuori nulla alla fine a meno che da 20.000 non diventino davvero a centinaia di migliaia e si uniscano a tutte le forze che contrastano anche in maniera violenta il regime birmano come i karen.

    A luta continua

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 Nov 2012
    Messaggi
    2,100
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Myrddin-Merlino Visualizza Messaggio
    Ci furono vittime dei nazi-fascisti, come don Giuseppe Morosini (1913-1944), fucilato a Roma e don Pietro Pappagallo, ucciso alle Fosse Ardeatine († 24-3-1944), come i tanti parroci uccisi dai tedeschi insieme ai loro fedeli, a S. Anna di Stazzena, Boves, Marzabotto, ecc.
    Sapere questo mi riporterà in Chiesa, commosso perchè anche lì si coltiva la "democrazia".
    "Son contento quando consumo senza pagare un pò meno quando pago e non consumo"

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    14 Jun 2009
    Messaggi
    11,188
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Spartacus74 Visualizza Messaggio
    Sapere questo mi riporterà in Chiesa, commosso perchè anche lì si coltiva la "democrazia".

    Basta che adesso non ci mettiamo di mezzo anche in questa discussione le solite menate su fascismo, neofascismo, socialismo nazionale, RSI, diciannovismo perchè mi si ammoscerebbe l'uccello.

    A luta continua

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Sep 2007
    Località
    importante è vincere, non partecipare
    Messaggi
    2,213
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    scusate, la Birmania non e' il paese dove per spezzare il movimento operaio e comunista massacrarono un milione di persone?

  10. #10
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sandinista Visualizza Messaggio
    Basta che adesso non ci mettiamo di mezzo anche in questa discussione le solite menate su fascismo, neofascismo, socialismo nazionale, RSI, diciannovismo perchè mi si ammoscerebbe l'uccello.

    A luta continua

    No, te prego

    e "te" va letto alla romana.

 

 
Pagina 1 di 14 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 17-09-12, 17:01
  2. firmiamo un appello a favore dei monaci in birmania
    Di benfy nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-09-07, 21:06
  3. in birmania i monaci buddisti vogliono l'8per mille???
    Di anton nel forum Politica Estera
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 27-09-07, 11:07
  4. Ex militare algerino racconta rapimento e uccisione monaci
    Di L'Uomo Tigre nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-01-03, 13:50

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226