User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Italia, eccezione d'Europa per non disturbare gli speculatori

    Italia, eccezione d'Europa per non disturbare gli speculatori

    di Giulio Marcon *

    su Liberazione del 26/09/2007


    In un "periodo di turbolenze finanziarie" - come ha ricordato Prodi - la cosa che si dovrebbe fare è mettere regole e controlli ai mercati, ponendo un freno alle operazioni speculative che proprio quelle turbolenze creano ed alimentano. Al contrario di quanto pensa Prodi anche un'adeguata tassazione delle rendite e delle transazioni finanziarie servirebbe - oltre che a dare un segnale di maggiore giustizia fiscale - a limitare le operazioni selvagge ed incontrollate di tipo speculativo, dando maggiore stabilità e razionalità ai mercati. Una bassa tassazione delle rendite (ed in particolare delle operazioni speculative e dei capital gains ) è una distorsione dei mercati e dell'economia: sposta risorse dagli investimenti produttivi ai giochi finanziari.
    Il dietrofront di Prodi e del governo sulle rendite finanziarie - spiegabile solo come cedimento ai ricatti delle frange centriste della sua maggioranza - è il segno della debolezza di un governo che non ha più coraggio di scelte innovative nel segno della giustizia sociale e fiscale.
    In Europa - e Prodi dovrebbe saperlo, avendo fatto il Presidente della Commissione Europea - si fa altrimenti che in Italia: pressoché ovunque le rendite sono tassate più che in Italia e in alcuni paesi - come in Gran Bretagna, Germania ed in Francia - la tassazione delle rendite è addirittura progressiva. Ipotesi addirittura rivoluzionaria per l'Italia e per questo governo. In Gran Bretagna l'imposizione sulle rendite arriva addirittura al 40% a partire da 33mila sterline di guadagno (quasi 50mila euro) sulla compravendita di azioni. E in Germania dal 2009, la tassazione sulle rendite passerà da progressiva ad un prelievo fisso, che però sarà di ben il 25%.
    Un paese che ha una tassazione del 12,5% sulle rendite da capitale si avvicina più ad un "paradiso fiscale" (ovviamente, per gli speculatori) che ad un paese civile. Un paese che fa pagare ad un pensionato il 27% di tasse sugli utili del suo conto corrente bancario e il 12,5% a Tronchetti Provera sulle plusvalenze delle sue speculazioni non è un paese normale. Si invoca il popolo dei Bot e dei Cct. Sciocchezze. I titoli di stato sono in gran parte (l'84%) posseduti da investitori istituzionali (il 55% in mano a soggetti esteri, il 20% a banche ed imprese, 9% ai fondi comuni): una tassazione del 20% -comunque inferiore alla media europea - non li farebbe scappare dai nostri mercati. Per il restante 16% si tratta di persone fisiche: se si vuole salvaguardare il ceto medio che si è comperato in questi anni i Bot e i Cct, basterebbe mettere una franchigia di 5mila euro di guadagno annui (significa investimenti in media di circa 250mila euro annui) al di sotto della quale la tassazione attuale rimarrebbe invariata.
    La verità è che la questione della tassazione delle rendite è solo il pretesto di uno scontro politico, dove l'obiettivo è spostare sempre di più l'asse delle politiche economiche a destra. Il merito delle questioni non conta più: basta pensare che Il Sole 24 ore di due anni e mezzo fa, raccoglieva interventi di esponenti di spicco di Confindustria (tra cui Montezemolo) e del centro destra (tra cui Alemanno e Calderoli) che discutevano senza gridare all'"esproprio proletario" dell'eventualità di un aumento della tassazione delle rendite (i cui proventi, allora, si volevano destinare alla riduzione dell'Irap).
    La tassazione delle rendite al 20% (la campagna Sbilanciamoci! ha proposto al 23% per avvicinarsi alla media europea: si veda www.sbilanciamoci.org) è un semplice atto di giustizia fiscale degno di un paese civile: le tasse si pagano più volentieri se le pagano tutti e se si pagano in modo equo. Spostare la tassazione dal lavoro alle rendite e alle plusvalenze (spesso frutto di operazioni speculative che si consumano in pochi giorni) è un modo per rilanciare l'economia e dare più risorse agli investimenti. Tra l'altro questa misura (riduzione dal 27 al 20% sui conti correnti bancari e innalzamento dal 12,5 al 20% sulle rendite finanziarie) avrebbe un doppio effetto concreto: far risparmiare decine di milioni di italiani che -avendo un conto corrente bancario- pagherebbero meno tasse sugli utili dei loro depositi e fare entrare nelle casse dello Stato più di 2 miliardi di euro ogni anno.
    Le vere "turbolenze" di Prodi non sono quelle dei mercati, ma quelle della sua maggioranza. Rinunciare alla misura della tassazione sulle rendite finanziarie è un brutto segnale: a favore dei poteri forti e contro gli interessi della società e della sua parte più debole. Non è per questo che la maggioranza del paese ha votato per l'Unione.

    *Campagna Sbilanciamoci!

    http://www.esserecomunisti.it/index....Articolo=18491

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    are(a)zione
    Ospite

    Predefinito

    Confermo sulla gran bretagna.

  3. #3
    Capitalismo e Militarismo
    Data Registrazione
    06 May 2009
    Località
    Torino
    Messaggi
    2,522
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    la tassazione sulle rendite finanziarie al 20% è un'atto di civiltà prima di tutto, dettato dal buonsenso!

 

 

Discussioni Simili

  1. L'ombra degli speculatori sull'Italia
    Di Majorana nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-09-10, 20:58
  2. Si prega di non disturbare
    Di Alessandro nel forum Fondoscala
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 24-05-10, 20:32
  3. Tasse in frenata nell'area OCSE, l'Italia fa eccezione
    Di hidetoshi777 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-10-08, 13:30
  4. Non disturbare il pederasta che sc*pa...
    Di Bart Colleoni nel forum Politica Estera
    Risposte: 112
    Ultimo Messaggio: 05-10-07, 04:43
  5. OCSE: in frenata l'economia mondiale ... unica eccezione: l'ITALIA!
    Di Libero (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 260
    Ultimo Messaggio: 30-11-06, 12:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226