User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 25
  1. #1
    Liberale Dubbioso
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,765
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Spero che qualcuno si adegui

    La Cassazione: è reato criticare in base al sesso. Un giornalista e un sindacalista dovranno risarcire una direttrice di carcere «diffamata»


    Tra gli sterminati corridoi in marmo bianco della Cassazione - uno degli ambienti istituzionali più “maschili” del Paese - si è insinuata una folata di vento femminista che ha portato i supremi giudici a dichiarare che le donne non possono essere criticate solo perché donne. Non si può dire, senza incorrere nella condanna per diffamazione con tanto di risarcimento danni, che in un determinato posto, guarda caso nell’incarico dirigenziale più alto, sarebbe meglio metterci un uomo, comunque sia, piuttosto che lasciarci la dirigente “femmina” che lo occupa. Stop, dunque, alle critiche nei confronti delle donne, sganciate da qualunque richiamo a fatti specifici, e riferite solo al «dato biologico» perché sono lesive della dignità della persona.



    Al verdetto - che ha raccolto un plauso bipartisan - si è arrivati in seguito alla denuncia presentata da Carmen Campi, direttrice del carcere campano di Arienzo, contro un cronista di un giornale locale e un sindacalista della Uil di Caserta che gli aveva rilasciato - nel giugno 2002 - una intervista intitolata “Carcere: per dirigerlo serve un uomo”. A scanso di equivoci, il sindacalista aveva specificato che nell’istituto penitenziario «sarebbe meglio una gestione al maschile», senza alcun altro argomento. Contro il messaggio discriminatorio, la direttrice presentò querela e vinse i due gradi di giudizio.
    Senza successo, in Cassazione, i due imputati hanno cercato scampo invocando il diritto di cronaca e quello di critica sindacale. Già il solo titolo, di per sé, è senza dubbio offensivo - ha replicato la Suprema Corte - per non parlare della frase, anche quella sufficiente da sola per condannare intervistatore ed intervistato. «La critica che viene mossa alla direttrice - continua la Cassazione, nella sentenza 10164 - è sganciata da ogni dato gestionale ed è riferita al solo fatto di essere una donna, gratuito apprezzamento contrario alla dignità della persona perché ancorato al profilo, ritenuto decisivo, che deriva dal dato biologico dell’appartenenza all’uno o all’altro sesso».

    I due condannati ora dovranno risarcire Carmen Campi con 3.500 euro come riparazione pecuniaria e 7. 000 euro per danni morali. «È stata una battaglia per tutelare la mia dignità di donna e professionale e per non far passare la mera discriminazione sessuale», ha commentato lei che ora dirige un altro carcere.
    Dal ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, è arrivato apprezzamento per il verdetto: «Un importante passo avanti sulla strada della tolleranza zero verso le discriminazioni». Per Vittoria Franco (Pd) «si fa giustizia di affermazioni fondate su stereotipi discriminatori e paternalistici ai danni delle donne, agevolando il necessario cambiamento di mentalità». Secondo Alessandra Mussolini (Pdl) «la sentenza merita di essere puntellata con misure legislative a sostegno della presenza delle donne nei posti dirigenziali». E Dorina Bianchi (Udc) dice: «La sentenza è incontestabile, specie considerando che è proprio la discriminazione di genere a renderci uno dei Paesi più arretrati d’Europa». La transgender Vladimir Luxuria rileva che «c’è ancora una mentalità retrograda che dà per scontato che le capacità dipendono dal genere di appartenenza, tanto è vero che certe professioni come quella di avvocato sono declinate solo al maschile».
    Nota d’amarezza, infine, dall’Unione donne italiane - sigla storica del movimento femminista - che ritiene «mortificante, dopo 40 anni di lotte, dover ricorrere alla legge per ottenere un riconoscimento che dovrebbe essere la normalità».


    Credo che i misogini di Pir dovrebbero darsi una regolata. :giagia:
    "REPUBLICAN IN NAME ONLY"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Magari anche il governo pirriano potrebbe esplicitamente pronunciarsi legislativamente in questa direzione...
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  3. #3
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    solidarietà agli oppressi! hefico:

    (mi fanno ridere i sedicenti liberali armati di forcone e cappio...)
    Ultima modifica di codino; 16-03-10 alle 22:01

  4. #4
    Missiroli Presidente
    Data Registrazione
    01 May 2009
    Località
    Lost Island
    Messaggi
    36,026
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da codino Visualizza Messaggio
    solidarietà agli oppressi! hefico:
    Considerando dove è avvenuta la vicenda non posso che sghignazzare... :sofico:
    Ultima modifica di benjamin_linus; 16-03-10 alle 22:04
    Figliolo, lei è un asino...
    (D.Pastorelli, cit.)


  5. #5
    bronsa querta
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    56,556
    Mentioned
    264 Post(s)
    Tagged
    25 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Paine Visualizza Messaggio
    La Cassazione: è reato criticare in base al sesso. Un giornalista e un sindacalista dovranno risarcire una direttrice di carcere «diffamata»


    Tra gli sterminati corridoi in marmo bianco della Cassazione - uno degli ambienti istituzionali più “maschili” del Paese - si è insinuata una folata di vento femminista che ha portato i supremi giudici a dichiarare che le donne non possono essere criticate solo perché donne. Non si può dire, senza incorrere nella condanna per diffamazione con tanto di risarcimento danni, che in un determinato posto, guarda caso nell’incarico dirigenziale più alto, sarebbe meglio metterci un uomo, comunque sia, piuttosto che lasciarci la dirigente “femmina” che lo occupa. Stop, dunque, alle critiche nei confronti delle donne, sganciate da qualunque richiamo a fatti specifici, e riferite solo al «dato biologico» perché sono lesive della dignità della persona.



    Al verdetto - che ha raccolto un plauso bipartisan - si è arrivati in seguito alla denuncia presentata da Carmen Campi, direttrice del carcere campano di Arienzo, contro un cronista di un giornale locale e un sindacalista della Uil di Caserta che gli aveva rilasciato - nel giugno 2002 - una intervista intitolata “Carcere: per dirigerlo serve un uomo”. A scanso di equivoci, il sindacalista aveva specificato che nell’istituto penitenziario «sarebbe meglio una gestione al maschile», senza alcun altro argomento. Contro il messaggio discriminatorio, la direttrice presentò querela e vinse i due gradi di giudizio.
    Senza successo, in Cassazione, i due imputati hanno cercato scampo invocando il diritto di cronaca e quello di critica sindacale. Già il solo titolo, di per sé, è senza dubbio offensivo - ha replicato la Suprema Corte - per non parlare della frase, anche quella sufficiente da sola per condannare intervistatore ed intervistato. «La critica che viene mossa alla direttrice - continua la Cassazione, nella sentenza 10164 - è sganciata da ogni dato gestionale ed è riferita al solo fatto di essere una donna, gratuito apprezzamento contrario alla dignità della persona perché ancorato al profilo, ritenuto decisivo, che deriva dal dato biologico dell’appartenenza all’uno o all’altro sesso».

    I due condannati ora dovranno risarcire Carmen Campi con 3.500 euro come riparazione pecuniaria e 7. 000 euro per danni morali. «È stata una battaglia per tutelare la mia dignità di donna e professionale e per non far passare la mera discriminazione sessuale», ha commentato lei che ora dirige un altro carcere.
    Dal ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, è arrivato apprezzamento per il verdetto: «Un importante passo avanti sulla strada della tolleranza zero verso le discriminazioni». Per Vittoria Franco (Pd) «si fa giustizia di affermazioni fondate su stereotipi discriminatori e paternalistici ai danni delle donne, agevolando il necessario cambiamento di mentalità». Secondo Alessandra Mussolini (Pdl) «la sentenza merita di essere puntellata con misure legislative a sostegno della presenza delle donne nei posti dirigenziali». E Dorina Bianchi (Udc) dice: «La sentenza è incontestabile, specie considerando che è proprio la discriminazione di genere a renderci uno dei Paesi più arretrati d’Europa». La transgender Vladimir Luxuria rileva che «c’è ancora una mentalità retrograda che dà per scontato che le capacità dipendono dal genere di appartenenza, tanto è vero che certe professioni come quella di avvocato sono declinate solo al maschile».
    Nota d’amarezza, infine, dall’Unione donne italiane - sigla storica del movimento femminista - che ritiene «mortificante, dopo 40 anni di lotte, dover ricorrere alla legge per ottenere un riconoscimento che dovrebbe essere la normalità».


    Credo che i misogini di Pir dovrebbero darsi una regolata. :giagia:
    Chissà se il PdL pirriano la pensa come quello reale sul tema, almeno ufficialmente...
    Un pronunciamento in tal senso sarebbe interessante.
    C. De Gaulle: "l'Italia non è un paese povero. E' un povero paese".

  6. #6
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da Thomas Paine Visualizza Messaggio
    La Cassazione: è reato criticare in base al sesso. Un giornalista e un sindacalista dovranno risarcire una direttrice di carcere «diffamata»


    Tra gli sterminati corridoi in marmo bianco della Cassazione - uno degli ambienti istituzionali più “maschili” del Paese - si è insinuata una folata di vento femminista che ha portato i supremi giudici a dichiarare che le donne non possono essere criticate solo perché donne. Non si può dire, senza incorrere nella condanna per diffamazione con tanto di risarcimento danni, che in un determinato posto, guarda caso nell’incarico dirigenziale più alto, sarebbe meglio metterci un uomo, comunque sia, piuttosto che lasciarci la dirigente “femmina” che lo occupa. Stop, dunque, alle critiche nei confronti delle donne, sganciate da qualunque richiamo a fatti specifici, e riferite solo al «dato biologico» perché sono lesive della dignità della persona.



    Al verdetto - che ha raccolto un plauso bipartisan - si è arrivati in seguito alla denuncia presentata da Carmen Campi, direttrice del carcere campano di Arienzo, contro un cronista di un giornale locale e un sindacalista della Uil di Caserta che gli aveva rilasciato - nel giugno 2002 - una intervista intitolata “Carcere: per dirigerlo serve un uomo”. A scanso di equivoci, il sindacalista aveva specificato che nell’istituto penitenziario «sarebbe meglio una gestione al maschile», senza alcun altro argomento. Contro il messaggio discriminatorio, la direttrice presentò querela e vinse i due gradi di giudizio.
    Senza successo, in Cassazione, i due imputati hanno cercato scampo invocando il diritto di cronaca e quello di critica sindacale. Già il solo titolo, di per sé, è senza dubbio offensivo - ha replicato la Suprema Corte - per non parlare della frase, anche quella sufficiente da sola per condannare intervistatore ed intervistato. «La critica che viene mossa alla direttrice - continua la Cassazione, nella sentenza 10164 - è sganciata da ogni dato gestionale ed è riferita al solo fatto di essere una donna, gratuito apprezzamento contrario alla dignità della persona perché ancorato al profilo, ritenuto decisivo, che deriva dal dato biologico dell’appartenenza all’uno o all’altro sesso».

    I due condannati ora dovranno risarcire Carmen Campi con 3.500 euro come riparazione pecuniaria e 7. 000 euro per danni morali. «È stata una battaglia per tutelare la mia dignità di donna e professionale e per non far passare la mera discriminazione sessuale», ha commentato lei che ora dirige un altro carcere.
    Dal ministro delle Pari Opportunità, Mara Carfagna, è arrivato apprezzamento per il verdetto: «Un importante passo avanti sulla strada della tolleranza zero verso le discriminazioni». Per Vittoria Franco (Pd) «si fa giustizia di affermazioni fondate su stereotipi discriminatori e paternalistici ai danni delle donne, agevolando il necessario cambiamento di mentalità». Secondo Alessandra Mussolini (Pdl) «la sentenza merita di essere puntellata con misure legislative a sostegno della presenza delle donne nei posti dirigenziali». E Dorina Bianchi (Udc) dice: «La sentenza è incontestabile, specie considerando che è proprio la discriminazione di genere a renderci uno dei Paesi più arretrati d’Europa». La transgender Vladimir Luxuria rileva che «c’è ancora una mentalità retrograda che dà per scontato che le capacità dipendono dal genere di appartenenza, tanto è vero che certe professioni come quella di avvocato sono declinate solo al maschile».
    Nota d’amarezza, infine, dall’Unione donne italiane - sigla storica del movimento femminista - che ritiene «mortificante, dopo 40 anni di lotte, dover ricorrere alla legge per ottenere un riconoscimento che dovrebbe essere la normalità».


    Credo che i misogini di Pir dovrebbero darsi una regolata. :giagia:
    Confido che a nessuno salti in mente di dar sfogo al proprio desiderio di censura avvalendosi delle porcate delle magistrature.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  7. #7
    Liberale Dubbioso
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,765
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da codino Visualizza Messaggio
    solidarietà agli oppressi! hefico:

    (mi fanno ridere i sedicenti liberali armati di forcone e cappio...)
    Guarda che io sono contrario ai reati di opinione, ma finchè le leggi sono in vigore vanno rispettate. Non ti invito a cambiare idea ma a darti una regolata.
    "REPUBLICAN IN NAME ONLY"

  8. #8
    Dall'Inferno
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Cimitero
    Messaggi
    57,410
    Mentioned
    400 Post(s)
    Tagged
    42 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    A parte il fatto che non capisco la richiesta,mi sembra normale appoggiare la decisione della cassazione,una donna è in grado di lavorare come un uomo,non capisco quale sia il problema.Forse il signor Paine è leggermente misogino?
    Primo Ministro di TPol...[MENTION]
    Proudly member of the Bilderberg Group-Chtulhu Section..

  9. #9
    Liberale Dubbioso
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,765
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da Undertaker Visualizza Messaggio
    A parte il fatto che non capisco la richiesta,mi sembra normale appoggiare la decisione della cassazione,una donna è in grado di lavorare come un uomo,non capisco quale sia il problema.Forse il signor Paine è leggermente misogino?
    Ahahah non sei bravo come il tuo padrone a rigirare la frittata. Per cercare i misogini chiedi a PL e Codino.
    "REPUBLICAN IN NAME ONLY"

  10. #10
    Liberale Dubbioso
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    6,765
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Spero che qualcuno si adegui

    Citazione Originariamente Scritto da Defender Visualizza Messaggio
    Confido che a nessuno salti in mente di dar sfogo al proprio desiderio di censura avvalendosi delle porcate delle magistrature.
    Secondo il vangelo di Berlusconi la magistratura buona è quella che perseguita i bambini immigrati e i loro genitori, quella cattiva è quella che disturba gli interessi del capo.
    Quando penso che negli anni ottanta il MSI era contro i potenti,mi viene il magone.Oggi siete i potenti.Quanta gente avete l'illuso!!!
    "REPUBLICAN IN NAME ONLY"

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-07-13, 17:06
  2. Io Ci Spero
    Di MISSINO88 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-12-08, 17:46
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-09-08, 11:35
  4. Risposte: 84
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 16:13
  5. Spero...
    Di Mr2 nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-12-03, 22:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226