User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Ambiente e libertà

  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ambiente e libertà

    Irlanda, Scozia, Galles: tempi duri per chi vuole inceneritori, nucleare, carbone

    http://www.ariannaeditrice.it/artico...articolo=14109 (grazie a Lancelot per averlo scovato!)

    È un vento d’ambiente e libertà quello che è soffiato su Irlanda del Nord, Scozia e Galles nelle recenti elezioni per i Parlamenti e le Assemblee locali. Tutti i partiti nazionalisti, dal Sinn Fein delle ‘Six Counties’, allo Scottish National Party in Scozia al Plaid Cymru in Galles, hanno vinto le elezioni mettendo al centro della loro agenda politica la difesa dell’ambiente e lo sviluppo sostenibile, la lotta ai cambiamenti climatici. Tutti con programmi che da noi in Italia sarebbero giudicati “radicali”. Segno che identità e difesa del territorio e della natura sono un tutt’uno ed è questa la ricetta giusta per salvaguardare la propria Patria, sia “piccola” , “grande” o “senza stato”. Nel rispetto di tutti coloro che ci vogliono vivere in pace, senza xenofobie e razzismi ed assurdi miti di “sviluppo” (o sottosviluppo visti i risultati ?) a tutti i costi.

    IRLANDA - Dopo il successo nelle elezioni dell’Assemblea delle Sei Contee gli ex acerrimi rivali del Sinn Fèin di Gerry Adams (che sono diventati il primo partito indipendentista cattolico con il 26% dei consensi) ed il Democratic Unionist Party, gli unionisti oltranzisti del reverendo Ian Pasley (31% dei voti) hanno firmato uno storico accordo di governo. Un “patto” che molti osservatori internazionali vedono come la chiave di volta per arrivare al disarmo ed alla pacificazione dopo decenni di lotte insanguinate. Nelle sei contee si annuncia anche una politica decisamente ambientalista. Il Sinn Fèin nel suo programma elettorale è stato chiaro: “obiettivo rifiuti zero, efficienza energetica come presupposto all'uso di fonti rinnovabili, ferma opposizione a nucleare e OGM, potenziamento del trasporto pubblico, no alla privatizzazione dell'acqua”. Ed è proprio sul ruolo pubblico dell’acqua che Sinn Fèin e DUP hanno trovato il primo accordo di governo.

    “DUBLINO VERSO RIFIUTI ZERO” - Sui rifiuti il Sinn Fèin, che nel consiglio comunale della capitale Dublino il 3 aprile ha fatto approvare la strategia “rifiuti zero” con obiettivo del 60% di differenziata entro il 2008, parla chiarissimo: “Sviluppo di politiche per la riduzione a monte dei rifiuti, il riuso e il riciclaggio; trattamento meccanico biologico della frazione residua; messa al bando degli inceneritori; chiusura delle discariche non a norma; messa al bando di prodotti non riciclabili quando esiste una alternativa riciclabile; realizzazione di impianti per il riciclaggio e sviluppo del mercato delle materie prime seconde; obiettivo minimo di riciclaggio per i Comuni irlandesi: 50%; divieto di conferimento in discarica di materiali compostabili entro il 2010”. Nel Parlamento della Repubblica d’Irlanda dove il partito di Adams ha circa il 6,5% di voti il Sinn Fèin con battaglie in ogni comunità contro la progettazione d’inceneritori (ricordiamo che l’Irlanda ne è tutt’ora priva) ha portato il dibattito a livello nazionale mettendo in seria difficoltà la lobby industriale che li sostiene. Sono stati tantissimi i comuni che seguendo le campagne di comitati locali che hanno unito associazioni ambientaliste, d’agricoltori ed il Sinn Fèin, hanno votato “no” all’incenerimento.

    SCOZIA – Profuma d’ambiente anche il grande successo alle recenti elezioni del Parlamento di Scozia dello Scottish National Party di Alex Salmond che per la prima volta è diventato il primo partito con il 32% dei consensi. Nel suo programma il no deciso al nucleare, il progetto di arrivare entro il 2020 a far muovere tutti i mezzi pubblici ad energie pulite e bio-carburanti ed il 30% dei mezzi privati. Se il Regno Unito ha l’obiettivo di ridurre i gas serra (C02) del 60% entro il 2050, la Scozia dell’SNP, sostenuto anche dal celebre Sean Connery ‘007’, punta decisamente più in alto: 80% da raggiungere con un ritmo del -3% l’anno. Per raggiungere questo si propongono piani massivi di risparmio energetico (dal 20% al 50% di risparmio) per abitazioni pubbliche e private e l’industria, usi di energie rinnovabili tramite una distinta politica energetica scozzese. Anche sui rifiuti lo Scottish National Party segue le orme del Sinn Fèin. L’obiettivo dichiarato nel programma è “Scozia Rifiuti Zero”. Per questo si propone di estendere sempre più la raccolta differenziata porta a porta in tutta la Scozia specialmente della plastica ed agire sul fronte della riduzione alla fonte e della differenziata anche per le industrie. Proposto un piano nazionale per la riduzione da studiare con le industrie. Lo Scottish National Party parla poi di micro-cogenerazione e di decentralizzazione della produzione dell’energia elettrica. Poco convincente, dal punto di vista ambientalista - va invece detto - la parte del programma dello SNP dove si parla di sviluppare i programmi per cercare di “catturare l’anidride carbonica” per inviarla nel sottosuolo.

    GALLES - Nel Galles il Play Cyrmu, che pur aumentando voti e seggi è rimasto il secondo partito con il 23% dei consensi, ha anch’esso una grande sensibilità ambientalista. Riciclaggio spinto e riduzione alla fonte come priorità sui rifiuti, no al nucleare ed alla privatizzazione dell’acqua, promozione della micro-cogenerazione e del risparmio energetico per le abitazioni con test di consumo energetico per ognuno con l’obiettivo di ridurre del 50% i consumi. Messa al bando delle lampadine ad incandescenza. Ed ancora entro il 2015 arrivare al riscaldamento domestico “carbone-zero”. Per gli edifici pubblici l’obiettivo “carbone-zero” deve essere entro il 2012. Si richiede poi una legge ad hoc per costruire tutte le abitazioni a risparmio energetico. Sostenere tutte le imprese che muovano la propria economia da una politica energetica dipendente dal carbone ad una ad energie rinnovabili. Muovere le merci e chiudere negozi locali per i nazionalisti gallesi “provoca inquinamento”. Una lezione di buonsenso a molti ancora non nota nel nostro paese. Quindi l’obiettivo è salvaguardare tutti i negozi locali. Meno ti muovi meno inquini e più aiuti l’economia locale. Concetto semplice. Nel programma si parla di arrivare all’80% di cibo proveniente da culture locali entro il 2015. Questo si potrebbe fare aiutando l’agricoltura gallese anche attraverso l’auto-produzione d’energia attraverso biomasse dedicate. Insomma la “decrescita” come programma.

    CONCLUSIONE - I casi sono due. O in Irlanda del Nord, Scozia, Galles sono tutti impazziti avendo dato larghissimo consenso a movimenti che trovano nella salvaguardia ambientale un punto di forza insieme a quella della propria storia ed identità oppure “arretrati” o peggio in malafede sono i politici di casa nostra che pur dicendosi attenti alle tematiche comunitarie, sia nazionali che regionali o delle nostre “piccole patrie”, invece di puntare a politiche coraggiose e virtuose sui temi della difesa dell’ambiente e della salute sono complici o ostaggi di comodo di potenti lobby industriali. Da quella degli inceneritori che tramite Waste Italia, come ricordato da “Report”, finanzia con regolari contributi An, Forza Italia e DS, a quella del nucleare che nelle commissioni del Senato fa approvare documenti bi-partisan con Cdl-Ds-Margherita con primo firmatario Stefano Stefani (Lega Nord) per dire sì all’avvio di programmi nucleari in Italia (alla faccia di un referendum), per finire con quelle del carbone e del petrolio. Che nazioni e popoli vogliono salvaguardare questi politici del “fumo”? Nazioni grigie, dove il verde si vede solo negli spot finti e ingannevoli delle loro aziende quotate in borsa? Nazioni dove l’azzurro del cielo è solo quello finto del camino colorato dell’inceneritore di Brescia? Cari Matteoli e Bersani che parlate di “termovalorizzatori” e “carbone pulito”, caro Pecoraro Scanio che dici no agli inceneritori ma poi proponi “dissociatori molecolari” che altro non sono che inceneritori al pari dei “termovalorizzatori” (così sono classificati tali impianti in Islanda, i “dissociatori”sono una invenzione linguistica tutta italiana) sappiate che anche in tema d’ambiente e salvaguardia del creato usando le parole di Bobby Sands: "Tiocfaidh ár Lá”. “Verrà il nostro giorno!”.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ambiente e libertà, non ambientalismo a discapito della libertà. La differenza è tutta qui.

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Scozia maggiore impianto eolico al mondo

    http://axia.dol.it/gw/producer/detta...px?id_doc=2708

    Il primo ministro del governo scozzese, Alex Salmond, ha dato il via libera allo sviluppo di un progetto di ScottishPower, filiale di Iberdrola, per lo sfruttamento delle onde per produrre energia pulita. L’impianto, che verrà realizzato di fronte alle isole di Orkney, nella zona settentrionale del Paese, sarà il più grande al mondo per capacità installata. In base a quanto emerge dal sito iblnews.com, il complesso sarà costituito da quattro generatori galleggianti di marca Pelamis, da 160 metri di lunghezza, denominati serpenti marini, con una potenza di 750 Kw ciascuno e che sfrutteranno il movimento delle onde per generare energia. I 3 Mw totali di questo progetto consentiranno l’approvvigionamento di elettricità a 2000 abitazioni.

    La Scozia, insieme alla Spagna e al Portogallo, è uno dei territori con le maggiori potenzialità dal punto di vista delle fonti rinnovabili e si stima che potrebbe offrire le stesse opportunità industriali del petrolio presente nel mare del Nord. La costruzione dell’impianto dovrebbe avere inizio nel 2008 mentre si spera che la sua installazione possa avvenire nel 2009.

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226