User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Diliberto e la Cosa rossa: «Non sciolgo il Pdci e falce e martello restano»

    Diliberto e la Cosa rossa: «Non sciolgo il Pdci e falce e martello restano»



    di Gianna Fregonara

    Roma 22 ottobre 2007



    Soddisfatto per la manifestazione «magnificamente riuscita». Rivendicativo con il governo: «Abbiamo reso Prodi più forte, ma adesso deve correggere le norme sulla precarietà contenute nell’accordo sul welfare». Critico con chi non c’era, cioè Fabio Mussi e la sua Sinistra democratica: «E’ stato un errore, se vogliamo costruire l’unità della sinistra si deve iniziare dalle iniziative di lotta. Ma se qualcuno si sfila alla prima occasione...». Deciso ad andare oltre: «Da oggi dobbiamo essere testardi nel cercare di ricostituire le ragioni dell’unità. Se lo avessimo fatto prima, magari evitando di lasciarmi solo quando chiedo il ritiro delle truppe dall’Afghanistan, saremmo già a buon punto». Oliviero Diliberto all’indomani del corteo anti-precarietà, ha riunito il comitato centrale del Pdci per discutere della Cosa rossa che verrà e del partito dei comunisti che non si scioglierà. «Ci mancherebbe. I partiti non si sciolgono, di certo non il partito dei Comunisti italiani. Se ci sarà, la Cosa rossa sarà una confederazione alla quale aderiranno i partiti esistenti e tutti coloro che non sono organizzati anche se condividono i nostri stessi valori». E se sarà, pensa Diliberto, sarà molto rossa: «Io sono rimasto comunista dopo l’89 non sono disponibile a fare la Bolognina con quindici anni di ritardo. Senza contare che per noi alle ultime elezioni abbiamo avuto 900 mila persone, non sono tantissime ma neanche poche». E infatti il Pdci, cioè Diliberto, sta comprando una nuova sede e a giorni farà partire il quotidiano online del partito diretto da Nicola Tranfaglia. Insomma sta intanto pensando a consolidarsi e non di fondersi. E di certo Diliberto non è disponibile a cedere le insegne, cioè la Faice-e-martello: «La Confederazione sarà di sinistra, senza altri aggettivi che sono escludenti, sono saracinesche. Ma io non rinuncio ai simboli del lavoro. E anche la confederazione dovrebbe averli nel suo simbolo». Addirittura falce-e-martello? «Si vedrà, di sicuro i simboli del lavoro: so che circolano alcune ipotesi in questi giorni che sono inaccettabili». Simboli storici e niente pasticci neppure sulla forma del nuovo soggetto politico: «Se si andasse al voto in primavera, cosa che non auspico, la sinistra dovrà essere comunque unita. Se i tempi saranno più lunghi potremo fare una cosa diversa dal cartello elettorale». Certo la Cosa rossa immaginata dal segretario del Pdci rischia di non piacere ai Verdi e anche a quel mondo che non ama il Pd ma trova nostalgico il comunismo: «Ma perché? Ne discuteremo, del resto eravamo in piazza tutti insieme sabato». Ma ognuno con le proprie bandiere. A questo proposito Diliberto già sente l’ingombro di Rifondazione: «Quando leggo che il mio amico Franco Giordano dice che Rifondazione promuoverà la costituente della sinistra, non è un buon modo di iniziare. Ma è un vecchio vizio della sinistra. Le cose si fanno insieme». Per non parlare dei ballon d’essai sul nome c Nichi Vendola come possibile leader della Cosa: «Non entro nel merito della persona, ma trovo surreale la discussione sulla leadership quando non c’è il partito. Il Pd ha fatto così, ma noi vogliamo fare l’opposto». Un’ultima puntura di spillo agli «amici» di Rifondazione: «Non ci sarà un tesseramento alla Cosa rossa, ogni partito porterà i suoi tesserati. Più chi ci vorrà stare».
    Il corriere della sera 22 ottobre
    http://www.comunisti-italiani.it/mod...ticle&sid=3667
    ----------------
    Il taglio dell'articolo è del corriere, tenetene conto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Comunista democratico
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Sono partigiano, vivo, sento nelle coscienze della mia parte già pulsare l'attività della città futura che la mia parte sta costruendo (Gramsci)
    Messaggi
    5,720
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lavrentij Visualizza Messaggio
    Diliberto e la Cosa rossa: «Non sciolgo il Pdci e falce e martello restano»



    di Gianna Fregonara

    Roma 22 ottobre 2007



    Soddisfatto per la manifestazione «magnificamente riuscita». Rivendicativo con il governo: «Abbiamo reso Prodi più forte, ma adesso deve correggere le norme sulla precarietà contenute nell’accordo sul welfare». Critico con chi non c’era, cioè Fabio Mussi e la sua Sinistra democratica: «E’ stato un errore, se vogliamo costruire l’unità della sinistra si deve iniziare dalle iniziative di lotta. Ma se qualcuno si sfila alla prima occasione...». Deciso ad andare oltre: «Da oggi dobbiamo essere testardi nel cercare di ricostituire le ragioni dell’unità. Se lo avessimo fatto prima, magari evitando di lasciarmi solo quando chiedo il ritiro delle truppe dall’Afghanistan, saremmo già a buon punto». Oliviero Diliberto all’indomani del corteo anti-precarietà, ha riunito il comitato centrale del Pdci per discutere della Cosa rossa che verrà e del partito dei comunisti che non si scioglierà. «Ci mancherebbe. I partiti non si sciolgono, di certo non il partito dei Comunisti italiani. Se ci sarà, la Cosa rossa sarà una confederazione alla quale aderiranno i partiti esistenti e tutti coloro che non sono organizzati anche se condividono i nostri stessi valori». E se sarà, pensa Diliberto, sarà molto rossa: «Io sono rimasto comunista dopo l’89 non sono disponibile a fare la Bolognina con quindici anni di ritardo. Senza contare che per noi alle ultime elezioni abbiamo avuto 900 mila persone, non sono tantissime ma neanche poche». E infatti il Pdci, cioè Diliberto, sta comprando una nuova sede e a giorni farà partire il quotidiano online del partito diretto da Nicola Tranfaglia. Insomma sta intanto pensando a consolidarsi e non di fondersi. E di certo Diliberto non è disponibile a cedere le insegne, cioè la Faice-e-martello: «La Confederazione sarà di sinistra, senza altri aggettivi che sono escludenti, sono saracinesche. Ma io non rinuncio ai simboli del lavoro. E anche la confederazione dovrebbe averli nel suo simbolo». Addirittura falce-e-martello? «Si vedrà, di sicuro i simboli del lavoro: so che circolano alcune ipotesi in questi giorni che sono inaccettabili». Simboli storici e niente pasticci neppure sulla forma del nuovo soggetto politico: «Se si andasse al voto in primavera, cosa che non auspico, la sinistra dovrà essere comunque unita. Se i tempi saranno più lunghi potremo fare una cosa diversa dal cartello elettorale». Certo la Cosa rossa immaginata dal segretario del Pdci rischia di non piacere ai Verdi e anche a quel mondo che non ama il Pd ma trova nostalgico il comunismo: «Ma perché? Ne discuteremo, del resto eravamo in piazza tutti insieme sabato». Ma ognuno con le proprie bandiere. A questo proposito Diliberto già sente l’ingombro di Rifondazione: «Quando leggo che il mio amico Franco Giordano dice che Rifondazione promuoverà la costituente della sinistra, non è un buon modo di iniziare. Ma è un vecchio vizio della sinistra. Le cose si fanno insieme». Per non parlare dei ballon d’essai sul nome c Nichi Vendola come possibile leader della Cosa: «Non entro nel merito della persona, ma trovo surreale la discussione sulla leadership quando non c’è il partito. Il Pd ha fatto così, ma noi vogliamo fare l’opposto». Un’ultima puntura di spillo agli «amici» di Rifondazione: «Non ci sarà un tesseramento alla Cosa rossa, ogni partito porterà i suoi tesserati. Più chi ci vorrà stare».
    Il corriere della sera 22 ottobre
    http://www.comunisti-italiani.it/mod...ticle&sid=3667
    ----------------
    Il taglio dell'articolo è del corriere, tenetene conto.
    Bravo Oliviero
    Myrddin

  3. #3
    Colui che è.
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    They Live, We Sleep.
    Messaggi
    5,699
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mah, io sarei per sciogliere sia pdci che prc (si può riprendere il nome pci o è registrato a qualche stronzo?) e tenersi la falce e martello. poi puntare ad uno sbarramento al 5% così verdi e sd o si fanno annettere o scompaiono.

    condivido il resto dell'articolo, primo fra tutti il discorso che prima si enunciano i valori, poi i programmi, solo dopo le forme e da ultimo e per forza la leadership.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il Pdci aspetta Rifondazione per fare la Cosa Rossa
    Di Soviet2009 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 01-02-09, 15:20
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-03-08, 02:11
  3. Via falce e martello
    Di Loredana Sensoni nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 14-02-08, 12:14
  4. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 10-05-06, 11:49
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31-03-06, 23:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226