User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Sassuolo
    Ospite

    Arrow Allarme CARO VITA: prezzi alle stelle per i beni di prima necessita'

    Titolo: ALLARME CARO VITArezzi alle stelle per i beni di prima necessita

    Milioni di famiglie faticano ad arrivare a fine mese: secondo uno studio condotto da una societa’ di ricerche di mercato', un italiano su quattro ha problemi economici con cui deve fare i conti anche per la spesa quotidiana.



    Le associazioni italiane dei consumatori, da tempo con polemiche-critiche molte accese, quantificano ora gli aumenti ed hanno sollecitato piu’ volte un intervento immediato al Governo . Si calcola infatti che in media una famiglia italiana si ritrovi a spendere quasi a circa 1.100 euro in più all’anno di soli rincari.

    Aumenti che riguardano quasi tutte le voci di consumo. Generi alimentari in primis: per il pane si calcola circa un +20% così come per frutta e verdura, per la pasta addirittura il 30% in più, per il latte un aumento del 7%. Senza dimenticare poi il rialzo di assicurazioni, bollette, banche e così via.
    L'Antitrust ha aperto addirittura un'istruttoria sul pane sempre più caro: lo scopo è di verificare l'esistenza di un possibile accordo sul listino dei prezzi in alcune citta’ italiane.



    Le basi dell'economia riconducono a bisogni primari esigenze quali il cibo.Il pane crediamo sia da millenni il simbolo per eccellenza della necessità più basilare dell'essere umano dopo l'acqua. Ed è un pane troppo caro, troppo amaro, troppo lievitato, soprattutto nei prezzi.



    Situazione che non sembra destinata a migliorare ma che anzi si prevede “bollente” per questo autunno, a causa forse di speculazioni, omissioni delle istituzioni, mancati controlli, prezzi in aumento selvaggio, ecc.



    Fronteggiare l'emergenza prezzi e porre un freno al caro vita dovrebbe, dunque essere l'obiettivo della politica, come fare il fronte comune d'innanzi al brusco scivolone del potere d'acquisto dei salari, un problema che affligge da diversi anni i cittadini. Un tema, quello dei prezzi, che scotta e sul quale non mancano esplicite polemiche all'indirizzo delle istituzioni , quasi tutti i giorni, quando si ci reca a fare spesa e/o a pagare le bollette.



    Insomma con i soli redditi da lavoro, la famiglia media italiana non riesce ad arrivare alla fine del mese.

    I prezzi caro-vita sono una delle due lame della forbice fra le quali si trova stretta la famiglia italiana, l’altra lama è rappresentata dal reddito che la famiglia riesce a conseguire.

    Oggi sulle spalle della famiglia media italiana grava, non solo il costo della benzina sempre più vertiginoso, le varie tasse da pagare , le utenze....ecc. ecc., ma anche l’inerzia-incapacita’ politica.
    Non ci sembra una cosa normale! Non è solamente un dato di fatto ma dobbiamo prendere coscienza perchè i ricchi, tra cui molti politici, stanno diventando sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri.

    Cresce sempre piu’ il senso di esclusione sociale della popolazione. E' un Paese a due facce ; da un lato c'è il miglioramento dei conti economici, dall'altra la percezione delle famiglie che si sentono sempre più povere.

    Per contrastare l’aumento dei prezzi è necessaria la presa di coscienza dei propri diritti da parte dei consumatori. E’ inoltre necessario intensificare i controlli. Poca difesa degli utenti dalle scorrettezze produttive di alcune aziende, favorite probabilmente dai mancati controlli di qualità.

    La situazione è molto seria per l’aumento dei prezzi e la stasi-recessione del reddito familiare. I consigli potrebbero essere tanti, ma quello basilare è di confrontare sempre i prezzi e di boicottare gli eventuali esercenti che hanno speculato in maniera selvaggia.

    I cittadini stanno contrastando il caro vita con azioni per risparmiare, come ad esempio, sfruttano offerte e primi prezzi, o comprano orto frutta di stagione, o utilizzano con attenzione l’acqua e l’energia con attenzione, o controllano meglio le proprie spese, o acquistano con gruppi di acquisto, o confrontano piu’ proposte/opportunita’ di mercato, ma se lasciati soli probabilmente non sono in grado di difendersi da questi rincari.

    L’iniziativa, infatti , di prevedere prezzi calmierati o prevedere sconti importanti, con il concetto eventuale di “gruppo/i d’acquisto” ( mettendosi insieme si riesca a strappare prezzi miglior sui mercati all'ingrosso) per alcuni beni, come pane, latte, pasta, uova, carne che saranno venduti nei mercati e nei supermercati dovrebbe essere presa dalle istituzioni, ossia dallo stesso Comune cittadino. Questa iniziativa potrebbe essere un valido strumento per fermare gli effetti del carovita.

    Tutto questo con collaborazione degli stessi operatori commerciali, in una logica generale che dovrebbe vedere il Comune di Sassuolo fortemente impegnato in una importante azione di rilancio dei mercati piu’ controllati.

    Puntare poi con vigore sulla concorrenza e sulla liberalizzazione attraverso un sistema di misure che agisca direttamente sulla distribuzione: apertura domenicale e festiva dei negozi, sblocco dei saldi (superare cioè, quel modus operandi che ponendo vincoli di tempo e modo, limita di fatto la discrezione del singolo negoziante a scapito del compratore). E poi ancora, liberalizzazione degli orari e la collocazione delle attivita’ commerciali.

    Il Comune dovrebbe inoltre abbassare e /o eliminare alcune imposte locali , grazie alla riduzione degli sperperi e alla riduzione dei costi della politica.

    Queste eventuali iniziative non saranno la soluzione per tutte le difficoltà economiche dei sassolesi, visto che oltre alla lievitazione dei prezzi abbiamo forti turbolenze occupazionali, ma ci aiuterà comunque ad arrivare a fine mese con qualche euro in più.

    -Comitato Conto anch’io a Sassuolo-

    Piccinini Dott. Ivano
    (Presidente del Comitato Conto anch’io a Sassuolo)

    E-Mail: [email protected]
    http://comitato-sassuolo.blog.kataweb.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    1) L’iniziativa, infatti , di prevedere prezzi calmierati o prevedere sconti importanti, con il concetto eventuale di “gruppo/i d’acquisto” ( mettendosi insieme si riesca a strappare prezzi miglior sui mercati all'ingrosso) per alcuni beni, come pane, latte, pasta, uova, carne che saranno venduti nei mercati e nei supermercati dovrebbe essere presa dalle istituzioni, ossia dallo stesso Comune cittadino. Questa iniziativa potrebbe essere un valido strumento per fermare gli effetti del carovita.


    2) Puntare poi con vigore sulla concorrenza e sulla liberalizzazione attraverso un sistema di misure che agisca direttamente sulla distribuzione: apertura domenicale e festiva dei negozi, sblocco dei saldi (superare cioè, quel modus operandi che ponendo vincoli di tempo e modo, limita di fatto la discrezione del singolo negoziante a scapito del compratore). E poi ancora, liberalizzazione degli orari e la collocazione delle attivita’ commerciali.

    Non le sembra una contraddizione?

    Mercato controllato e liberalizzazione mi pare facciano un pò a cazzotti tra loro...

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,909
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sassuolo Visualizza Messaggio




    Puntare poi con vigore sulla concorrenza
    e sulla liberalizzazione attraverso un
    sistema di misure che agisca direttamente
    sulla distribuzione: apertura domenicale e
    festiva dei negozi, sblocco dei saldi
    (superare cioè, quel modus operandi che
    ponendo vincoli di tempo e modo, limita
    di fatto la discrezione del singolo negoziante
    a scapito del compratore).

    E poi ancora, liberalizzazione degli orari e
    la collocazione delle attivita’ commerciali.
    giustissimo;
    tutto aperto 24 ore su 24.
    produrre all'infinito
    per consumare in eterno.
    ottima ricetta di un sistema
    turbocapitalista alla canna
    del gas.........


  4. #4
    independent
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,807
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Osterreich i centri commerciali il sabato chiudono alle ore 17.
    Sabato e Domenica si sta in famiglia

  5. #5
    Ridendo castigo mores
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    9,515
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=Sassuolo;6531879]Titolo: ALLARME CARO VITArezzi alle stelle per i beni di prima necessita

    Milioni di famiglie faticano ad arrivare a fine mese: secondo uno studio condotto da una societa’ di ricerche di mercato', un italiano su quattro ha problemi economici con cui deve fare i conti anche per la spesa quotidiana.



    [\QUOTE]


    ma questa e' una notizia vecchia e superata !.. le famiglie italiane avevano i " problemi della spesa della quarta settimana " PRIMA , sotto il governo del nano ,ADESSO sotto la guida della mortadella questo problema non esiste piu' ...
    ...."informati" a ballaro' ..
    "dammi i soldi, e al diavolo tutto il resto "
    Marx


    (graucho..:-))

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,022
    Mentioned
    49 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio
    In Osterreich i centri commerciali il sabato chiudono alle ore 17.
    Sabato e Domenica si sta in famiglia
    Non solo: è completamente assente anche la selva di mega cartelloni pubblicitari che ammorba il territorio padano. In Österreich e in Bayern.

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,909
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Furlan Visualizza Messaggio

    In Osterreich i centri commerciali il sabato chiudono alle ore 17.
    Sabato e Domenica si sta in famiglia
    fino agli anni 80, la nostra filiale
    di Vienna, chiudeva alle ore 13.00 del venerdì
    e poi tutti a cena e a ballare;
    bella l'Austria felix........


  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il problema è che i salari negli ultimi 15 anni sono cresciuti troppo poco rispetto all'inflazione. Che le pensioni sono bloccate su livelli da fame. Che questo paese è alla canna del gas a causa di scelte politiche sbagliate e nessuno ha il coraggio di dire la verità: stiamo andando incontro a una fase di recessione. Non si tratta di intervenire sul prezzo del pane e del latte come se fossimo a inizio novecento, ma di approntare riforme strutturali.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    A Londra tutti i supermercati, i grandi magazzini, i negozi sono aperti anche alla domenica, fino alle 17-18. Molti grandi magazzini sono aperti anche la notte.Tutti fanno orario continuato. L'economia è in crescita.C'è lavoro per tutti nel commercio. Business is business. I Post Offices sono aperti anche il pomeriggio..mi sembra fino aiie 17.30. Mi piace molto che molti negozi durante la settimana - (facendo orario continuato )- chiudano alle 18. E poi tutti al pub..a teatro, ecc. ecc. I miei figli, mio marito, a Milano rientrano alle 20.30, 21. Spesso lavorano anche il sabato mattina. Mio figlio era di reperibilità il 31 dicembre..capodanno. Certo questo succede nelle grandi città. Noi lavoriamo così in tutte le aziende oppure in proprio per mantenere l'itaglia. Domandate agli sctatali se fanno questi orari.

  10. #10
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,909
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da armida Visualizza Messaggio

    A Londra tutti i supermercati, i grandi magazzini, i negozi sono aperti anche alla domenica, fino alle 17-18. Molti grandi magazzini sono aperti anche la notte.Tutti fanno orario continuato. L'economia è in crescita.C'è lavoro per tutti nel commercio. Business is business. I Post Offices sono aperti anche il pomeriggio..mi sembra fino aiie 17.30. Mi piace molto che molti negozi durante la settimana - (facendo orario continuato )- chiudano alle 18. E poi tutti al pub..a teatro, ecc. ecc. I miei figli, mio marito, a Milano rientrano alle 20.30, 21. Spesso lavorano anche il sabato mattina. Mio figlio era di reperibilità il 31 dicembre..capodanno. Certo questo succede nelle grandi città. Noi lavoriamo così in tutte le aziende oppure in proprio per mantenere l'itaglia. Domandate agli sctatali se fanno questi orari.
    giusto,
    il "progresso e lo sviluppo" esigono
    che si lavori 24 ore al giorno;
    é una goduria.

    ti auguro di non smettere mai di
    lavorare,
    se vuoi ti cedo anche la mia parte.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226