User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 12

Discussione: Samhain 2007

  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,769
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Samhain 2007

    Lunga vita e prosperità a tutta la Comunità Padanista.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    padania libera (-:FASP :-)
    Data Registrazione
    18 Feb 2004
    Località
    Medhleàn Padania
    Messaggi
    4,916
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    oggi è il giorno delle zucche vuote... mi faccio gli auguri da solo..
    :-)

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Auguri!


  4. #4
    La mia autorità morale SONO IO
    Data Registrazione
    30 Oct 2004
    Località
    Martesana, Insubria, Europa.
    Messaggi
    1,355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Felice Samonios a tutti

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,769
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Basta scontri, Halloween e Ognissanti sono la stessa festa di GILBERTO ONETO


    Già il nome, che è la contrazione di All Hallow Even (“la sera di tutte le anime riverite”), riporta alle due feste dei morti e dei santi che ne condividono il calendario. Tutte sono la sopravvivenza – appena cristianizzata – dell’antichissima celebrazione celtica dell’inizio del nuovo anno (detta Samain o Samonios), quando le porte fra il mondo dei vivi e quello dei morti si spalancavano per una notte. La nostra più radicata cultura popolare è ancora oggi piena di tradizioni antiche come il mondo che hanno a che fare con il pane dei morti, con le cene apparecchiate per i morti, con le castagne lasciate sul davanzale o sul tavolo per i morti, eccetera. Da sempre e in tutti i nostri paesi la prima notte di novembre continua a essere il momento del temporaneo ritorno dei morti fra i vivi. Samain è stato adottato e cristianizzato dalla Chiesa in Ognissanti e nella ricorrenza dei defunti.

    Ma non basta. La tradizione della zucca scavata a forma di testa e illuminata dall’interno non è soltanto parte del folklore irlandese, poi pervenutoci facendo il giro dall’America. I paesi padano-alpini sono pieni di tradizioni assolutamente analoghe in cui sono sempre presenti la zucca, gli intagli antropomorfi e la candela (che riportano con evidenza al culto celtico delle “teste tagliate” e al loro utilizzo per rafforzare il collegamento simbolico fra il mondo dei vivi e quello dei morti), e l’usanza della questua di soldi o dolciumi (identica alla versione irlandese e americana). Quasi sempre le zucche intagliate in lingua locale sono dette lümere.

    Se oggi questa usanza ricompare con un altro nome e ridotta a fumetto un po’ grandguignolesco è solo perchè noi non siamo stati capaci di tener vive le nostre tradizioni e – nel vuoto pneumatico cui ci ha condannato la sub-cultura modernista e progressista – accogliamo la versione caricaturale e supermercatale di un originale ben più nobile e bello che abbiamo relegato in soffitta e di cui ci siamo dimenticati.

    Se il tutto si è trasformato in una diseducativa boiata di fantasmi e di zombie non dobbiamo prendercela tanto con l’invadenza americana quanto con la guerra che per decenni abbiamo fatto a ogni localismo anche sul piano culturale. Arrabbiamoci semmai per la deformazione mediatica che è stata fatta di immagini antiche come il mondo. Ma non solo per Samain: ribelliamoci, ad esempio, anche contro il massacro del povero San Nicola, trasformato da Thomas Nast nell’Ottocento in un obeso pirlone, poi vestito di rosso da Haddon Sundblom per la campagna pubblicitaria del 1931 della Coca-Cola.

    Non regge neppure l’accusa di essere una ricorrenza anti-cristiana perchè coincide con una delle tante feste che la Chiesa ha ereditato dal mondo pagano e rivitalizzato: è il suo bello.

    Quindi la si faccia finita con le lamentazioni fuori luogo e anche un po’ ignoranti (nel senso più stretto del termine): si insegni ai nostri ragazzi che le zucche si chiamano lümere e che i morti non solo non ci devono fare paura ma che sono parte di noi. E gli si lasci la tavola apparecchiata la sera di Samain."

    Gilberto Oneto

    Libero, 28/10/2007

  6. #6
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,769
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

  7. #7
    La terra non mente mai
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    A NoRd dell'AniMa
    Messaggi
    787
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Basta scontri, Halloween e Ognissanti sono la stessa festa di GILBERTO ONETO


    Già il nome, che è la contrazione di All Hallow Even (“la sera di tutte le anime riverite”), riporta alle due feste dei morti e dei santi che ne condividono il calendario. Tutte sono la sopravvivenza – appena cristianizzata – dell’antichissima celebrazione celtica dell’inizio del nuovo anno (detta Samain o Samonios), quando le porte fra il mondo dei vivi e quello dei morti si spalancavano per una notte. La nostra più radicata cultura popolare è ancora oggi piena di tradizioni antiche come il mondo che hanno a che fare con il pane dei morti, con le cene apparecchiate per i morti, con le castagne lasciate sul davanzale o sul tavolo per i morti, eccetera. Da sempre e in tutti i nostri paesi la prima notte di novembre continua a essere il momento del temporaneo ritorno dei morti fra i vivi. Samain è stato adottato e cristianizzato dalla Chiesa in Ognissanti e nella ricorrenza dei defunti.

    Ma non basta. La tradizione della zucca scavata a forma di testa e illuminata dall’interno non è soltanto parte del folklore irlandese, poi pervenutoci facendo il giro dall’America. I paesi padano-alpini sono pieni di tradizioni assolutamente analoghe in cui sono sempre presenti la zucca, gli intagli antropomorfi e la candela (che riportano con evidenza al culto celtico delle “teste tagliate” e al loro utilizzo per rafforzare il collegamento simbolico fra il mondo dei vivi e quello dei morti), e l’usanza della questua di soldi o dolciumi (identica alla versione irlandese e americana). Quasi sempre le zucche intagliate in lingua locale sono dette lümere.

    Se oggi questa usanza ricompare con un altro nome e ridotta a fumetto un po’ grandguignolesco è solo perchè noi non siamo stati capaci di tener vive le nostre tradizioni e – nel vuoto pneumatico cui ci ha condannato la sub-cultura modernista e progressista – accogliamo la versione caricaturale e supermercatale di un originale ben più nobile e bello che abbiamo relegato in soffitta e di cui ci siamo dimenticati.

    Se il tutto si è trasformato in una diseducativa boiata di fantasmi e di zombie non dobbiamo prendercela tanto con l’invadenza americana quanto con la guerra che per decenni abbiamo fatto a ogni localismo anche sul piano culturale. Arrabbiamoci semmai per la deformazione mediatica che è stata fatta di immagini antiche come il mondo. Ma non solo per Samain: ribelliamoci, ad esempio, anche contro il massacro del povero San Nicola, trasformato da Thomas Nast nell’Ottocento in un obeso pirlone, poi vestito di rosso da Haddon Sundblom per la campagna pubblicitaria del 1931 della Coca-Cola.

    Non regge neppure l’accusa di essere una ricorrenza anti-cristiana perchè coincide con una delle tante feste che la Chiesa ha ereditato dal mondo pagano e rivitalizzato: è il suo bello.

    Quindi la si faccia finita con le lamentazioni fuori luogo e anche un po’ ignoranti (nel senso più stretto del termine): si insegni ai nostri ragazzi che le zucche si chiamano lümere e che i morti non solo non ci devono fare paura ma che sono parte di noi. E gli si lasci la tavola apparecchiata la sera di Samain."

    Gilberto Oneto

    Libero, 28/10/2007
    splendido articolo, complimenti!

  8. #8
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,714
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Eridano Visualizza Messaggio
    Basta scontri, Halloween e Ognissanti sono la stessa festa di GILBERTO ONETO


    Già il nome, che è la contrazione di All Hallow Even (“la sera di tutte le anime riverite”), riporta alle due feste dei morti e dei santi che ne condividono il calendario. Tutte sono la sopravvivenza – appena cristianizzata – dell’antichissima celebrazione celtica dell’inizio del nuovo anno (detta Samain o Samonios), quando le porte fra il mondo dei vivi e quello dei morti si spalancavano per una notte. La nostra più radicata cultura popolare è ancora oggi piena di tradizioni antiche come il mondo che hanno a che fare con il pane dei morti, con le cene apparecchiate per i morti, con le castagne lasciate sul davanzale o sul tavolo per i morti, eccetera. Da sempre e in tutti i nostri paesi la prima notte di novembre continua a essere il momento del temporaneo ritorno dei morti fra i vivi. Samain è stato adottato e cristianizzato dalla Chiesa in Ognissanti e nella ricorrenza dei defunti.

    Ma non basta. La tradizione della zucca scavata a forma di testa e illuminata dall’interno non è soltanto parte del folklore irlandese, poi pervenutoci facendo il giro dall’America. I paesi padano-alpini sono pieni di tradizioni assolutamente analoghe in cui sono sempre presenti la zucca, gli intagli antropomorfi e la candela (che riportano con evidenza al culto celtico delle “teste tagliate” e al loro utilizzo per rafforzare il collegamento simbolico fra il mondo dei vivi e quello dei morti), e l’usanza della questua di soldi o dolciumi (identica alla versione irlandese e americana). Quasi sempre le zucche intagliate in lingua locale sono dette lümere.

    Se oggi questa usanza ricompare con un altro nome e ridotta a fumetto un po’ grandguignolesco è solo perchè noi non siamo stati capaci di tener vive le nostre tradizioni e – nel vuoto pneumatico cui ci ha condannato la sub-cultura modernista e progressista – accogliamo la versione caricaturale e supermercatale di un originale ben più nobile e bello che abbiamo relegato in soffitta e di cui ci siamo dimenticati.

    Se il tutto si è trasformato in una diseducativa boiata di fantasmi e di zombie non dobbiamo prendercela tanto con l’invadenza americana quanto con la guerra che per decenni abbiamo fatto a ogni localismo anche sul piano culturale. Arrabbiamoci semmai per la deformazione mediatica che è stata fatta di immagini antiche come il mondo. Ma non solo per Samain: ribelliamoci, ad esempio, anche contro il massacro del povero San Nicola, trasformato da Thomas Nast nell’Ottocento in un obeso pirlone, poi vestito di rosso da Haddon Sundblom per la campagna pubblicitaria del 1931 della Coca-Cola.

    Non regge neppure l’accusa di essere una ricorrenza anti-cristiana perchè coincide con una delle tante feste che la Chiesa ha ereditato dal mondo pagano e rivitalizzato: è il suo bello.

    Quindi la si faccia finita con le lamentazioni fuori luogo e anche un po’ ignoranti (nel senso più stretto del termine): si insegni ai nostri ragazzi che le zucche si chiamano lümere e che i morti non solo non ci devono fare paura ma che sono parte di noi. E gli si lasci la tavola apparecchiata la sera di Samain."

    Gilberto Oneto

    Libero, 28/10/2007


    veramente ottimo articolo
    io lo invierei a tutte quelle curie itagliane che si son pubblicamente lamentate di questa festa per poi concedere spazi magari al ramadam o altre ricorrenze arabe

  9. #9
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,769
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito





  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Jun 2004
    Messaggi
    3,135
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da iL Cane SciOlt0 Visualizza Messaggio
    splendido articolo, complimenti!
    Concordo, splendido articolo,
    ma sul giornale sbagliato.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Samhain
    Di Eridano nel forum Padania!
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 04-11-19, 01:12
  2. Samhain 2011
    Di Eridano nel forum Padania!
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 03-11-11, 23:24
  3. Samhain 2010
    Di Eridano nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-10-10, 19:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226