User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Gov Draghi, distrugge la concertazione ciampiana

    Un Draghi for president, nel post Berlusconi


    http://www.bancaditalia.it/media/notizie/261007


    Consumo e crescita in Italia - Il Governatore Mario Draghi interviene alla 48ª Riunione Scientifica Annuale della Società Italiana degli Economisti
    26-10-2007


    Occorre che il reddito torni a crescere in modo stabile. La produttività è la variabile chiave. Il recente aumento dell'occupazione si è associato a una minore produttività del lavoro: è diminuito il ritmo di crescita dell'intensità di capitale, sono divenute profittevoli occupazioni a basso valore aggiunto. È mancato il sostegno della crescita della produttività totale dei fattori. Le giovani generazioni d'oggi guadagnano meno delle precedenti perché la loro produttività è meno adeguata al paradigma tecnologico corrente di quanto non lo fosse la produttività delle generazioni entrate nel mercato del lavoro nei decenni passati al vecchio paradigma. Riportare la produttività su un sentiero rapidamente ascendente risolve il problema di offerta dell'economia italiana, consente aumenti retributivi, rafforza la domanda interna. La politica economica può aiutare il rilancio della produttività e della crescita. La concorde diagnosi dei mali italiani porta in primo piano l'esigenza di misure volte a riformare le regole dell'economia e della spesa pubblica. Saranno quelle stesse misure "strutturali", mirate ad aumentare l'efficienza e la competitività della produzione interna, a sostenere i redditi e i consumi delle famiglie, assicurando la crescita dell'economia. Il ventaglio dell'azione pubblica è ampio. In connessione con i temi che ho qui trattato s'impongono tre campi. Una coraggiosa riforma del sistema d'istruzione, e in particolare dell'istruzione superiore, deve sollecitare i giovani in procinto di affacciarsi sul mercato del lavoro a investire seriamente in capitale umano. Deve consentire loro di valutare e selezionare la qualità dell'istruzione ricevuta. Deve rendere trasparente ai datori di lavoro il riconoscimento del talento perché sia adeguatamente valorizzato, anche nelle politiche retributive. Nel mercato del lavoro vanno individuati gli strumenti per ripartire più equamente i costi derivanti dalla maggiore flessibilità. Vi sono modi, sperimentati anche in altri paesi, per contemperare le esigenze di imprese competitive con le aspirazioni dei lavoratori che entrano nel mercato, con i bisogni di stabilità e crescita professionale di coloro che già vi sono. Un innalzamento dell'età effettiva di pensionamento può ricostruire l'equilibrio fra attesa di vita, attività lavorativa e modelli di consumo. Aggiungo che la necessità di accumulare ricchezza a fini precauzionali è tanto meno cogente quanto più è avanzata l'offerta di strumenti finanziari e assicurativi adeguati ai nuovi profili di rischio e incertezza. Lo sviluppo dei mercati finanziari e quello della competenza e deontologia degli intermediari possono contribuire a soddisfare queste esigenze. Stimolarli è un nostro impegno. Una ripresa della crescita del consumo è fondamentale per il benessere generale, per la crescita del prodotto, per la stessa stabilità finanziaria. Destinatari e protagonisti di questo processo sono in particolare i giovani. La politica economica avrà successo se li aiuterà a scoprire nella flessibilità la creatività, nell'incertezza l'imprenditorialità.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Silente
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Località
    Oesterreichisch Schuler
    Messaggi
    3,072
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Intervista di Elvira Conca a Benedetto Della Vedova per La Provincia 28 ottobre 2007 pag.2


    http://www.riformatoriliberali.it/20...lettive%c2%bb/

    «Ha fatto bene il Governatore di Bankitalia a sottolineare che la vera anomalia italiana è rappresentata dai bassi salari. Sono i salari, non la precarietà la vera emergenza del nostro sistema occupazionale». Benedetto della Vedova, presidente dei Riformatori Liberali e deputato di Forza Italia commenta così l’allarme salari lanciato nei giorni scorsi da Mario Draghi.
    Ma perchè in Italia i salari sono così bassi?
    In Italia il livello medio delle retribuzioni è inferiore a quello dei grandi dell’Ue: del 16 per cento rispetto alla Francia, del 20 rispetto alla Germania e del 32 se guardiamo la Gran Bretagna.
    Ancora più grave è che oltre ad essere basse, non crescono
    : rispetto all’inflazione negli ultimi dieci anni la crescita è di poco superiore allo zero. Questo comporta una scarsa capacità di acquisto dei lavoratori che incide sui consumi e sul circolo virtuoso che mette in moto la crescita economica.
    In che consiste l’anomalia italiana rispetto al resto dell’Europa?
    La colpa è innanzitutto di un modello di contrattazione inefficiente, fondato sul contratto collettivo nazionale, che produce, per le sue stesse caratteristiche, un livellamento burocratico delle retribuzioni e che è incapace di favorire la crescita salariale, dove ve ne siano le condizioni economiche. Il caso dell’imprenditore marchigiano della pasta che ha aumentato gli stipendi dei suoi dipendenti di 200 euro dopo aver provato a vivere per un mese con 1000 euro è la prova lampante che il sistema non funziona più.
    Lo spazio di crescita dei salari ci sarebbero anche, ma ci sono dei meccanismi che non lo favoriscono. La via per avere un aumento delle retribuzioni è opposta a quella indicata dai sindacati: contratti aziendali e locali, flessibilità salariale, legame fra retribuzioni e produttività del lavoro.
    In questo modo non si rischia di danneggiare i milioni di lavoratori impiegati nelle piccole e medie imprese che spesso hanno scarso potere contrattuale?
    Il fatto che il contratto collettivo nazionale livelli verso il basso le retribuzioni è un dato di fatto e a dirlo non sono solo io ma anche, ad esempio Pietro Ichino. In primo luogo perchè, soprattutto al sud i minimi tabellari sono molto spesso aggirati con il sistema del netto in mano inferiore al netto in busta paga. Poi, perchè non si tiene conto che all’interno dello stesso settore produttivo, ad esempio il metalmeccanico ci sono realtà molto differenti: c’è l’azienda hi-tech e c’è la fabbrichetta.
    Una situazione facilmente superabile con la contrattazione decentrata o aziendale.
    Basterebbe questo per portare il livello dei salari dei giovani e quello dei loro genitori?
    No, perchè sono cambiate le condizioni. Oggi il costo della flessibilità è tutto sulle spalle dei giovani perchè le precedenti generazioni godono delle enormi tutele garantite dall’articolo 18. Occorre cambiare le regole del gioco.
    In che modo?
    Come dice lo stesso Draghi, distribuendo parte dei sacrifici imposti ai giovani su tutti. Questo attraverso una riduzione delle tutele contrattuali come quelle garantite dall’articolo 18, ma anche diminuendo la spesa destinata alle pensioni. Accanto a questo vanno previsti quei giusti ammortizzatori sociali presenti in ogni paese europeo
    dove è in vigore un sistema del mercato del lavoro flessibile.

 

 

Discussioni Simili

  1. Concertazione: una BOIATA pazzesca!!
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-07-12, 11:25
  2. Sindacati e concertazione
    Di Ulaan Baatar nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-06-08, 14:12
  3. Concertazione?
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-06-07, 10:14
  4. Tavolo di concertazione NFD-LDR
    Di Liberalix nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 02-04-07, 11:02
  5. Partita la concertazione...
    Di Kobra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 13-06-06, 10:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226