User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    ulfenor
    Ospite

    Predefinito kRN RADICALE INDOEUROPEO

    VI. KRN - lerofanie protostoriche e relitti lessicali delle «corna di folgore».
    VI.1. Krn - Un radicale nudo preistorico di potenza
    L’etimologia del termine italiano corna sembra rimandare ad un radicale molto arcaico, tanto da poter esser forse ritenuto, anche in successive precisazioni, uno dei più antichi mantra dell’occidente arcaico KRN Questo remoto radicale, che può dirsi nudo poichè non si riscontra alcuna traccia di amalgama di desinenze nei casi o di delimitazioni grammaticali, esprime un’idea di potenza e di elevazione che rimanda a sua volta ad un’antichissima origine paleoindoeurepea presente sia nel radicale sanscrito CR, con il significato ver di fare, compiere, intraprendere ed anche sacrificare, il quale esprime anche l’idea di residenza, o di monte Anche nel focolaio linguistico nord-occidentale, in un termine come KRNU - corno, legato al cervo, il cornuto appunto, abitante delle foreste anche nell’assestamento balto-slavo del tema KREMEN - la pietra, ritroviamo il medesimo radicale di base che ci introduce in alcune sorprendenti analogie simbolico-semantiche i cui comuni strati vocali sembrano rimandare ad un orizzonte quantomeno protostorico
    VI.2. Il radicale Krn nella tradizione indoeuropea
    Proseguendo, nella seriore tradizione greco-romana, il radicale KR-. si ritrova sia in un epiteto di Apollo, Kapveioa (Pindaro, Pitica.
    80), sia in Kpòvoa,sia in Saturno, entrambi appunto Dèi del Karn, os del luogo più alto (cornu Parnasi, la vetta del Parnaso) ed anche
    tumulo, come nell’irlandese Cairn, il mucchio di pietre3, dalla radice indoeuropea k® , pietra, sassoso. Nel Ginnasio di Megara poi la piccola pietra piramidale era chiamata Apollo Kapivoa
    ìL Dìo greco ROMANO, sembra che neppure Hermes, fosse circondato da tante pietre come Apollo . L’Omphaios di Delfi ci dice inoltre che la pietra è
    spesso in rapporto con il culto dì Apollo ed il menzionato epiteto Kcipv, il Capro/one, sembra appunto alludere ad un Dio potente, come anche un particolare altare in pietra di Delo era chiamato
    TwV, formato proprio da corna di buoi e di capre unite (Plut rco, Thes., 21); una speciale relazione simbolica con gli animali
    cornuti che può del resto essere verificata anche in popoli assai diversi, vista la radice indoeuropea ker, la kartvelica kra, tutte relative al significato basale di corno
    A Lemno, durante le feste chiamate feste d’Apollo Carneo Erodoto, VII, 206), sacre ad Efesto, Dio del fuoco, si spegnevano tutti i fuochi dell’isola per riaccenderli dopo nove giorni, durante i quali era imposta la castità, con la fiamma attinta al fuoco sotterraneo all’interno di un rito che era essenzialmente di natura agraria. L'estensione lessicale del tema KRN, l’abbiamo inoltre nel Dio celtico Cernunnos, con le sue evidenti corna, ed anche ovviamente nel termine greco KEpauvtoa, latino fulguritus/fulminatus, ossia colui che è stato colpito dal fulmine, letteralmente folgorato e, in certi casi, potremmo giustamente anche dire deifi cato; come epiteto dello stesso Giove, il termine ci è noto inoltre da un’iscrizione greca con dedica a Zeus Kepaiwtoa ed alle ninfe Furrine (CIL VI, 36802), ritrovata proprio in prossimità del santuario siriaco sul Gianicolo.
    Con il suffisso in [n] abbiamo pure il nome della cornacchia, uccello augurale il cui volo a sinistra era ritenuto di buon augurio: greco Kopw, latino cornix, e quindi anche cornicucopia , la cui valenza trasmette inoltre l’idea dell’anello, del compimento, del cerchio che si chiude, come il termine tedesco krone indica la corona, simbolo della iniziazione magica che designò colui che realizzò spiritualmente l’io. Kern, sempre in tedesco, esprime il significato di nocciolo, nucleo, osso, quindi la parte più dura, indistruttibile, ed anche i termini corn, korn,
    nelle lingue germanico-scandinave non si riferiscono tanto ad una specie determinata quanto al cereale di base di ciascuna regione (einkorn).
    In ultima analisi, a ribadirne l’idea del simbolo magico del centro.. quindi dell’essenza immutabile, troviamo il termine kaverne chc nella sua radice non poteva non ricondurre al KRN originario, nocciolo e cuore che in greco Kctp6La, in latino cor/ cardium10, cu e conchiglia; quest’ultima, proprio in virti della sua forma e sostanz dura, riproduce il cuore appunto, equivalente della dimora, vera residenza sacrale dell’Io.
    Nella lingua latina è del resto ben nota l’importanza magico-sacrale del significato che racchiude il termine carmen, come canto, formula magica e profezia, e, sempre connesso al medesimo tema.. nome della Dèa/ninfa Carmentis/a, personificazione femminile carmen 12, figura divina di alta antichità, associata ad Apollo e collocata nel mito ben prima della nascita di Roma, già onorata allarrivo di Enea e dei suoi (Plutarco, Romolo, XXI, 4).
    Il radicale vive rinnovandosi quindi nel greco apvoa che è l’ariete ed in Kapvov, il corno/tromba dei Galli, quindi il suonatore corno/flauto, nonché nel latino cornu. Tutti sono riconnessi all’idea - potenza tauride, di forza attiva, che si ritrova peraltro nella grande diffusione neolitica del simbolo delle corna e dell’ariete in particolare.
    Nella tradizione ellenistica ritroviamo poi Alessandro Magno che., come figlio di Giove Ammone, il Signore del Duplice Corno,1 riprende appunto i due corni d’ariete, e nella tradizione araba c. appunto definito dhùl-qarnein, ossia dalle due corna, da cui si evir il termine arabo qarn che è lo stesso di corno (KRN>QRN>HRNL, analogo nell’inglese horn14. Keraunòs fu inoltre proprio il non d’un generale d’Alessandro (Plutarco, Moralia, 338).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 May 2007
    Messaggi
    829
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito



    di Mario Giannitrapani EDIZIONI SIMMETRIA

    Un lungo ed appassionante percorso nella sacralità primitiva, realmente alle "origini" del senso del sacro. Dal neolitico agli etruschi ed ai romani, alla scoperta delle tracce primigenie del significato delle rappresentazioni zoomorfe, del simbolismo rupestre, dei gesti e delle formule rituali arcaiche dei nostri progenitori.

    pp 250 - € 14,00 - ISBN: 87615292





    Il Sacro Arcaico

    Il "Sacro arcaico" ; una ricerca sulle radici delle piu; antiche Religioni d’Europa e d’Italia; l’Autore indaga documenti archeologici di eta; neolitica costituiti da statuine, pitture e ceramiche. Attraverso questa fenomenologia della sacertà; preclassica si scorgono le origini di alcune delle Ierofanie e Kratofanie protostoriche che direttamente preludono al singolare lessico del Sacro dell’Italia antica.

    Archetipi e Simboli delle civilta'; agro-pastorali neolitiche sono quindi il retaggio primigenio dei piu'; antichi Culti e Riti Misterici che il suolo italico abbia conosciuto finora.

    Il testo spazia dai ritrovamenti neolitici, prevalentemente in suolo italico, alle testimonianze più arcaiche della civiltà italica d’età “storica” mostrando quella continuità simbolica e quello stupore misterico che fa perdere l’origine dei miti in uno sconfinato oceano simbolico.

    L’Autore specializzato in Archeologia Preistorica e Protostorica porta in tale testo la sua esperienza diretta, avendo partecipato a numerosi scavi archeologici in grotte preistoriche della Puglia e del Lazio, collaborando con la Cattedra di Paletnologia di Roma “Tor Vergata e avendo attivamente collaborato con l’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, quale consulente e guida didattica per conto della Soprintendenza Speciale al Museo Nazionale Preistorico “L. Pigorini” di Roma. Altre opere collegate dello stesso autore: “Coroplastica Neolitica Antropomorfa. Simboli ed Iconografie dellíArte Mobiliare Quaternaria Post-Glaciale”, British Archaeological Reports, International Series 1020, Oxford 2002.

 

 

Discussioni Simili

  1. Il più indoeuropeo dei connubi
    Di Pieralvise nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 18-10-09, 13:03
  2. LA MAFIA, UN FENOMENO INDOEUROPEO
    Di acchiappaignoranti nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-10-09, 11:07
  3. Recensione Natale Indoeuropeo
    Di herrenklub (POL) nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-12-08, 16:20
  4. Recensione Natale Indoeuropeo
    Di herrenklub (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-12-08, 16:19
  5. Amare l'indoeuropeo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 16-01-07, 10:52

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226