Espulsioni, il prefetto di Milano ordina le prime 4

di Redazione - venerdì 02 novembre 2007, 184 DAL Giornale.it


Vota
Risultato



Milano - È stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto che consente ai prefetti di allontanare i cittadini comunitari ritenuti pericolosi. Il decreto è in vigore già da oggi e, infatti, sono già scattati i primi provvedimenti. Il prefetto di Milano, Gian Valerio Lombardi, ha già firmato i primi quattro ordini di allontanamento nei confronti di altrettanti romeni. I provvedimenti dovrebbero essere eseguiti in serata.
Il decreto, approvato dal governo il 31 ottobre e firmato ieri dal Presidente della Repubblica, reca le "disposizioni urgenti in materia di allontanamento dal territorio nazionale per esigenze di pubblica sicurezza" e fa riferimento agli articoli 77 e 87 della Costituzione. Tra le motivazioni del provvedimento c’è la "straordinaria necessità ed urgenza di introdurre disposizioni volte a consentire l’allontanamento dal territorio nazionale di soggetti la cui presenza contrasti con esigenze imperative di pubblica sicurezza".
De Corato: "E' un segnale importante" "Un segnale importante e un risultato dell’ottimo lavoro di equipe svolto con la polizia municipale, supportata dalla polizia di stato, che dalla fine di luglio ha incessantemente lavorato per l’identificazione dei rom che vivono sulle strade o nei campi nomadi", commenta il vice sindaco di Milano Riccardo De Corato a proposito delle prime espulsioni decise dal Prefetto del capoluogo lombardo. "Questo provvedimento - aggiunge - fa onore alla Prefettura di Milano che è la prima in Italia ad applicare le espulsioni di rom romeni in virtù del decreto legge appena approvato. Ed è l’esito di un lavoro antesignano del Comune che sin da luglio, su mia sollecitazione, ha messo in pratica il decreto legislativo che recepiva una direttiva Ue sul soggiorno dei comunitari oltre i 90 giorni. Grazie al lavoro dei vigili si è, infatti, raggiunto l’obiettivo di un capillare censimento dei rom che vivono nei campi autorizzati e di quelli presenti sulle strade. Oggi - conclude De Corato - con gli allontanamenti firmati dal Prefetto cogliamo i primi frutti di un lungo lavoro".


Notizie dello stesso autore