User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Ennesimo show di Sartori

    Ora dico basta al federalismo

    di Giovanni Sartori

    http://www.corriere.it/editoriali/07...eralismo.shtml

    Il governo Prodi regge l’anima con i denti e l’opposizione (Berlusconi) lo vuole morto e basta: nessun accordo su niente. Ma ecco—sorpresa, sorpresa— che dai meandri oscuri di Montecitorio sbuca un progetto di riforma costituzionale: un disegno di legge già stilato e già sottoposto alla Commissione Affari costituzionali presieduta dall’onorevole Violante. È sorpresa perché finora sapevamo che Prodi e la sua striminzitissima maggioranza erano mobilitati come un sol uomo (o donna, la bravissima Anna Finocchiaro) nel far passare la Finanziaria.

    Ma ora sappiamo che alla Camera c’è chi lavora 48 ore su 24, e con altrettanta urgenza, per varare un «progettino» costituzionale. Sì, progettino; perché è monumentalmente lacunoso. Le riforme costituzionali davvero necessarie e urgenti sono due: l’introduzione della sfiducia costruttiva (il premier non può essere dismesso senza la contemporanea indicazione del suo successore), e la preminenza del capo del governo stabilita dal fatto che solo lui si presenta al Parlamento per la fiducia (il che implica che i suoi ministri possono essere cambiati a sua discrezione).

    Ma di queste due riforme nel progettino in questione non c’è traccia. L’intento è soltanto di stabilire alla chetichella che il nostro Paese è oramai «federale». Dopo divagazioni varie, nell’articolo 7 del progettino si legge: «L’articolo 70 della Costituzione è sostituito dal seguente: la funzione legislativa dello Stato è esercitata collettivamente (sic!) dalla Camera dei Deputati e dal Senato federale della Repubblica...». Federale? Se così, si dovrebbe cominciare dal modificare l’articolo 1 che sinora dice così: «L’Italia è una Repubblica democratica fondata sul lavoro». Ma, appunto, siamo al cospetto di un progettino (ino, ino). Quale ne è il senso? Per parafrasare Andreotti, pensare male è peccato, ma è anche, spesso, pensare il vero. E il vero è, sospetto, che il Palazzo di sinistra si vuole ingraziare Bossi per aiutare il governo Prodi a sopravvivere.

    Sartori pensa che il progettino della Commissione faccia diventare l'itaglia un paese federale?? Ma su che pianeta vive?? Già su questo forum in un 3d avevamo individuato tutte le lacune e contraddizioni di questo progetto, che pur andando in una direzione giusta prendeva strade alquanto poco federali. Ma forse per l'esimio costituzionalista, è meglio spararla grossa senza leggersi una beata fava. Del resto di balle ne abbiamo sentite molte in questi anni, a cominciare dallo stesso Sartori che scrisse a suo tempo che il federalismo avviato in Italia nel 1997 aveva comportato un «aggravio per i conti dello Stato di almeno 61 miliardi di euro». Insomma, il federalismo era già partito ormai da dieci anni e non ce ne siamo accorti!?!

    Come già in passato, si svende il Paese per trenta denari. E su questa premessa dico la birbonata che covo in seno. Ho sempre chiesto: quanto costerà il federalismo? Costerà non solo in denaro (in sprechi di denaro) ma anche in inefficienze e appesantimenti burocratici aggiuntivi? Come forse qualcuno ha notato, sul punto è calata una cappa di silenzio. Mistero. Ma ora il mistero è svelato da una fotografia concreta, visibile, dell’Italia così come effettivamente è, e cioè da La Casta di Rizzo e Stella. Il volume ha già venduto un milione di copie, e spero che ne continuerà a vendere. Vorrà dire che c’è un largo e crescente pubblico in grado di capire come sarà (Dio non voglia) un’Italia federale. S’intende che l’Italia non è tutta come descritta da Rizzo e Stella.

    Cioè, l'itaglia ha un debito pubblico enorme e uno schifo generalizzato che il suddetto libro ha posto quanto mai in evidenza, ed è colpa di un non meglio precisato federalismo (concetto tra l'altro poi sputtanato dalla casta legaiola) mai visto nemmeno con la lente e non della stessa natura dello stato italico, centralista, prefettizio, parassitario, meridionalista e antistorico?!

    Ma l’Italia che descrivono è già sufficiente, più che sufficiente, per mandare tutto il Paese a picco. Rinvio a un’altra occasione l’illustrazione del nostro record di non-governo e di malgoverno romano. Resta il fatto che strade e ferrovie, rigassificatori, centrali elettriche, inceneritori di rifiuti, eccetera, sono sempre più bloccati, ovunque, da amministrazioni locali «ricatto» che chiedono soldi e benefici per concedere permessi. Se non vogliamo che il Paese precipiti sempre più nel caos, nella paralisi burocratica e nelle distorsioni clientelari, il federalismo non va attuato ma disattivato. Non sono il solo a pensarlo; resterò il solo a dirlo?

    Il problema è che non è mai stato attuato, caro Sartori.
    Scriveva Miglio anni fa: è cominciata la mobilitazione di tutti i partiti, grandi e piccoli, di tutte le consorterie, di tutti i giornali, dei settimanali, delle televisioni, di tutti gli scrittori, gli elzeviristi e i predicatori (ecclesiastici compresi) comunque interessati alla sopravvivenza del “sistema”. Più che un esercito è una gigantesca “corte dei miracoli”: ci sono tutti, nani, giganti, storpi, sciancati, zoppi, ciechi, in carrozzella o barellati (…). La sconfitta significherebbe il crollo della sterminata bottega in cui i “partitanti” succhiano il sangue dei loro connazionali. A vederli ora riuniti e incolonnati, si ha un’idea di quanto numerosa sia la legione di parassiti che, un po’ alla volta, sono riusciti a infiltrarsi in ogni angolo del Paese. C’è da restare sbigottiti. Come proiettili essi usano tutte le banalità e tutti i luoghi comuni inventati negli ultimi anni, compresi quelli più arrugginiti e ormai vuoti di significato. (…) L’accusa scagliata con più furore - o meglio strumentalizzata e sfruttata con maggiore spregiudicatezza - è quella di attentare mediante il modello federalista all’“unità nazionale”. (…) Proprio mentre nella cultura occidentale va in crisi il modello dello Stato unitario, in Italia si tenta di conservare il privilegio partitocratrico occultandolo sotto la maschera del salvataggio "della Patria e dell’ordine".
    Vivono immersi nel centralismo della fogna italica e già si preoccupano e sparano numeri a caso. Ma probabilmente Sartori sul federalismo (mai visto finora, ma nel frattempo sputtanato a go go) da disattivare ha ragione: da attivare resta solo e soltanto l'indipendenza.


    03 novembre 2007

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    strade e ferrovie, rigassificatori, centrali elettriche, inceneritori di rifiuti, eccetera, sono sempre più bloccati, ovunque, da amministrazioni locali «ricatto» che chiedono soldi e benefici per concedere permessi.
    ----------------------------------------------------------------------------------

    Chissà come mai. Forse perchè lo Stato è abituato a imporre servitù alle popolazioni senza dar loro nulla in cambio e tantomeno i frutti di quelle strutture ad alto impatto ambientale che vengono esclusivamente drenati da Roma? In questo paese si pretende di andare in un piccolo comune - generalmente abitato da gente normale - e imporgli inceneritori o nuove vie di collegamento assolutamente inutili per l'economia locale. E' l'interesse nazionale, dicono questi signori abitati a fare i froci con i glutei altrui.
    Il fatto che un' autonomia locale chieda garanzie ambientali e contropartite per ospitare un inceneritore o un'altra serviù è normale, razionale. Ed è moralmente doveroso conferirgli gestione e utili.
    Meno male che a Roma si dicono culla del diritto: ma quale diritto? Sfruttare impunemente interi territori è un atto di barbarie e prepotenza. Che qualcuno vuole spacciare per senso dello Stato. Ma fateci il piacere...

  3. #3
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,714
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ZENA Visualizza Messaggio

    Chissà come mai. Forse perchè lo Stato è abituato a imporre servitù alle popolazioni senza dar loro nulla in cambio e tantomeno i frutti di quelle strutture ad alto impatto ambientale che vengono esclusivamente drenati da Roma? In questo paese si pretende di andare in un piccolo comune - generalmente abitato da gente normale - e imporgli inceneritori o nuove vie di collegamento assolutamente inutili per l'economia locale. E' l'interesse nazionale, dicono questi signori abitati a fare i froci con i glutei altrui.
    Il fatto che un' autonomia locale chieda garanzie ambientali e contropartite per ospitare un inceneritore o un'altra serviù è normale, razionale. Ed è moralmente doveroso conferirgli gestione e utili.
    Meno male che a Roma si dicono culla del diritto: ma quale diritto? Sfruttare impunemente interi territori è un atto di barbarie e prepotenza. Che qualcuno vuole spacciare per senso dello Stato. Ma fateci il piacere...

    alle popolazioni locali rimangono solamente i guai lasciati da roma

 

 

Discussioni Simili

  1. Il clima di Sartori
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-08-09, 11:20
  2. Sartori Presidente
    Di ataturk nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 27-01-08, 15:48
  3. Ennesimo show di Deborah Fait, leggete un pò
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 63
    Ultimo Messaggio: 14-09-06, 15:41
  4. Sartori Per ........
    Di qualunquista nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-03-05, 17:18
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 16-10-04, 20:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226