User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 31
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Jun 2009
    Messaggi
    13,053
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Estrema destra romena contro estrema destra italiana :la gara tra cazzoni!

    Leggete qui ..è esilarante come i cazzoni dell'estrema destra siano gli stessi in ogni paese...


    non è vero che non facciamo niente per impedire le migrazioni»
    «Clima anti-italiano in Romania»
    Il premier Tariceanu: «Parole avventate e ingiuste contro Bucarest. Deluso da Veltroni»

    DAL NOSTRO INVIATO
    BUCAREST — Il giovane rom entra alla centrale della Polizia e chiede un passaporto. È quasi una provocazione, perché nella Romania di Ceausescu nessuno, tantomeno gli «tzigani», può ottenere l'espatrio. Sei mesi dopo, gli agenti lo vanno a cercare. È successo un miracolo, il presidente in persona gli ha concesso il nullaosta. Quello ringrazia, ma dice che non ne ha più bisogno, è già tornato dal suo viaggio all'estero.
    Al racconto di questo vecchio episodio degli anni Ottanta, Calin Popescu Tariceanu si concede un sorriso. Il primo ministro romeno è tutt'altro che un cattivo biglietto da visita del suo Paese. È un uomo di bella presenza, molto colto. Un ingegnere civile che oltre alla politica nella vita ha fatto anche dell'altro, ad esempio fondando «Radio Contact», la prima radio privata della sua nazione. Parla un inglese ed un francese che i nostri governanti si sognano, e ha la virtù, rara per chi fa il suo mestiere, di chiamare le cose con il loro nome. «Non è vero che non facciamo niente per impedire le migrazioni dei rom. Noi ci diamo da fare per integrarli, il problema è che non ci riusciamo, non abbiamo mai ottenuto successi di rilievo».
    Il premier romeno ci accoglie nel suo studio in fondo al grande corridoio del palazzo della Vittoria, la sede del governo. Ha appena finito una conferenza stampa dove ha annunciato le misure che mercoledì proporrà a Romano Prodi. La più forte è una legge che consente ai giudici romeni di vietare l'espatrio ai cittadini espulsi da Paesi esteri in quanto autori di reati. «Almeno per qualche anno, ce li teniamo noi», è la chiosa.

    Dottor Tariceanu, lei sa bene che non basterà.
    «No, certo. Inutile illudersi. Il problema dei rom si risolve con l'educazione, convincendo i giovani a studiare, cambiando le loro abitudini. Ma i frutti, se ci saranno, si coglieranno tra molti anni».
    E nell'attesa?
    «Dobbiamo confrontarci a livello europeo. Pensare che sia un problema solo nostro non aiuta certo a risolverlo. E neanche la criminalizzazione. Rom non è automaticamente sinonimo di delinquente».
    Il vostro idolo nazionale, il calciatore Adrian Mutu, negli stadi viene chiamato «zingaro». Nella sua accezione più negativa, rom sta diventando sinonimo di romeno.
    «È un'ingiustizia che mi ferisce. Abbiamo fatto sforzi mostruosi per entrare nell'Unione Europea. Il 99 per cento dei romeni in Italia si comportano bene. Siamo un Paese in forte crescita, e voi, che siete il nostro primo partner commerciale, lo sapete bene».
    La preoccupa il clima italiano, non proprio amichevole nei confronti dei romeni?
    «Certo, e dovrebbe preoccupare tutti. Alcune dichiarazioni avventate hanno gettato benzina sul fuoco del razzismo contro i miei connazionali, creando una reazione qui in Romania, dove reagiscono insultando e minacciando gli italiani».
    Sta nascendo un clima anti-italiano?
    «Purtroppo è così. Oggi ho dovuto fare una dichiarazione di condanna per una manifestazione di protesta davanti al vostro consolato, fatta da un gruppo di estrema destra. E mi appellerò ai media perché abbassino i toni. Una certa retorica nazionalista italiana ha innescato la retorica nazionalista romena. Certi uomini politici dovrebbero fare attenzione alle loro parole ».
    A chi si riferisce?
    «Alcuni partiti della vostra opposizione e dell'estrema destra hanno detto cose spiacevoli. Mi ha deluso molto anche Walter Veltroni. Ha preso a pretesto l'orrendo crimine di una persona che appartiene ad un piccolo gruppo, e ha esteso la sua responsabilità ad un intero popolo ».
    Si tratta del sindaco di una città che negli ultimi mesi ha subìto una decina di crimini commessi da suoi connazionali.
    «Certo. Ma non mi sfugge che le sue dichiarazioni, come quelle di molti altri, erano mirate solo a tutelare la propria figura politica, evitando di assumersi eventuali responsabilità ».
    Dove sarebbero le eventuali responsabilità?
    «Il germe del crimine è in quegli accampamenti disumani, in condizioni di vita tremende, prive di qualunque assistenza sociale. Questi sono compiti che spettano alle autorità locali, cittadine».
    Dopo il vostro ingresso in Europa, il fenomeno dell'immigrazione è cresciuto?
    «Le statistiche dicono che non è così. Essere in Europa comporta per tutti vantaggi e costi, purtroppo anche in materia di ordine pubblico. Bisogna capire che i flussi migratori non si possono fermare. I singoli Stati dovrebbero essere realisti e responsabili su questo aspetto. Ma sia in Italia che in Romania vengono fatte dichiarazioni irresponsabili solo per ottenere vantaggi politici immediati ».
    Riconosce qualche buona ragione al malumore italiano?
    «Capisco i vostri sentimenti. Oltre ai crimini gravi, ci sono fenomeni come l'accattonaggio, la prostituzione, che aumentano il senso di insicurezza. Ma su questi aspetti, io, come capo del governo romeno, non posso intervenire».
    Avete protestato anche per il decreto di espatrio di alcuni vostri connazionali non proprio immacolati.
    «Io ho il dovere di pretendere garanzie. Devo essere sicuro che non vi siano abusi sui cittadini romeni all'estero. Noi ci impegneremo ad estendere la collaborazione tra le autorità dei due Paesi, fornendo all'Italia ogni supporto giuridico alle sue iniziative, di controllo e prevenzione. Ma non vi devono essere prevaricazioni».
    Lo sa che potrebbe accadere nuovamente, vero?
    «Purtroppo è impossibile prevedere un crimine. Oltre alla morte di Giovanna Reggiani, un'altra conseguenza di questo crimine è stata la creazione di un brutto clima non tra due governi, ma tra due popoli. Si è creato un clima di pregiudizio bilaterale. Occorre fermare la speculazione politica su queste tragedie. Se non facciamo niente, la spirale razzista diventerà sempre più pericolosa, per tutti».



    Marco Imarisio
    06 novembre 2007

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Avanguardia
    Data Registrazione
    07 Jul 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  3. #3
    Avanguardia
    Data Registrazione
    07 Jul 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


  4. #4
    Avanguardia
    Data Registrazione
    07 Jul 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questo è cosa ne pensa l'estrema destra rumena ( o parte di essa ).

    la cosa " buffa"..è che Noua Dreapta è " gemellata " nel fronte nazionale europeo con Forza Nuova.

    Deve essere un imbarazzante conflitto di interessi

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Jun 2009
    Messaggi
    13,053
    Mentioned
    4 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma sai i "nazionalisti " sciovinisti hanno da sempre il naso corto.....due guerre mondiali dovrebbero insegnare qualcosa a questi imbecilli....Leggi questo passaggio.dell'intervista

    ...Sta nascendo un clima anti-italiano?
    «Purtroppo è così. Oggi ho dovuto fare una dichiarazione di condanna per una manifestazione di protesta davanti al vostro consolato, fatta da un gruppo di estrema destra. E mi appellerò ai media perché abbassino i toni. Una certa retorica nazionalista italiana ha innescato la retorica nazionalista romena. Certi uomini politici dovrebbero fare attenzione alle loro parole ».

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    10 Jun 2009
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stan Ruinas Visualizza Messaggio
    ripugnante, volgare, idiota.
    Cosi' nasce la violenza, l'intolleranza e la paura.
    questa immagine è degna della peggior propaganda nazista.

    Lotta senza quartiere alla stupidità dell'estremismo di destra, lotta ad ogni estremismo, ad ogni cretinismo, ad ogni demagogia.


    In ogni modo la questione dei rom resta abbastanza spinosa in tutta europa, per quanto ne so, ma non mi permetto di dare giudizi secchi, in Romania il governo adotta comportamenti di grave intolleranza dei rom.
    Indubbiamente l'esistenza di un'etnia fortemente comunitaria e chiusa che, ad esempio, spesso rifiuta l'integrazione della prole nella scuola dell'obbligo, è un bel problema.
    Come veniva detto nell'intervista succitata, l'unica soluzione è la progressiva integrazione nella diversità.
    L'equivoco a mio avviso che a volte c' è verso la cultura rom, è che si pretende di identificarla con il necessario rifiuto delle istituzioni pubbliche e dunque delle abitudini di uno Stato politico che ad esempio fa dell'istruzione nazionale un punto essenziale del proprio essere.
    ma io mi domando: davvero i rom perderebbero la propria identità mandando i ragazzini a studiare nelle scuole, davvero perderebbero la loro tradizione co,munitaria se, anzichè vivere in campi degradati, si desse loro la possibilità di comprare case in zone agricole, a prezzi ragionevoli, dove vivere integrati con il resto della popolazione. parlo di zon agricole perchè conosco la naturale propensione dei rom alla vita agreste e allo stretto rapporto, ad esempio con animali da cortile, campi, orti etc etc.
    insomma, non dobbiamo pensare che il rom è tale solo se rifiuta l'essere sociale derivante da una diversa cultura e da una diversa struttura istituzionale.

  7. #7
    Avanguardia
    Data Registrazione
    07 Jul 2007
    Località
    Torino
    Messaggi
    4,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da terraeamore Visualizza Messaggio
    ripugnante, volgare, idiota.
    Cosi' nasce la violenza, l'intolleranza e la paura.
    questa immagine è degna della peggior propaganda nazista.

    Lotta senza quartiere alla stupidità dell'estremismo di destra, lotta ad ogni estremismo, ad ogni cretinismo, ad ogni demagogia.


    In ogni modo la questione dei rom resta abbastanza spinosa in tutta europa, per quanto ne so, ma non mi permetto di dare giudizi secchi, in Romania il governo adotta comportamenti di grave intolleranza dei rom.
    Indubbiamente l'esistenza di un'etnia fortemente comunitaria e chiusa che, ad esempio, spesso rifiuta l'integrazione della prole nella scuola dell'obbligo, è un bel problema.
    Come veniva detto nell'intervista succitata, l'unica soluzione è la progressiva integrazione nella diversità.
    L'equivoco a mio avviso che a volte c' è verso la cultura rom, è che si pretende di identificarla con il necessario rifiuto delle istituzioni pubbliche e dunque delle abitudini di uno Stato politico che ad esempio fa dell'istruzione nazionale un punto essenziale del proprio essere.
    ma io mi domando: davvero i rom perderebbero la propria identità mandando i ragazzini a studiare nelle scuole, davvero perderebbero la loro tradizione co,munitaria se, anzichè vivere in campi degradati, si desse loro la possibilità di comprare case in zone agricole, a prezzi ragionevoli, dove vivere integrati con il resto della popolazione. parlo di zon agricole perchè conosco la naturale propensione dei rom alla vita agreste e allo stretto rapporto, ad esempio con animali da cortile, campi, orti etc etc.
    insomma, non dobbiamo pensare che il rom è tale solo se rifiuta l'essere sociale derivante da una diversa cultura e da una diversa struttura istituzionale.
    E se rifiuta ?
    Cmq , in Calabria, ci sono comunità rom dedite alla pastorizia, che si sono integrate perfettamente pur mantenendo le loro tradizioni ( forse in parte ).
    Se il rom vuole ricevere dallo Stato e la non integrazione diventa una scusa per delinquere e di essere un problema per la comunità, mi spiace, ma lo Stato deve emporsi per il bene della maggioranza.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    24 May 2005
    Località
    ROMA
    Messaggi
    2,707
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il "differenzialismo" se tale, le difende tutte le "differenze", in quanto interpreta LA differenza, in quanto conscio del prospettivismo dello sguardo e quindi del giudizio. Il differenzialismo nemico mortale d' ogni razzismo e di ogni universalismo, disprezza (nel senso che toglie loro valore, disvela il loro dis-valore) quelle forze puramente reattive per le quali differenza vuol dire negazione (dell'altro) o risoluzione della contraddizione mediante assimilazione (genocidio culturale). Comprendo la diffidenza verso un pensiero che è stato violentato fino al punto di farne una filosofia della forza o una sciocca esaltazione della bete blonde, ma sono convintissimo che il disinnesco di tutta questa pericolosa tendenza sia appunto un' introduzione coraggiosa nel seno del pensiero socialista della nozione di differenza, differenza che non ha bisogno di riconoscimenti, contrattazioni, limitazioni......

  9. #9
    libertè, egalitè, fraternitè
    Data Registrazione
    08 Oct 2007
    Messaggi
    205
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    credo che la questione Rom sia molto importante ma non si può certamente pensare di risolverla unicamente a livello nazionale. deve esserci una politica comune a livello europeo. spesso si attacca il loro nomadismo, però quando diventano stanziali sono ugualmente attaccati e accusati di commettere crimini nelle zone vicino ai loro campi. i governanti queste cose le sanno ma hanno paura di intervenire per il terrore di essere bollati come razzisti.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stan Ruinas Visualizza Messaggio
    I complimenti al traduttore.

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 23-04-08, 22:46
  2. Ma Estrema destra edi estrema sinistra hanno valori Comuni?
    Di Comunista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 106
    Ultimo Messaggio: 06-07-07, 19:43
  3. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 12-12-06, 00:03
  4. Estrema sinistra ed estrema destra uniti nella lotta?
    Di Vahagn nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 30-04-03, 07:43
  5. Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 18-03-03, 18:54

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226