User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Nov 2006
    Messaggi
    17
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rifornimenti sovietici al Terzo Reich

    Il patto nazi-sovietico del 23 agosto 1939 fu preceduto di qualche giorno da un accordo commerciale che stabiliva proficui scambi commerciali tra la Russia sovietica e la Germania nazista. Con il patto Molotov-Ribbentrop si ebbe la certezza della guerra in Europa, dato che la Germania aveva finalmente le spalle coperte ad est e quindi mano libera in Polonia. Secondo i calcoli - errati - di Hitler, ciò avrebbe dovuto costituire un formidabile deterrente affinchè Francia ed Inghilterra non avrebbero alla fine scelto di "morire per Danzica".
    Lo scoppio della guerra invece portò la Germania in una situazione di isolamento, che avrebbe potuto costituire l'elemento decisivo della propria rapida sconfitta, dal momento che essa non era in grado di produrre/estrarre quelle materie prime vitali alla propria economia, tanto più ora che si rendeva necessaria la transizione ad un'economia di guerra.
    Il sostegno economico e commerciale alla Germania nazista lo fornì proprio l'URSS grazie alla stipula di una serie di trattati commerciali che videro da una parte lo stato sovietico rifornire il Reich con quantità immense di materie prime, dal grano al petrolio, al manganese, nonchè a consentire il passaggio sul proprio territorio di altre materie prime strategicamente fondamentali come la gomma dall'Oriente, dall'altra il Reich rifornire l'Unione Sovietica di carbone e di tecnologia militare.
    Un frammento tratto da "Storia dell'URSS" di Heller-Nekric ci fornisce un'idea di quanto l'Unione Sovietica, nei diciassette mesi del patto con i nazisti, tramite questi trattati commerciali sostenne la folle politica aggressiva di Hitler ed alimentò la macchina da guerra nazista, approfittando dell'occasione per invadere, sottomettere e martirizzare gli stati con essa confinanti.

    Heller-Nekric - "Storia dell'URSS" - Ed. Bompiani - pag. 410-411
    "Per condurre la guerra la Germania aveva bisogno di materie prime strategiche. Agli inizi della seconda guerra mondiale l'economia tedesca dipendeva strettamente dalle importazioni, soprattutto per lo stagno (90%), il caucciù (oltre l'85%), le materie prime tessili (70%), la bauxite (99%) ecc. "
    Nota 148: I. M. Fajngar, Ocerk razvitija germanskogo monopolisticeskogo
    kapitala, Mosca, 1958, p.26.
    "La Germania doveva importare anche generi alimentari. Nei diciassette mesi successivi alla firma del patto tedesco-sovietico (prima dell'aggressione tedesca all'Unione Sovietica), L'URSS fornì alla Germania 865.000 tonnellate di petrolio, 140.000 tonnellate di manganese, 14.000 tonnellate di rame, 3000 tonnellate di nichel, 101.000 tonnellate di cotone grezzo, oltre 1 milione di tonnellate di legname, 11.000 tonnellate di lino, 26.000
    tonnellate di cromo, 15.000 tonnellate di amianto, 184.000 tonnellate di fosfati, 2736 chilogrammi di platino e 1.462.000 tonnellate di cereali."
    Nota 149: F. Friedensberg, Die Sowjetischen Kriegslieferungen an das
    Hitlerreich, "Vierteljahrshefte zur Wirtschaftsforschung", 1962, pp.
    331-338.
    "Per i tedeschi l'aiuto economico ottenuto dall'Unione Sovietica e per suo
    tramite era di "vitale importanza""
    Nota 150: Gerhrard L. Weinberg, Germany and the Soviet Union, 1939-1941,
    Londra, 1954, p. 74

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Nov 2006
    Messaggi
    4,763
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    "Nel corso degli anni Venti e Trenta l'Unione Sovietica ricevette crediti e un importante aiuto economico dagli industriali tedeschi.Esisteva una collaborazione militare tra l'Armata Rossa e la Reichsweher.A Lipeck era stata creata una scuola segreta per preparare piloti militari tedeschi;vicino a Kazan, una scuola per carristi.A Fili vicino a Mosca, in una fabbrica di aerei venivano montati gli Junkers tedeschi.Tutto ciò si compiva violando apertamente le disposizioni militari del trattato di Versailles, che proibiva alla Germania di avere una propria aviazione militare tedesca e propri carri armati. A Mosca una speciale missione militare tedesca (Zentrale Moskau) attuava il coordinamento delle relazioni militari tedesche con l'Urss"
    (Mihail Heller/Aleksander Nekrish- Storia dell'Urss, Bompiani).

    Cè da dire che l'analisi storica adottata dagli scrittori in questione è tipica dei dissidenti filo-occidentali alla Solgenitsin, pur mettendo in risalto tutte le contraddizioni interne al sistema sovietico.Nel libro in questione si evidenziano bene i "meriti sovietici" ed il loro supporto vitale ai tedeschi nel "bloccare" le navi inglesi, durante la campagna di Norvegia.

  3. #3
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Si tratta di fatti storici incontestabili, che a ben vedere ritrovano le loro radici ultime non solo nello "stalinismo", ma anche nello stesso "pragmatismo leninista" , quello del passaggio del leader bolscevico per la Germania del Kaiser mediante il famoso "vagone piombato", al fine di raggiungere la Russia in fermento, o quello degli accordi commerciali dei primi anni venti con l'Italia fascista (quando il dirigente comunista Bombacci, fra lo sconcerto dei propri compagni di partito, ma difeso dai diplomatici sovietici, parlo' alla Camera dei Deputati, innanzi al Mussolini, delle somiglianze fra le "due rivoluzioni").

    Saluti liberali

  4. #4
    Komunista Estetizzante
    Data Registrazione
    07 Apr 2005
    Località
    Cavriago-Reggio Emilia
    Messaggi
    12,084
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo dal Patto di non agressione Stalin guadagnò moltissimo. Un rapporto si scambi con la Germania nettamente favorevole all'URSS che ricevette aiuti in tecnologia militare, fine defli attacchi militari giapponesi che erano andati avanti quasi initerrottamente fino al 39 e cessarono il giorno stesso del patto. L'URSS guadagnò quasi due anni che furono decisivi per riorganizzarsi militarmente. Smaltellamento dei regimi totalitari filonazisti in Lituania, Lettonia e ed Estonia per altro su forte pressione di Churchill che insistette presso Stalin affinchè occupasse i paesi baltici. Ciò portò indietro la frontiera di quasi 800 km tra Memel e Leningrado. Permise di riconquistare i territori incostestabilmente sovietici dell Bielorussia e dell'Ucraina Occidentale sottoposto al feroce regime totalitario polacco negatore di ogni autonomia nazionale, e del terriotori della Bucovina e Bessarabbia dove le popolarzione russofone erano in maggioranza e che furono strappate con la forza dalla dittatura semi-fascista romena.
    Inoltre eliminò la Polonia che aveva vigliaccamente aggredito l'Unione Sovietica stremata dalla Guerra Civile e che aveva stabilito un patto di ferro con Germania per l'annessione della Cecoslovacchia e l'eventuale annessione dell'Ucraina dopo una guerra congiunta contro l'URSS. La Polonia tra le due guerre fu un autentico stato teppista specializzato nel molestare i vicini.
    Ma soprattutto fece fallire l'alleanza dei conservatori filo-nazisti britannici con Hitler contro il nemico comune: l'URSS.

    Il Terzo Reich e la Gran Bretagna avevano gli stessi obiettivi: spartirsi in modo concordato l'Europa e fermare la minaccia comunista attraverso la distruzione dell' Unione Sovietica (intervista al prof. Finkel di F. Carella Libero, 14/05/2005)
    .
    Vedere il libro di Alvin Finkel-Clement Leibovitz, Il nemico comune
    La collusione antisovietica fra Gran Bretagna e Germania nazista
    prefazione di Christopher Hitchens
    collana le terre

    che contesta anche i dati di Heller e Nekrish.

    Il Patto di Monaco del 1938, con il quale il primo ministro britannico Chamberlain cerco' un accordo con la Germania nazista incoraggiandone l'espansione in Europa centrale e orientale, suscito' reazioni antitetiche nell'intellighenzia mondiale: alcuni lo salutarono come
    uno splendido accordo che, secondo le parole dello stesso Chamberlain, avrebbe sancito "la pace della nostra epoca"; altri, invece, lo giudicarono un errore grossolano dagli esiti infausti. Clement Leibovitz e Alvin Finkel demoliscono le letture convenzionali secondo cui la "politica di pacificazione" della Gran Bretagna fu un tentativo, per quanto ingenuo, di "orientare" la vorace aggressivita' di Hitler al fine di proteggere l'Occidente e portano alla luce aspetti meno noti della storia del Novecento: l'antisovietismo come asse portante della politica estera della Gran Bretagna, l'orientamento antidemocratico delle elite
    dirigenti anglo-francesi che diedero il benvenuto ai regimi autoritari di Italia, Germania e Spagna, il loro disprezzo per i regimi parlamentari in cui si trovavano costrette a operare, la loro ostilita' nei confronti dei partiti operai e dei sindacati. Il nemico comune distrugge quindi l'immagine secondo cui la Gran Bretagna tenne testa alla prepotenza nazista per
    difendere la democrazia e i diritti dei piccoli Stati e sottolinea come la classe dirigente britannica dimostro' tutto il suo apprezzamento per il nazismo (cosi come fece con Mussolini e Franco) e incoraggio' la Germania a riarmarsi, avendo come obiettivo primario, fino al 1939, quello di
    stabilire una piena collaborazione anglo-tedesca
    .
    http://groups.google.com/group/it-al...7095ccf119c76c

  5. #5
    SENATORE di POL
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Alessandria
    Messaggi
    23,784
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo l'Unione Sovietica perseguiva propri interessi, tanto quando disarmava con la tattica cominternista del "socialfascismo" le possibilità di un'efficace resistenza all'ascesa al potere dei nazionalsocialisti in Germania, così come quando aggrediva la Polonia di concerto con Hitler, e con il permesso di questi faceva lo stesso con la Finlandia, indicando all'Internazionale Comunista, obbediente vassalla, la Gran Bretagna e la Francia come le potenze "imperialiste" che maggiormente avevano la responsabilità della guerra ....

    "So quanto il popolo tedesco ama il suo Fuehrer. Per questo vorrei bere alla sua salute"

    Giuseppe Stalin


    Philipp. W. Fabry
    "Il Patto Hitler-Stalin 1939-1941" pag. 121


    Mentre la Francia e il Regno Unito dichiaravano guerra alla Germania nazionalsocialista, dopo l'aggressione di questa alla Polonia, concordata con il compagno Stalin, le truppe sovietiche occupavano le regioni orientali di quel paese e massacravano migliaia di ufficiali polacchi. Contemporaneamente il movimento comunista internazionale veniva istruito di conseguenza, tanto che il compagno Thorez, capo dei comunisti francesi, disertò per non combattere contro i nazisti mentre questi erano preziosi alleati dell'Unione Sovietica. Il resto è fuffa negazionista alla Irving....rivoltata come un calzino.

    Shalom

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    10 Nov 2006
    Messaggi
    17
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Red Shadow Visualizza Messaggio
    Vedere il libro di Alvin Finkel-Clement Leibovitz, Il nemico comune
    La collusione antisovietica fra Gran Bretagna e Germania nazista
    prefazione di Christopher Hitchens
    collana le terre
    che contesta anche i dati di Heller e Nekrish.
    Puoi indicare dove e come il libro da te citato contesta i dati forniti da Heller-Nekric?
    Ciao

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Nov 2006
    Messaggi
    4,763
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Red Shadow Visualizza Messaggio
    Vedere il libro di Alvin Finkel-Clement Leibovitz, Il nemico comune
    La collusione antisovietica fra Gran Bretagna e Germania nazista
    prefazione di Christopher Hitchens
    collana le terre

    che contesta anche i dati di Heller e Nekrish.


    http://groups.google.com/group/it-al...7095ccf119c76c

    Peccato che a tendere una mano agli inglesi, lanciandogli un segnale pacificatore, fu solamente Hitler quel 29 maggio del 40....E molto tempo dopo neanche la spedizione folle dello Stellvertreter ebbe l'esito sperato...All'interno della corte britannica c'erano tante anime, tra politici e lord, con idee distinte e separate sull'argomento in questione (le tesi di Giorgio Galli riguardo ai rapporti tra gruppi di potere occulti inglesi e tedeschi, non sono affatto da scartare..).Tanti elogi vero, ma la storia andò diversamente.Nulla di stupefacente, tale doppiogiochismo all'inglese fu tipico anche nei riguardi dell'Italia, in primis lo studio riguardante il carteggio Mussolini-Churchill.
    L'idea di fondo del testo di Heller e Nekric riguardante tale questione spinosa, è considerabile obiettivo, criticabile o meno il retroterra ideologico dei due personaggi in questione, nemici giurati delle idee totalitarie.

    P.S. : il fallimento dell'asse anglo tedesco (mai realizzatosi), non è imputabile esclusivamente alla questione polacca...Prova minimamente a sbandierare tesi del genere riguardanti Katyn nella Polonia attuale......Contestabile o meno dal punto di vista storico (i documenti riguardanti Berja non credo assolutamente lo siano), resta il fatto che tra polacchi e tedeschi non è mai corso buon sangue......

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Nov 2006
    Messaggi
    4,763
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pieffebi Visualizza Messaggio


    Mentre la Francia e il Regno Unito dichiaravano guerra alla Germania nazionalsocialista, dopo l'aggressione di questa alla Polonia, concordata con il compagno Stalin, le truppe sovietiche occupavano le regioni orientali di quel paese e massacravano migliaia di ufficiali polacchi. Contemporaneamente il movimento comunista internazionale veniva istruito di conseguenza, tanto che il compagno Thorez, capo dei comunisti francesi, disertò per non combattere contro i nazisti mentre questi erano preziosi alleati dell'Unione Sovietica. Il resto è fuffa negazionista alla Irving....rivoltata come un calzino.

    Shalom
    Sarebbe interessante invece analizzare quelle che furono le scelte del compagno Doriot.....

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    2,940
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Pieffebi Visualizza Messaggio
    Certo l'Unione Sovietica perseguiva propri interessi, tanto quando disarmava con la tattica cominternista del "socialfascismo" le possibilità di un'efficace resistenza all'ascesa al potere dei nazionalsocialisti in Germania, così come quando aggrediva la Polonia di concerto con Hitler, e con il permesso di questi faceva lo stesso con la Finlandia, indicando all'Internazionale Comunista, obbediente vassalla, la Gran Bretagna e la Francia come le potenze "imperialiste" che maggiormente avevano la responsabilità della guerra ....



    Mentre la Francia e il Regno Unito dichiaravano guerra alla Germania nazionalsocialista, dopo l'aggressione di questa alla Polonia, concordata con il compagno Stalin, le truppe sovietiche occupavano le regioni orientali di quel paese e massacravano migliaia di ufficiali polacchi. Contemporaneamente il movimento comunista internazionale veniva istruito di conseguenza, tanto che il compagno Thorez, capo dei comunisti francesi, disertò per non combattere contro i nazisti mentre questi erano preziosi alleati dell'Unione Sovietica. Il resto è fuffa negazionista alla Irving....rivoltata come un calzino.

    Shalom
    In Francia vi furono fucilazioni di operai comunisti della Renault per sabotagggio alla produzione di carri armati.Da notare che mentre l'URSS si alleava con i nazisti ed occupava parte della Polonia l'Italia fascista si defilava
    dichiarandosi " non belligerante " violando cosi quanto meno lo spirito del Patto D'Acciaio.Poi andò come andò anche per la leggerezza del Conte Ciano

    Questo i comunisti non amano sentirselo dire ..........................

  10. #10
    Komunista Estetizzante
    Data Registrazione
    07 Apr 2005
    Località
    Cavriago-Reggio Emilia
    Messaggi
    12,084
    Mentioned
    6 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Frà Tacchione Visualizza Messaggio
    Puoi indicare dove e come il libro da te citato contesta i dati forniti da Heller-Nekric?
    Ciao
    Nei capitoli 8-9 "guerre finte e guerre vere" e "Alleati e nemici".
    Chamberlain e l'elite filonazista britannica considerarono sempre l'Unione Sovietica l'avversario da distruggere essendo i russi comunisti e gli slavi degli asiatici incivili. I Polacchi che fino al maggio del '39 erano alleati dei nazisti, ancora si chiedevano se stringere un'alleanza con franco-britannici o direttamente con i nazisti cedendo su Danzica (per Uliver). Chamberlain si sentì tradito da Hitler quando questi cedette la Rutenia all'Ungheria segno che non voleva aggredire l'URSS come aveva sempre promesso.
    Hitler non si fidava dell'opinione pubblica franco-britannica e riteneva che questa a differenza delle classi dirigenti filo-naziste fosse anti-fascista e avrebbe costretto i governi alla guerra contro la Germania. Hitler si volse ad ovest per sistemare le cose prima dell'attacco ad est.
    I britannici non protessero affatto la Polonia, comportandosi con assoluto cinismo, giacchè sapevano benissimo che non potevano dargli assistenza. Durante tutto il periodo che intercorse tra la dichiarazione di guerra e l'attacco tedesco alla Francia, questa assieme alla Gran Bretagna fece solo piani per invadere l'Unione Sovietica con cui non era ufficialmente in guerra. Piani definiti da molti ufficiali addirittura pazzeschi. Nel contempo cercavano di allearsi con i nazisti per invadere l'URSS.
    I rifornimenti di petrolio erano infimi, pari al 3% del fabbisogno tedesco, mentre i rumeni rifornivano per una percentuale molto maggiore la Germania ma ne Francia ne GB preparano piani contro la Romania.
    Chamberlain e company erano dei grandi estimatori si Salazar, Franco, Mussolini ma soprattutto di Hitler, mal sopportavano la democrazia, l'opposizione, i sindacati ecc. Erano convinti che Hitler sarebbe stato un loro alleato nella lotta contro il comunismo e per la difesa del colonialismo, della proprietà privata e dei loro privilegi.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gli intellettuali del Terzo Reich
    Di Malaparte nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-05-10, 23:33
  2. Gli UFO del Terzo Reich
    Di Nordreich nel forum Destra Radicale
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 02-12-08, 22:55
  3. Ufo nel Terzo Reich?
    Di Conner Macleod nel forum Destra Radicale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12-12-06, 20:28
  4. Ufo nel Terzo Reich?
    Di Conner Macleod nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-12-06, 09:59
  5. Ufo nel Terzo Reich?
    Di Conner Macleod nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-12-06, 09:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226