User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Va ora in onda Mediopoli: rete segreta Rai-Mediaset

    Nelle intercettazioni tra 2004 e 2005 allegate all’inchiesta sul fallimento della Hdc dell’ex sondaggista Crespi, la prova che alla concorrenza si era sostituita la complicità

    La rete segreta del Cavaliere
    che pilotava Rai e Mediaset

    Ecco le telefonate dei dirigenti vicini a Berlusconi
    di EMILIO RANDACIO e WALTER GALBIATI

    MILANO - “Media-Rai”. Le due superpotenze nazionali della tv, che dovrebbero competere aspramente per la conquista dell’audience, fare a gara nella pubblicazione di servizi esclusivi, in realtà si scambiano informazioni sui palinsesti. Concordano le strategie informative nel caso dei grandi eventi della cronaca. Orchestrano i resoconti della politica. Su tutto, la grande mano di Silvio Berlusconi e dei suoi collaboratori, che quotidianamente tessono la tela, fanno decine, centinaia di telefonate, si scambiano notizie, organizzano fino ai più piccoli dettagli. È il quadro che emerge dalle intercettazioni telefoniche - realizzate tra la fine del 2004 e la primavera del 2005 - allegate all’inchiesta sul fallimento della “Hdc”, la holding dell’ex sondaggista del Cavaliere, Luigi Crespi. E in particolare dai resoconti, redatti dalla Guardia di Finanza, delle conversazioni telefoniche di Debora Bergamini, ex assistente personale di Berlusconi e, all’epoca, dirigente della Rai, e di Niccolò Querci, pure lui ex assistente di Berlusconi e, all’epoca, numero tre delle televisioni Mediaset.

    La “ragnatela” avvolge e intreccia le vicende della tv di Stato con quelle di Mediaset. I direttori di Tg1 e Tg5 (all’epoca Clemente J. Mimun e Carlo Rossella) fanno, testuale, “gioco di squadra“. Il notista politico del Tg1 informa la Bergamini e la rassicura sul fatto che le notizie più spinose saranno relegate in coda al servizio di giornata. Fabrizio Del Noce cuce e ricuce, assicurando che Bruno Vespa, nella sua trasmissione, accennerà “al Dottore in ogni occasione opportuna“. Querci, insieme al gran capo dell’informazione Mediaset, Mauro Crippa, cuce sul versante opposto. E arriva fino ad occuparsi delle vicende del festival di Sanremo (quell’anno affidato a Paolo Bonolis), cioè della trasmissione di massimo ascolto dell’azienda che dovrebbe essere concorrente. E poi ancora, le fibrillazioni in due fasi delicate: la morte del Papa e le elezioni amministrative dell’aprile 2005.




    L’allora presidente Ciampi è pronto per una dichiarazione a reti unificate per onorare Giovanni Paolo II? La Bergamini allerta prima l’assistente personale del Cavaliere e poi Del Noce per preparare una performance parallela dell’inquilino di Palazzo Chigi. E ad essere allertato è anche il “rivale” Crippa. Le elezioni sono andate male? Bisogna “ammorbidire” i resoconti sui risultati elettorali. La Bergamini contatta Querci e con lui concorda la programmazione televisiva. La ragnatela avvolge tutto, pensa a tutto, provvede a tutto.
    (21 novembre 2007)
    http://www.repubblica.it/2007/11/sez...media-rai.html

    -------------------------

    Dopo calciopoli ora va in onda Mediopoli, il nuovo intreccio politica-affari-notizie che tutti sospettavano da tempo. Ora abbiamo le intereccettazioni che palesano il controllo dell’informazione da parte dei soliti noti. Ma come calciopoli, secondo me, finirà tutto a tarallucci e vino.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Messaggi
    36,452
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Rossella fa bene a ridere
    Chi davvero ha messo le mani, e non solo, sull'Azienda di Stato

    Ha ragione Carlo Rossella, oggi direttore di Medusa - ma al tempo dei fatti contestati direttore del Tg5 - a ridere delle possibili collusioni fra Rai e Mediaset. Chissà mai che cosa poteva esserci di anormale nel fatto che i direttori delle testate dei due poli televisivi italiani si consultassero fra loro, e magari trovassero anche delle intese.


    Non escludiamo poi che una pratica del genere possa svolgersi anche fra grandi quotidiani nazionali: ci sembrerebbe una cosa di buon senso. Che le fonti di informazione si consultino tra loro è più che normale. Sarebbe grave, semmai, se volessero accordarsi sulle priorità e le impostazioni da adottare. Semmai il problema potrebbe esistere se si accusassero i dirigenti della Rai e di Mediaset di voler pilotare le notizie di comune accordo, al fine di nascondere o di far sapere determinate cose, piuttosto che altre, al grande pubblico di ascoltatori. Non c'è una chiara accusa su un punto di questa rilevanza e crediamo che non ci potrà essere mai, per la semplice ragione che, in fatto di manipolazione di notizie, la Rai non ha mai avuto bisogno e non ha tuttora bisogno di consultarsi con nessuno.

    Ha un primato d'eccellenza, in questo campo, imbattibile. E lo ha avuto, è vero - lo ricordiamo - anche durante il governo Berlusconi. Ma nel senso opposto a quello che si crede, perché il Tg1 fu l'unica testata giornalistica mondiale a dire che un colpo di mortaio sparato in un mercato di Baghdad - che aveva fatto saltare per aria non ricordiamo più quanti civili - in realtà era una bomba di un aereo americano. Questo grazie ai suoi prestigiosi inviati in Iraq, o alle sue redazioni, magari le stesse che preparavano i servizi sulla strage avvenuta a Fallujah, famoso luogo termale del Medio oriente.

    Considerando che il governo Berlusconi aveva truppe nella regione ed era alleato degli Usa, forse non riusciva a gestire la Rai come pure la sapeva gestire l'opposizione di sinistra in quel periodo. E d'altra parte le infornate di giornalisti e tecnici fatte da Pci e Dc e poi da Ds e Margherita nell'Azienda, saranno pure servite a qualcosa e non sono state certo compensate da qualche assunzione strappata da An o magari, sinceramente nemmeno ne siamo informati, dalla Lega. C'è un professionismo nella Rai, lo diciamo all'onorevole Veltroni che si scandalizza per le contaminazioni politiche e partitiche dell'Azienda, sul quale preferiamo stendere un velo pietoso. E, indipendentemente dal sospetto di contatti e di collusioni - torniamo alla risata gioviale di Rossella - la Rai imita e fa il verso da anni a Mediaset, dimenticando le differenze fondamentali fra servizio pubblico e privato. Questo è quello che ci preme davvero: recuperare la Rai al servizio pubblico, oppure, se non è possibile, metterla sul mercato. Perché se c'è un anomalia in Italia, non è il duopolio. E' la Rai. E semmai l'idea di cancellare il duopolio significa ridare alla Rai un ruolo di dominio assoluto sul sistema televisivo. Visti i costi e la scarsa qualità, preferiamo di no. Sorvoliamo infine sul fatto che, nel momento in cui Berlusconi apre al dialogo con il Pd e le riforme, salti fuori una vicenda di questo genere con gli strali conseguenti. Onorevole Veltroni, senta: glielo diciamo con simpatia, noi non siamo fessi.

    Roma, 22 novembre 2007

    tratto da http://www.nuvolarossa.org/modules/n...p?storyid=4489

 

 

Discussioni Simili

  1. Privata la rete segreta italiana
    Di jotsecondo nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-06-10, 17:48
  2. Gli occhi di Mediaset sulla rete Eutelia
    Di Comunardo nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-04-10, 18:56
  3. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 20-10-08, 13:45
  4. La Rete resti libera da Mediaset e da Veltroni
    Di salerno69 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-08-08, 19:08
  5. Rete segreta Mediaset Rai
    Di brunik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 719
    Ultimo Messaggio: 25-11-07, 15:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226