User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry L'ostile politica di J. Broz Tito verso la Serbia.

    "Secondo le statistiche serbe (da guardare con doveroso sospetto) la popolazione del Kossovo era nel 1945 di circa 750.000 di cui 170.00 serbi ossia il 20%"

    Forse vero, ma sarebbero piu' probanti le statistiche del 1940, ovvero prima dell'occupazione italiana, durante la quale venne portata avanti la prima , grande, pulizia etnica del Kosovo. Non perche' gli italiani ce l'avessero in particolare coi Serbi, ma semplicemente perche'nei patti italo-tedeschi, la Serbia era "zona d'influenza" tedesca, mentre l'Albania era riconosciuta come parte dello Stato italiano. Per cui, se si creava una "grande Albania", magari comprendente la Ciamuria, un bel pezzo di Macedonia, e magari il Sangiaccato, gli unici che avevano da guadagnarci erano gli italiani. Per cui chiudemmo tutti e due gli occhi sulle stragi effettuate dagli Albanesi, favorendo la fuga dei Serbi.
    Per il 1945 c'e' da sapere che il croato Tito con uno dei primi editti della nuova Repubblica Popolare blocco'il rientro dei profughi nei luoghi d'origine "fino a nuovo ordine", "ordine" che per il Kosovo non venne mai, praticamente congelando la situazione di maggioranza albanese, il che gli permise di imporre quelle condizioni di "autonomia speciale" del Kosovo che furono tolte da Milosevic su pressione, ironia della storia, del Fondo Monetario Internazionale e dalla Banca Mondiale.
    Comunque, per Tito "Una forte Serbia e' una Yugoslavia debole", ovviamente perche' la storica simpatia che legava la Serbia alla Russia era vista come una minaccia al suo regime, che campava solo grazie al suo dissidio con Mosca.
    Email: [email protected]

    Fonte: dal forum di pagine di difesa

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Oct 2007
    Messaggi
    262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il Nostro Tito ha fatto molte cose buone alla Costituzione Jugoslava del 1974 al favore dei croati e della Repubblica Socialista Croata.Ha divisi la Serbia su 3 parti , ha posibiliato
    ai croati il diritto della seccessione , etc.


    Grazie Tito

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry

    Citazione Originariamente Scritto da Bergdolmo Visualizza Messaggio
    Il Nostro Tito ha fatto molte cose buone alla Costituzione Jugoslava del 1974 al favore dei croati e della Repubblica Socialista Croata.Ha divisi la Serbia su 3 parti , ha posibiliato
    ai croati il diritto della seccessione , etc.


    Grazie Tito
    Non il nostro Tito il tuo. Io con quella specie non voglio avere niente a che fare.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Oct 2007
    Messaggi
    262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Quei due mi sembrano sufficenti.
    vabbene , forse ti accettiamo , i figli delle scimmie sono gli animali buoni

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry

    Citazione Originariamente Scritto da Bergdolmo Visualizza Messaggio
    vabbene , forse ti accettiamo , i figli delle scimmie sono gli animali buoni
    Buuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Oct 2007
    Messaggi
    262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Buuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu uuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu

    lingua delle scimmie? dove l'hai imparata

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry

    Bergdolmo
    Iscritto





    Iscritto dal: 06-10-2007
    Messaggi: 176 Consiglio

    --------------------------------------------------------------------------------

    Ti do un consciglio.

    Hai cominciato primo ad ofendere , OK

    Non c'entra ... ma ti do consiglio di non ripetterlo , perche' ti posso ofendere sempre in piu'


    ora scelga tu cosa vuoi , caro cetnico-nazista

    ciao

    Mia risposta ad un messaggio privato di Bergdolmo:
    Io adesso chiudo. Questo per me e' una minaccia. Avviso l'amministrazione.

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Tornando ad argomenti seri, io sarei favorevole a portare il mausoleo di Tito via da Belgrado, anche se e' un'attrazione turistica. Sarebbe interessante sapere se qualcuno e' disposto a fare l'acquisto. Secondo me la Serbia attuale ha bisogno di dimenticare il passato regime, non solo per le amputaziomi territoriali subite, ma anche perche' Tito e' stato responsabile della cacciata dei sovietici dalla Jugoslavia nel 1948. Sarebbe molto bello che a distanza di quasi sessant'anni, il popolo serbo e russo divengano di nuovo alleati. Per fare cio' bisogna sconfiggere i collaborazionisti occidentali presenti purtroppo in modo numeroso (senza essere maggioranza) in Serbia e offrire il proprio territorio alle basi ed installazioni militari russe. Domenica ci saranno le legislative in Russia, il partito di Putin stravincera' e spero e credo che presto in Serbia succedera' la stessa cosa. Per un futuro insieme, faccio un brindisi.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Oct 2007
    Messaggi
    262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Smile

    Lasciando le bambinate del provocatore rafrad , torniamoci agli argomenti seri e legati a questa tema....

    L'ARTICOLO DI TITO - TITO VIVE ANCORA 25 DALLA MORTE



    In Croazia il 4 maggio di quest'anno alle 15.05 non sono suonate le sirene come si era fatto per alcuni anni in seguito al 1980. In quel modo si commemorava l'anniversario della morte di Josip Broz Tito, presidente della Jugoslavia, che guidò il Paese dalla fine della Seconda guerra mondiale 1945, alla sua morte appunto nel 1980. Ma, nel suo paese natale, Kumrovac, un villaggio nella provincia croata, sul versante nord occidentale della Croazia, le sirene hanno fischiato ugualmente, e un folto numero di persone si è ritrovato davanti al suo monumento, per commemorarne il venticinquesimo dalla morte. Il presidente dell'Unione dei combattenti antifascisti, Kresimir Piskulic, parlando davanti alla statua di bronzo di Tito, ha detto che "i monumenti si possono distruggere, ma non si può distruggere l'opera del compagno Tito".

    Il monumento in questione, realizzato da Antun Augustincic, uno dei più noti scultori croati, è ritornato al suo posto, davanti alla casa natale di Tito a Kumrovac, l'11 aprile di quest'anno. Prima era stato per diversi mesi in riparazione in modo da cancellare le conseguenze causate dall'esplosione di alcuni ordigni, fatti saltare ai piedi della statua di Tito il 27 dicembre dello scorso anno. Benché il colpevole non sia mai stato scoperto, è chiaro che il monumento sia stato minato da coloro che considerano Tito un "nemico dei Croati" che non merita alcuna commemorazione.

    Ma sono molti anche coloro i quali a tutt'oggi hanno una buona idea di Tito. Anzi, l'impressione è che ve ne siano sempre di più e che dall'epoca della sua morte stia montando una nostalgia sempre più forte per lui e per il periodo nel quale ha governato. Nell'anniversario della sua morte, la Casa dei fiori (Kuca cvijeca), la tomba di Tito nel quartiere di Dedinje, a Belgrado, nelle immediate vicinanze del complesso di ville lussuose dove è vissuto, è stata visitata da oltre 300 Croati, giunti per rendergli onore. Sono arrivati a Belgrado su sette autobus ed ha fatto loro da guida il rappresentante dell'Unione dei combattenti antifascisti Tomislav Badovinac.

    Solo alcuni giorni prima del 25 anniversario della morte di Tito, a Labina, in Istria, una delle più sviluppate regioni della Croazia, in una delle piazze principali, è stato posto un busto di Josip Broz Tito. Il prefetto Ivan Jakovcic, parlando durante la cerimonia, ha spiegato il senso in Istria dell'erigere un monumento a Tito:

    "Noi non rimpiangiamo né il comunismo né la Jugoslavia, né in questo modo vogliamo rispondere alla posa del busto di Tudjman a Osijek. Lo facciamo perché rispettiamo una personalità di rilievo mondiale quale è stato Tito" ha dichiarato Jakovcic. Ha inoltre affermato che Tito, a ragione, è benemerito per il fatto che la Jugoslavia, e con essa la Croazia, si sia trovata dalla parte dei vincitori, della coalizione antifascista nella Seconda guerra mondiale. Aggiungendo che proprio su queste basi è stata costruita anche l'attuale Europa, di cui vorrebbe essere parte costituente anche la Croazia: "Oggi l'Europa è fondata sulla tradizione antifascista. Noi siamo pronti ad edificare l'Istria e la Croazia proprio su quell'eredità".

    "Ricordo volentieri Tito, perché al tempo in cui governava si stava bene. Avevamo la pace, tutti vivevamo in un Paese che solo lui era in grado di tenere insieme. Ma, ancora più importante di questo è che, a differenza dei miei figli che da anni cercano un posto di lavoro, noi avevamo dove lavorare. Si viveva in modo modesto, non c'erano differenze come quelle di oggi, dove alcuni hanno tutto e gli altri nulla", racconta un'anziana signora giunta a Kumrovac per portare gli onori a Tito.

    Benché fosse croato, Tito dopo la costituzione dello stato croato nel 1991 finì sulla lista nera del governo Tudjman. E non tanto per volere dello stesso Franjo Tudjman, primo presidente croato, quanto a causa della gente che gli stava vicino, in particolare la diaspora croata che nel 1990 fece ritorno in patria. Quelli che durante la Seconda guerra mondiale lottarono contro i partigiani di Tito, e che furono dalla parte degli ustascia di Ante Pavelic, ritenevano infatti che Josip Broz fosse un "boia" che aveva messo la Croazia nella "gabbia del popolo", come veniva definita la Croazia sotto la dominazione di Belgrado.

    All'inizio degli anni novanta molte vie e piazze della Croazia recanti il nome di Tito cambiarono nome, ma Tudjman si oppose affinché ciò venisse fatto anche a Zagabria, dove tutt'oggi vi è la Piazza Maresciallo Tito. Nonostante molti oppositori di Tito abbiamo protestato per questo motivo, e alcuni con atti violenti abbiano tolto la targa sulla quale c'è scritto il suo nome, la piazza non ha mai cambiato denominazione.

    Tudjman - che è stato un generale di Tito ed insieme a lui ha lottato contro gli ustascia di Pavelic - era affascinato dal Maresciallo. Non lo ha mai dichiarato in pubblico, per non irritare i suoi collaboratori provenienti dalle fila della diaspora, ma lo ha fatto trapelare tra ristretti e intimi circoli, dove affermava che Tito era stato un grande croato e una brillante personalità di rilievo mondiale. I collaboratori di Tudjman affermano pure che in molte situazioni aveva tentato di imitarlo, e come prova più evidente portano il fatto che anche Tudjman, proprio come Tito, amava apparire con l'uniforme.

    Nonostante ci siano stati dei tentativi di trasferire i resti di Josip Broz da Belgrado alla Croazia, non si è mai giunti alla realizzazione di tale idea. I sostenitori affermano che la terra natale di Tito sia la Croazia e che quindi dovrebbe essere sepolto "in patria", con tutte le onorificenze destinate alle grandi personalità. Gli oppositori invece contestano a Tito di non essersi mai comportato da vero Croato, anzi al contrario, di aver smorzato ogni velleità di uno stato croato indipendente. I realisti però indicano che un'eventuale tomba per Tito in Croazia potrebbe innescare nuovi conflitti ideologici, e che potrebbe pure essere un luogo di azioni terroristiche, come quelle accadute lo scorso dicembre al suo monumento a Kumrovac.

    Nel frattempo uno dei registi croati più famosi, Antun Vrdoljak, ha annunciato che a breve inizierà a girare un film documentario su Josip Broz Tito. Vrdoljak era uno stretto collaboratore del defunto presidente Tudjman, ma prima della dissoluzione della Jugoslavia aveva girato alcuni film in cui si esaltavano i partigiani di Tito durante la Seconda guerra mondiale. Uno di questi è il noto film "Sulla montagna cresce il pino verde" (U gori raste zelen bor), per il quale ha ricevuto numerosi premi.

    Ma già il fatto stesso che il film verrà girato da Vrdoljak ha suscitato accesi dibattiti, per nulla sporadici quando è in questione la figura di Tito. I suoi compagni d'armi sopravvissuti ritengono che Vrdoljak non sia la persona adatta per girare un film obiettivo su Tito, ed hanno addirittura chiesto che gli venga vietato. Il regista ha risposto direttamente ed a modo suo: "Lo stesso Tito mi ha ordinato come presidente della repubblica di fare il film ' Quando senti la campana', e l'organizzazione dei combattenti antifascisti per quel film mi ha consegnato il premio annuale. Quella gente non ha la minima idea di chi sia stato Tito, ne di chi sia Vrdoljak".

    Litigi e controversie sul ruolo di Tito continuano anche a distanza di 25 anni dalla sua morte.

    www.osservatoriobalcani.org

  10. #10
    Forumista senior
    Data Registrazione
    18 May 2009
    Messaggi
    1,228
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Nas Milosevic....Nas Mladic ! Kradzic Heroj

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Josip Broz Tito:
    Di lupodellasila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 05-05-08, 02:58
  2. La Politica Antiserba Di Josip Broz
    Di Sabotaggio nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-02-08, 15:09
  3. Josip Broz TITO
    Di DaBak nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 17-10-06, 02:23

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225