User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: il ministro chiede ai prefetti di bloccare questo tipo mdi manifestazioni, è giusto?

Partecipanti
13. Non puoi votare in questo sondaggio
  • si

    3 23.08%
  • no

    10 76.92%
  • non saprei

    0 0%
  • altro

    0 0%
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 28
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Elezioni politiche 1989

    Non molti sanno che sono un fan di RAFFAELLA CARRA'.
    Allora mi lancio in un ucronia di raffaella carrà politica.

    Nel 1977, nel periodo del compromesso storico, raffaella carrà, in accordo con alcuni ricchi ed importanti uomini di spettacolo, lancia un nuovo partito, il BLOCCO POPOLARE RAFFAELLA CARRA', anticipando di venti anni Yulia Timoshenko.

    Nel 1978 il Blocco si presenta alle elezioni regionali del Friuli riscuotendo un insperato e forte successo. Presentando liste unitarie con i radicali e i repubblicani ottiene un più che dignitoso 9.5% superando di 240 voti i socialisti e risultando la terza forza regionale. Il programma politica raffaelliano era basato su un forte populismo sui temi sociali, su una forte componente libertaria e su un discreto nazionalismo, tanto che raffaella due anni dopo dirà che il Blocco è un partito "Nazional-progressista". Nello stesso anno si pone in maniera provocatoria a favore del cosidetto vincolo esterno, ossia della proposta di entrare nello SME. Raffaella nel comizio di Udine del 21 Aprile attacca duramente un "sistema industriale e finanziario che nel nostro paese non sa guardare al di là del proprio naso. Certe volte mi domando se di economia capitalista ne capiscono di piu' gli industriali o i comunisti..."

    Nel 1979, nelle elezioni politiche anticipate, Raffaella attacca fortemente il compromesso storico "massacratore delle classi sociali piu basse, capace solo di rubare ingrassando il ceto statale". Raffaella è anticipatrice del populismo liberale da anni 80 e allo stesso tempo è libertaria, nazionalista. Le sue contraddizioni sono palesi ad uno che studio attentamente il suo programma ma con il carisma e le sue canzoni ferma ogni genere di contestazione.
    Raffa lancia un progetto "progressista, popolare, nazionale" e fa un accordo elettorale con il Partito Radicale. La lista è chiamata BLOCCO POPOLARE RADICALE RAFFAELLA E MARCO (pannella, ndr).
    L'obiettivo è "ottenere più del 5%" per un'alternativa laica, popolare, nazionale e progressista. Ottiene, sorprendentemente, il 7.3%. In un'analisi dei flussi elettorali si evidenzia che raffaella è votata da molti comunisti delusi e da molti socialisti-socialdemocratici-repubblicani. Il voto della carrà è cosi' diviso: 28% ex radicali, 9% non voto, 20% ex comunisti, 13% ex socialisti 7% ex socialdemocratici, 7% ex repubblicani, 3% ex liberali, 12% ex democristiani, 1% altri.
    Alle europee, ancor piu sorprendentemente, sbanca e ottiene il 13.4%.

    Nel 1980 Raffaella, dal Parlamento, attacca duramente il "partito socialista italiano, che potremmo chiamare facilmente partito dei venduti. Governa in tutto il paese o con i comunisti o con i democristiani. Assieme a PCI e DC spartisce la torta del potere lasciando le briciole ai piccioni, ai cittadini italiani che generosamente votano sempre questi tre". In alternativa all'idea dei 2 forni di Andreotti la Carrà propone l'idea dei "3 forni, uno peggiore dell'altro, in cui io nn mi butterei mai. E' ora di mandarli tutti a cag*re".
    Alle elezioni regionali dello stesso anno ottiene voti incoraggianti dopo accordi elettorali locali che la portano a fare liste "Blocco Popolare Radicale" in 13 regioni e liste "Fronte Ampio PSDI - PRI - BPRC - PR" in Basilicata e Piemonte.
    Particolarmente forte risulta il successo nel nord, dove ottiene il 17.5% in Piemonte, il 12.4% in Liguria, l'11.3% in Lombardia.
    Nello stesso anno riesce a presentare una proposta di riforma elettorale e di riforma istituzionale della costituzione che "garantiscono maggioranze piu stabili". In questo annuncia una collaborazione con democristiani e comunisti. L'idea della carrà è accordarsi con Bettino sfidandolo nello stesso settore, creare un polo progressista che "vada dai socialisti ai liberali" e sfidare con questo democristiani e comunisti con una legge elettorale "proporzionale ma che garantisca meno i micropartiti".

    Nel 1981 Raffaella trova un accordo con PSI, PSDI, PR, PLI, PRI, DC e PCI per una legge elettorale scritta di suo pugno che assicura uno sbarramento al 6% a livello circoscrizionale. Dice di ispirarsi direttamente "al sistema elettorlae spagnolo di recente ideato da quella giovane democrazia vitale ed energica che ha appena eletto un ottimo riformista come Gonzales". La legge viene approvata perchè assicura a DC e PCI piu seggi con un sistema come questo. Non sanno dell'accordo Raffa-Bettino per un sistema che di fatto diviene tripolare. Dopo la legge elettorale si va subito ad elezioni. Nel Settembre vi è l'annuncio di elezioni per Marzo. A ottobre miss raffa organizza una mega conferenza stampa in cui annuncia l'accordo elettorale tra tutti i partiti laici e progressisti. Poche settimane dopo organizza un mega raduno nazionale a Roma intitolato "Per l'Italia di domani una forza progressista e socialista".

    Nel 1982, quindi, elezioni anticipate con la nuova legge. Il "Fronte Ampio Progressista" (FAP),ottiene un buonissimo risultato, che è di 4.3 punti percentuali sopra alla somma delle liste del 1979 (che erano il BPRRM - PSI - PSDI - PRI - PLI). Raffa annuncia ad una piazza festante che il FAP ha ottenuto il 28.2% e che democristiani e comunisti non potranno piu' prescindere dai progressisti per la formazione del governo. Tra l'altro i comunisti erano al 27.3% e quindi sotto la grande coalizione carrariana.
    Pertini incarica Raffaella Carrà di formare il governo, nonostante i democristiani abbiano ottenuto il 32.6%, quindi piu di 4 punti piu dei progressisti.
    La Carrà dialoga fittamente con Berlinguer e ottiene di creare un governo come in francia, con però fin da subito solo un appoggio esterno dei comunisti.
    Il governo Carrà I presenta 8 socialisti, 3 radicali, 3 socialdemocratici, 3 repubblicani, 1 liberale. 9 donne e 8 uomini. Craxi è vice-premier, ministro degli Esteri. Tutti i ruoli chiave sono o dei socialisti o dei radicali. E' una rivoluzione.
    GLi altri partiti in parlamento sono i missini, i demoproletari e una lista liberal-repubblicana di destra, oltre ai partiti regionali (Liga Veneta, Sardisti, SVP, UV)

    1982-1986 i quattro anni di raffaella. In quattro anni raffaella fa miracoli, portando l'economia in una situazione splendida con un'inflazione che cala velocemente e una spesa pubblica che comunque non impazzisce. Raffaella con le sue canzoni fa innamorare gli italiani, poi con il sistema sociale li culla e li porta in tomba. E' la vera super mamma. Tutte le elezioni dal 1982 al 1986 sono trionfi tanto che alle regionali del 1985 il FAP ottiene il 37.8% a livello nazionale. Nel 1985 viene eletto presidente della Repubblica Spadolini. Nel 1986, con i conti pubblici in ordine e un'economia che va, una riforma costituzionale (monocameralismo e federalismo le due principali riforme) votata da tutto il parlamento e ratificata da un referendum popolare, una serie di riforme ambientaliste sorprendenti ed anticipatrici, raffaella si presenta al popolo con una nuova parola d'ordine: "Libera espressione per i progressisti". Vuole un mandato pieno, oltre il 40% dei voti, per fare certe riforme che i comunisti non accetterebbero. Convoca quindi delle elezioni anticipate. Nel frattempo il FAP si è trasformato da alleanza elettorale in federazione e nel 1986 raffaella annuncia:"con una vittoria ampia il FAP diverrà il PARTITO PROGRESSISTA". Nel frattempo, durante le elezioni, conclude l'AUE sostenuta dall'eurodecisionismo craxiano. Un successo che porterà a Maastricht.
    Passano due settimane e Craxi, che dopo 4 anni si augurava la staffetta, si incazza con la Carrà per l'annuncio di cui lui non sapeva nulla.
    Alle elezioni corrono insieme, ma quasi da separati in casa.
    Le elezioni non risentono però di questa divisione mai arrivata alla stampa. Carrà-Craxi-Pannella-Spadolini ottengono un pesantissimo 43.3%. La Democrazia Cristiana arretra al 25.9%, i comunisti ottengono il 22.2%.
    I seggi per il FAP sono 239 su 500. Con il sostegno di alcuni partiti regionali e con il passaggio di alcuni parlamentari comunisti che creano il gruppo "Sinistra Democratica" formato da 13 parlamentari (la destra del PCI, Napolitano in testa) la maggioranza è gestibile.
    Raffaella non vuole interrompere il sogno italiano per il suo litigio con Craxi e li lascia il posto di primo ministro. Nasce il governo Craxi I e due mesi dopo nasce il Partito Progressista, membro del Gruppo Socialista al parlamento europeo. Ne esce una piccola componente liberale che ricrea il Partito Liberale Italiano(che sostiene il governo Craxi) ma ne fanno parte i miglioristi ex PCI.
    Il Craxi I è formato da 9 donne e 6 uomini, con raffaella ministro degli esteri, 5 socialisti, 4 radicali, 2 socialdemocratici, 2 repubblicani, 1 liberale, 1 migliorista.
    Il governo dura 3 anni, tra troppi litigi. Il PP nasce forte e vince diverse elezioni ma alle elezioni politiche del 1989 si attendono sconquassi. Il Pci e la Dc hanno fatto un "accordo per l'Italia" criticando il troppo decisionismo e il troppo poco impegno sociale dei progressisti.
    Il PP si presenta con candidato alla presidenza del consiglio colui che tra raffa e bettino prenderà piu preferenze. E' quindi una guerra fratricida

    Chi voti?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito

    Ma Enrico, com'è che il MSI scompare sistematicamente dai tuoi sondaggi?
    Con la Segreteria Fini I, però... astenuto.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Defender Visualizza Messaggio
    Ma Enrico, com'è che il MSI scompare sistematicamente dai tuoi sondaggi?
    Con la Segreteria Fini I, però... astenuto.
    non da tutti. Solo che su quelli in cui voglio far prevalere le liste strane non vi metto xk nel mondo siete circa l'1% su pol il 35%... e nn è + funny

  4. #4
    UNIDADE INDIPENDENTISTA
    Data Registrazione
    12 Jan 2006
    Località
    Girona (Catalunya) Aristanis (Sardinnya)
    Messaggi
    6,165
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico1987 Visualizza Messaggio
    Non molti sanno che sono un fan di RAFFAELLA CARRA'.
    Allora mi lancio in un ucronia di raffaella carrà politica.

    Nel 1977, nel periodo del compromesso storico, raffaella carrà, in accordo con alcuni ricchi ed importanti uomini di spettacolo, lancia un nuovo partito, il BLOCCO POPOLARE RAFFAELLA CARRA', anticipando di venti anni Yulia Timoshenko.

    Nel 1978 il Blocco si presenta alle elezioni regionali del Friuli riscuotendo un insperato e forte successo. Presentando liste unitarie con i radicali e i repubblicani ottiene un più che dignitoso 9.5% superando di 240 voti i socialisti e risultando la terza forza regionale. Il programma politica raffaelliano era basato su un forte populismo sui temi sociali, su una forte componente libertaria e su un discreto nazionalismo, tanto che raffaella due anni dopo dirà che il Blocco è un partito "Nazional-progressista". Nello stesso anno si pone in maniera provocatoria a favore del cosidetto vincolo esterno, ossia della proposta di entrare nello SME. Raffaella nel comizio di Udine del 21 Aprile attacca duramente un "sistema industriale e finanziario che nel nostro paese non sa guardare al di là del proprio naso. Certe volte mi domando se di economia capitalista ne capiscono di piu' gli industriali o i comunisti..."

    Nel 1979, nelle elezioni politiche anticipate, Raffaella attacca fortemente il compromesso storico "massacratore delle classi sociali piu basse, capace solo di rubare ingrassando il ceto statale". Raffaella è anticipatrice del populismo liberale da anni 80 e allo stesso tempo è libertaria, nazionalista. Le sue contraddizioni sono palesi ad uno che studio attentamente il suo programma ma con il carisma e le sue canzoni ferma ogni genere di contestazione.
    Raffa lancia un progetto "progressista, popolare, nazionale" e fa un accordo elettorale con il Partito Radicale. La lista è chiamata BLOCCO POPOLARE RADICALE RAFFAELLA E MARCO (pannella, ndr).
    L'obiettivo è "ottenere più del 5%" per un'alternativa laica, popolare, nazionale e progressista. Ottiene, sorprendentemente, il 7.3%. In un'analisi dei flussi elettorali si evidenzia che raffaella è votata da molti comunisti delusi e da molti socialisti-socialdemocratici-repubblicani. Il voto della carrà è cosi' diviso: 28% ex radicali, 9% non voto, 20% ex comunisti, 13% ex socialisti 7% ex socialdemocratici, 7% ex repubblicani, 3% ex liberali, 12% ex democristiani, 1% altri.
    Alle europee, ancor piu sorprendentemente, sbanca e ottiene il 13.4%.

    Nel 1980 Raffaella, dal Parlamento, attacca duramente il "partito socialista italiano, che potremmo chiamare facilmente partito dei venduti. Governa in tutto il paese o con i comunisti o con i democristiani. Assieme a PCI e DC spartisce la torta del potere lasciando le briciole ai piccioni, ai cittadini italiani che generosamente votano sempre questi tre". In alternativa all'idea dei 2 forni di Andreotti la Carrà propone l'idea dei "3 forni, uno peggiore dell'altro, in cui io nn mi butterei mai. E' ora di mandarli tutti a cag*re".
    Alle elezioni regionali dello stesso anno ottiene voti incoraggianti dopo accordi elettorali locali che la portano a fare liste "Blocco Popolare Radicale" in 13 regioni e liste "Fronte Ampio PSDI - PRI - BPRC - PR" in Basilicata e Piemonte.
    Particolarmente forte risulta il successo nel nord, dove ottiene il 17.5% in Piemonte, il 12.4% in Liguria, l'11.3% in Lombardia.
    Nello stesso anno riesce a presentare una proposta di riforma elettorale e di riforma istituzionale della costituzione che "garantiscono maggioranze piu stabili". In questo annuncia una collaborazione con democristiani e comunisti. L'idea della carrà è accordarsi con Bettino sfidandolo nello stesso settore, creare un polo progressista che "vada dai socialisti ai liberali" e sfidare con questo democristiani e comunisti con una legge elettorale "proporzionale ma che garantisca meno i micropartiti".

    Nel 1981 Raffaella trova un accordo con PSI, PSDI, PR, PLI, PRI, DC e PCI per una legge elettorale scritta di suo pugno che assicura uno sbarramento al 6% a livello circoscrizionale. Dice di ispirarsi direttamente "al sistema elettorlae spagnolo di recente ideato da quella giovane democrazia vitale ed energica che ha appena eletto un ottimo riformista come Gonzales". La legge viene approvata perchè assicura a DC e PCI piu seggi con un sistema come questo. Non sanno dell'accordo Raffa-Bettino per un sistema che di fatto diviene tripolare. Dopo la legge elettorale si va subito ad elezioni. Nel Settembre vi è l'annuncio di elezioni per Marzo. A ottobre miss raffa organizza una mega conferenza stampa in cui annuncia l'accordo elettorale tra tutti i partiti laici e progressisti. Poche settimane dopo organizza un mega raduno nazionale a Roma intitolato "Per l'Italia di domani una forza progressista e socialista".

    Nel 1982, quindi, elezioni anticipate con la nuova legge. Il "Fronte Ampio Progressista" (FAP),ottiene un buonissimo risultato, che è di 4.3 punti percentuali sopra alla somma delle liste del 1979 (che erano il BPRRM - PSI - PSDI - PRI - PLI). Raffa annuncia ad una piazza festante che il FAP ha ottenuto il 28.2% e che democristiani e comunisti non potranno piu' prescindere dai progressisti per la formazione del governo. Tra l'altro i comunisti erano al 27.3% e quindi sotto la grande coalizione carrariana.
    Pertini incarica Raffaella Carrà di formare il governo, nonostante i democristiani abbiano ottenuto il 32.6%, quindi piu di 4 punti piu dei progressisti.
    La Carrà dialoga fittamente con Berlinguer e ottiene di creare un governo come in francia, con però fin da subito solo un appoggio esterno dei comunisti.
    Il governo Carrà I presenta 8 socialisti, 3 radicali, 3 socialdemocratici, 3 repubblicani, 1 liberale. 9 donne e 8 uomini. Craxi è vice-premier, ministro degli Esteri. Tutti i ruoli chiave sono o dei socialisti o dei radicali. E' una rivoluzione.
    GLi altri partiti in parlamento sono i missini, i demoproletari e una lista liberal-repubblicana di destra, oltre ai partiti regionali (Liga Veneta, Sardisti, SVP, UV)

    1982-1986 i quattro anni di raffaella. In quattro anni raffaella fa miracoli, portando l'economia in una situazione splendida con un'inflazione che cala velocemente e una spesa pubblica che comunque non impazzisce. Raffaella con le sue canzoni fa innamorare gli italiani, poi con il sistema sociale li culla e li porta in tomba. E' la vera super mamma. Tutte le elezioni dal 1982 al 1986 sono trionfi tanto che alle regionali del 1985 il FAP ottiene il 37.8% a livello nazionale. Nel 1985 viene eletto presidente della Repubblica Spadolini. Nel 1986, con i conti pubblici in ordine e un'economia che va, una riforma costituzionale (monocameralismo e federalismo le due principali riforme) votata da tutto il parlamento e ratificata da un referendum popolare, una serie di riforme ambientaliste sorprendenti ed anticipatrici, raffaella si presenta al popolo con una nuova parola d'ordine: "Libera espressione per i progressisti". Vuole un mandato pieno, oltre il 40% dei voti, per fare certe riforme che i comunisti non accetterebbero. Convoca quindi delle elezioni anticipate. Nel frattempo il FAP si è trasformato da alleanza elettorale in federazione e nel 1986 raffaella annuncia:"con una vittoria ampia il FAP diverrà il PARTITO PROGRESSISTA". Nel frattempo, durante le elezioni, conclude l'AUE sostenuta dall'eurodecisionismo craxiano. Un successo che porterà a Maastricht.
    Passano due settimane e Craxi, che dopo 4 anni si augurava la staffetta, si incazza con la Carrà per l'annuncio di cui lui non sapeva nulla.
    Alle elezioni corrono insieme, ma quasi da separati in casa.
    Le elezioni non risentono però di questa divisione mai arrivata alla stampa. Carrà-Craxi-Pannella-Spadolini ottengono un pesantissimo 43.3%. La Democrazia Cristiana arretra al 25.9%, i comunisti ottengono il 22.2%.
    I seggi per il FAP sono 239 su 500. Con il sostegno di alcuni partiti regionali e con il passaggio di alcuni parlamentari comunisti che creano il gruppo "Sinistra Democratica" formato da 13 parlamentari (la destra del PCI, Napolitano in testa) la maggioranza è gestibile.
    Raffaella non vuole interrompere il sogno italiano per il suo litigio con Craxi e li lascia il posto di primo ministro. Nasce il governo Craxi I e due mesi dopo nasce il Partito Progressista, membro del Gruppo Socialista al parlamento europeo. Ne esce una piccola componente liberale che ricrea il Partito Liberale Italiano(che sostiene il governo Craxi) ma ne fanno parte i miglioristi ex PCI.
    Il Craxi I è formato da 9 donne e 6 uomini, con raffaella ministro degli esteri, 5 socialisti, 4 radicali, 2 socialdemocratici, 2 repubblicani, 1 liberale, 1 migliorista.
    Il governo dura 3 anni, tra troppi litigi. Il PP nasce forte e vince diverse elezioni ma alle elezioni politiche del 1989 si attendono sconquassi. Il Pci e la Dc hanno fatto un "accordo per l'Italia" criticando il troppo decisionismo e il troppo poco impegno sociale dei progressisti.
    Il PP si presenta con candidato alla presidenza del consiglio colui che tra raffa e bettino prenderà piu preferenze. E' quindi una guerra fratricida

    Chi voti?
    E al suono di Come è bello far l'amore da Trieste in giù (con relativa mossa della testa per tirare indietro l chioma bionda), riunifica e rapacifica l'Italia.

    Raffa premier , Yapino agli Interni, Boncompagni alle Finanze.

  5. #5
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,770
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico1987 Visualizza Messaggio
    non da tutti. Solo che su quelli in cui voglio far prevalere le liste strane non vi metto xk nel mondo siete circa l'1% su pol il 35%... e nn è + funny

    Vero anche questo!
    Allora voto DC, una volta tanto lo voglio fare anche io
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    14,734
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    partito progessista

  7. #7
    sionismo = infamità
    Data Registrazione
    15 Oct 2007
    Località
    Combatti l'Impero! "Fare come in Grecia"
    Messaggi
    1,820
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    partito progressista.

    tanti auguri!

  8. #8
    Forumista senior
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,333
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Partito Liberale Italiano.

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    17 May 2009
    Messaggi
    1,237
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Pci

  10. #10
    michelef
    Ospite

    Predefinito

    Fra Tutti Dico Liberale!!

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Elezioni Politiche fine 2009 (con elezioni 2008 diverse e caduta di Berlusconi)
    Di CompagnoStefano (POL) nel forum FantaTermometro
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 28-01-09, 17:04
  2. Elezioni politiche 2009 (con risultati elezioni 2006 diversi)
    Di Enrico1987 nel forum FantaTermometro
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-03-08, 11:59
  3. Elezioni Politiche di POL
    Di John Galt nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-05-07, 03:02
  4. Le elezioni politiche e irs.
    Di emma77 nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 24-04-06, 17:45
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-01-06, 14:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226