User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Voi direte (e non avete torto) ma a me piace

    Apro il blog del mio concittadino Beppe, lo leggo e me ne compiaccio assai. Sarà che il buon senso dovrebbe essere un valore comune a tutti gli esseri umani, sarà che in fin dei conti si tratta del più abile comunicatore tra tutti i 'guru' made in italy, sarà che il taglio giornalistico è invidiabile, fatto sta che il suo sito si sobbarca l'onere di mantenere a galla la barca italofona delle 'verità scomode'. Del resto, morto il leghismo, qualcuno dovrà pur farlo no? Ecco alcuni esempi:


    L’Italia versa alla UE circa 12/13 miliardi di euro ogni anno. I miliardi finiscono in un fondo comune che viene ripartito a favore delle aree in via di sviluppo. A noi tornano indietro circa 8/9 miliardi. Dove vanno? Quasi tutti a tre regioni: Campania, Calabria, Sicilia. I fondi europei, che sono soldi pagati con le nostre tasse, fanno quindi il viaggio Roma-Bruxelles-Napoli (o Palermo o Catanzaro). Un viaggio di sola andata senza responsabilità politiche di un singolo ministro della Repubblica. Infatti le decisioni sono prese a Bruxelles e la firma la mette uno sconosciuto funzionario.
    Le regioni del Sud, grazie alla politica comunitaria e alle decine di miliardi di euro ricevuti nel tempo, si sono sviluppate. La criminalità organizzata e le lobby politiche si sono evolute in società multinazionali integrate.
    Ma che fine fanno i 4/5 miliardi di euro di differenza non utilizzati per l’Italia? Vanno alle nazioni “povere”, di solito i nuovi ingressi nella UE. Come ad esempio la Romania che nel 2007/2013 riceverà 28/30 miliardi di euro per il suo sviluppo. E chi contribuisce al suo sviluppo? I baldi imprenditori italiani! L’Italia ha 22.000 imprese in Romania, è il primo partner commerciale. Un’impresa italiana che si stabilisce in Romania ha degli indubbi vantaggi: basso costo del lavoro, tassazione favorevole e accesso ai finanziamenti europei. Poi, magari, il prodotto lo rivende come “Made in Italy” guadagnando più di prima. Il presidente rumeno Calin Tariceanu ha spiegato che l’Europa non deve temere flussi incontrollati dal suo Paese perchè “La Romania ha uno dei tassi di disoccupazione più bassi di Europa” (vedi intervista). E’ un mondo alla rovescia. Chi rimane in Italia è tartassato, paga le tasse in anticipo, non ha finanziamenti dallo Stato. E allora va all’estero, in Romania. Con i soldi degli italiani. Quelli che sono avanzati dall’elemosina al nostro Sud da parte della nuova Cassa del Mezzogiorno che oggi si chiama UE.
    -------------------------------------------------------------------------

    Il Dalai Lama mi ha onorato di un incontro privato a Milano. Il Papa non ha voluto riceverlo, il presidente Napolitano neppure, Prodi è dato per disperso e il dalai-lema non lo vuole alla Farnesina. Camera e Senato non hanno ritenuto di doverlo ospitare ufficialmente. La Moratti ha deciso di usare prudenza, lo vedrà, ma insieme ad altri premi Nobel per non dare troppo nell’occhio. Dicono che si vestirà da monaca di clausura per non farsi riconoscere. Solo Formigoni, onore al merito, lo vedrà in via ufficiale. Siamo al trionfo della viltà. Il Dalai Lama è anche premio Nobel per la pace, oltre che guida spirituale dei buddisti tibetani e massima autorità temporale del Tibet.
    Quando la Cina era solo comunista il Dalai Lama veniva ricevuto da tutti, ora che la Cina è ipercapitalista il Dalai Lama è oscurato. Il dio denaro è la più forte tra le divinità italiane. Templi in suo onore sono presenti al centro di tutte le città, sono le nuove chiese: le banche, le assicurazioni.
    Uno degli uomini più importanti del mondo è trattato come un cane in Chiesa. La Confindustria è salva, l’Italia un po’ meno. Che differenza c’è tra la democrazia cinese e la nostra? Una sola, da loro la pena di morte è esplicita, ti sparano. Da noi ti isolano, ti diffamano, ti trasferiscono. Solo se è necessario ti ammazzano. E’ una dittatura buona. L’omicidio è solo l’ultima risorsa.
    ------------------------------------------------------------------------
    11 settembre 2001. Da allora siamo una nazione a rischio attentati islamici. Sono passati più di sei anni e a memoria non si è avuto un solo morto o ferito a causa della Jihad in Italia. Quasi un record. Non si è visto un solo invasato con il turbante o un fanatico con la barba coinvolto in una rapina, in un fatto di sangue, in un assalto in villa.
    Qualcuno crede che ciò sia possibile perchè l’Italia chiude un occhio, o forse tutti e due, e lascia fare. E permette che vengano costituite basi logistiche che possono servire per attentati in Europa. In questo ci può essere del vero, da noi si può fare quello che si vuole, siamo probabilmente il miglior crocevia dei servizi segreti del mondo. Abu Omar lo hanno rapito ventisei agenti della Cia a Milano. Ma un terrorista che vuol farsi esplodere a Londra o a Madrid può disporre facilmente di supporti locali. Non ha bisogno di Roma o di Milano. Dal 2001 ci sono stati circa 8000 persone assassinate sul lavoro, centinaia di morti per mano della criminalità organizzata, migliaia di stupri. Intere aree di Campania, Calabria e Sicilia sono extra territoriali, a lupara libera. Il risultato è che abbiamo inviato le nostre truppe in Iraq e in Afghanistan e tolti i fondi alla Polizia di Stato. Tutta colpa della Jihad.
    A cosa serve la paura del musulmano? Delle moschee? Chi prega di solito non delinque. Per trovare qualche risposta ho letto il recente rapporto della International Energy Agency sul futuro dell’energia mondiale. Il suo contenuto è riassunto in una cartina riportata dal Financial Times dal titolo: “L’importanza crescente dl petrolio del Medio Oriente”.
    Nel 1980 l’estrazione di petrolio era di 35,5 milioni di barili per giorno dagli Stati non Opec, ad esempio Stati Uniti e Russia, e di 28,1 mil/barili dalla zona Opec. La previsione per il 2030 è rovesciata, la produzione di petrolio sarà di 60,3 milioni di barili al giorno nella zona Opec e di 53,2 mil/barili nel resto del mondo. Chi controlla il Golfo Persico, dove sarà estratto il 30% dell’intero fabbisogno mondiale, controlla l’energia e chi controlla l’energia controlla il pianeta. La richiesta crescente di energia (la sola Cina passerà dagli attuali 7 milioni di barili al giorno a 16, 5 milioni nel 2030) coinciderà con la concentrazione dell'estrazione petrolio nel Golfo Persico, dove si affacciano Iran, Iraq, Arabia Saudita, Emirati. Tutti Stati musulmani. Più produci petrolio più sei terrorista.
    -------------------------------------------------------------------------

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Simply...cat!
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Brescia,Lombardia,Padania
    Messaggi
    17,080
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Finchè non ci sarà un sistema di democrazia diretta come In Svizzera,a tutti i livelli (provinciale,regionale,itagliano ed europeo), il comune cittadino non potrà mai controllare cosa combinano i suoi rappresentanti eletti a tutti i livelli.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,603
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio

    Finchè non ci sarà un sistema di
    democrazia diretta come In Svizzera,
    a tutti i livelli (provinciale,regionale,
    itagliano ed europeo), il comune
    cittadino non potrà mai controllare
    cosa combinano i suoi rappresentanti
    eletti a tutti i livelli.

    condivido e aggiungo la necessità
    di sciogliere tutti gli organismi
    internazionali, lesivi di ogni indipendenza
    e sovranità di popoli, stati e comunità.

  4. #4
    frontelombardia.org
    Data Registrazione
    23 Mar 2005
    Località
    Dèl - Brèsa | Hèmpèr Pròncc, Mìa Pòra | Europa - il Crepuscolo degli Dei
    Messaggi
    1,619
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Dragonball Visualizza Messaggio
    Finchè non ci sarà un sistema di democrazia diretta come In Svizzera,a tutti i livelli (provinciale,regionale,itagliano ed europeo), il comune cittadino non potrà mai controllare cosa combinano i suoi rappresentanti eletti a tutti i livelli.
    e finchè il "cittadino", che preferisco chiamare Popolano o Fratello, non avrà testa per votare con coscienza, sarà del tutto intuile anche il sistema di democrazia diretta, visto che non controllerà comunque cosa combinano i suoi rappresentanti, salvo noi poveri stronzi.

  5. #5
    Riot!
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    46
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego Visualizza Messaggio
    condivido e aggiungo la necessità
    di sciogliere tutti gli organismi
    internazionali, lesivi di ogni indipendenza
    e sovranità di popoli, stati e comunità.
    Beh, al di là dei sogni - sia chiaro, pure io disdegno questi organismi sovranazionali - però è pure vero pure che:

    Pur andando contro i più elementari principi dell'autogoverno, per noi che viviamo sotto lo sctato più marcio del mondo, è molto meglio che certi denari li distribuisca Bruxelles i cui funzionari sono stati assunti con un cazzutissimo concorso, piuttosto che la sporca roma. Sinceramente mi fido molto più di un funzionario finlandese, piuttosto che di uno della "città eterna".

    Chiaro che purtroppo le procedure di controllo per verificare che questi denari vengano spesi bene, le devono attivare i singoli stati....e qui casca l'asino...e abbiam pure visto nelle scorse settimane cosa è accaduto per quel magistrato che ha sollevato un bel casino...

    E' vero pure che un'altra cosa molto valida è la cosiddetta procedura per l'appalto "europeo". In sostanza, per favorire la partecipazione di tutti i soggetti europei, e per avere procedure più trasparenti possibili, tutte le gare sopra un tot di valore, devono passare attraverso Bruxelles. Per il "paese del sole e della bella ggente" però siamo alle solite. A certe latitudini se ne infischiano e seguono procedure che potremmo definire un pò "naif"...PErchè questo? Perchè di nuovo, in questo caso, il compito di vigilare sarebbe quello di "mamma roma"...e si sa, le mamme itagliane le perdonano tutte ai loro generosi figliuoli...in fondo, si sa, "so tutt' piezz'e core"...

    Mi viene da pensare con tristezza agli insegnamenti di Altiero Spinelli, quello insomma che parlava di "Europa delle 200 bandiere". Mi pare che tutto sia avvenuto in questi anni, meno vedere ridursi le ingerenze e le competenze delle burocrazie statali. E ricordo pure con affetto i primi anni della Lega in cui in sostanza si difendeva l'idea di Europa, in nome proprio di questo ideale: chiudiamo col tempo gli stati e lasciamo tutto a livello regionale e comunitario. Ma, parafrasando Brel...avec le temps...

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,603
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Vandereycken Visualizza Messaggio

    per noi che viviamo sotto lo sctato
    più marcio del mondo, è molto meglio che
    certi denari li distribuisca Bruxelles
    i cui funzionari sono stati assunti con
    un cazzutissimo concorso,
    piuttosto che la sporca roma.
    non sono d'accordo;
    ne roma, ne bruxelles,
    quando si tratta di palanche
    da dividere.

    l'europa ha un senso se gli
    vengono affidate pochissime
    competenze, una burocrazia
    numericamente al più basso
    livello possibile, ma altrettanto
    qualificata e che esprima
    la rappresentanza delle
    mille bandiere del continente.

    poi, ognuno per se e Dio per tutti........


 

 

Discussioni Simili

  1. vabbé lo so che mi direte peste e corna, ma...
    Di Fulvia nel forum Fondoscala
    Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 24-01-13, 19:18
  2. Vi dico come andrà...poi mi direte se sono stato strego!!!
    Di natolibero nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 28-06-11, 18:32
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-06-09, 16:11
  4. E adesso, che direte?
    Di svicolone nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 76
    Ultimo Messaggio: 16-08-06, 15:07
  5. Vi Piace Il Nome Che Avete? ........
    Di pensiero nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 98
    Ultimo Messaggio: 22-04-05, 22:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226