User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 43
  1. #1
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    116,412
    Mentioned
    470 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Comunicato del Candidato-Presidente del Blocco Nazionale Identitario-IPSN su POL

    Con questo comunicato intendo rendere note a tutte le nostre posizioni. Il comunicato è strutturato sostanzialmente in due parti: una riguarda i principi su cui si basa il nostro schieramento e la mia candidatura e una riguarda il programma che cercheremo di realizzare se vinceremo le prossime elezioni.



    Questa legislatura ha visto la fine di uno dei due principali poli: quello di centro-destra.
    Sfaldatosi a causa dei personalismi, il centro-destra, che finora era stato il nostro interlocutore principale, ha cessato definitivamente di esistere. Rimane il centro-sinistra: oggi, e lo possiamo dire con un certo orgoglio, l’unica forza politica che può contrastare lo schieramento progressista, post-comunista, liberalsocialista e anti-fascista per eccellenza siamo noi del Blocco Nazionale Identitario-IPSN.
    Noi siamo l’ultimo baluardo contro l’avanzata di forze ideologicamente sovversive e materialiste su questo forum.
    Il centro-sinistra aveva detto "Non ci presenteremo alle prossime elezioni". Tutto ciò s'è rivelato falso poichè alla fine liste di centro-sinistra, seppur mascherate da liste sdrammatizzatrici, si stanno presentando.
    Questo è lo “storico” compito a cui oggi siamo chiamati.
    Ce lo impongono le circostanze, ce lo chiede quel “popolo” che non si riconosce nel centro-sinistra e nei suoi (dis)valori,
    Occorre però fare chiarezza. E per fare chiarezza intendo dire che bisogna precisare quali sono le nostre istanze politiche.
    Noi, del Blocco Nazionale Identitario-IPSN, siamo:
    1)per la tutela di tutte le identità. Quindi per la tutela dell’identità europea, delle identità nazionali e delle identità locali. Noi siamo per un’Europa Imperiale e Federale. Un’Europa delle Nazioni sovrane e autonome che condividono le medesime radici nella civiltà pagana greco-romana, germanica e nel Cristianesimo, in particolar modo nel Cattolicesimo romano.
    In nome di questa comunanza di radici riteniamo necessario che l’Europa intera, da Lisbona a Vladivostok, si unisca affinché torni protagonista sulla scena mondiale, si liberi dall’influenza di potenze straniere, riacquisti la sua dignità e non sia unita solo per motivi economici e finanziari.
    2)Per la subordinazione dell’economia alla politica. Detto in altri termini, noi rifiutiamo la massima marxista secondo la quale “l’economia è il nostro destino”.
    A nostro modo di vedere la storia non si spiega unicamente da un punto di vista materialista e in relazione ai soli fattori economici. La nostra è una Weltanschauung che denuncia l’ossessione dei nostri tempi, ossia quella di ragionare principalmente, se non esclusivamente, in termini materialistici ed economici, mettendo il “bene dell’economia” di fronte a principi più alti e più nobili che invece dovrebbero ispirare l’azione politica. In tal senso riteniamo che l’aspetto politico, o meglio sarebbe dire metapolitico, debba prevalere su quello economico e a sua volta riteniamo che il lavoro debba divenire il soggetto dell’economia.
    Il lavoro, concepito come un’arte ed una vocazione particolare di ogni singola persona, deve essere al servizio degli interessi nazionali e dello Stato.
    Il frutto del lavoro e del risparmio individuale è la proprietà privata, la quale deve essere tutelata dallo Stato poiché la proprietà privata è il prolungamento di una persona in una determinata cosa e garanzia di libertà.
    Qualora la proprietà privata assuma una funzione negativa di oppressione e sfruttamento di “schiavi salariati”, essa va limitata dallo Stato.
    Garanzia di questo stato delle cose non può non essere un sistema economico-sociale che abbia come obiettivo dichiarato, di fronte alla situazione attuale, la costruzione dell’unità organica dell’azienda, la cogestione e quindi la collaborazione fra datori di lavoro e lavoratori, nel rispetto e nel mantenimento dei rispettivi ruoli. Una possibile via alla realizzazione di ciò potrebbe essere la ripartizione degli utili (ma anche dei dividendi) dell’azienda fra i lavoratori.
    In questo modo si andrebbe incontro ad una terza via rispetto al capitalismo liberista e al socialismo marxista.
    D’altra parte, si andrebbe a colpire con un tale sistema sia la figura del capitalista speculatore che la figura del “demagogo” incarnata dai sindacalisti di oggi, che illudono con facili promesse i lavoratori e poi vanno a braccetto con governi che non fanno altro che promuovere politiche che creano squilibri eccessivi dal punto di vista economico e anti-meritocratiche.
    3)Per la riaffermazione dei principi della Tradizione, forza ordinatrice i cui principi tendono verso l’alto ed hanno quindi un carattere “superiore”, “sovraumano”.
    Noi ad un quieto buonismo piccolo-borghese, ad un pacifismo pantofolaio o ad atteggiamenti anarchici e sovversivi, contrari ma uguali agli altri al tempo stesso, contrapponiamo una visione della vita che si fonda sui principi eroici della Roma arcaica e imperiale.
    Il senso del dovere, dell’onore, della fedeltà, la lealtà, il senso della misura, la giustizia, il coraggio e la rettitudine sono le fondamenta della nostra Weltanschauung.

    Questi sono i principi ai quali non intendiamo rinunciare.
    Principi non negoziabili che noi porteremo avanti senza se e senza ma in questo spazio virtuale che ci è concesso dall’Amministrazione.
    In base a questi noi chiederemo il voto ai forumisti di POL e in base a queste “affermazioni sovrane” che “negano assolutamente” il pensiero unico liberal-progressista e laicista ci presentiamo alle elezioni virtuali, che ci impegnamo a vincere.

    In base a questi principi noi riteniamo opportuno proporre il seguente programma all’attenzione dei forumisti di POL:

    1)Convocazione dell’Assemblea Costituente tramite apposito PDL dopo l’elezione dei tre giudici della Corte Costituzionale. Questi tre giudici saranno espressione delle tre aree politiche principali del forum, ossia il centro-destra, il centro-sinistra e la destra radicale.

    2)Modifica dell’attuale regolamento congressuale in modo da permettere che ai lavori delle tre commissioni congressuali partecipino anche esterni al Congresso.

    3)Riscrittura totale della Costituzione di POL e approvazione di una Costituzione che dovrà trovare il maggior consenso possibile delle forze politiche.
    A tal proposito noi anticipiamo qui le nostre posizioni. Il lavoro fatto in questa legislatura pur non avendo dato i frutti sperati ci ha consegnato una bozza definitiva di riforma costituzionale approvata dalle Commissioni competenti. Essa è stata frutto di un lungo lavoro di mediazione. La base è stata data dal progetto di Primoli.
    Questo poi è stato sviluppato, ampliato e migliorato da Ronnie e Cristiano72. La proposta venne poi integrata dal sottoscritto, da Gianfranco, Rudy, Zaffo, Folgore e Lepanto.
    L’allora Presidente della Corte Costituzionale [email protected] espresse in privato un parere giuridico personale sulla riforma e consigliò il sottoscritto per la stesura definitiva.
    Non intendiamo buttare via tutto questo. Perciò questi saranno i punti fermi della nostra azione riformatrice che intendiamo promuovere, tenendo conto della precedente esperienza:
    a) passaggio da una Repubblica Semi-presidenziale ad un sistema repubblicano pienamente presidenziale;
    b) rafforzamento dei poteri del Presidente di POL il cui potere verrà legittimato da un consenso popolare che sia come minimo pari al 50%+1 dei voti;
    c) abolizione della carica di Presidente del Consiglio dei Ministri. Questo ruolo verrà assunto pienamente dal Presidente della Comunità di POL il quale nominerà i ministri e ne revocherà il mandato qualora lo ritenesse opportuno;
    d) il Presidente di POL avrà la facoltà di porre il proprio veto ad una decisione presa in Consiglio dei Ministri: se la maggioranza dei ministri si esprimerà in favore di una proposta che il Presidente non condividerà, quest’ultimo potrà porre il proprio veto per non farla approvare;
    e) gli ex Presidenti di POL avranno il diritto di presentare leggi e mozioni al Congresso. Essi avranno lo status di “Congressisti a vita” senza diritto di voto. Gli ex Presidenti di POL potranno partecipare tranquillamente ai lavori delle Commissioni congressuali, della Giunta per il Regolamento congressuale e anche alle sedute della Corte Costituzionale, previo accordo col Presidente della Corte stessa;
    f) il governo nominato dal Presidente di POL non avrà bisogno all’inizio della legislatura di chiedere il voto di fiducia al Congresso. Il governo potrà essere sfiduciato in seguito all’approvazione da parte del 50%+1 dei votanti in Congresso di un’apposita mozione di sfiducia. A decadere però saranno solo i Ministri e i sottosegretari, non il Presidente di POL che potrà essere sfiduciato solo da una mozione di sfiducia presentata da almeno 1/3 dei congressisti e 25 forumisti che abbiano raggiunto 500 posts a patto che ottenga almeno il consenso dei 2/3 dei votanti in Congresso;
    g) il Presidente di POL potrà rinviare alla Corte Costituzionale una sentenza qualora la ritenesse incostituzionale. Se la medesima sentenza verrà approvata nuovamente il Presidente di POL sarà costretto a promulgarla. Se entro tre giorni il Presidente di POL non adempierà al suo dovere, saranno legittimati i Vice-presidenti di POL a promulgare la sentenza, pena la decadenza dal mandato.


    Questi punti verranno meglio svilupatti in una proposta che renderemo pubblica prossimamente a tutti i forumisti di POL.

    F.to
    On. Giò91
    Candidato alla Presidenza di POL per il Blocco Nazionale Identitario-IPSN.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Pasdar
    Data Registrazione
    25 Sep 2004
    Località
    Padova
    Messaggi
    46,771
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    9 Thread(s)

    Predefinito

    La proposta del Candidato è nobilmente impegnata per il gioco.
    «Non ti fidar di me se il cuor ti manca».

    Identità; Comunità; Partecipazione.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    12 Jun 2011
    Messaggi
    1,298
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Un programma radicale, rivoluzionario e di rottura!

    Giò91 Presidente!


    SH!

  4. #4
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,071
    Mentioned
    883 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito

    Sono molto innovative (e migliorative) anche rispetto alla riforma costituzionale proposta (e non passata)in questa legislatura queste proposte in particolare (faccio tra l'altro notare "en passant" che si propone di eleggere in ogni caso come atto di buon senso un giudice dell'area di sinistra anche se in questa legislatura non sarà rappresentata in Congresso dai suoi partiti storici):
    1)Convocazione dell’Assemblea Costituente tramite apposito PDL dopo l’elezione dei tre giudici della Corte Costituzionale. Questi tre giudici saranno espressione delle tre aree politiche principali del forum, ossia il centro-destra, il centro-sinistra e la destra radicale.

    2)Modifica dell’attuale regolamento congressuale in modo da permettere che ai lavori delle tre commissioni congressuali partecipino anche esterni al Congresso.

    3)Riscrittura totale della Costituzione di POL e approvazione di una Costituzione che dovrà trovare il maggior consenso possibile delle forze politiche.
    f) il governo nominato dal Presidente di POL non avrà bisogno all’inizio della legislatura di chiedere il voto di fiducia al Congresso. Il governo potrà essere sfiduciato in seguito all’approvazione da parte del 50%+1 dei votanti in Congresso di un’apposita mozione di sfiducia. A decadere però saranno solo i Ministri e i sottosegretari, non il Presidente di POL che potrà essere sfiduciato solo da una mozione di sfiducia presentata da almeno 1/3 dei congressisti e 25 forumisti che abbiano raggiunto 500 posts;

    g) il Presidente di POL potrà rinviare alla Corte Costituzionale una sentenza qualora la ritenesse incostituzionale. Se la medesima sentenza verrà approvata nuovamente il Presidente di POL sarà costretto a promulgarla. Se entro tre giorni il Presidente di POL non adempierà al suo dovere, saranno legittimati i Vice-presidenti di POL a promulgare la sentenza, pena la decadenza dal mandato.

  5. #5
    Reazionari dal 1789.
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Lecce, Respublica Christiana
    Messaggi
    5,433
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vai gio!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    29 Sep 2007
    Località
    Walter Veltroni Premier
    Messaggi
    7,473
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Giò91 Visualizza Messaggio
    Con questo comunicato intendo rendere note a tutte le nostre posizioni. Il comunicato è strutturato sostanzialmente in due parti: una riguarda i principi su cui si basa il nostro schieramento e la mia candidatura e una riguarda il programma che cercheremo di realizzare se vinceremo le prossime elezioni.



    Questa legislatura ha visto la fine di uno dei due principali poli: quello di centro-destra.
    Sfaldatosi a causa dei personalismi, il centro-destra, che finora era stato il nostro interlocutore principale, ha cessato definitivamente di esistere. Rimane il centro-sinistra: oggi, e lo possiamo dire con un certo orgoglio, l’unica forza politica che può contrastare lo schieramento progressista, post-comunista, liberalsocialista e anti-fascista per eccellenza siamo noi del Blocco Nazionale Identitario-IPSN.
    Noi siamo l’ultimo baluardo contro l’avanzata di forze ideologicamente sovversive e materialiste su questo forum.
    Il centro-sinistra aveva detto "Non ci presenteremo alle prossime elezioni". Tutto ciò s'è rivelato falso poichè alla fine liste di centro-sinistra, seppur mascherate da liste sdrammatizzatrici, si stanno presentando.
    Questo è lo “storico” compito a cui oggi siamo chiamati.
    Ce lo impongono le circostanze, ce lo chiede quel “popolo” che non si riconosce nel centro-sinistra e nei suoi (dis)valori,
    Occorre però fare chiarezza. E per fare chiarezza intendo dire che bisogna precisare quali sono le nostre istanze politiche.
    Noi, del Blocco Nazionale Identitario-IPSN, siamo:
    1)per la tutela di tutte le identità. Quindi per la tutela dell’identità europea, delle identità nazionali e delle identità locali. Noi siamo per un’Europa Imperiale e Federale. Un’Europa delle Nazioni sovrane e autonome che condividono le medesime radici nella civiltà pagana greco-romana, germanica e nel Cristianesimo, in particolar modo nel Cattolicesimo romano.
    In nome di questa comunanza di radici riteniamo necessario che l’Europa intera, da Lisbona a Vladivostok, si unisca affinché torni protagonista sulla scena mondiale, si liberi dall’influenza di potenze straniere, riacquisti la sua dignità e non sia unita solo per motivi economici e finanziari.
    2)Per la subordinazione dell’economia alla politica. Detto in altri termini, noi rifiutiamo la massima marxista secondo la quale “l’economia è il nostro destino”.
    A nostro modo di vedere la storia non si spiega unicamente da un punto di vista materialista e in relazione ai soli fattori economici. La nostra è una Weltanschauung che denuncia l’ossessione dei nostri tempi, ossia quella di ragionare principalmente, se non esclusivamente, in termini materialistici ed economici, mettendo il “bene dell’economia” di fronte a principi più alti e più nobili che invece dovrebbero ispirare l’azione politica. In tal senso riteniamo che l’aspetto politico, o meglio sarebbe dire metapolitico, debba prevalere su quello economico e a sua volta riteniamo che il lavoro debba divenire il soggetto dell’economia.
    Il lavoro, concepito come un’arte ed una vocazione particolare di ogni singola persona, deve essere al servizio degli interessi nazionali e dello Stato.
    Il frutto del lavoro e del risparmio individuale è la proprietà privata, la quale deve essere tutelata dallo Stato poiché la proprietà privata è il prolungamento di una persona in una determinata cosa e garanzia di libertà.
    Qualora la proprietà privata assuma una funzione negativa di oppressione e sfruttamento di “schiavi salariati”, essa va limitata dallo Stato.
    Garanzia di questo stato delle cose non può non essere un sistema economico-sociale che abbia come obiettivo dichiarato, di fronte alla situazione attuale, la costruzione dell’unità organica dell’azienda, la cogestione e quindi la collaborazione fra datori di lavoro e lavoratori, nel rispetto e nel mantenimento dei rispettivi ruoli. Una possibile via alla realizzazione di ciò potrebbe essere la ripartizione degli utili (ma anche dei dividendi) dell’azienda fra i lavoratori.
    In questo modo si andrebbe incontro ad una terza via rispetto al capitalismo liberista e al socialismo marxista.
    D’altra parte, si andrebbe a colpire con un tale sistema sia la figura del capitalista speculatore che la figura del “demagogo” incarnata dai sindacalisti di oggi, che illudono con facili promesse i lavoratori e poi vanno a braccetto con governi che non fanno altro che promuovere politiche che creano squilibri eccessivi dal punto di vista economico e anti-meritocratiche.
    3)Per la riaffermazione dei principi della Tradizione, forza ordinatrice i cui principi tendono verso l’alto ed hanno quindi un carattere “superiore”, “sovraumano”.
    Noi ad un quieto buonismo piccolo-borghese, ad un pacifismo pantofolaio o ad atteggiamenti anarchici e sovversivi, contrari ma uguali agli altri al tempo stesso, contrapponiamo una visione della vita che si fonda sui principi eroici della Roma arcaica e imperiale.
    Il senso del dovere, dell’onore, della fedeltà, la lealtà, il senso della misura, la giustizia, il coraggio e la rettitudine sono le fondamenta della nostra Weltanschauung.

    Questi sono i principi ai quali non intendiamo rinunciare.
    Principi non negoziabili che noi porteremo avanti senza se e senza ma in questo spazio virtuale che ci è concesso dall’Amministrazione.
    In base a questi noi chiederemo il voto ai forumisti di POL e in base a queste “affermazioni sovrane” che “negano assolutamente” il pensiero unico liberal-progressista e laicista ci presentiamo alle elezioni virtuali, che ci impegnamo a vincere.

    In base a questi principi noi riteniamo opportuno proporre il seguente programma all’attenzione dei forumisti di POL:

    1)Convocazione dell’Assemblea Costituente tramite apposito PDL dopo l’elezione dei tre giudici della Corte Costituzionale. Questi tre giudici saranno espressione delle tre aree politiche principali del forum, ossia il centro-destra, il centro-sinistra e la destra radicale.

    2)Modifica dell’attuale regolamento congressuale in modo da permettere che ai lavori delle tre commissioni congressuali partecipino anche esterni al Congresso.

    3)Riscrittura totale della Costituzione di POL e approvazione di una Costituzione che dovrà trovare il maggior consenso possibile delle forze politiche.
    A tal proposito noi anticipiamo qui le nostre posizioni. Il lavoro fatto in questa legislatura pur non avendo dato i frutti sperati ci ha consegnato una bozza definitiva di riforma costituzionale approvata dalle Commissioni competenti. Essa è stata frutto di un lungo lavoro di mediazione. La base è stata data dal progetto di Primoli.
    Questo poi è stato sviluppato, ampliato e migliorato da Ronnie e Cristiano72. La proposta venne poi integrata dal sottoscritto, da Gianfranco, Rudy, Zaffo, Folgore e Lepanto.
    L’allora Presidente della Corte Costituzionale [email protected] espresse in privato un parere giuridico personale sulla riforma e consigliò il sottoscritto per la stesura definitiva. (In segreto che sennò lo facevate decadere)
    Non intendiamo buttare via tutto questo. Perciò questi saranno i punti fermi della nostra azione riformatrice che intendiamo promuovere, tenendo conto della precedente esperienza:
    a) passaggio da una Repubblica Semi-presidenziale (l'attuale sistema è evidentemente parlamentare, non semi-presidenziale) ad un sistema repubblicano pienamente presidenziale;
    b) rafforzamento dei poteri del Presidente di POL il cui potere verrà legittimato da un consenso popolare che sia come minimo pari al 50%+1 dei voti;
    c) abolizione della carica di Presidente del Consiglio dei Ministri. Questo ruolo verrà assunto pienamente dal Presidente della Comunità di POL il quale nominerà i ministri e ne revocherà il mandato qualora lo ritenesse opportuno;
    d) il Presidente di POL avrà la facoltà di porre il proprio veto ad una decisione presa in Consiglio dei Ministri: se la maggioranza dei ministri si esprimerà in favore di una proposta che il Presidente non condividerà, quest’ultimo potrà porre il proprio veto per non farla approvare;
    e) gli ex Presidenti di POL avranno il diritto di presentare leggi e mozioni al Congresso. Essi avranno lo status di “Congressisti a vita” senza diritto di voto . Gli ex Presidenti di POL potranno partecipare tranquillamente ai lavori delle Commissioni congressuali, della Giunta per il Regolamento congressuale e anche alle sedute della Corte Costituzionale, previo accordo col Presidente della Corte stessa;
    f) il governo nominato dal Presidente di POL non avrà bisogno all’inizio della legislatura di chiedere il voto di fiducia al Congresso. Il governo potrà essere sfiduciato in seguito all’approvazione da parte del 50%+1 dei votanti in Congresso di un’apposita mozione di sfiducia. A decadere però saranno solo i Ministri e i sottosegretari, non il Presidente di POL che potrà essere sfiduciato solo da una mozione di sfiducia presentata da almeno 1/3 dei congressisti e 25 forumisti che abbiano raggiunto 500 posts a patto che ottenga almeno il consenso dei 2/3 dei votanti in Congresso;
    g) il Presidente di POL potrà rinviare alla Corte Costituzionale una sentenza qualora la ritenesse incostituzionale. (i giuristi morti si stanno rivoltando nella tomba e quelli vivi stanno ridendo, nemmeno il Presidente più potente della terra ha questo potere, cioè il presidente USA; inoltre i giudici sono eletti a maggioranze di garanzia, il presidente no, quindi non si capisce perchè abbia più potere dei giudici stessi) Se la medesima sentenza verrà approvata nuovamente il Presidente di POL sarà costretto a promulgarla. Se entro tre giorni il Presidente di POL non adempierà al suo dovere, saranno legittimati i Vice-presidenti di POL a promulgare la sentenza, pena la decadenza dal mandato.


    Questi punti verranno meglio svilupatti in una proposta che renderemo pubblica prossimamente a tutti i forumisti di POL.

    F.to
    On. Giò91
    Candidato alla Presidenza di POL per il Blocco Nazionale Identitario-IPSN.
    I commenti in ROSSO.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    18 Apr 2004
    Località
    Torino
    Messaggi
    11,419
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    3

    Predefinito

    ottimo programma.

    contrario solo al punto in cui si chiede la modifica dei rapporti che intercorrono tra presidenza e corte costituzionale

  8. #8
    Iscrittoa***dal14/12/2004
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Messaggi
    5,151
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Giò91 Presidente!

  9. #9
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    116,412
    Mentioned
    470 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da italianuova2 Visualizza Messaggio
    ottimo programma.

    contrario solo al punto in cui si chiede la modifica dei rapporti che intercorrono tra presidenza e corte costituzionale
    ti ringrazio per l'appoggio alla mia candidatura e al 99% del mio programma
    Lo apprezzo molto.

  10. #10
    Liberaldemocratico
    Data Registrazione
    21 Oct 2006
    Messaggi
    4,218
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    auguri all amico giò per la corsa presidenziale. non condivido assolutamente sul presidenziale e mi batterò in tutti i modi moralmente e legalmente accettabili che ci sono per non farlo approvare su pol.

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 02-02-08, 14:06
  2. Risposte: 41
    Ultimo Messaggio: 02-01-08, 14:15
  3. Comunicato del Blocco Nazionale Identitario-IPSN
    Di Giò nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23-12-07, 21:35
  4. Comunicato del Blocco Nazionale Identitario-IPSN
    Di Giò nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 18-12-07, 10:19
  5. Congresso virtuale Blocco Nazionale Identitario - IPSN
    Di cristiano72 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 184
    Ultimo Messaggio: 10-12-07, 16:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226