User Tag List

Visualizza Risultati Sondaggio: Genty o Borghy?

Partecipanti
13. Non puoi votare in questo sondaggio
  • Genty

    10 76.92%
  • Borghy

    3 23.08%
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 18
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La composizione etnica attuale della Bosnia ed Erzegovina.

    Non mi risulta che i bosniacchi superino la soglia fatidica del 50%. Ti do le percentuali di cui dispongo (circa) e mi riservo di allegare al piu' presto materiale informativo: bosniacchi 45%, serbi 33%, croati 18% e 4% altri. Comunque si potrebbe fare anche un referendum in tutta la confederazione (non so come chiamarla) e vedere se i suoi cittadini sono per la sua sopravvivenza.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Dec 2007
    Messaggi
    102
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Non mi risulta che i bosniacchi superino la soglia fatidica del 50%. Ti do le percentuali di cui dispongo (circa) e mi riservo di allegare al piu' presto materiale informativo: bosniacchi 45%, serbi 33%, croati 18% e 4% altri. Comunque si potrebbe fare anche un referendum in tutta la confederazione (non so come chiamarla) e vedere se i suoi cittadini sono per la sua sopravvivenza.
    quelle percentuali sono del 91'. Allarga pure le tue informazioni. Il cosiddetto Referendum non ha senso. Il referendum c'e' gia' stato. Allo stesso modo, perche' non facciamo un referendum in tutta la Bosnia per vedere se ai suoi cittadini va bene una impostazione amministrativa del genere?

    La domanda, e' retorica, come pure e' ovvio il perche' non si puo' alla tua domanda.

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Ognuno giustamente puo' dire cio' che vuole. Comunque non mi risulta che le percentuali siano piu' faverevoli attualmente alla componente bosniaca. Ci sono stati tanti morti, molti sono immigrati ecc... e il tasso di natalita' delle bosniacche non si discosta molto dalle altre due. Comunque ci sono anche i gruppi misti e sarebbe interessante sapere anche il loro pensiero. Comunque io baso i miei dati anche sulle informazioni che raccolgo sui forum serbo-croato-bosniaci e sulle televisioni succitate, che avendo la tv satelittare, guardo ogni giorno.

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Dec 2007
    Messaggi
    102
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    Ognuno giustamente puo' dire cio' che vuole. Comunque non mi risulta che le percentuali siano piu' faverevoli attualmente alla componente bosniaca. Ci sono stati tanti morti, molti sono immigrati ecc... e il tasso di natalita' delle bosniacche non si discosta molto dalle altre due. Comunque ci sono anche i gruppi misti e sarebbe interessante sapere anche il loro pensiero. Comunque io baso i miei dati anche sulle informazioni che raccolgo sui forum serbo-croato-bosniaci e sulle televisioni succitate, che avendo la tv satelittare, guardo ogni giorno.
    sapremo i risultati solo nel 2010, quando ci sara' il primo censimento ufficiale sul territorio dopo 19 anni.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking

    Poi bisogna considerare che solo i maggiorenni votano. C'e' da considerare che in soccorso dei bosniacchi sono arrivati i loro coreligiosi Mujahdin e qualcheduno di loro ha preso pure la cittadinanza, forse un migliaio. Poi bisogna vedere se nei aventi diritto di voto vengono considerati gli elettori residenti all'estero? Questo lo vedremo nel prossimo censimento. Quello che invece i serbi e croati dovrebbero fare, dopo che il Kosovo (aihme') sara' di fatto indipendente e' esigere pari trattamento e nel caso che la comunita' risponda picche, boicottare con ogni mezzo l'esistenza di uno stato fittizio, che si regge unicamente nel totalitarismo del suo alto rappresentante. La Bosnia e' esistita si nel medioevo, prima dell'invasione turca e quindi si trattava di un regno serbo o croato, in quanto i musulmani non c'erano ancora. Da quanto la Bosnia si e' islamizzata non e' mai stata indipendente fino al 1992 ed in questi 15 anni sta vegetando e tenuta in vita artificialmente dall'ottuso Occidente, che non potra' farlo all'infinito, visto l'enorme dispendio di risorse. Comunque nella Rs gli indipendentisti sono stragrande maggioranza e nel Hercegbosna (anche se ufficialmente e' stata sciolta), la situazione e' piu' o meno la medesima. Infatti per pura curiosita' le nazionali bosniache in tutti gli sport non giocano mai ne' a Mosar e ne' a Banja Luka. Evidentemente c'e' una ragione !

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da Fazla Visualizza Messaggio
    sapremo i risultati solo nel 2010, quando ci sara' il primo censimento ufficiale sul territorio dopo 19 anni.
    In attesa del 2010 e per quella data non si sa se esistera' ancora la Bih, io considero attendibili questi dati presi su www.ice.gov.it . Questi sono fatti concreti, mentre le stime della C.I.A sono leggermente soprastimate mentre le tue sono disinformazione allo stato puro. 36,9% + 15% = 51,9% (formula vincente per liberarsi del centralismo bosniacco).

    Sigla internazionale paese: BiH
    Superficie: Kmq 51.129
    Bandiera
    Due colori, giallo e blu divisi, da una striscia di stelle bianche.

    Popolazione: 3,507.868 abitanti
    Religioni: musulmana (47%), ortodossa (36,9%), cattolica (15%), altre (1,1,%).( stime)
    Capitale paese : SARAJEVO
    Capitale Entita’ sub statuale Federazione BiH: Sarajevo
    Capitale Entita’ sub statuale Republika Srpska : Banja Luka
    Principali città: Banja Luka; Bihac; Mostar; Tuzla; Zenica.
    Costituzione: la Costituzione in vigore è parte integrante degli Accordi di Dayton, siglati il 14 dicembre 1995.
    Divisione amministrativa:
    Entita’ sub statuale:
    - Federacija Bosne i Herzegovine (51 % territorio, 2,176.486 abitanti) a sua volta suddivisa in 10 Cantoni, divisi a loro volta in Municipalità;

    Entita’ sub statuale: - Republika Srpska ( 49 % territorio, 1,264.027 abitanti) a sua volta suddivisa in 6 Regioni, divise a loro volta in Municipalità;

    Distretto di Brcko - parte integrante dello stato di BiH ma con una propria autonoma Amministrazione, garantita dall’ONU, 67.354 abitanti)

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Passata la tempesta …
    17.12.2007 scrive Michele Nardelli

    La Bosnia che ripiomba nell'incubo. E pochi giorni dopo ne esce, come se nulla fosse successo. Che ne pensano Sladija, Azra, Nikolina di questo tragico irreale risveglio “quasi europeo”?
    «In ogni caso, né mio padre, né mio fratello andranno di nuovo in guerra». Sladija chiude con queste parole un suo breve intervento. Siamo a Prijedor, nelle affollate stanze della Agenzia della Democrazia Locale, in un incontro della programmazione partecipata. Lo dice sorridendo, ma la cosa è seria, molto seria. Ne hanno parlato in casa, nei giorni in cui sembrava che la crisi di nuovo precipitasse. E hanno deciso che non si faranno più coinvolgere dalla follia di apprendisti stregoni che nonostante quanto è tragicamente avvenuto negli anni ’90, continuano a giocare col fuoco.

    La percezione degli avvenimenti era dunque maledettamente seria. E diffusa. Azra in quei giorni era a Mostar e lì, lontano da casa, le notizie sembravano ingigantirsi. Senza gli amici e le persone più care ci si scopre inaspettatamente fragili, come se il passato ritornasse prepotentemente davanti a sé. Come se il luogo del ritorno - quella città, Prijedor, dove ricostruire la propria vita è già stato fin troppo doloroso - rappresentasse un’ancora a cui aggrapparsi nell’indisponibilità ad un nuovo esilio.

    Il marito al telefono la rassicurava, «non si fanno guerre senza eserciti» le diceva con l’ingenuità di chi non vuol più saperne di armi e violenza, ma la sua sensibilità femminile la riportava indietro nel tempo. Eppure Azra è una donna forte, che vuole sfuggire alla logica dello schierarsi secondo logiche di appartenenza anche di fronte al richiamo della foresta. Ed è orgogliosa che il suo punto di vista – proposto (e rimasto isolato) all’Assemblea municipale di cui è presidente – corrisponda esattamente alla mediazione che ha portato alla firma degli Accordi di stabilizzazione e accessione.

    «Oluja je prosla» dice Nikolina, la tempesta è passata. Nella discussione non ci si sottrae all’ironia balcanica, a proposito del fatto che dopo la tempesta (oluja dva, suggerisce Sead), come per magia, gli stessi protagonisti dell’esibizione muscolare appaiano ritratti sorridenti fra gli alti funzionari della Commissione come gli artefici del passo decisivo verso l’Europa.

    Situazione “normala” – scrive Denis – ma non per questo meno paradossale, anche se l’impressione è che questa volta costoro abbiano passato la misura. La sensazione di essere stati prigionieri di una situazione artificiale, come dice Branka, è molto forte.

    Perché se è vero che l’incubo non si è mai dissolto, il riecheggiare della paura, il vuoto degli scaffali nei supermercati, i prezzi alle stelle dei taxi e di alcuni generi alimentari, hanno avuto l’effetto di un risveglio. E il giocattolo in mano agli attori consumati di questo teatro dell’assurdo si è come spezzato, mettendo a nudo l’ipocrisia di una leadership che ha fondato il proprio consenso sulla rappresentazione “etnica” degli avvenimenti e delle contraddizioni che lacerano la Bosnia Erzegovina. E che, irresponsabilmente, non esitano a ricacciare la dolce Bosnia in un ingorgo “geopolitico” che dal Kosovo si riflette nel Caucaso e poi di nuovo nei Balcani, in quella Republika Srpska che non ha ancora accettato di essere parte di uno stato – quello della BiH – che a sua volta fatica ad accettare una dimensione federale.

    Ma ciò nonostante i giorni di crisi hanno mostrato una società vulnerabile, ancora con i nervi scoperti e priva di elaborazione di ciò che è accaduto dieci anni fa, quasi che il tempo si fosse fermato a Dayton, per procedere invece a ritmi impazziti nei sotterranei della vita delle persone, troppo prese dalle proprie disgrazie per trovare le forme e il tempo per riflettere su quelle degli altri.

    Ora però che tutto sembra essersi sgonfiato, non ci sono nuove tragedie da strumentalizzare, lutti e dolore da usare contro la disumanità dell’altro. E allora, questo risveglio “quasi europeo” ha qualcosa di troppo stravagante per non far interrogare la gente sulla strumentalità della propria classe dirigente. E fors’anche sull’imbroglio degli anni ’90… Perché in fondo la riconciliazione non può che passare da qui.

    Un paese stanco di guerra e di esibizioni muscolari, che s’interroga finalmente e senza rancore su quel che è accaduto, potrebbe forse mostrare l’orgoglio di cui è capace per aprire una pagina nuova, magari decidendo che può fare da sé, senza più internazionali fra i piedi, capaci solo di accreditare l’idea di una guerra etnica secondo il cliché di popoli – come dice Massimo – irrimediabilmente condannati alla violenza. Le parole di Sladija mi fanno pensare – per la prima volta in dodici anni – che forse non è impossibile.

    Fonte: www.osservatoriobalcani.org

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Dec 2007
    Messaggi
    102
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da rafrad6164 Visualizza Messaggio
    In attesa del 2010 e per quella data non si sa se esistera' ancora la Bih, io considero attendibili questi dati presi su www.ice.gov.it . Questi sono fatti concreti, mentre le stime della C.I.A sono leggermente soprastimate mentre le tue sono disinformazione allo stato puro. 36,9% + 15% = 51,9% (formula vincente per liberarsi del centralismo bosniacco).
    Perche' non posso parlare del 2010, qua la gente parla di Italia nel 2010 e anche ad oltranza, non capisco perche' l'Italia di sicuro esistera' e la BiH no...

    Fatti concreti? sentiamo, quei fatti concreti su che censimenti si basano? su che anno ?

    La tua e' disinformazione, che indichi fatti concreti cose che fatti concreti non sono. Tu credi a quello che vuoi. Io nel frattempo attendo i risultati con serenita', mi sa ne vedremo delle belle

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    [QUOTE=Fazla;6877036]Perche' non posso parlare del 2010, qua la gente parla di Italia nel 2010 e anche ad oltranza, non capisco perche' l'Italia di sicuro esistera' e la BiH no...

    Fatti concreti? sentiamo, quei fatti concreti su che censimenti si basano? su che anno ?

    La tua e' disinformazione, che indichi fatti concreti cose che fatti concreti non sono. Tu credi a quello che vuoi. Io nel frattempo attendo i risultati con serenita', mi sa ne vedremo delle belle [/QUOTE


    Io ho tratto i miei dati dai motori di ricerca e del resto basta guardare i dati delle ultime parlamentari, per aver un quadro dettagliato della composizione etnica, visto e considerato che la gente vota in Bih su base etnica. Comunque per impedire la dominazione di un popolo sugli altri due e' stata creata una struttura federale-confederale. Per quanto concerne l'Italia, nonostante che anche qui' ci siano movimenti secessionisti, essa ha nettamente piu' possibilita' di sopravvivere rispetto alla Bih, che viene tenuta artificialmente in vita dalla comunita' internazionale, mentre il Belpaese va avanti a suon di inerzia ed ha la fortuna di essere uno dei fondatori dell'Ue, il che cementifica la propria posizione. Comunque anche in questo paese ci sono differenze sostanziali tra le varie zone, anche se nel breve periodo si puo' escludere di una sua frammentazione, visto e considerato che l'Italia non ha una struttura federale. Insomma per farla in breve, nelle regioni del nord, dove c'e' la qualita' della vita, non c'e un controllo del territorio separato, mentre in Bih si ed anche tra croati e bosniacchi.

  10. #10
    Forumista
    Data Registrazione
    09 Dec 2007
    Messaggi
    102
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io ho tratto i miei dati dai motori di ricerca e del resto basta guardare i dati delle ultime parlamentari, per aver un quadro dettagliato della composizione etnica, visto e considerato che la gente vota in Bih su base etnica. Comunque per impedire la dominazione di un popolo sugli altri due e' stata creata una struttura federale-confederale. Per quanto concerne l'Italia, nonostante che anche qui' ci siano movimenti secessionisti, essa ha nettamente piu' possibilita' di sopravvivere rispetto alla Bih, che viene tenuta artificialmente in vita dalla comunita' internazionale, mentre il Belpaese va avanti a suon di inerzia ed ha la fortuna di essere uno dei fondatori dell'Ue, il che cementifica la propria posizione. Comunque anche in questo paese ci sono differenze sostanziali tra le varie zone, anche se nel breve periodo si puo' escludere di una sua frammentazione, visto e considerato che l'Italia non ha una struttura federale. Insomma per farla in breve, nelle regioni del nord, dove c'e' la qualita' della vita, non c'e un controllo del territorio separato, mentre in Bih si ed anche tra croati e bosniacchi.[/quote]

    Scusa che vuoi dire con il parlamento? anzi, ancora meglio, fammi vedere com'e' composto il parlamento ora come ora cosi' vediamo...

    Comunque l'Italia e' divisa in regioni quindi non capisco come fai a dire che il controllo del territorio non e' separato. La Bosnia non e' federale, ne tantomeno confederale. E' uno stato diviso in 2 entita', ma nessuna di queste ha mai siglato un accordo con l'altra per formare la BiH. Al contrario, l'unica "fonte" di vita delle 2 entita' e' proprio l'esistenza dello stato della BiH.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Rivolta in Bosnia Erzegovina
    Di Cat zu Felics nel forum Politica Estera
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 03-03-14, 22:28
  2. Bosnia-Erzegovina: Serbi approvano una risoluzione per la secessione
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 03:59
  3. Bosnia-Erzegovina: Serbi approvano una risoluzione per la secessione
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-02-08, 17:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225