User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: La storia del Kosovo.

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Oct 2005
    Località
    Trieste
    Messaggi
    3,688
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post La storia del Kosovo.

    Le prime colonne di Slavi che, provenendo dal sud dell'attuale Polonia, attraversarono i monti Carpazi e il fiume Danubio e iniziarono a penetrare verso il cuore dei Balcani attorno al VI secolo, dall'altro permise alle popolazioni illiriche che vivevano nell'entroterra della bassa costa adriatica di espandersi verso Est, in direzione all'odierno Kosovo, conservando la propria lingua di stampo illirico.

    L'avanzata dell'invasione slava (fra cui i proto-serbi) che riconosceva solo nominalmente l'autorità di Bisanzio, tendeva ad assimilare i popoli pre-esistenti. Alcune tribù di illiri possono essere sfuggite all'assimilazione etno-culturale rifuguiandosi nelle regioni montagnose dei Balcani occidentali (fra cui il Kosovo), come già ai tempi dei Romani.

    Dalla metà del IX secolo sino al 1014 la regione fu occupata da Slavi provenienti da Est (i Bulgari). Fu in questa fase che queste genti cominciarono ad essere individuate dai propri vicini con il nome di "Albanesi", che ne designava anche la lingua, della quale non esisterà ancora sin agli albori del Rinascimento alcuna traccia o forma letteraria scritte, né forme di statualità autonoma. Dopo la caduta dell'impero bulgaro ad opera dei bizantini, gli Albanesi, così ormai designati a Bisanzio e cristianizzati, divennero tributari di Basilio II e quindi alleati dell'Impero Romano d'Oriente dopo che, nel 1054, fu consumato lo Scisma d'Oriente-Occidente.

    Nel frattempo, gli Slavi penetrati da nord nella penisola balcanica, si erano divisi in tre grandi gruppi omogenei: Sloveni, Croati e Serbi ed avevano, entro il XII secolo, preso saldamente il controllo di tutta la parte occidentale della Penisola Balcanica, sino al confine con l'odierna Albania e con il Kosovo. La Serbia a quell'epoca non era ancora un regno unificato: un certo numero di piccoli principati (Župan) serbi esisteva a nord e a ovest del Kosovo, i più potenti dei quali erano la Raška (zona centrale della moderna Serbia) e la Duklja o Dioclea (Montenegro e nord dell'Albania). Questi principati erano spesso in lotta con l'Impero. Nel 1180 circa, il signore serbo Stefan Nemanja prese il controllo della Duklja e di parte del Kosovo. Il suo successore, Stefan Prvovenčani assunse il controllo del resto del Kosovo dal 1216, creando in tal modo uno Stato che incorporò la maggior parte dell'area che costituisce oggi la Serbia e il Montenegro.

    A partire dal XIII secolo, i sovrani della dinastia Nemanjić usarono alternativamente Prizren e Priština come loro capitali. Numerose chiese e monasteri serbi ortodossi furono edificati all'interno del territorio serbo. Sostanziose rendite furono assicurate ai monasteri della Metohija / Dukagjin (nel Kosovo occidentale), che comprendeva parti dell'Albania e del Montenegro. Le più importanti chiese in Kosovo - il Patriarcato di Peć (prima del 1234), il Monastero di Gračanica (1327) e il monastero di Dečani (1330), tutte oggi definite dall'UNESCO Patrimonio dell'umanità - furono istituite durante questo periodo. Il Kosovo fu economicamente importante, come pure la capitale del Kosovo moderno, Priština, fu un rilevante centro commerciale sulle strade che conducevano ai porti del mar Adriatico. Del pari, l'attività mineraria ebbe grande importanza a Novo Brdo e Janjevo. Le comunità Sasi che agivano in quei luoghi provenivano dalle regioni minerarie della Sassonia e dalla città mercantile di Ragusa (oggi Dubrovnik).

    La composizione etnica della popolazione del Kosovo durante questo periodo è oggetto di controversia fra gli storici serbi e albanesi. Serbi, Albanesi e Valacchi erano ovviamente presenti, dal momento che tali gruppi sono esplicitamente ricordati dalla documentazione serba dei monasteri (o chrysobolle) assieme a un certo numero di Greci, Armeni, Sassoni e Bulgari. Una maggioranza dei nomi scritti nei documenti citati è di gran lunga in caratteri slavi piuttosto che albanesi. Ciò è stato interpretato come prova di una schiacciante maggioranza serba. Tuttavia le chrysobolle mostrano nomi di figli in lingua serba di genitori i cui nomi sono albanesi, e viceversa. Storici albanesi hanno suggerito che questa è una dimostrazione dell'assimilazione culturale di una popolazione albanese assoggettata in epoca pre-ottomana in Kosovo ma ciò è invalidato da registrazioni di padri serbi che davano ai figli nomi albanesi (cosa che di certo non sarebbe avvenuta se l'assimilazione fosse stata a senso unico) e dal fatto che ogni caso di nomi misti rappresenta una piccola quota di meno del 20 % di tutti i nomi. Questa asserzione serba sembra essere sostenuta dalle registrazioni catastali turche relative alle tasse per censo (defter) del 1455 che prendono in considerazione la religione e la lingua dei soggetti interessati e che comprovano una schiacciante maggioranza serba.

    L'identità etnica nel Medioevo fu in qualche misura un elemento fluido in tutta l'Europa e la gente a quel tempo non sembra aver definito sé stessa in modo rigido come gruppo etnico. Quanti appaiono di etnia serba sembra siano stati la popolazione culturalmente e linguisticamente dominante, e furono probabilmente anche la maggioranza demografica: lo prova la carta di fondazione di Dečani, il più antico dei pochi documenti esistenti, che è però del 1330, almeno cento anni dopo l'inizio della dominazione serba e conseguente possibile assimilazione.

    Nel 1346 Stefan Dušan fu incoronato Imperatore (Zar) dei Serbi, Vlachi, Greci e Albanesi, ma con la sua morte nel 1355 l'impero si disgregò in litigiosi staterelli a carattere feudale: il Kosovo toccò alla dinastia dei Mrnjavčević. Ciò si verificò in concomitanza con la prima espansione ottomana nei Balcani: l'Impero Ottomano colse l'opportunità offertagli dalla debolezza greca e serba e invase quei territori.
    __________________

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista
    Data Registrazione
    22 Oct 2006
    Messaggi
    186
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Salve Rafrad6164, mi chiedo ma dove erano questi serbi in maniera cosi schiacciante nel 1455???
    Ricordati amico, che gli albanesi ai tempi che parliamo erano ortodossi, come anche i serbi…, il fatto che quelle terre venivano occupate dai turchi, l’appartenenza religiosa era la prima divisione naturale, e molti secoli dopo con la conversione forzata che subirono gli albanesi, vengono fuori divisioni etnici. Ma sempre da tener presente il fatto che gli albanesi che non si convertirono all’islam, automaticamente finirono per essere assimilati ( volutamente ), da parte serba.
    Quanto le Chiese…, he he , loro non hanno nomi…, possono essere state restaurate nel tempo, e cosi più delle volte troviamo scritture in cirillico. Ma e un fatto che esistono ancora Chiese che raffigurano santi albanesi e personaggi con i loro costumi tradizionali, unici della zona.
    Non sono d’accordo con te quando dici;” Dopo la caduta dell'impero bulgaro ad opera dei bizantini, gli Albanesi, così ormai designati a Bisanzio e cristianizzati, divennero tributari di Basilio II e quindi alleati dell'Impero Romano d'Oriente dopo che, nel 1054, fu consumato lo Scisma d'Oriente-Occidente.” – cristianizzati da chi, e quando…???
    Alleati dei bizantini, poiché condividevano la stessa fede!
    Allora, per curiosità tua, gli albanesi sono dai primissimi popoli che abraciarono il cristianesimo…, San Paolo stesso, predico in quelle terre, e ti assicuro che non esistono chiese più antiche in tutti i paesi balcanici ( escluso la Grecia ), quanto in Albania o in territori abitati da quella etnia…!
    Di certo non sto parlando un linguaggio da tifoso… Salva.

  3. #3
    Il Lucano
    Data Registrazione
    03 Apr 2007
    Località
    Policoro (MT)
    Messaggi
    543
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il movimento giovani lucani sostiene caldamente i fratelli ortodossi serbi.
    http://giovanilucani.forumfree.net/?t=22525323

  4. #4
    Forumista
    Data Registrazione
    22 Oct 2006
    Messaggi
    186
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ritalxp Visualizza Messaggio
    Il movimento giovani lucani sostiene caldamente i fratelli ortodossi serbi.
    http://giovanilucani.forumfree.net/?t=22525323
    Condivido in pieno, ma devo dire il problema non sono le nostre chiese…, ma i nazionalisti di tutte e due etnie. Essere vicino ai serbi come ortodossi e un dovere per gli ortodossi, ma allora cosa deve fare un ortodosso che poi e anche albanese???
    Ricordiamoci che il nazionalismo, non e una caratteristica del cristianesimo…


    Un messaggio di sostegno da parte del Movimento Giovani Lucani a tutti gli ortodossi del Kossovo, che siano Serbi o Albanesi (certo, esistono gli albanesi ortodossi)...

    Sono d’accordo, e permettetemi…, di partecipare anch’io!
    Salve

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12-09-12, 11:39
  2. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 23-10-11, 04:03
  3. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-04-11, 20:55
  4. Solidarité-Kosovo: un aiuto ai serbi del Kosovo
    Di Jenainsubrica nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 04-12-06, 21:16
  5. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-04-02, 01:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225