User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    3,011
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI’ SI

    PERCHE’ IL PDL DEI “CACASOTTO” PERDERA’ IN LIGURIA: SI RISCOPRE L’OPPOSIZIONE SOTTO ELEZIONI, OGNUNO PENSA PER SE’, MANCANO LE IDEE, APPIATTITI SULLA LEGA….UN LEGHISTA CHE SI PRESENTA GIA’ COME VICEPRESIDENTE, UN ALTRO CHE PIANGE PERCHE’ HA TROVATO I SUOI SANTINI NEL CASSONETTO, SALVO BECCARSI UNA DENUNCIA PER ISTIGAZIONE ALL’ODIO RAZZIALE…E LA SINISTRA RINGRAZIA

    Quando sono iniziate le “grandi manovre” in vista delle regionali, i cittadini più informati avevano chiara l’alternativa: o votavano per Claudio Burlando, governatore Pd uscente, un passato da ministro, bersaniano di ferro, o optavano per Sandro Biasotti, deputato del Pdl, già presidente della Regione.
    I due erano dati dai sondaggi sostanzialmente alla pari, con ottime possibilità per il centrodestra di ritornare a governare la Liguria, nonostante le iniziali incertezze del partito su chi candidare e un’attività politica di opposizione reale prossima quasi allo zero.
    Ricordiamo a tal fine l’epiteto che Scajola rivolse qualche mese fa ai consiglieri pidiellini degli enti locali, definiti “cacasotto” proprio per la loro invisibilità.
    Salvo qualche piccola eccezione “movimentista”, la più nota e qualificante attività dei consiglieri del Pdl è infatti quella di scaldare la sedia.
    Ciò non ha impedito loro di ringalluzzirsi in vista della nuova candidatura, foriera di altri 5 anni di prebende, soprattutto in caso di vittoria di Biasotti.
    Il quale ha inanellato una serie di errori: in primo luogo ha permesso che nelle liste ricomparisse qualche nome sotto inchiesta da parte della magistratura, rinunciando così a usare tale arma contro gli avversari (che hanno personaggi discussi anche loro).
    Poi ha spostato la sua linea su posizioni prone alla Lega che in Liguria prende solo il 9,9%, arrivando a vendersi pure la vicepresidenza al capolista padano, Francesco Bruzzone.
    Se avesse resa nota anche la lista degli assessori, Biasotti avrebbe al limite compiuto un atto politico giustificabile, in nome della trasparenza.
    Ma limitarsi a indicare un leghista come vice è stato solo un atto di debolezza.
    In passato la vicepresidenza era stata assegnata al consigliere che aveva ottenuto più preferenze, un criterio senz’altro più rispettoso della volontà popolare.
    Siamo arrivati al punto che il leghista Bruzzone, caso unico nella padagna del magna magna, pur essendo stato di fatto commissariato nella segreteria della Lega ligure con la Rosy Mauro, per questioni relative a bilanci, pur essendo finito penosamente sui giornali per essere stato beccato a inviare lettere di raccomandazione usando la carta intestata della Regione, nel suo santino elettorale si proclama “Francesco Bruzzone, Vice Presidente” (oddio, intanto il vice andava minuscolo e presidente “di cosa” andava precisato, ma lui le aule scolastiche le frequentava quando ormai i professori le lasciavano libere per le pulizie, non si può pretendere troppo).
    Poi Biasotti ha accettato che fossero inseriti in lista soggetti più facili a fare politica nei corridoi degli enti locali che nelle aule, più a chiedere favori alla stampa amica che a gestire il malcontento diffuso tra i cittadini.
    Fino ad errori di percorso, come quello di “bucare” riunioni di categorie cui era stato invitato, far dire a un ragazzo in uno spot che nessuno fa nulla per il lavoro dei giovani, salvo poi scoprire che era un suo ex dipendente precario cui non era stato rinnovato il posto, inviare una lettera agli operatori delle Asl invitandoli a schierarsi con lui, altrimenti se ne sarebbe ricordato in futuro.
    Se a ciò si aggiungono i riflessi nazionali e i pochi appoggi ricevuti dal vertice, il dado è tratto: gli ulimi sondaggi danno le truppe di Burlando, che pur non godono certo di ottima salute, in vantaggio.
    La profondità di analisi del centrodestra ligure può essere sintetizzato nel “grave problema politico” sollevato oggi dal deputato, nonchè numero due in lista, nonchè presente nel listino bloccato, nonchè segretario provinciale, Edoardo Rixi: “Una militante della Lega ha trovato al Lagaccio il mio materiale elettorale nei rifiuti. Sto pensando a un esposto in procura”.
    Qua il problema è davvero grosso: a chi ha dato il materiale Rixi?
    A qualche sabotatore finto leghista che invece di imbucarlo lo la gettato nella rumenta?
    O si tratta della libera iniziativa dei singoli cittadini buongustai del quartiere che hanno collocato le sue tesi nel posto più idoneo?
    E poi che Rixi precisi meglio quantità, posizione, collocazione, localizzazione del reato.
    Chieda il supporto, nel caso, di eventuali videocamere in zona per identificare targhe di eventuali auto in fuga verso la riviera di levante dopo il colpo.
    Nel frattempo che meditava sul’esposto, Rixi pare ne abbia ricevuto uno reale per “istigazione all’odio razziale”, depositato ieri.
    Nel suo volantino infatti si vede un pensionato in coda strattonato, con la dicitura: “Indovina chi è l’ultimo?”.
    Gli sarebbero passati avanti in malo modo nella coda un arabo ringhioso con la scimitarra, una nomade rapace, un africano con collane d’oro sospette e un cinese coi dentoni di fuori.
    Un invito alla pace e alla tolleranza insomma.
    In Liguria “il partito dell’amore” si è fuso forse con quello dell’odio?
    Povera quella destra, destinata alla sconfitta, che sa solo parlare da anni di zingari e moschee, alimentando divisioni e “percezioni” di sicurezza fasulla.
    Comunque ora che tutti hanno capito che le elezioni sono per “Bruzzone Vice Presidente”, tranquilli che i liguri di “vera destra” sapranno regolarsi di conseguenza.

    www.destradipopolo.net
    Ultima modifica di destradipopolo; 26-03-10 alle 13:04

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    3,011
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI

    Citazione Originariamente Scritto da destradipopolo Visualizza Messaggio
    PERCHE’ IL PDL DEI “CACASOTTO” PERDERA’ IN LIGURIA: SI RISCOPRE L’OPPOSIZIONE SOTTO ELEZIONI, OGNUNO PENSA PER SE’, MANCANO LE IDEE, APPIATTITI SULLA LEGA….UN LEGHISTA CHE SI PRESENTA GIA’ COME VICEPRESIDENTE, UN ALTRO CHE PIANGE PERCHE’ HA TROVATO I SUOI SANTINI NEL CASSONETTO, SALVO BECCARSI UNA DENUNCIA PER ISTIGAZIONE ALL’ODIO RAZZIALE…E LA SINISTRA RINGRAZIA

    Quando sono iniziate le “grandi manovre” in vista delle regionali, i cittadini più informati avevano chiara l’alternativa: o votavano per Claudio Burlando, governatore Pd uscente, un passato da ministro, bersaniano di ferro, o optavano per Sandro Biasotti, deputato del Pdl, già presidente della Regione.
    I due erano dati dai sondaggi sostanzialmente alla pari, con ottime possibilità per il centrodestra di ritornare a governare la Liguria, nonostante le iniziali incertezze del partito su chi candidare e un’attività politica di opposizione reale prossima quasi allo zero.
    Ricordiamo a tal fine l’epiteto che Scajola rivolse qualche mese fa ai consiglieri pidiellini degli enti locali, definiti “cacasotto” proprio per la loro invisibilità.
    Salvo qualche piccola eccezione “movimentista”, la più nota e qualificante attività dei consiglieri del Pdl è infatti quella di scaldare la sedia.
    Ciò non ha impedito loro di ringalluzzirsi in vista della nuova candidatura, foriera di altri 5 anni di prebende, soprattutto in caso di vittoria di Biasotti.
    Il quale ha inanellato una serie di errori: in primo luogo ha permesso che nelle liste ricomparisse qualche nome sotto inchiesta da parte della magistratura, rinunciando così a usare tale arma contro gli avversari (che hanno personaggi discussi anche loro).
    Poi ha spostato la sua linea su posizioni prone alla Lega che in Liguria prende solo il 9,9%, arrivando a vendersi pure la vicepresidenza al capolista padano, Francesco Bruzzone.
    Se avesse resa nota anche la lista degli assessori, Biasotti avrebbe al limite compiuto un atto politico giustificabile, in nome della trasparenza.
    Ma limitarsi a indicare un leghista come vice è stato solo un atto di debolezza.
    In passato la vicepresidenza era stata assegnata al consigliere che aveva ottenuto più preferenze, un criterio senz’altro più rispettoso della volontà popolare.
    Siamo arrivati al punto che il leghista Bruzzone, caso unico nella padagna del magna magna, pur essendo stato di fatto commissariato nella segreteria della Lega ligure con la Rosy Mauro, per questioni relative a bilanci, pur essendo finito penosamente sui giornali per essere stato beccato a inviare lettere di raccomandazione usando la carta intestata della Regione, nel suo santino elettorale si proclama “Francesco Bruzzone, Vice Presidente” (oddio, intanto il vice andava minuscolo e presidente “di cosa” andava precisato, ma lui le aule scolastiche le frequentava quando ormai i professori le lasciavano libere per le pulizie, non si può pretendere troppo).
    Poi Biasotti ha accettato che fossero inseriti in lista soggetti più facili a fare politica nei corridoi degli enti locali che nelle aule, più a chiedere favori alla stampa amica che a gestire il malcontento diffuso tra i cittadini.
    Fino ad errori di percorso, come quello di “bucare” riunioni di categorie cui era stato invitato, far dire a un ragazzo in uno spot che nessuno fa nulla per il lavoro dei giovani, salvo poi scoprire che era un suo ex dipendente precario cui non era stato rinnovato il posto, inviare una lettera agli operatori delle Asl invitandoli a schierarsi con lui, altrimenti se ne sarebbe ricordato in futuro.
    Se a ciò si aggiungono i riflessi nazionali e i pochi appoggi ricevuti dal vertice, il dado è tratto: gli ulimi sondaggi danno le truppe di Burlando, che pur non godono certo di ottima salute, in vantaggio.
    La profondità di analisi del centrodestra ligure può essere sintetizzato nel “grave problema politico” sollevato oggi dal deputato, nonchè numero due in lista, nonchè presente nel listino bloccato, nonchè segretario provinciale, Edoardo Rixi: “Una militante della Lega ha trovato al Lagaccio il mio materiale elettorale nei rifiuti. Sto pensando a un esposto in procura”.
    Qua il problema è davvero grosso: a chi ha dato il materiale Rixi?
    A qualche sabotatore finto leghista che invece di imbucarlo lo la gettato nella rumenta?
    O si tratta della libera iniziativa dei singoli cittadini buongustai del quartiere che hanno collocato le sue tesi nel posto più idoneo?
    E poi che Rixi precisi meglio quantità, posizione, collocazione, localizzazione del reato.
    Chieda il supporto, nel caso, di eventuali videocamere in zona per identificare targhe di eventuali auto in fuga verso la riviera di levante dopo il colpo.
    Nel frattempo che meditava sul’esposto, Rixi pare ne abbia ricevuto uno reale per “istigazione all’odio razziale”, depositato ieri.
    Nel suo volantino infatti si vede un pensionato in coda strattonato, con la dicitura: “Indovina chi è l’ultimo?”.
    Gli sarebbero passati avanti in malo modo nella coda un arabo ringhioso con la scimitarra, una nomade rapace, un africano con collane d’oro sospette e un cinese coi dentoni di fuori.
    Un invito alla pace e alla tolleranza insomma.
    In Liguria “il partito dell’amore” si è fuso forse con quello dell’odio?
    Povera quella destra, destinata alla sconfitta, che sa solo parlare da anni di zingari e moschee, alimentando divisioni e “percezioni” di sicurezza fasulla.
    Comunque ora che tutti hanno capito che le elezioni sono per “Bruzzone Vice Presidente”, tranquilli che i liguri di “vera destra” sapranno regolarsi di conseguenza.

    destra di popolo
    ...........

  3. #3
    Certificato ISO 9001
    Data Registrazione
    29 Jan 2010
    Messaggi
    8,784
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI

    E voi sareste di destra?

    Ma andate a leccare il culo a islamici, clandestini e zingari insieme al Kompagno Fini!

  4. #4
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    3,011
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI

    Citazione Originariamente Scritto da 100% Antikomunista Visualizza Messaggio
    E voi sareste di destra?

    Ma andate a leccare il culo a islamici, clandestini e zingari insieme al Kompagno Fini!

    Vai farti un giro a pagamento al Luna park borghesuccio, paga la Lega ladrona

  5. #5
    ********** G Futuro
    Data Registrazione
    21 Nov 2009
    Messaggi
    4,201
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI

    Citazione Originariamente Scritto da 100% Antikomunista Visualizza Messaggio
    E voi sareste di destra?

    Ma andate a leccare il culo a islamici, clandestini e zingari insieme al Kompagno Fini!
    Noi siamo di Destra, tu sei un nazionalsocialista, razzista. Torna nelle vallate del bergamasco insieme ai tuoi amici montanari.
    Ultima modifica di apibroker; 27-03-10 alle 08:56
    Fare per Fermare il Declino
    www.fermareildeclino.it

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: IN LIGURIA NON SI VOTA PER BIASOTTI, MA PER IL VICELEGHISTA: BASTA SAPERLO, COSI

    ma li avete visti gli ospedali pubblici dopo un quinquennio di Burlando ?

    evidentemente siete giovani e non ne avete bisogno...

    Che la Lega sia una forza minoritaria in Liguria è vero, ma gli accordi per la vicepresidenza si sono presi nel quadro complessivo dei rapporti berlusconi Bossi...

    E, purtroppo per gli altri Bossi, pur rantolando, ha la capacità di capire gli umori del popolo meglio dei Burlando...

 

 

Discussioni Simili

  1. Basta indugiare, vota il Presidente Britneyano!
    Di Massimo Piacere nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 18-04-13, 17:29
  2. Liguria: Biasotti o Burlando?
    Di dacrio nel forum Elezioni amministrative 2010
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 27-03-10, 02:06
  3. Basta Col Teatrino Domani Si Vota Napolitano
    Di SPYCAM nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-05-06, 18:50
  4. Il 9 e il 10 Aprile si vota così!
    Di ardimentoso nel forum Destra Radicale
    Risposte: 51
    Ultimo Messaggio: 20-03-06, 16:16
  5. Il caso Biasotti scalda FI in Liguria
    Di RobyGe82 nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 01-03-06, 14:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225