User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito [PNV]: Galan è nudo, stia attento al gelo

    -----
    COMUNICATO STAMPA
    -----

    -----

    Galan è nudo, stia attento al gelo

    Appoggio a Galan, ma il debito italiano non è cosa nostra.

    -----

    Treviso, lì 20 dicembre 2007


    Il PNV appoggia senz’altro il governatore Giancarlo Galan nella sua trattiva romana per ottenere maggiori competenze.
    In merito però all’ipotesi di farci carico come veneti di una quota di debito pubblico italiano, in cambio di qualche competenza governativa, magari pure priva delle leve finanziarie per renderla effettiva, ci corre l’obbligo di ricodare a Galan e a tutti gli altri politici che stanno anticipando un pò troppo i brindisi natalizi, che tale tema risulta quantomeno anticipato per noi veneti che già subiamo gli effetti della malaspesa italiana e di un debito pubblico non opera nostra, ma del governo di uno stato che ci è più contro che a favore.
    È bene in particolare rammentare che la Convenzione di Vienna del 1983 sulla successione degli Stati rispetto ai beni pubblici, ai debiti pubblici e agli archivi bene stabilisce proprio i principi per la divisione dei valori di tali patrimoni da svolgersi però durante negoziati per l’indipendenza e non certo durante le elemosine di poteri da svolgere magari in nome e per conto di uno stato centrale che fa di tutto per occultare la nostra identità veneta.

    Gianluca Busato
    Comitato per la fondazione del
    Partito Nazionale Veneto

    Web: www.pnveneto.org
    E-mail: [email protected]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    mi pare il minimo. cautela.

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il Veneto chiede maggiore autonomia su 14 materie

    http://www.italiannetwork.it/news.aspx?ln=it&id=1350

    (2007-12-19)

    Il Consiglio regionale del Veneto ha approvato a larghissima maggioranza (con 53 voti a favore su 55 presenti), un documento che da' mandato al Presidente della Regione Giancarlo Galan a negoziare con lo Stato forme e condizioni di particolare autonomia per il Veneto, sulla base del terzo comma dell'articolo 116 della Costituzione.

    Il “percorso veneto” - fa presente il Cinsedo - Centro studi sulle regioni - verso una maggiore autonomia si affianca quindi a quello già avviato dalla Lombardia. Il documento, che indica le materie nelle quali la Regione Veneto chiede autonomia, fa sintesi della proposta iniziale della Giunta, che elencava 12 materie (istruzione, tutela della salute, beni culturali, ricerca scientifica e tecnologica, potere estero regionale, giustizia di pace, tutela dell'ecosistema, ordinamento della comunicazione, previdenza complementare e integrativa, protezione civile, infrastrutture e istituti di credito a carattere regionale), e della proposta di legge statale del centrosinistra che proponeva, in aggiunta, maggiore autonomia anche per il governo del territorio. Oltre a queste materie il Consiglio ha inserito, su proposta del Presidente Galan, anche la richiesta di maggiori competenze legislative sui lavori pubblici.

    “Se il federalismo fiscale e tutte quelle altre ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia indicate dall'articolo 116 al terzo comma, ci verranno riconosciute e attribuite, noi potremo disporre della possibilità concreta di esercitare il governo del Veneto in un modo che non potrà che essere saggio nelle sue vedute, continuo e sapiente nei suoi progetti, abile, uniforme e fermo nell'esecuzione degli stessi'', ha detto il presidente della Regione, Giancarlo Galan, in consiglio regionale.

    “L'essenza dell'articolo 116, comma terzo, non e' l'attribuzione di maggiori risorse alle Regioni che facciano richiesta di piu' ampie forme di autonomia, quanto la possibilita' di organizzare in modo diverso e piu' efficiente certe funzioni pubbliche utilizzando sostanzialmente le medesime risorse impiegate in precedenza dallo Stato, salva la possibilita' di prelevare ulteriori risorse dai cittadini della Regione - ha spiegtato Galan -. I vantaggi che si possono trarre da questo processo sono notevoli e non sono confinati alle sole Regioni che hanno attivato le ulteriori funzioni''. Diventa possibile, per esempio - e' stato spiegato - ricondurre ad unita' la normativa statale e regionale che regola i settori a competenza concorrente, riducendo la complessita' del sistema e gli oneri amministrativi a carico di cittadini e imprese, accelerare i tempi di concessione delle autorizzazioni e, piu' in generale, di svolgimento delle pratiche amministrative e di realizzazione delle opere pubbliche, limitare la conflittualita' fra Stato e Regione nelle materie di legislazione concorrente riducendo il ricorso alla Corte Costituzionale e accrescendo il grado di certezza delle norme, liberare l'iniziativa delle Regioni ora inibita dalla mancanza dei principi fondamentali, la cui emanazione spetta allo Stato, sperimentare nuove forme di intervento che facciano, per esempio, piu' ampio ricorso alla sussidiarieta' orizzontale.

    Con il provvedimento approvato dal Consiglio regionale il Veneto da' dunque mandato al suo Presidente, Giancarlo Galan a negoziare con Roma ulteriori competenze legislative e amministrative in 14 materie:

    ISTRUZIONE.
    - Il Veneto chiede una maggiore autonomia regionale in tema di istruzione scolastica e universitaria sia in ordine alle norme generali (età minima di accesso, tempi di attuazione del diritto/dovere di istruzione, percorsi integrati di istruzione/formazione, piani di studio), sia in ordine alla programmazione della rete scolastica, dell'offerta formativa integrata e contributi alle scuole paritarie. Il Veneto chiede anche competenze legislative e amministrative sul personale della scuola e sulle risorse gestite dallo Stato.

    TUTELA DELLA SALUTE.
    La Regione chiede maggiori risorse e specifica autonomia programmatoria e gestionale del sistema sociosanitario per avviare ''importanti e decisivi interventi di manutenzione evolutiva e di riorientamento della governance del sistema'' in particolare per rafforzare il decentramento della sanità nel territorio.

    TUTELA E VALORIZZAZIONE BENI CULTURALI.
    Il Veneto chiede di acquisire potestà legislativa concorrente in materia di tutela dei beni culturali e maggiori funzioni amministrative nella tutela, valorizzazione e gestione del patrimonio culturale locale. A questo proposito il Veneto vorrebbe in particolare la possibilità di istituire una propria soprintendenza regionale dei beni librari e archivistici, di definire i profili professionali nell'ambito bibliotecario e archivistico e, infine, la tutela e valorizzazione dei beni del patrimonio storico della prima guerra mondiale.

    RICERCA E INNOVAZIONE.
    La Regione Veneto chiede maggiore autonomia nel campo della ricerca industriale e sperimentale per sostenere meglio lo sviluppo socio-economico del proprio territorio.

    POLITICA ESTERA.
    Il Veneto chiede di superare le attuali limitazioni nella stipula di accordi e intese internazionali previsti dalla convenzione di Madrid del 1980 al fine di poter dar vita speditamente ad organismi con personalita' giuridica come l'Euroregione (che aggrega regioni appartenenti a piu' Stati), di poter gestire interventi per le aree di confine e di sostenere con maggior chiarezza programmi e iniziative di cooperazione decentrata.

    GIUDICI DI PACE.
    L'obiettivo della Regione e' avere competenze rafforzate nell'organizzazione dei giudici di pace, come le due regioni a statuto speciale del Trentino e della Valle d'Aosta, limitatamente alla selezione, nomina, formazione dei giudici, dislocazione degli uffici e degli organici, gestione del personale amministrativo.

    TUTELA DELL'AMBIENTE.
    La Regione chiede competenze legislative e amministrative rafforzate sul controllo degli inquinamenti ambientali, tutela delle risorse naturali, disciplina della valutazione di impatto ambientale (Via) e della valutazione ambientale strategica (Vas) ''anche con riferimento ai procedimenti relativi ad impianti strategici situati nel territorio
    veneto'', disciplina dell'informazione ambientale, elettromagnetismo, industrie a rischio di incidente rilevante, salvaguardia degli equilibri ecologici nel governo del territorio.

    COMUNICAZIONE.
    La Regione intende intervenire nella programmazione e disciplina dei contenuti delle trasmissioni radiotelevisive in ambito regionale attraverso la stipula di appositi contratti di servizio con la rete regionale Rai e propone di affidare al Corecom funzioni piu' incisive nel sistema regionale della comunicazione.

    PREVIDENZA INTEGRATIVA.
    Il Veneto chiede di negoziare con lo Stato incentivi per i fondi pensione negoziali, la possibilità di creare fondi pensione a carattere regionale e interventi di sostegno e garanzia sul fronte previdenziale , rivolti in particolare alla realta' delle piccole e medie imprese.

    PROTEZIONE CIVILE.
    Il Veneto chiede la regionalizzazione delle strutture operative dei vigili del fuoco, dei forestali, delle capitanerie di Porto e della Croce Rossa italiana e l'attribuzione al Presidente della Regione del potere di ordinanza per fronteggiare eventi calamitosi. INFRASTRUTTURE. Il Veneto rivendica il trasferimento alla Regione dei binari, stazioni e infrastrutture ferroviarie per migliorare la qualita' dei servizi su ferro ai cittadini, la cogestione con lo Stato di aeroporti e porti nazionali, la gestione delle rete stradali nazionali in territorio veneto, il coinvolgimento nella programmazione, progettazione e realizzazione delle infrastrutture anche di interesse sopranazionale e nazionale che ricadono nel proprio
    territorio.

    BANCHE REGIONALI.
    La Regione chiede nuove competenze su istituzione, fusione, modifiche statutarie e articolazione regionale delle banche regionali (casse di risparmio, casse rurali, aziende di credito a carattere regionale, enti di credito fondiario e agrario a carattere regionale) nel rispetto dei principi fondamentali dello Stato e degli obblighi comunitari.

    GOVERNO DEL TERRITORIO.
    Il Veneto chiede piu' competenze legislative e amministrative in materia edilizia, sulle tipologie, sul regime giuridico e la disciplina tecnica degli interventi, sull'attivita' di vigilanza nelle zone sismiche, sull'edilizia residenziale pubblica con particolare riguardo ai criteri per l'accesso al mercato delle locazioni. La Regione chiede inoltre piu' competenze in materia di espropri di beni immobili per l'esecuzione di opere pubbliche o di pubblica utilità

    LAVORI PUBBLICI.
    La Regione rivendica maggiori spazi di autonomia legislativa e amministrativa sulle opere pubbliche di interesse regionale che risultino sottratte, in ragione della rilevanza economica dell'intervento ma pur sempre di importo inferiore alla soglia comunitaria, all'applicazione delle direttive comunitarie in materia di appalti. Il Veneto chiede quindi maggiori competenze nella disciplina delle attivita' di progettazione, delle procedure di affidamento degli appalti di lavori e dei servizi tecnici connessi, nei criteri di selezione delle offerte, nella disciplina delle forme di pubblicita' di bandi e avvisi, degli istituti del subappalto, delle varianti in corso d'opera e del collaudo e, infine, della tutela e sicurezza del lavoro.

  4. #4
    Pensiero Libero
    Data Registrazione
    16 Jun 2009
    Messaggi
    2,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questi punti da contrattare con Roma sono un segnale, che va nella giusta direzione ma può anche essere vista come un'accontentarsi di quello che ci viene dato...
    Un punto molto importante è quello sul controllo delle banche a livello regionale,staremo a vedere se i frutti ci saranno.

    Quì l'articolo dal sito di PNE: http://www.progettonordest.org/articolo.php?id=127

    COMUNICATO STAMPA: AUTONOMIA, PROFONDA SODDISFAZIONE DI PROGETTO NORDEST PER L’AMPIO MANDATO ASSEGNATO AL PRESIDENTE GALAN

    Profonda soddisfazione è stata espressa dai consiglieri regionali di Progetto Nordest Mariangelo Foggiato e Diego Cancian per l’ampia convergenza del Consiglio Regionale sul documento che dà mandato al presidente Giancarlo Galan di negoziare con lo Stato italiano ulteriori competenze in ben 14 materie: istruzione, tutela della salute, tutela e valorizzazione dei beni culturali, ricerca e innovazione, potere estero, giustizia di pace, tutela dell’ambiente, comunicazione, previdenza integrativa, protezione civile, infrastrutture, banche di carattere regionale, governo del territorio e lavori pubblici.
    “L’accelerazione imposta dal nostro Gruppo con la presentazione e la successiva approvazione del Consiglio Regionale, nell’ottobre dello scorso anno, della proposta di legge per inserire anche il Veneto fra le regioni a statuto speciale è stata determinante per arrivare a questo risultato che rappresenta un momento storico nella battaglia per l’autonomia e l’autodeterminazione del popolo veneto” hanno sottolineato i due consiglieri di PNE.

    http://progettonordest.forumfree.net/

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,774
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giane Visualizza Messaggio
    -----
    COMUNICATO STAMPA
    -----

    -----

    Galan è nudo, stia attento al gelo

    Appoggio a Galan, ma il debito italiano non è cosa nostra.

    -----

    Treviso, lì 20 dicembre 2007


    Il PNV appoggia senz’altro il governatore Giancarlo Galan nella sua trattiva romana per ottenere maggiori competenze.
    In merito però all’ipotesi di farci carico come veneti di una quota di debito pubblico italiano, in cambio di qualche competenza governativa, magari pure priva delle leve finanziarie per renderla effettiva, ci corre l’obbligo di ricodare a Galan e a tutti gli altri politici che stanno anticipando un pò troppo i brindisi natalizi, che tale tema risulta quantomeno anticipato per noi veneti che già subiamo gli effetti della malaspesa italiana e di un debito pubblico non opera nostra, ma del governo di uno stato che ci è più contro che a favore.
    È bene in particolare rammentare che la Convenzione di Vienna del 1983 sulla successione degli Stati rispetto ai beni pubblici, ai debiti pubblici e agli archivi bene stabilisce proprio i principi per la divisione dei valori di tali patrimoni da svolgersi però durante negoziati per l’indipendenza e non certo durante le elemosine di poteri da svolgere magari in nome e per conto di uno stato centrale che fa di tutto per occultare la nostra identità veneta.

    Gianluca Busato
    Comitato per la fondazione del
    Partito Nazionale Veneto

    Web: www.pnveneto.org
    E-mail: [email protected]
    Galan è un fognaitaliota; stiano attenti coloro che lo votano.

 

 

Discussioni Simili

  1. Ma il PDL stia attento.
    Di mustang nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 21-11-10, 19:41
  2. Parte Forza Sud, premier stia attento
    Di TiziusMCMLXVI nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 31-10-10, 12:14
  3. Risposte: 52
    Ultimo Messaggio: 13-04-08, 12:27
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-12-07, 16:25
  5. Non lamentatevi per il GELO^___^
    Di Caterina63 nel forum Cattolici
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 19-12-05, 13:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226