User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Anche il Times stronca l’Italia: “vecchia e povera”

    http://www.pnveneto.org/index.php/20...chia-e-povera/

    Dopo il “New York Times”, anche il “Times”, il più prestigioso quotidiano britannico, stronca l’Italia. Un paese in declino inesorabile, viene definito. Ecco alcune cifre riportate:

    I numeri della crisi italiana (secondo il Times):
    • 0% = Tasso di crescita della popolazione italiana
    • 42,5 = Età media degli italiani; in Gran Bretagna è di 38,5 anni: 65. Un italiano su cinque ha più di 65 anni.
    • 1,29 = Figli per donna italiana. Il tasso minimo di rinnovamento della popolazione (perché il numero di abitanti si mantenga stabile) è di 2,1 figli per donna.
    • 120 = Giorni di lavoro persi ogni anno per sciopero ogni mille abitanti, nel periodo 2001-2005. In Gran Bretagna lo stesso valore è di appena 26 giornate di lavoro.
    • 20sima = Posizione dell’Italia secondo lo Human Development Index. l’indice usato dall’Onu per misurare il grado di sviluppo di un Paese. L’Italia è quattro gradini dietro la Gran Bretagna e sette dietro la Spagna. E per giunta, nel corso di un anno, ha perduto tre posizioni.
    • 7% = Il tasso di disoccupazione in Italia: è più basso in 76 Paesi, incluse Romania, Nigeria, Cambogia e Ucraina.
    • 106% = Il debito pubblico rispetto al Pil. E’ il sesto peggior valore al mondo.
    Ed ecco l’articolo completo riportato di seguito.


    http://www.timesonline.co.uk/tol/news/world/europe/article3085338.ece

    La dolce vita turns sour as Italy faces up to being old and poor

    Richard Owen in Rome

    The Christmas fair on Piazza Navona in the heart of Rome looks as cheerful as ever: glittering decorations, funfair booths and roasting chestnuts. In St Peter’s Square the giant Christmas tree is lit, and the streets are full of visitors soaking up the festive version of la dolce vita.
    The markets in the residential districts tell a different story. The lights are bright but the mood is sombre. “I’m buying fewer presents this year, and cheaper ones,” said a woman fingering fur hats at a stall near the Vatican. “And as for food . . .”
    There is a sense of national angst in Italy as 2007 comes to a close. A defining moment came this week when, for the first time, Spain overtook Italy in terms of living standards. Greece is now breathing down Italy’s neck.
    The self-lacerating mood goes far beyond prices and incomes, reaching into the heart of Italy’s debate with itself over soul and identity. Italians are ruling significant parts of the world: Fabio Capello has taken charge of the England football team and Carla Bruni has conquered the heart of the French President.
    Yet, at home, Italians are consumed with a sense of domestic decline. “When an entire country goes into crisis over the ‘who are we and where are we going’ debate, it means we are reaching new heights of hysteria,” the writer Umberto Eco said. “This explosion of provincialism is truly painful. Personally I feel depressed.”
    So do many of his fellow countrymen. There is a sense that while the past is Italy’s glory, it is also its prison, with politics and business dominated by a gerontocracy and the younger entrepreneurs and politicians held back.
    When Romano Prodi, the centre-left Prime Minister, held a summit in Rome this week with Nicolas Sarkozy of France and José Luis Rodríguez Zapatero of Spain, commentators noted that while Mr Zapatero was 47 and Mr Sarkozy a bouncy 52, Mr Prodi was a weary-looking 68. In the wings, plotting his comeback, is the centre-right leader and media tycoon Silvio Berlusconi, aged 71.
    “The problem is that the leaders of our governing class are greybeards whereas, say, Spain’s are practically kids,” says Michele Salvati, a leading economist. At this year’s Miss Italia beauty contest, the contestants were all in their teens while the average age of the judges — who made headlines by arguing over whether a girl’s bottom should be judged part of her charm — was 70.
    Even the arts are struggling: although there are fine Italian film directors, there is none to match Fellini or Visconti, and Monica Bellucci, for all her beauty, is no Sophia Loren (in any case she lives in Paris).
    When Larry Gagosian, the dynamic American art dealer, opened a new modern art gallery in Rome last week, some critics accused him of making money instead of praising an attempt to put Rome at the cutting edge of contemporary art.
    Vincenzo Cremonini, 44, who has expanded his meat-producing business at Módena to include railway and motorway catering — including the new Eurostar service from St Pancras — identifies three other factors holding Italy back: bureaucracy, the slow judicial system, which is used by protesters to hold up modernising initiatives such as the Turin to Lyons high-speed railway, and the “selfperpetuating political elite”.
    A book on Italy’s cocooned elite, La Casta (The Caste), a runaway bestseller this year, pointed out that Italy had the highest number of official chauffeur-driven cars in Europe, and that the presidential palace, the Quirinal, cost four times as much to run as Buckingham Palace.
    A “jobs for life” mentality prevails, with jobs allocated not on merit but through a network of mutual favours and family ties known as raccomandazione. Some younger Italians are prepared to take short-term contracts, which is part of the Prodi Government’s modernisation programme, but Italy’s powerful trades unions have mobilised millions of protesters against what they call “precarious labour”. Last month hospitals closed for a day over short-term contracts, and this month lorry drivers brought the economy grinding to a halt with a three-day strike.
    The workforce at Alitalia, itself a symbol of the Italian malaise, is threatening a Christmas strike over the proposed sale of the troubled national airline to Air France-KLM. Even La Scala opera house in Milan is disrupted regularly by industral unrest. “Italy needs a Margaret Thatcher,” Francesco Caltagirone, one of Italy’s top entrepreneurs, said yesterday. “We need rigour and deregulation, a leader who will force Italians to make sacrifices.”
    Even the Italian nuclear family, once the bulwark (along with the Catholic Church) of Italian society, is in decline, with growing divorce rates, a low birthrate and the rise of single parenthood. The family still provides a haven for young Italians, many of whom live at home until they are 30 — but this, too, holds Italy back, as those who should be carving a niche for themselves opt instead for Mamma’s cooking and laundry services. Many do so because they cannot afford to make their own way.
    Confesercenti, the traders’ association, says that sales this year of clothing and electrical goods are down 15 per cent, and perfume sales down 10 per cent. Yesterday Coldiretti, the farmers’ union, announced that even sales of pasta were down 4 per cent and bread by 7 per cent.
    “A lot of families find it difficult to reach the end of the month,” Mr Cremonini says. “We call it the fourth-week syndrome.”
    Eleven per cent of Italian families live under the poverty line, and the middle class is feeling the pinch too. This week Mr Prodi’s wife, Flavia, had to intervene when a well-dressed woman in a fur coat accosted her husband outside Palazzo Chigi, the Prime Minister’s residence, accusing him of “ruining us all”.
    One key reason for Italy’s woes is rising energy costs. Another is the strength of the euro against the dollar. Even the luxury sector, for which Italy is renowned with names such as Gucci, Armani and Versace, is feeling the squeeze as orders drop. Globalisation and cheap competition from Asia are undermining traditional exports such as textiles.
    The last straw for many was the news that Spain had overtaken them in terms of GDP per capita. According to the European Union statistics office, Eurostat, Spain’s GDP per capita climbed to 5 per cent above the 27-member EU average last year, from 3 per cent above the previous year.
    Italy moved in the opposite direction, with the figure falling to 3 per cent above from 5 per cent. Spain already has its sights on the next goal. Mr Zapatero, welcoming the news, added that the country must match the economy of France.
    Italy, says Luca Cordero di Montezemolo, the head of Fiat and the employers’ federation Confindustria, “has not only come to a halt, it is going backwards. The problem is not only that we lack investment in research and development, it is also that every Italian looks out for himself, not for the common good.”
    The result is that Italians are the least happy people in Europe, according to a poll conducted for the University of Cambridge by Luisa Corrado, of the University of Rome. Danes turned out to be the happiest. Tellingly, in Denmark 64 per cent said that they trusted their parliament. In Italy it was only 36 per cent.
    Many older Italians remember much harder times: the historian Giampaolo Pansa, 72, says that “everyone says they are poor nowadays, but I remember my grandmother stealing food from the fields to feed us. The other day a builder came to our house. He said he’d never known such hard times — and then pulled out the latest-generation mobile phone.”
    After the Second World War, millions of Italians emigrated in search of a better life. The movement is now the other way, with nearly four million immigrants in Italy. “The problem is that a country like Spain sees immigrants as useful workers, whereas in Italy the headlines tell us they are all criminals who go round robbing and stabbing Italians,” Carlo Bastasin, an economist, said.
    Italian-Spanish rivalry is a needle match, and some Italians fear that their country’s decline, and the rise of Spain, means that Madrid will carry more weight than Rome around the world. Ronald Spogli, the US Ambassador to Rome, gave warning this week that Italy “risks a diminished international role” as well as slipping down the list of American global business partners.
    “America’s best friends are its business partners,” he observed, noting that US investment in Italy was about $17 billion (£8.5 billion), while in Spain it was nearly $50 billion.
    There is hope amid the encircling gloom. In Sicily the crippling power of the Mafia is finally being tackled by businessmen — almost all in their forties, with European experience — who risk their lives by refusing to pay protection money.
    Italy, says Walter Veltroni, the Mayor of Rome and a likely future centre-left Prime Minister, can and must overcome its “do-nothing demon”. Italian bureaucracy is “an elephant sitting on top of Italy and holding it back”, he said. “We must lose our fear of the new.”
    “There is more to Italy than pizza and spaghetti,” says Mr Montezemolo, who — according to rumours — may enter politics when his Confindustria mandate expires next year.
    “We are a country full of excellence and positive energy. We can reverse this decline — if we open up the country, embrace the market, get rid of the red tape, and release the talents of the young.”

    Trying times

    — 0% population growth rate
    — 42.5 median age, compared with 38.5 in Britain
    — one in five Italians is over 65
    — 1.29 children born per woman. 2.1 needed to maintain population
    — 120 days lost each year to strike action per 1,000 employees from 2001 to 2005, compared with 26 in Britain
    — 20th place on Human Development Index, the UN measure of factors such as education, wealth and life expectancy, four places below Britain and seven below Spain. Italy dropped three places in the past year
    — 7% unemployment rate, higher than 76 countries, including Romania, Nigeria, Cambodia and Ukraine
    — 106% public debt as proportion of GDP, the sixth-highest in the world, higher than Zimbabwe

    Sources: UN, CIA, National Statistics

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E il commento di Prodi l'avete letto?

    SINGOLARE 'TIMES' QUANDO ITALIA SUPERA GB IN EXPORT - "E' singolare che questo articolo esca proprio quando i dati sull'export evidenziano come l'Italia avrebbe superato la Gran Bretagna". Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, avrebbe commentato così con i suoi collaboratori, secondo quanto si apprende, l'articolo uscito oggi sul 'Times' che boccia il Belpaese.


    Mi chiedo marzullianamente: ma è a far politica che si diventa mentecatti, o sono i mentecatti che in questo paese occupano la politica?

    Se l'export tiene come può essere merito di un governo che non abolisce l'IRAP, che non investe in ricerca e in infrastrutture, che ha liberalizzato l'altro ieri il mercato dell'energia, che spende il 41% del budget fiscale in pensioni? L'export tiene per due ragioni: la prima è che il made in Padania è indistruttibile perchè attiene più alla mitologia che all'economia. La seconda è ancora più semplice: il potere d'acquisto dei mercati esteri, negli ultimi due anni, a differenza del nostro, è cresciuto. La gente vive meglio. E' più ricca. Di conseguenza è aumentata la domanda di beni e di prodotti italiani. Non sono un'economista, ma credo sia intuitivo che se aumentano le vendite è perchè aumenta il denaro a disposizione degli acquirenti.
    Tuttavia il dato lascia il tempo che trova. Come giustamente ha sottolineato il Times, gli indici per capire lo stato di salute di un paese sono molteplici. E in nessuno di essi, si tratti del PIL a parità di potere d'acquisto o dell'indice di sviluppo umano, l'italia fa una bella figura. Anzi: ogni anno che passa la fa sempre più magra. Come mai?

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ZENA Visualizza Messaggio
    E il commento di Prodi l'avete letto?

    SINGOLARE 'TIMES' QUANDO ITALIA SUPERA GB IN EXPORT - "E' singolare che questo articolo esca proprio quando i dati sull'export evidenziano come l'Italia avrebbe superato la Gran Bretagna". Il presidente del Consiglio, Romano Prodi, avrebbe commentato così con i suoi collaboratori, secondo quanto si apprende, l'articolo uscito oggi sul 'Times' che boccia il Belpaese.


    Mi chiedo marzullianamente: ma è a far politica che si diventa mentecatti, o sono i mentecatti che in questo paese occupano la politica?

    Se l'export tiene come può essere merito di un governo che non abolisce l'IRAP, che non investe in ricerca e in infrastrutture, che ha liberalizzato l'altro ieri il mercato dell'energia, che spende il 41% del budget fiscale in pensioni? L'export tiene per due ragioni: la prima è che il made in Padania è indistruttibile perchè attiene più alla mitologia che all'economia. La seconda è ancora più semplice: il potere d'acquisto dei mercati esteri, negli ultimi due anni, a differenza del nostro, è cresciuto. La gente vive meglio. E' più ricca. Di conseguenza è aumentata la domanda di beni e di prodotti italiani. Non sono un'economista, ma credo sia intuitivo che se aumentano le vendite è perchè aumenta il denaro a disposizione degli acquirenti.
    Tuttavia il dato lascia il tempo che trova. Come giustamente ha sottolineato il Times, gli indici per capire lo stato di salute di un paese sono molteplici. E in nessuno di essi, si tratti del PIL a parità di potere d'acquisto o dell'indice di sviluppo umano, l'italia fa una bella figura. Anzi: ogni anno che passa la fa sempre più magra. Come mai?
    apprezzo di solito il tuo rigore nei dati
    ma stavolta l'export non tiene ma aumenta
    la nostra quota di mercato dopo essere scesa dal 4,0% del 2001 al 3,4% del 2006 e' risalita questo anno al 3,6%

    vedi anche il grafico dei saldi mensili



    evidentemente l'indistrttibilita' del made in Padania e' soggetto ad alti e bassi
    i bassi ,sicuramente per un destino cinico e baro corrispondono sempre al governo del nano.
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da furbo Visualizza Messaggio
    apprezzo di solito il tuo rigore nei dati
    ma stavolta l'export non tiene ma aumenta
    la nostra quota di mercato dopo essere scesa dal 4,0% del 2001 al 3,4% del 2006 e' risalita questo anno al 3,6%

    vedi anche il grafico dei saldi mensili



    evidentemente l'indistrttibilita' del made in Padania e' soggetto ad alti e bassi
    i bassi ,sicuramente per un destino cinico e baro corrispondono sempre al governo del nano.
    Vero, aumenta. Ma il governo del nano ha coinciso con una stagnazione della crescita economica internazionale. Da due anni i paesi a più alto tasso di sviluppo crescono (e crescono il doppio dell'italia governata da Prodi). Sono pazzo se vedo una relazione tra questo dato di fatto e la crescita dell' EXPORT, cioè della domanda di merci italiane sui mercati esteri?
    Se sono pazzo, mi si dica allora un provvedimento varato da Prodi e finalizzato ad aumentare la competitività delle imprese padane. In merito, si possono varare due generi di iniziative: de-tassazione e/o investimenti in ricerca e infrastrutture. Nulla di ciò è stato fatto, ragion per cui io, pazzo, dico: Prodi abbia il buon gusto di tacere e di capire che è la "politica" di cui fa parte, al pari di tutti gli altri, il nostro freno a mano.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,827
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ZENA Visualizza Messaggio
    Vero, aumenta. Ma il governo del nano ha coinciso con una stagnazione della crescita economica internazionale. Da due anni i paesi a più alto tasso di sviluppo crescono (e crescono il doppio dell'italia governata da Prodi). Sono pazzo se vedo una relazione tra questo dato di fatto e la crescita dell' EXPORT, cioè della domanda di merci italiane sui mercati esteri?
    Se sono pazzo, mi si dica allora un provvedimento varato da Prodi e finalizzato ad aumentare la competitività delle imprese padane. In merito, si possono varare due generi di iniziative: de-tassazione e/o investimenti in ricerca e infrastrutture. Nulla di ciò è stato fatto, ragion per cui io, pazzo, dico: Prodi abbia il buon gusto di tacere e di capire che è la "politica" di cui fa parte, al pari di tutti gli altri, il nostro freno a mano.
    questo quando si parla di quote c'entra veramente poco
    se la nostra quota e' diminuita quella di altri e' aumentata ( la somma e' sempre 100 ) nonostante una stagnazione della crescita economica internazionale

    secondo : ritengo piu' produttivo visitare paesi con delegazioni di industriali per firmare accordi economici piuttosto che per fare le corna a colleghi.
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  7. #7
    Ritorno alle Termopili
    Data Registrazione
    12 Dec 2007
    Località
    In un bunker su Marte
    Messaggi
    23
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    N.B.

    Il Times è pure un quotidiano di orientamento democratico e simpatico ai politici di area centro-sinistra.

    Mi ricordo quando il Times faceva qualche sparata su Berlusconi durante il suo governo...tutto il popolo sinistro esultava.

    Ma adesso? ora che perfino da Oltreoceano si sono accorti che razza di scellerate persone ci governano Prodi e company che fanno? Nulla a parte la classica faccia da pesce palla che ha appena fatto indigestione...e intanto il declino continua.

    Grazie sinistra, grazie Prodi e...grazie ai c.... che li hanno votati

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da furbo Visualizza Messaggio
    questo quando si parla di quote c'entra veramente poco
    se la nostra quota e' diminuita quella di altri e' aumentata ( la somma e' sempre 100 ) nonostante una stagnazione della crescita economica internazionale

    secondo : ritengo piu' produttivo visitare paesi con delegazioni di industriali per firmare accordi economici piuttosto che per fare le corna a colleghi.
    Guarda che il ragionamento è molto semplice e si basa sull'attrattiva del made in Padania. Se l'economia mondiale cresce, cresce di riflesso anche l'export, sebbene - come dimostrano i dati del PIL - non a livelli da garantire una crescita economica interna adeguata. Nessun paese ha infatti un'identità produttiva paragonabile alla nostra. Cibo, fashion, e da due-tre anni anche meccanica. Merito degli accordi di Prodi? Quali accordi? Il commercio con l'estero è materia di organismi sovra-nazionali come il WTO, e ricordo anche che il nostro indice di libertà economica è sempre fermo su livelli terzomondisti.

    Non intendo difendere Berlusconi a scapito di Prodi. E' un dibattito che non mi interessa perchè ritengo ormai infantili polemiche le cui variabili si chiamano destra e sinistra. Vuoi che ammetta che il governo Berlusconi è stato un fallimento? Lo ammetto. Ma preferisco ragionare in termini di sistema. Sprofondare con Tremonti o Padoa Schioppa non fa differenza.

    Però è assurdo non prendere atto che da quindici anni a questa parte stiamo affogando solo per il gusto della faziosità. Guarda il PIL, guarda l'indice di sviluppo umano, quello di libertà economica, perfino l'indice di felicità. Quelli sono gli specchi del paese.

  9. #9
    itaglia=paese miserabile
    Data Registrazione
    23 Aug 2006
    Località
    Tra le nebbie del Grande Fiume
    Messaggi
    939
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Leonida86 Visualizza Messaggio
    N.B.

    Il Times è pure un quotidiano di orientamento democratico e simpatico ai politici di area centro-sinistra.

    Mi ricordo quando il Times faceva qualche sparata su Berlusconi durante il suo governo...tutto il popolo sinistro esultava.

    Ma adesso? ora che perfino da Oltreoceano si sono accorti che razza di scellerate persone ci governano Prodi e company che fanno? Nulla a parte la classica faccia da pesce palla che ha appena fatto indigestione...e intanto il declino continua.

    Grazie sinistra, grazie Prodi e...grazie ai c.... che li hanno votati

    Il problema non è Prodi o Berlusconi.

    Il problema si chiama sistema italia, non è necessaria una laurea in economia ad Harward per capire che le esportazioni italiane crescono, solo perchè in questo periodo l'economia internazionale è ancora in una fase espansiva, ma l'italia cresce solo dell' 1,9% cioè al di sotto del sistema, quello italiano è un problema strutturale.

    Questo paese ha il terzo debito pubblico del mondo, ma non ha la terza economia del mondo, l'italia deve restare nell'euro perchè cosi ha stabilito la massoneria europea, ma è chiaro a tutti che l'italia non riesce a sopportare il peso di una moneta tanto forte e pesante.

    E poi cosa è avvenuto in questo paese dagli anni 70 in poi? si è potuto alimentare lo sviluppo utilizzando la svalutazione della lira ed il cambio favorevole, e si sono potuti evitare problemi sociali pagando pensioni di invalidità, pensioni baby e di vecchiaia (giovane) e con assunzioni a pioggia nel pubblico, tutto questo oggi non è più possibile, e il sistema scricchiola, sino a quando potrà durare?

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 29-11-10, 01:28
  2. povera Italia-povera Cosenza
    Di lupo della sila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-06-08, 22:12
  3. Anche il Times stronca l’Italia: “vecchia e povera”
    Di giane nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 23-12-07, 12:58
  4. Istat: Italia più vecchia, povera e infelice
    Di Curioso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 05-11-05, 02:12
  5. Una invasione continua : Povera Sicilia , povera Italia !!
    Di bonconti (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 20-07-05, 19:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226