User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Cool Ron Paul e la Scuola Austriaca

    Ron Paul & Bernanke sul Sole 24 Ore


    Riportiamo il primo articolo italiano che descrive con serietà le posizioni politico-economiche di Ron Paul..



    Il Sole 24 Ore - 9 Dicembre 2007

    Ron Paul, il candidato che vuole abolire la Fed

    di Riccardo Sorrentino

    Attento, Bernanke... C'è una legge per abolire la Federal Reserve che giace al Congresso, e non l'ha presentata un deputato qualunque. Ron Paul non ha solo una lunga storia personale alle spalle, ma è anche un candidato alle primarie per le presidenziali Usa con il partito repubblicano; e oggi è primo nei sondaggi tra i delegati - gli straw polls - nei caucuses di Alabama, California, Georgia, Maryland, Missouri, Nevada, New Hampshire, New Jersey, New York (davanti a Giuliani), North Carolina, Oklahoma, Oregon, Pennsylvania, Washington e nel seggio per gli stranieri.L'HR2755...Il suo disegno di legge, l'HR2755, è molto semplice: «Entro un anno dalla data di approvazione di questa legge, il Board dei governatori della Federal reserve System, e ogni banca della Federal reserve sarà abolita». Alla fine dello stesso periodo, concesso per risolvere il problema dei dipendenti - da licenziare - e degli assets della Banca centrale - da cedere al Tesoro - sarà abrogato il Federal Reserve Act, la legge che regola l'autorità monetaria....

    E LA COSTITUZIONE

    Il motivo? La Costituzione americana, innanzitutto, di cui Paul vuole il rispetto assoluto, totale; e la Carta fondamentale (all'articolo uno sezione otto) prevede che sia il Congresso a «coniare moneta e regolarne il valore». Per Paul è un messaggio chiaro. «La moneta di valore reale, l'oro o l'argento, era chiaramente preferita dai Padri Fondatori, come mostrano i loro scritti e la Costituzione. La loro avversione per la cartamoneta nasceva dalla loro esperienza con i Continental (durante la rivoluzione, ndr) e la cartamoneta non convertibile coloniale».

    UN CUORE LIBERTARIO

    Non è però, per Ron Paul, una semplice questione di legittimità formale. Medico antiabortista, il candidato è anche un pacifista e un libertario - nemico quindi della legislazione di Bush contro il terrorismo - e un liberista, favorevole quindi alla libera vendita della droga. L'abolizione della banca centrale, per lui, è solo un primo passo. «Che sia la Federal reserve, il Congresso o i banchieri (attraverso il moltiplicatore dei depositi, ndr) a controllare il sistema monetario - ha scritto - non fa differenza. Tutti inevitabilmente fanno abusi, ed è per questo che noi abbiamo bisogno di una moneta controllata solo dal popolo. L'unica alternativa, morale, costituzionale ed economicamente produttiva è il gold standard con monete convertibili al 100%, che mette i cittadini al potere».

    TRA ROTHBARD E MISES

    Qualcuno lo definisce un anarcocapitalista, e il ritratto del caposcuola Murray Rothbard è appeso nel suo ufficio, ma la sua storia e i suoi programmi non confermano questa definizione. È un seguace, comunque, della scuola austriaca che trova in Ludwig von Mises (maestro di Friedrich von Hayek) il suo caposcuola negli Stati Uniti.

    UN NO ALLA FIAT MONEY

    Ron Paul vuole quindi che sia il mercato a definire i tassi di interesse, e crede che solo l'argento e l'oro - insieme alla moneta d'oro elettronica - possano essere usati come denaro. È nemico quindi della moneta emessa dalle Banche centrali (e dalle banche commerciali attraverso le riserve parziali) senza un sostegno reale.

    QUANDO MORÌ IL DOLLARO

    Le sue idee potrebbero essere condivise anche da un radicale di sinistra. «Quando Nixon dichiarò che i possessori stranieri di dollari non potevano più scambiarli con l'oro - ha scritto - il gold exchange standard giunse a una miserevole fine. Questa ha reso possibile l'inflazione che ha finanziato la guerra in Vietnam e la Grande società, insieme a massicci cattivi investimenti aziendali. Il peggio, però doveva ancora venire. Il dollaro morì quel 15 agosto 1971, e dopo quella data, non ha un valore indipendente per nessuno. Le nuove regole, con il dollaro che è semplicemente una moneta fiduciaria, furono accompagnate da un'inflazione anche maggiore e da turbolenze economiche, e hanno creato le condizioni per una totale perdita di fiducia nel dollaro».

    LA SCUOLA AUSTRIACA

    Non sono idee originali. Tutti gli economisti della scuola austriaca hanno un'idea eterodossa dei cicli economici, secondo loro causati da un eccesso di liquidità che altera il valore dei beni lanciando segnali sbagliati agli operatori economici e soprattutto agli imprenditori che fanno investimenti. L'inflazione non è quindi l'aumento generalizzato dei prezzi - l'indice è una media, poco significativa - ma il fatto stesso che troppa moneta sia in circolazione: i prezzi si muovono solo lentamente, un bene dopo l'altro - l'effetto Cantillon - partendo dalle azioni e degli immobili.

    INVESTIMENTI SBAGLIATI

    La scelta politica di iniettare troppa moneta - rispetto al livello di risparmio del sistema - crea quindi recessioni, perché gli investimenti sono effettuati sulla base di segnali (di prezzo) sbagliati e incoerenti. Se si tenta di evitare le crisi immettendo altra moneta, spiega la scuola, si ha come effetto solo il rinvio della recessione, che però diventa più grave. Prima o poi il disallineamento - per semplificare - tra valori reali e valori monetari - esplode.

    ATTRAVERSO OCCHI AUSTRIACI

    Poco a suo agio con il linguaggio matematico, incurante della nozione stessa di equilibrio, fortemente individualista (nella tradizione di Carl Menger) e forse eccessivamente liberista, la scuola austriaca per quanto piena di spunti interessanti appare a molti ormai rigida e soprattutto sterile, incapace di proporre qualcosa di nuovo; ma ha avuto qualcosa da dire in questi ultimi anni in cui il mondo è stato inondato di liquidità. Due anni fa, a giugno, l'allora capo economista della Lehman Brothers, John Llewellyn, si richiamò agli insegnamenti della scuola, sia pure in modo "pragmatico, in una sua nota («Through Austrian eyes»). «A marzo - scriveva - abbiamo dato, a una crisi Usa legata al deficit corrente con l'estero tra dodici mesi, una probabilità del 20% che passa al 45% nei prossimi tre anni. Ora bisogna aggiungere le probabilità dei problemi sul mercato immobiliare, e aumentiamo la nostra valutazione di un "incidente" al 20% nei dodici mesi e al 50% entro tre anni». Suona familiare?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista junior
    Data Registrazione
    14 Jan 2008
    Messaggi
    20
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ah ah john
    allora non ironizzi solo sui miei post....

    come mai in questo tuo (interessantissimo) (non scherzo) post non ti ha risposto nessuno?

    i tuoi amici del libertarian party erano troppo occupati a scrivere amici miei atto IV?
    bene, ti rispondo io.

    il sole 24 ore = confindustria = grande impresa assistita

    l'unica soluzione ai mali dell'italia?
    l'aereo.
    (battuta copiata a sciascia, ma irrinunciabile)

    con chi cambiare le cose, con quali persone?
    con chi viene da famiglie prive di identità?

    ma sai quanto ci vuole a uno di questi per costruirsi un'identità? personale, familiare, dinastica?

    in italia le dinastie dei padroni possono permettersi di essere di infima qualità, perché hanno la vita facile: con questi avversari....

    ma forse sono troppo serioso.

    avv. filippo matteucci
    (nome, cognome, professione)

  3. #3
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Property&Market Visualizza Messaggio
    ah ah john
    allora non ironizzi solo sui miei post....

    come mai in questo tuo (interessantissimo) (non scherzo) post non ti ha risposto nessuno?

    i tuoi amici del libertarian party erano troppo occupati a scrivere amici miei atto IV?
    bene, ti rispondo io.

    il sole 24 ore = confindustria = grande impresa assistita

    l'unica soluzione ai mali dell'italia?
    l'aereo.
    (battuta copiata a sciascia, ma irrinunciabile)

    con chi cambiare le cose, con quali persone?
    con chi viene da famiglie prive di identità?

    ma sai quanto ci vuole a uno di questi per costruirsi un'identità? personale, familiare, dinastica?

    in italia le dinastie dei padroni possono permettersi di essere di infima qualità, perché hanno la vita facile: con questi avversari....

    ma forse sono troppo serioso.

    avv. filippo matteucci
    (nome, cognome, professione)
    Vero. L'unica soluzione è l'aereo. Ma io non prendo l'aereo. Ne ho il terrore. Prendo la barca.
    I miei amici Libertarian postano spesso su questo forum che è tra i più giovani. Deve ancora crescere. E crescerà.

 

 

Discussioni Simili

  1. Scuola austriaca e scuola di Chicago
    Di ummagumma nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 05-03-10, 22:27
  2. La macroeconomia della Scuola Austriaca
    Di JohnPollock nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 10-05-08, 18:42
  3. La Scuola Austriaca
    Di JohnPollock nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 29-04-08, 02:20
  4. Ma cos'è sta scuola austriaca?
    Di berluskhorror nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 222
    Ultimo Messaggio: 25-04-08, 03:31
  5. Lo Stato per la Scuola Austriaca
    Di JohnPollock nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 02:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226