Desidero sottoporre alla vostra attenzione una questione che senza entrare nel merito della disputa come si evidenzia in molti topic, ritengo sia la vera questione che verrà sottoposta quanto prima all'attenzione del popolo della Lega, sia esso ancora come citato da qualcuno, nella "banda della comasina", sia fuoriuscito per sua volontà o con espulsione.
"Il giorno più lungo" o come la definisco Io, la Notte dei lunghi coltelli, ciò che temo non è il chiarimento delle questioni che gridano vendetta da una parte e chiarimenti dall'altra, ma la spaccatura definitiva e questa serebbe una ferita insanabile per l'unico scopo che ci accomuna, sia essa secessione o Federalismo. Mi viene alla mente quegli armeni e ortodossi che per invasione di campo si sono date tante legnate, forse la soluzione dovrà passare proprio dalle legnate e spero che tutti i chiarimenti verranno portati a termine prima della fine, ma una cosa è indubbia coloro che non si riflettono con la casa madre e badate che personalmente sono davanti alla sede per chiedere chierimenti al nostro segretario proprio per non cadere nell'errore che anche quì viene commesso e cioè quello di coloro che vuoi stiano in forza Itaglia o a canecattì, perseguono l'unico disegno possibile, la spaccatura del popolo della Lega e questo un Leghista costi quel che costi, deve contribuire ad evitarlo. Meglio sarebbe chiuderci tutti i leghisti fuori usciti o no, dentro una stanza e darci tutte le legnate possibili affinche si chiariscano le posizioni ma quantomeno avremmo un vero confronto di cui secondo me dovrebbe avvenire in primis da Via Bellerio e poi in tutte le sedi. Prima o poi questa "Notte dei lunghi coltelli avverà prima di quanto si pensi"
A tutti i fuori usciti, i rancorosi, gli incazzati, gli espulsi, chiedo di contribuire alla chiarezza rafforzando l'idea di una netta separazione del leghista del popolo e il leghista di palazzo, divisi daremo quello che i nostri nemici vogliono... la nostra fine.
P.S. vi consiglio di soppesare le parole usate per la risposta considerando che in ognuno di noi c'è una piccola parte di ira che grida Vendetta, la ragione è l'unica via per mettere in ordine la nostra casa costruita con fatica e sangue, non bruciamola con le nostre faide, rimettiamola in sesto... ma se proprio non avete altro da fare, allora inveite e sottovalutate il problema.

by John Skid