User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Natural psiconano killer
    Data Registrazione
    23 Jul 2007
    Località
    Vlaams Belang
    Messaggi
    5,060
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La casta peggio che a Versailles

    Il quadro del 2008 non inizia male per il popolo italiano... Il barile di petrolio a 100 dollari (arrivato cosi alle stelle proprio per la speculazione delle multinazionali americane-le stesse che combatteva un vero patriota come Enrico Mattei,assassinato per questo più di 40 anni fa-), i deputati italiani che non hanno voluto rinunciare all'aumento di 200 euro al mese perchè il costo della vita è diventato per loro insostenibile - 15000 euro netti non bastano più -, il "bamboccione" Visco jr assunto dall'amministratore di Sviluppo Italia, Domenico Arcuri, come dirigente, dopo che per alcuni mesi, da luglio a settembre l'aveva chiamato come consulente della stessa Sviluppo Italia (controllata al 100% dal Ministero dove è vice ministro il padre) per 46.000 euro. Ecco i grandi esempi che una classe politica da corte di Versailles continua a dare. Per il popolo basta qualche brioches..
    Biagio Cacciola, Responsabile nazionale Dipartimento Cultura

  2. #2
    Dio e Po***o
    Data Registrazione
    29 Jan 2007
    Messaggi
    23,494
     Likes dati
    2
     Like avuti
    12
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da caglitricolore Visualizza Messaggio
    Il quadro del 2008 non inizia male per il popolo italiano... Il barile di petrolio a 100 dollari (arrivato cosi alle stelle proprio per la speculazione delle multinazionali americane-le stesse che combatteva un vero patriota come Enrico Mattei,assassinato per questo più di 40 anni fa-), i deputati italiani che non hanno voluto rinunciare all'aumento di 200 euro al mese perchè il costo della vita è diventato per loro insostenibile - 15000 euro netti non bastano più -, il "bamboccione" Visco jr assunto dall'amministratore di Sviluppo Italia, Domenico Arcuri, come dirigente, dopo che per alcuni mesi, da luglio a settembre l'aveva chiamato come consulente della stessa Sviluppo Italia (controllata al 100% dal Ministero dove è vice ministro il padre) per 46.000 euro. Ecco i grandi esempi che una classe politica da corte di Versailles continua a dare. Per il popolo basta qualche brioches..
    Biagio Cacciola, Responsabile nazionale Dipartimento Cultura
    per quanto ancora abuseranno della pazienza del Popolo ?
    fino a quando qualcuno non sara' in grado di guidare il Popolo alla Svolta !

  3. #3
    Natural psiconano killer
    Data Registrazione
    23 Jul 2007
    Località
    Vlaams Belang
    Messaggi
    5,060
     Likes dati
    0
     Like avuti
    0
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Daltanius Visualizza Messaggio
    per quanto ancora abuseranno della pazienza del Popolo ?
    fino a quando qualcuno non sara' in grado di guidare il Popolo alla Svolta !
    Caro Daltanius, io ho un brutto presentimento non vorrei finire come l'Argentina nel 1991...


    "L'Italia segue l'Argentina sulla stessa china rovinosa"

    di Desmond Lachman
    Un aspetto involontariamente comico del progressivo dramma economico e politico dell'Italia è che molti degli attuali detentori dell'eccessivo e sempre crescente debito pubblico del paese erano una volta fieri possessori di obbligazioni statali argentine, ora ridotte a carta straccia. Quando il nuovo governatore della Banca d'Italia, Mario Draghi, avverte che l'economia "si è arenata" e quando il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi dice che "l'euro è stato un disastro per l'Italia" a poco meno di un mese dalle elezioni, ci si deve domandare quando i detentori dei titoli di Stato italiani si renderanno conto di assistere a un triste film già visto.
    A parte l'inquietudine che destano le debolezze della politica e delle istituzioni italiane - come esemplificate dall'attuale campagna elettorale, litigiosa e polemica, e da un altro grande scandalo bancario che rovina ulteriormente la reputazione del sistema finanziario italiano - la pericolosa situazione economica del paese è notevolmente simile a quella dell'Argentina verso la fine degli anni '90. Lo stesso Draghi riconosce implicitamente questa somiglianza quando afferma che l'Italia deve migliorare il proprio rendimento produttivo, se vuole avere qualche speranza di invertire la tendenza di relativo declino del paese.
    La somiglianza più impressionante tra i due paesi è rappresentata dalle rigide disposizioni valutarie nelle quali si sono rinchiusi da soli. Per reazione all'esperienza di iperinflazione della metà degli anni '80, nel 1991 l'Argentina inchiodò la propria moneta alla croce del piano di convertibilità. Fece così nella speranza di spingere nel paese la bassa inflazione e la disciplina della politica fiscale di cui non aveva mai goduto prima.
    In un simile sforzo di rigore macroeconomico, l'Italia abbandonò la lira per l'euro nel 1999. La speranza era che l'alta inflazione e le periodiche svalutazioni della lira lasciassero il passo alla disciplina fiscale e alle riforme strutturali. Con l'abbandono della propria moneta, l'Italia, come l'Argentina prima di essa, rinunciò alla flessibilità della politica macroeconomica per stabilizzare la propria economia. L'Italia non può più affidarsi a periodiche svalutazioni del tasso di cambio per compensare le perdite di competitività internazionale. E non avendo più una propria politica monetaria, deve accettare i tassi di interesse che sono decisi dalla Banca Centrale Europea (BCE) anche se questi non vengono necessariamente incontro alle condizioni finanziarie italiane. Quando Jean-Claude Trichet, il presidente della Banca Centrale Europea, recentemente ha stretto la politica monetaria europea a causa del rincaro del petrolio, ha dato molto peso alla ciclica debolezza dell'Italia?
    Se ciò non fosse abbastanza negativo, con il patto europeo di stabilità fiscale, l'Italia si è impegnata al rinforzamento delle finanze pubbliche nella circostanza di un indebolimento ciclico. Come l'Argentina negli anni '90, le finanze pubbliche italiane sono veramente in un grande disordine. Con un rapporto tra il debito pubblico e il Prodotto Interno Lordo (PIL) di più del 105%, l'Italia è il più indebitato dei paesi europei. Con un deficit di bilancio pari a circa il 4% del PIL, è in una condizione di chiara violazione dei criteri di Maastricht.
    Ancora più inquietante è la perdita di competitività internazionale dell'Italia. Negli ultimi cinque anni, l'Italia ha perso circa 15 punti percentuali di competitività nei confronti della Germania perché agli aumenti salariali non sono corrisposti guadagni di produttività. Il fallimento dell'Italia nella modernizzazione delle proprie industrie e nell'innovazione tecnologica l'ha pure lasciata esposta al forte vento della concorrenza cinese in una economia sempre più globalizzata.
    Per l'Italia la perdita degli strumenti di politica macroeconomica non sarebbe di grande importanza se la sua economia fosse in grande espansione. Ma negli ultimi tre trimestri l'economia italiana è stata a tutti gli effetti in recessione. Sotto il peso degli alti prezzi internazionali del petrolio, questa recessione è probabilmente destinata soltanto ad aggravarsi.
    Come fu nel caso dell'Argentina, l'unica via di uscita per l'Italia è recuperare competitività attraverso riforme strutturali di vasta portata, specialmente nel mercato del lavoro. Tuttavia, se l'attuale campagna elettorale è di qualche indicazione, uno si deve chiedere se tali riforme dolorose siano oggi tanto più probabili in Italia di quanto non lo siano state in Argentina sotto Carlos Menem. E' necessario anche ricordare quanto sarà difficile per l'Italia riguadagnare competività in un contesto di inflazione molto bassa.
    Nell'assenza di riforme reali, lo scenario più probabile per l'Italia sarà un prolungato periodo di stagnazione economica, se non di recessione, e un debito pubblico sempre crescente. Ciò probabilmente porterà le agenzie di rating a rivedere al ribasso l'outlook per l'Italia e costringerà la BCE a garantire periodicamente il debito dell'Italia, nonostante l'obbligo di "non salvataggio finanziario" [1] che la banca dovrebbe rispettare. In ogni caso, nello stesso modo in cui l'Argentina sbagliò a far continuo assegnamento sulla benevolenza del Fondo Monetario Internazionale per aggiustare alla meglio i punti deboli della sua economia, l'Italia farebbe un grave errore se rinviasse le dolorose riforme del mercato del lavoro e si affidasse invece all'illimitata indulgenza della BCE.

 

 

Discussioni Simili

  1. Versailles: alla Corte del Re Sole
    Di Tomás de Torquemada nel forum Arte
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 14-04-13, 18:23
  2. Conferenza di Pace di Versailles, 1919
    Di Cattivo nel forum FantaTermometro
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 13-12-11, 21:05
  3. Vergognosa Lecca,peggio della peggior casta
    Di Dragonball nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 07-05-10, 09:45
  4. Velina:Il più bello a Versailles
    Di gertrud nel forum Arte
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01-04-09, 19:49

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •