User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Roma
    Messaggi
    39,362
    Inserzioni Blog
    5
    Mentioned
    5 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Torino: le mani di Pd e Cdl sui "Primari"

    Sanità, le mani sugli ospedali
    Parte la carica dei primari


    La grande corsa agli ospedali da lottizzare. Le mani di Pd e Cdl sui “posti vacanti”. I manager transfughi per salvare la poltrona
    MAURIZIO TROPEANO
    TORINO
    È la fine di febbraio del 2002 quando Amedeo Bianco, presidente dell’Ordine dei medici di Torino, chiede con forza alla politica di mettere un freno al potere assoluto dei manager della Sanità. Da pochi settimane il superdirettore delle Molinette, Luigi Odasso, è in manette per tangenti. Quello scandalo si portò dietro una scia di polemiche sull’influenza politica nelle scelte dei primari. L’appello è rimasto lettera morta. Qualcosa forse cambierà: uno dei collegati alla Finanziaria nel 2007 aumenta da tre a cinque i componenti della Commissione che sceglierà i primari. La decisione finale comunque resta in mano ai manager. E dunque alla politica che li seleziona. Qui nasce la spartizione: chi vince le elezioni applica lo spoil system e si sceglie l’allenatore (il direttore generale). E il coach crea la squadra: primari, capi di dipartimento o di struttura semplice. E’ successo con il centrodestra nei dieci anni di governo del Piemonte (con poche bandierine rosse). E’ adesso è arrivata l’ora del centrosinistra (un paio le casacche azzurre). Dopo un congelamento di due anni e mezzo, infatti, è partita la corsa per la copertura dei «posti vacanti». Quanti sono? Un centinaio tra primari, capi dipartimento e responsabili di strutture semplici in tutto il Piemonte. Forse 150. Il blocco (poche deroghe per il turn over autorizzate dall’assessorato) era stato deciso dall’ex assessore alla Sanità, Mario Valpreda (colpito da ictus e sostituito da Eleonora Artesio, Prc) in attesa dell’approvazione del piano sanitario.

    Ora che quel piano è diventato legge le macchine dei partiti hanno iniziato a mettersi in moto. Il numero preciso delle nomine si saprà solo fra tre anni quando scadranno i Prr, i piani di riqualificazione assistenziale e di riequilibrio della spesa di ogni singola Asl. Ma alla fame dei posti e alle raccomandazioni c’è un limite: le risorse. Scarse. Un primariato costa ed è per questo motivo che la giunta Bresso ha escluso tassativamente la creazione di nuovi posti. Anzi, molti saranno tagliati. L’accorpamento delle Asl (da 22 a 13 con un risparmio di 50 milioni l’anno) si porta dietro una riorganizzazione interna con il taglio di 194 posti da primario, 98 da capo dipartimento e 111 da responsabili di struttura semplice. Saranno cancellati i doppioni e i primariati con pochi posti letto. Ma una parte di quei 400 posti dovrà, comunque, essere assegnata per garantire il funzionamento dei servizi sanitari. E così la corsa alla raccomandazione può ripartire. Partiti, correnti e anche singoli consiglieri e deputati «perché è chiaro che dirò la mia sulla scelta del primario dell’ospedale di zona», spiega un consigliere regionale che chiede l’anonimato. Insomma, tutti alla corte dei direttori generali che oltre alle competenze tecniche devono avere anche una precisa conoscenza della geografia politica. La nascita del Pd ha rimescolato le carte: adesso 17 dei 21 manager sono da considerare vicini al partito di Veltroni; due alla sinistra radicale e altri due al centrodestra. Il ribaltone è stato compiuto gradualmente. All’inizio del mandato la Bresso, infatti, conferma tutti i manager scelti dalla Cdl, soprattutto da Forza Italia (l’ex assessore al Bilancio Burzi a Torino, l’ex coordinatore Rosso nel resto del Piemonte) e da An (l’ex vicemninistro Martinat). La svolta arriva nella primavera del 2006 con il via libera all’accorpamento delle Asl. Saltano 21 direttori targati Cdl. C’è chi fa ricorso. Qualcuno lo vince come Maria Renata Paola Ranieri (quota An) che si rivolge al Tribunale del lavoro dopo essere stata silurata dall’Asl di Pinerolo. La giunta «per mettere al riparo l’ente da altre situazioni con probabile aggravio economico» propone una transazione da 100 mila euro. Accettata. Otto manager vengono riconfermati. Perché si salvano? Ci sono i transfughi come Carmelo Frigione che ha lasciato Forza Italia per passare alla Margherita. Enrico Bighetti lascia l’Udc per la Margherita. Quattro sono riconducibili al centrosinistra. È il caso dei diessini Giulio Fornero e Alberto Andrion scelti dalla Cdl anche per i buoni rapporti istituzionali tra Ghigo e il sindaco Chiamparino.

    Via libera anche per Giorgio Rabino e Fulvio Moirano (Margherita). Mario Minola e Giovanni Monchiero non cambiano casacca ma vengono spostati d’incarico. Poi arriva la carica di Ds e Margherita. Per contenerla Valpreda, in accordo con la Bresso, impone l’arrivo di esperti esterni. È il caso del ligure Mauro Barabino, amico dell’ex ministro azzurro Scajola che viene spedito a Vercelli. Da Roma arriva Marinella D’Innocenzo, fedelissima di Walter Veltroni, tanto da guidare una lista in suo sostegno alle primarie del Pd. Dall’Emilia c’è Macchi per l’ospedale di Novara. La presidente manda Gatti all’ospedale di Cuneo. Resta fuori dalle nomine Mario Lombardo, nonostante il pressing della Margherita che lo ha accolto dopo l’addio a Forza Italia. Alla fine il compromesso: avrà un posto da dirigente nell’Agenzia regionale alla Sanità. Un posto di riserva? Assolutamente no. L’Aress ha un ruolo centrale nella designazione dei primari perché si occupa di programmazione sanitaria e di indicare i profili organizzativi delle strutture ospedaliere. Una funzione che ha acquistato maggior peso con la scelta di farla guidare dall’oncologo Oscar Bertetto, ex consigliere regionale dei Ds. I boatos narrano di tensioni sempre più forti tra l’Aress in mano al Pd e la struttura tecnica voluta da Valpreda e riconfermata dalla Artesio. Bresso media ma intanto Pd e Cdl hanno trovato il modo di mettere in minoranza la Artesio e la sinistra approvando un ordine del giorno che sblocca le autorizzazioni per la sanità privata. Il peso di Forza Italia e An nella sanità resta forte e la nomina dei primari può diventare il terreno per un inciucio (la Cdl governa 5 province). Senza dimenticare che in alcuni casi si tratta di nomine da condividere con l’Università.
    http://www.lastampa.it/redazione/cms...9231girata.asp

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,533
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Che la scelta dei primari ospedalieri debba essere in mano a commissioni lottizzatrici di nomina politica, nelle quali le competenze tecniche (sanitarie e organizzative) passano in secondo piano rispetto all' appartenenza a questo o a quel partito, è una cosa disgustosa a danno dei contribuenti: se c'è questo scempio in Piemonte, si può solo immaginare cosa accadrà in Sicilia o in Campania. In questo senso, la gestione della Sanità, in mano all' ineffabile ministro Turco, dovrebbe prendere esempio da quella dell' Università e della Ricerca scientifica, dove Mussi si è dato da fare per valorizzare le competenze e non le appartenenze. Ma figuriamoci la Turco...

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Feb 2009
    Messaggi
    33,124
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' sempre stato così, vergogna costante.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    19 Aug 2004
    Messaggi
    18,533
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lollo87Lp Visualizza Messaggio
    E' sempre stato così, vergogna costante.
    Mussi, però, ha preso disposizioni per contrastare l'andazzo delle nomine, mentre la Turco ha dato l'esempio in prima persona di lottizzazione indecente, con le sue nomine al Regina Elena, al Comitato Nazionale di Bioetica ecc quindi io non farei di tutt'erba un fascio.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    bah. in ogni regione si sono rinnovati i direttori regionali il 31 dicembre. da quando è stata riformata la sanità negli anni 70 funziona cosi' anche se secondo me sarebbe da cambiare.
    In veneto galan ha rasato al suolo tutti i non forzisti. Mi pare che sia rimasto posto solo per 1 UDC e 2 PD (an passa da 4 a 0 direttori generali, la lega da non mi ricordo a 0)...
    Ma questo ha a che fare anche con piani di costruzione di ospedali e di cessione di servizi ai privati, privati legatissimi ad un gruppo di potere che domina in regione da anni e che nella sanità vede uno spazio per rafforzarsi molto, in termini economici prima di tutto. E' il gruppo che ha a capo sartori e galan. Non lo invento io. Lo dicono i giornali.

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    14 Jan 2005
    Messaggi
    7,839
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Enrico1987 Visualizza Messaggio
    bah. in ogni regione si sono rinnovati i direttori regionali il 31 dicembre. da quando è stata riformata la sanità negli anni 70 funziona cosi' anche se secondo me sarebbe da cambiare.
    In veneto galan ha rasato al suolo tutti i non forzisti. Mi pare che sia rimasto posto solo per 1 UDC e 2 PD (an passa da 4 a 0 direttori generali, la lega da non mi ricordo a 0)...
    Ma questo ha a che fare anche con piani di costruzione di ospedali e di cessione di servizi ai privati, privati legatissimi ad un gruppo di potere che domina in regione da anni e che nella sanità vede uno spazio per rafforzarsi molto, in termini economici prima di tutto. E' il gruppo che ha a capo sartori e galan. Non lo invento io. Lo dicono i giornali.
    questi non sono voti clientelari?

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    17,464
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cyber81 Visualizza Messaggio
    questi non sono voti clientelari?
    No, sono nomine clientelari.
    Il voto dei veneti è diverso. Uno non vota per farsi mettere in un ente parastatale a sedersi su sedie che non ci sono. Uno vota perchè crede nei progetti di una parte politica o ideologicamente o per interessi "di categoria" (tipo gli artigiani votano cdx xk sn convinti che gli dia piu garanzie --> cosa aassurda peraltro).
    Non è un voto clientelare. Potrebbe diventarlo se continua la degenerazione politica in cui siamo immischiati da 30 anni. (e soprattutto se esplodesse una crisi economica)

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    07 Apr 2009
    Messaggi
    14,734
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    lo stesso caso è già successo in veneto, il governatore galan ha piazzato i direttori generali delle Asl secondo la tessera politica.
    La scelta con questo criterio è scellerata

 

 

Discussioni Simili

  1. Tonino: da "Mani pulite" a mani nella marmellata
    Di salvo.gerli nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 14-10-12, 11:19
  2. Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 11-03-08, 21:35
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 08-06-06, 15:41
  4. Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 12-12-05, 12:39
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-10-05, 14:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226