Nuova Destra Sociale, appoggia la battaglia del Comitato del Quartiere di Piazza Fermi per una diversa regolamentazione dell'uso della piazza da parte degli operatori del mercato.
Pur riconoscendo, infatti, la piena legittimità di tali attività lavorative, è pur vero che, in un contesto urbano già gravato di innumerevoli barriere architettoniche, sarebbe opportuno regolare diversamente i banchetti, alfine di salvaguardare la sicurezza dei Cittadini.
E', infatti, recente il caso di una signora anziana, che colpita da un ictus nella sua abitazione, è morta in ospedale, forse anche a causa del ritardo nei soccorsi, provocato dall'ostruzione del marciapiede dovuta alla presenza del mercato.
Ci domandiamo se, veramente, quei pochi centimetri di marciapiede indispensabili per la sicurezza ed il salvataggio di vite umane, siano altrettanto indispensabili agli operatori del mercato per svolgere le loro attività commerciali.
Crediamo, ovviamente di no e chiediamo ad operatori commerciali ed istituzioni locali di applicare il buon senso, prima ancora che le leggi, che pure esistono in materia.
Non vorremmo che i Cittadini fossero costretti da tale situazione a presentare esposti alla magistratura, in difesa, appunto della sicurezza.
Non lo vorremmo soprattutto perchè, appunto, si tratta di un problema marginale, risolvibilissimo con la buona volontà di tutte le parti in causa, che, però, malgrado la sua marginalità ha già causato una morte che non vorremmo si ripetesse.
Angelo Aquilani
Segretario Regionale Lazio
e
Massimo Frisari
Segretario Provinciale Roma
di Nuova Destra Sociale