User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito verbale della riunione del 16/12 a Milano

    il verbale è disponibile su http://groups.google.it/group/fedlab ed è aperto alle correzioni e integrazioni dei partecipanti. Chi volesse avere accesso a FedLab me lo faccia sapere via mail. Il MAV è invitato a integrare con un proprio contributo. NordOvest, scusatemi ma il resoconto del vostro intervento è assolutamente insufficiente perché mentre moderavo non riuscivo a verbalizzare. Ampliatelo a piacimento. Grazie.

    Seguirà a breve la mia personale proposta di lancio di un coordinamento. Questa sarà pubblicata ed accessibile a tutti perché chi non ha partecipato, in particolare Veneti e Bresciani, ma anche molte persone che non afferiscono ad alcun movimento, possano contribuire alla stesura finale.

    Questo non è il mio coordinamento perché io voglio svolgere esclusivamente il ruolo di promotore di eventi (incontri, riunioni). Questo è il VOSTRO coordinamento.

    grazie,

    Giacomo

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M.A.Valsesia Visualizza Messaggio
    scusa non si può avere quà , il verbale ?

    mi sembra doveroso che ,anche chi non era presente, ho non ha la possibilità ( o l'intenzione ) di entrare nella mailing possa leggere il verbale.

    la trasparenza innazitutto , ( si ha meno occasioni di far danni )

    Io in ogni caso il verbale del nostro rappresentante lo postero qui.

    grazie.
    il verbale definitivo sì. Questo è provvisorio. A te l'avevo già inviato via mail. Controlla. Ciao, G

  3. #3
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M.A.Valsesia Visualizza Messaggio
    allora apetterò quello definitivo.

    ciao
    grazie.
    marco, per favore guarda quello provvisorio e inserisci la posizione del tuo gruppo. poi me la mandi a [email protected]. Vorrei includerla nel verbale definitivo; potendo saresti venuto, o no? Please :-)

    grazie, G

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    26 Sep 2010
    Messaggi
    1,542
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da semipadano Visualizza Messaggio

    Questo non è il mio coordinamento perché io voglio svolgere esclusivamente il ruolo di promotore di eventi (incontri, riunioni). Questo è il VOSTRO coordinamento.

    Rientrano nei compiti del promotore di eventi anche le liste di proscrizione?

  5. #5
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito reminder

    ricordo a tutti che c'è la bozza di verbale da correggere. La trovate su FedLab http://groups.google.it/group/fedlab/ . Chi tra i partecipanti non ha accesso alla lista può scrivermi a [email protected] .

    Grazie,
    Giacomo

  6. #6
    l'occasione fa l'uomo italiano
    Data Registrazione
    19 Sep 2006
    Messaggi
    2,814
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Verbale aggiornto con il contributo di Obiettivo Nordovest


    Riunione dei gruppi Federalisti e Indipendentisti Padano-Alpini. Milano, 16 dicembre 2007.

    Verbale

    Paolo Bonacchi, Unione per l'Autogoverno:
    Bisogna prendere atto che lo stato nasce sulla base di una comunanza di interessi. La comunanza di interessi deve essere tradotta in regole (leggi) condivise dagli aventi diritto a decidere (meglio: a "scegliere). Quando alle decisioni che riguardano tutti si sovrappone un potere estraneo che separa la "titolarità" dall' "esercizio" della sovranità, che per diritto naturale appartiene alle persone e non agli organi, (come è avvenuto in Italia con la costituzione del '48), lo stato è destinato al dissolvimento per la ripetizione ciclica, nell'ordine sociale, di condizioni di autorità e di libertà. Ad uno stato autoritatrio segue sempre uno stato di libertà e viceversa.

    La nostra carta costituzionale è illegittima per due ragioni: la prima è che non è mai stata approvata dal popolo; la seconda è perché separa la titolarità della sovranità dal suo esercizio, che è confinato nel parlamento e nei consigli senza che le "persone" abbiano gli strumenti giuridici per decidere direttamente sui fatti che riguardano tutti. Questo innesca il meccanismo ciclico autorità-libertà che si risolve in continue rivoluzioni sociali.

    La dottrina dello stato moderno è fondata su tale distorto meccanismo, e di conseguenza produce accentramento, separazione della titolarità della sovranità dal suo esercizio, statalismo, sovrapposizione delle competenze e funzioni, burocrazia, crescita ingiustificata delle tasse, privilegi di chi usa il potere della politica, caste di potere illegittimo, ecc. Noi, come rappresentanti dell'Unione per l'autogoverno, auspichiamo la dottrina dello stato federale che si contrappone frontalmente a quella dello stato moderno. Il fondamento dello stato federale è che la legge è sempre il contenuto di un "contratto politico" relativo ad un fatto limitato, letto discusso, votato, approvato (o rifiutato), dalle persone responsabili aventi diritto al voto. Oggi non si può più parlare di "patto" politico, ma di "contratto politico", perché originariamente il "patto", da cui la parola "foedus" (federalismo), aveva un significato morale, etico, che oggi non ha più. Oltre a questo il "contratto politico", tipico del federalismo, deve essere reciproco, commutativo e LIMITATO ai singoli FATTI della vita sociale.

    A nostro avviso esistono tre condizioni essenziali che permettono di passare dallo stato moderno allo stato federale: la prima è che le persone possano disporre degli strumenti giuridici di democrazia diretta che permettono di produrre cambiamenti senza generare violenza; la seconda è che le persone dipongano degli strumenti giuridici (referendum legislativi o deliberativi) che permettono alle PERSONE responsabili aventi diritto al voto ci CONTROLLARE il potere che discende dalla politica in modo che chi lo usa non ne possa abusare; la terza (che per l'Unione per l'autogoverno è la più importante), è dare voce al popolo. Se si comprendono queste ragioni possiamo parlare di federalismo come dottrina politica in grado di cambiare le strutture dello stato moderno che sta distruggendo l'economia del paese e di imporre una unità artificiale fondata su ben conosciuti centri di potere.

    Scopo del federalismo è perseguire l'indipendenza e la libertà delle persone e dei popoli secondo un principio di "unità nella diversità" in cui autorità e libertà trovino il loro naturale equilibrio e conciliazione nella legge, intesa come contratto politico fra le persone responsabili aventi diritto al voto. Questo può avvenire solo sulla base dell'Autogoverno che equilibri la democrazia diretta con quella rappresentativa.


    Alessandro Verri, per conto del fronte Lombardia
    Chiediamo che le regioni chiedano lo statuto speciale e l'autonomia fiscale. E' il collante più efficace. In tutte le regioni dovremmo prendere tutti i simboli autonomisti e chiedere per tutte le regioni lo statuto speciale.
    Una volta ottenuto lo statuto speciale si risistemano le regioni affrontando i problemi più urgenti .

    Le tasse si devono calcolare a livello regionale.


    Federico Tonini, Democrazia Federale
    il potere che nella costituzione appartiene al popolo italiano è scippato dalla casta della grande finanza e dalla casta della politica

    noi siamo uno dei paesi più ricchi del mondo , dovremmo stare meglio dei francesi. La casta ti recita la teoria della democrazia. pensiamo di vivere in democrazia. Quando hanno venduto l'alfa alla fiat per una lira, quando vi hanno fregato il TFR nessuno si è opposto. A cosa servono i partiti? Alla buffonata della democrazia rappresentativa.

    come si fa a fregare questa gente? con la democrazia diretta

    si può fare democrazia diretta a partire dai comuni

    Democrazia Federale non è un movimento ma uno strumento a disposizione di tutti coloro che sottoscrivono i punti sopra esposti.

    Franco dell'Alba

    occorre dare un senso al nostro riunirsi cioè realizzare un qualcosa che vada oltre la lamentazione

    facciamo atto del fatto che se siamo totalmente autonomi non possiamo riunirci. Ci dobbiamo riunire su uno scopo comune.

    dobbiamo fondare un partito del pincopallo, non restare un coordinamento di gruppi autonomi.

    la nostra alternativa è unirci ora per dare corpo a una soluzione pacifica e rivoluzionaria oppure si va verso l'uomo forte.


    Rabellino No Euro

    Il movimento no Euro
    il discorso autonomista in sé stesso è stato superato. Oggi ritengo che non si possa fare battaglie limitandole geograficamente. Ci sono questioni che sono più gravose.

    2 esempi:
    autonomia e indipendenza della Lombardia in che lingua lo spieghiamo? Rumeno, arabo, etc.

    La casta è una
    nel 1954 Bildenberg i grandi possessori dell'economia hanno fondato un gruppo al quale appartengono politici ed economisti.

    La nostra perplessità è quella di combattere contro la deficienza dell'elettore medio

    il sistema elettorale è basato sul voto contro
    Noi vogliasmo massacrare e distruggere questo sistema che ci ha imposto l'Euro.

    La vera battaglia non è contro l'Euro, ma è contro il sistema. Non possiamo accettare un'immigrazione selvaggia.

    occorre costituirsi subito come partito in vista delle elezioni europee del 2009. Ci vogliono 150.000 firme.

    Daniele Formica, Obiettivo Nord Ovest
    Obiettivo Nord Ovest non è un partito bensì una libera associazione che intende dialogare con le varie forze politiche e realtà sociali per ottenere maggiore autonomia per i territori del nord, in particolare del nord ovest. Siamo favorevoli all'introduzione di alcuni strumenti di democrazia diretta come il referendum propositivo, in merito abbiamo recentemente realizzato un comunicato stampa, ripreso su alcuni importanti quotidiani (v. La Stampa). Siamo favorevoli alla democrazia diretta ma non riteniamo possa rappresentare l'unica soluzione, infatti la nostra finalità rimane l'Autonomia. Siamo favorevoli a collaborare per la realizzazione di un nuovo soggetto politico a condizione che vi sia una proposta seria e di stampo autonomista.

    Obiettivo Nord Ovest, Chi siamo:
    L’ Associazione promuove l’unione amministrativa della Liguria e del Piemonte in un’unica macro regione denominata “Liguria-Piemonte” con autonomia legislativa e decisionale su come impiegare le proprie risorse e tutelare le specificità e le identità locali, attraverso un comune patto federale.
    L'Associazione promuove il raggiungimento di tali fini sia applicando l'attuale testo Costituzionale ed in particolare il Titolo V, sia attraverso la richiesta al Parlamento di una riforma costituzionale che preveda lo Statuto Speciale per la macro regione Liguria-Piemonte.
    L'Obiettivo è di rilanciare lo sviluppo economico acquisendo competitività sui mercati internazionali. Per ottenere questo occorre dotare le nostre regioni di un sistema amministrativo più moderno, che guardi positivamente al modello federalista e che alleggerisca il pesante apparato burocratico frutto di una vecchia e deleteria politica centralista. L ’amministrazione pubblica deve guardare agli interessi del proprio territorio e non agli interessi delle forze politiche e deve rispondere solo a criteri di onestà, efficienza, economicità, competenza e rapidità.


    Silvia Garbelli, osservatrice per conto di MAV
    richiedere attenzione per tutte le aree di confine
    autonomia e indipendenza
    trovarsi uniti qua se ci sono tematiche comuni nel rispetto assoluto delle differenze. Se questi incontri continuano su tematiche pratiche e di priorità

    statuto autonomo ?
    tempistica finalizzata a un'unione finalizzato alle europee
    occorre ritrovarsi per cercare gli obiettivi

    darsi una priorità su cosa è importante per eventuali incontri futuri.

    Da oggi è fondamentale nel rispetto delle comunità diverse tra loro è importante una chiarezza di obiettivi e di parole d'ordine.

    Rispetto delle diversità

    Ricevo un contributo in absentia del MAV, e volentieri lo aggiungo al verbale della riunione

    "Salutiamo tutti i convenuti augurando che questo sia un altro passo verso
    la liberazione di tutti i popoli dell'area Alpino padana , per motivi di
    lavoro e personali i nostri rappresentanti operativi non potranno essere
    presenti, e di questo ce ne dispiacciamo noi in prima parte , in quanto e
    sempre stata nostra osservanza in questi 9 anni di attività sul territorio
    collaborare ed dare in prima persona presenza a tutto quanto potesse far
    crescere la disaffezione ed il distacco da uno stato oppressore .
    Confidiamo che il relatore "Paulus" che saluto personalmente, possa
    finalmente fare chiarezza su cosa è veramente il federalismo, ovvero una
    conseguenza dell' autodeterminazione e dell'autogoverno di popoli liberi , e
    non un accozzaglia di leggi, leggine , decreti , e poi tasse e sovrattasse
    come i politici italiani e i loro asserviti vorrebbero farci credere .

    Noi come Movimento Autonomista Valsesiano PRETENDIAMO la libertà di decidere le nostre dipendenze proprio sul modello Elvetico, e saremo con qualunque popolo riconosca la NOSTRA SOVRANITA sul nostro territorio.
    Un ringraziamento speciale al moderatore Giacomo Consalez che con tempra non indifferente e sempre attivo in questi incontri."

    Per il M.A.V.
    Marco Giabardo (Fra Dolcino)

    Domande
    1) Quale sarà l'ingerenza del CPI (congresso permanente itinerante) nei
    singoli movimenti?
    2) Su che basi si svolgerà la lotta al sistema centralista italiano ?
    su base parlamentare o su basi extraparlamentari?
    3) Che tipo di rappresentanza avranno i singoli movimenti all'interno
    del CPI ?

    MIO COMMENTO: i punti sollevati richiedono una discussione immediata e una soluzione condivisa. -moderatore

    Vice Presidente dell'associazione Artigiani Cristiani
    Aronne Prasedi 0331 779877 Gallarate

    la LN è nata sul discorso federalismo dicendo bisogna semplificare il sistema

    Via le regioni, le province devono funzionare assieme ai comuni. Si fanno le macroregioni.

    Il discorso si faceva razziale e questo è stato il disastro della lega
    quando si è cominciato contro i teroni (verbatim) è cascata la pera

    Poi si farà un discorso locale

    Oggi noi dobbiamo percorrere quella strada

    il federalismo svizzero è la base di tutto

    perché questo stato ti porta via la casa, la proprietà

    O ci uniamo in un unico movimento unire le forze in un movimento altrimenti non si va da nessuna parte.

    occorre unirsi tutti dal Trentino alla Sicilia




    Federico Simeoni

    andare in certe regioni tipo la nostra a proporre un movimento che ricalchi la LN è perdente.

    Prioritario avere incontri di questo tipo e impostare un coordinamento stabile e evitare di perdere tempo.

    Ritengo si debba andare oltre le esperienze regionali. Dobbiamo costruire un discorso che ci allacci ad altre realtà europee. In realtà noi dobbiamo avere la forza e la coscienza per andare a incidere a livelli superiori. Siamo nati per la valorizzazione dell'identità nazionale friulana. il punto di lotta è quello di far capire lo strapotere del signoraggio bancario. Occorre scardinare il potere delle banche. Uno dei primi punti è quello di opporsi alla moneta elettronica. Altro punto qualificante è la questione morale: le persone devono avere il requisito morale necessario.

    ogni individuo deve essere consapevole delle proprie responsabilità e della propria identità. Ogni singolo deve avere coscienza.

    Evitare che una classe dirigenti si consolidi creando una setta. Dobbiamo spiegare federalismo e contratto. Bisogna entrare nelle istituzioni.
    Presentare liste nei comuni, referendum di iniziativa, difensore civico.

    Siamo disponibili al coordinamento e siamo disponibili da subito a ragionare sulle europee.


    Enzo Trentin

    Oggi la partitocrazia è impresentabile. Indipendentemente dall'accordo tra Berlusconi e Veltroni Il messaggio che è stato affidato ai mass-media finanziati con i soldi dei contribuenti, è che i piccoli partiti sono deleteri (ed hanno ragione con gli attuali che praticano nient’altro che il ricatto politico), ma se uccidono i partiti piccoli, noi che non siamo nemmeno piccoli…?. Per noi l'idea è un congresso permanente: serve a raggiungere più obiettivi, in modo da conoscerci meglio e acquisire un linguaggio comune. Tra gli errori c'è quello di dar retta a ciarlatani. Occorre conoscere le persone che hanno buona fede e buone idee. E per far questo bisogna incontrarsi. Occorre un congresso permanente itinerante per continuare il confronto in modo da discutere e deliberare. Itinerante perché dobbiamo andare noi a cercare la gente, visto che è impensabile che gli altri vengano da degli sconosciuti (politicamente) come noi. Abbiamo bisogno di un'entità astratta ma reale che ci permetta di comunicare e avvicinare gente: un congresso che discuta e deliberi.

    Chi sta dentro ai partiti è gente che ha già posti o predicato per ottenerli. Ma le riunioni di partito sono sempre più disertate dalla gente. Gli altri – chi in buona fede vuole far politica - cominciano a creare i circoli perché non vogliono inzaccherarsi, almeno per il momento. Ecco, allora, l’adesione al “Circolo democratico” o a quello “delle libertà”. Un modo per esserci, ma anche per poter poi dire: «Ero lì solo per curiosare… etc.». Una ragione di più per pensare ad una cosa di chiara matrice culturale che serva poi a portare avanti vari progetti che si possano ricondurre al principio della sovranità popolare. In democrazia non contano i partiti, contano i cittadini.
    Nella costituzione italiana i partiti sono citati nell'articolo 49 e solo in 20 parole.

    La sovranità popolare deve poter abolire o promuovere leggi, o revocare assemblee elettive. Federalismo e Democrazia sono i due argomenti di cui possiamo parlare. E' al cittadino che ci dobbiamo rivolgere. Dibattere, deliberare, acquisire cultura, reclutare nuovo personale politico, decidere
    Là dove portiamo il Congresso potremmo accendere – anche – una polemica locale. Per esempio: oggi siamo a Milano. Potremmo affermare, sembra ombra di smentita: c'è uno statuto comunale quantomeno antidemocratico. Lo statuto del Comune per legge prevede gli istituti di partecipazione, legati alle materie di stretta pertinenza del Comune. Al Comune di Milano c'è il referendum consultivo. Il Consiglio comunale si arroga il diritto di deliberare contro la maggioranza dei cittadini.

    La legge c'è e prevede che ci possano essere i referendum di iniziativa o di revisione. In pratica i cittadini possono deliberare. Andiamo dai cittadini a insegnare loro che possono essere protagonisti della vita politica. Non dimentichiamoci che il:

    Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267
    "Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali"
    
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 227 del 28 settembre 2000 - Supplemento Ordinario n. 162

    Articolo 9
Azione popolare e delle associazioni di protezione ambientale

    1. Ciascun elettore puo' far valere in giudizio le azioni e i ricorsi che spettano al comune e alla provincia.
    2. Il giudice ordina l'integrazione del contraddittorio nei confronti del comune ovvero della provincia. In caso di soccombenza, le spese sono a carico di chi ha promosso l'azione o il ricorso, salvo che l'ente costituendosi abbia aderito alle azioni e ai ricorsi promossi dall'elettore.
    3. Le associazioni di protezione ambientale di cui all'articolo, 13 della legge 8 luglio 1986, n. 349, possono proporre le azioni risarcitorie di competenza del giudice ordinario che spettino al comune e alla provincia, conseguenti a danno ambientale. L'eventuale risarcimento e' liquidato in favore dell'ente sostituito e le spese processuali sono liquidate in favore o a carico dell'associazione.

    Può consentire ai cittadini-elettori-contribuenti di denunciare e richiedere risarcimenti ai pubblici amministratori, a fronte di determinate azioni di malgoverno.

    Burocrazia: anche questa va controllata : il difensore civico deve essere il garante dei cittadini. L'avvocato dei cittadini da chi viene eletto? dal consiglio comunale.

    Occorre eleggere consiglieri comunali che agiscano in buona fede per modificare gli statuti e i regolamenti. Ma per far questo dobbiamo “studiare”, conoscere gente nuova, ed essere numerosi.


    Gilberto Oneto
    è stata fatta confusione tra gli obbietivi e i mezzi . Su una base minima di condivisione si può costruire qualcosa. Occorre definirla nei dettagli.
    Nell'organizzazione di un movimento politico occorre una qualche autorità. Almeno sulle idee di base occorre essere granitici e poi passare all'applicazione.

    Il momento è favorevole, non perdiamo l'occasione, non andiamo con delle vaghe idee. Attività culturali: nel giro di 3-4 mesi un quotidiano pubblicherà 4 libri di Miglio.

    Il sito della LLCP riparte e se qualcuno ha delle idee di utilizzo può collaborare.

    Paolo Bonacchi

    La costituzione ha decretato l'alienazione della sovranità ai cittadini. recupero della sovranità in quanto titolarità e in quanto esercizio.

    Fabio Cavalca

    possiamo ottenere qualcosa se ci mettiamo nell'ottica espressa da Rabellino. Al livello elettorale si arriva con un progetto di revisione delle istituzioni con un progetto che restituisca la sovranità ai cittadini

    Noi vogliamo una sola cosa: che questa costituzione sostituisaca la precedente. Dobbiamo investire tempo a proporre una modifica della gestione dello stato. Tutto il potere locale deve andare ai comuni che si devono consociare in province. Dobbiamo proporre ua riforma costituzionale precisa.

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Aug 2006
    Messaggi
    471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ho letto e preso atto
    saluti
    vb

 

 

Discussioni Simili

  1. Verbale riunione forum Lavoro SEL
    Di MARIOK nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-02-10, 00:47
  2. Il verbale della vergogna
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-07-09, 18:51
  3. Il verbale della Forleo: accuse pesantissime alla magistratura
    Di bianconero (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 13-11-07, 11:16
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-03-07, 23:38
  5. Riunione Patto d'Azione a Milano e brevi riflessioni
    Di Missino nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 27-02-07, 07:30

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226