User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Il gusto dell'unità

  1. #1
    Iscritto
    Data Registrazione
    20 Dec 2005
    Località
    On ne peut bien écrire que de ce qu'on ignore
    Messaggi
    1,036
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il gusto dell'unità

    Ho scritto queste parole mentre MT chiudeva la discussione in cui avrei voluto portarla. Con rispetto e amicizia, sento che MT sta attuando una specie di coprifuoco nella nostra città di idee che, se forse potrà prevenire qualche reato e in questo senso è giusto, impedirà anche qualche piacevole conversazione notturna e le serenate d'amore. Speriamo che sappia il fatto suo.

    Ma dal momento che lo avevo scritto, lo posto in una nuova discussione.
    Grazie, B.

    ***
    C'era una volta, once upon a time, un gruppo di uomini e di donne carnali che con i loro occhi carnali guardavano il corpo carnale di un uomo carnale, e quest'uomo carnale era Dio.
    C'era una volta, once upon a time, un gruppo di uomini e di donne carnali che con le loro mani carnali toccavano il corpo carnale di un uomo carnale, e quest'uomo carnale era Dio.
    Riecheggiando Péguy, non erano solo i santi a poterlo fare, non erano solo i dodici o i settandadue, o i cinquecento, o le sante donne. Erano anche ubriaconi e tagliagole, rivoltosi e meschini, fornicatori e indifferenti. C'era una volta, once upon a time, in cui chiunque - chiunque! - poteva fissare i propri occhi carnali su altri occhi carnali, e questi occhi carnali erano gli occhi di Dio. Ciò che è stato in eterno negato ai più grandi santi e sante è stato dato al più miserabile degli abitanti della Galilea o di Gerusalemme.

    A un certo punto questo sguardo carnale non ci fu più. Nell'antica liturgia romana il cero pasquale veniva nascosto dal giorno dell'Ascensione. Ci manca la luce di questo sguardo. Ma non è finita la forza di attrazione del Dio fatto carne. E come si fa ad entrare in contatto adesso col Dio fatto carne? Da un certo punto di vista è ancora questione di sguardi e tocchi, anche se riguarda quelli dei santi e dei testimoni. Un po' come in quel racconto di JL Borges. Ci sono dei gesti e delle parole, fatti da uomini, che sono così umani da non poter scaturire dall'umanità così come noi la conosciamo, ferita, lussuriosa, meschina. Dei gesti e delle parole che hanno una luminosità speciale che ne rivela il lignaggio divino, e che discendono direttamente dai gesti dell'uomo Dio.
    Purtroppo anche la mente vuole la sua parte. Quell'esperienza (once upon a time there was a Man...) deve essere comunicata anche agli intelletti, anche alle menti. E dunque occorre rendere quell'esperienza linguaggio e, ahimé ahimé, non solo linguaggio poetico, delirio amoroso, balbettii e giggles da infanti: ma linguaggio rigoroso e descrittivo. E allora la domanda relativa al ditelismo acquista un terribile senso, una drammaticità inerente, e si può dare la vita per affermare che il Signore Gesù aveva due volontà, anche se al momento nessuno di noi sa dire bene che cosa significhi averne una di volontà: figuriamoci due. Il punto è conservare il mistero, il paradosso, dinanzi a razionalizzazioni, a shortcuts, a pacificazioni: le eresie.

    D'altra parte ogni volta, ogni benedettissima volta, che si traduce un'esperienza in linguaggio, quest'esperienza viene conservata e contemporaneamente perduta. La torta si trasforma in ricetta. Naturalmente quel che si suppone è che chi legge la ricetta si impegni a trasformarla nuovamente in torta. Il punto è che servono uova, farina, zucchero, latte e cioccolato, carne, sangue, emozioni, speranza e amore. Materiali rari, preziosi, costosi. Il rischio è appagarsi della ricetta, leggersela e rileggersela, impararla a memoria, aggrottare le sopracciglia quando si viene a sapere che qualcuno fa la torta variando gli ingredienti, e credersi in tal modo pasticcieri. Eh sì sì. Il vicino ha una ricetta non aggiornata, ci mette troppo zucchero, tsk tsk, pazzesco, renderà quella torta immangiabile ai contemporanei: ai giorni nostri è il sugar free che tira. D'altra parte quel vicino ci ammonisce a non far lievitare troppo la torta: non si è mai fatto, e mai si dovrà fare, e non si trova negli antichi e solenni documenti dei Padri della pasticceria una e indivisa. Allora facciamo un Consiglio Superiore della Pasticceria, magari a Ginevra, e ci mettiamo a discutere sulla vera ricetta della nostra torta. E ne forniamo una versione basica: questa forse va bene per tutti. Ma non c'è quasi niente dentro, è poco più di una base di pandispagna. Nessuno se la mangerebbe, ma tant'è. Tanto le ricette ormai vengono soltanto lette. E chi cucina più?

    La verità scientifica è intersoggettiva e impersonale (razionale). La verità affettiva (io sono innamorato di Uma Thurman) è soggettiva e personale (tu sei innamorato di Nicole Kidman). La verità su Dio è intersoggettiva e personale. Non basta che sia intersoggettiva: contro Vito Mancuso e il suo nobile tentativo di ricondurre la Chiesa alla Ragione.

    Il mio modo di essere ortodosso sta nella nostalgia dolorosa di quell'esperienza primordiale (once upon a time). Il mio modo di essere protestante sta nella nostalgia di quell'esperienza primordiale. E anche il mio modo di essere romano-cattolico sta nella nostalgia di quell'esperienza primordiale. Recentemente un monaco ortodosso di tradizione atonita mi ha detto: ascolta solo Gesù Cristo. Ma, e la teologia, e la disciplina, e i sacramenti, e l'etica, e il clero...? Ascolta solo Gesù Cristo. Una frase che fa cadere, come le trombe di Israele le mura di Jerico, il climatizzato Consiglio Ecumenico delle Chiese.

    Grazie, Barsanufio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bello.

    Piu' che per "l'unita' dei cristiani" (non e' tutto nelle mani nostre poi eh....ce anche l'Altissimo, piccolo particolare), forse questa settimana dovrebbe essere all'insegna della:

    "preghiera per l'ascolto della voce del Signore".

    A maggior ragione se "nascosta" e "flebile" come appare oggi.


    Cattolici, ortodossi, protestanti (soprattutto), parlano un po' troppo, ascoltano molto meno.

    E allora qualche animo "troppo tridentino" chiede: e chi dovremmo ascoltare?

    Beh, il consiglio di quel monaco e' un buon inizio, io credo. Anzi, ne sono convinto.

    Buona settimana di "ascolto" a voi!

  3. #3
    carità voglio e non sacrificio
    Data Registrazione
    18 Feb 2006
    Località
    Terza stella a destra e poi dritto fino al mattino
    Messaggi
    222
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non a caso, infatti, ogni volta che celebriamo l'Eucarestia, noi preghiamo per l'unità dei cristiani secondo la "SUA" volontà che, come sappiamo bene, è imperscrutabile, e le Sue Vie così lontane dalle nostre...

    Signore Gesù Cristo, che hai detto ai tuoi apostoli: "Vi lascio la pace, vi do la mia pace", non guardare ai nostri peccati, ma alla fede della tua Chiesa, e donale unita e pace secondo la tua volontà.

    Morthysia

    PS: ma la sua (le sue?) Chiesa, la Fede ce l'hanno?

 

 

Discussioni Simili

  1. Unita' Dell'area ? Meglio L'unita' Dei Militanti
    Di TRUCIDO nel forum Destra Radicale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01-08-07, 14:02
  2. ci levano tutto anche il gusto dell'iperbole...
    Di Legionnaire nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-06, 19:47
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-09-03, 01:26
  4. Unita' Dell'area
    Di S.P.Q.R. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 18-06-03, 00:00

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226