User Tag List

Pagina 1 di 21 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 202
  1. #1
    Mauro V.
    Ospite

    Predefinito Contro l'ateismo e l'agnosticismo.

    III. ATEISMO E AGNOSTICISMO.

    L'ateismo è la negazione di Dio.
    Con il termine "Dio" non si intende solamente il monoteismo, ma piuttosto qualunque "realtà divina". L'ateismo dunque è la negazione di tutte le credenze monoteiste, politeiste, della reincarnazione, della vita ultraterrena, eccetera.
    E' un dogma perché nessuno può o potrà mai fornire prove concrete dell'esistenza di un ordine divino oltre alla realtà che vediamo, perché non esistono strumenti inequivocabili per appurare tale esistenza o inesistenza.
    L'agnosticismo è quell'atteggiamento che considera inconoscibile tutto ciò che è al di là del dato sperimentale in quanto non sottoponibile ai metodi delle scienze positive. Questo termine ha anche il significato di non prendere posizione su di un determinato argomento religioso o politico.
    Quasi sempre dunque l'agnosticismo è ateismo, visto che nessuno può e potrà mai portare la prova inequivocabile dell'esistenza di Dio o di un ordine divino.
    Per gli atei la vita è esclusivamente solo quella che vediamo tutti i giorni, che ha inizio dal concepimento e fine con la morte su questa terra.
    Gli atei si rifiutano spesso anche di definire chiaramente un concetto di moralità, perché questo viene ritenuto un concetto arbitrario e invasivo della libertà di ognuno. Anche a livello sociale la posizione usuale degli atei è quella di relegare la morale al solo aspetto privato ed individuale, quindi lo Stato non solo deve essere laico ma anche astenersi rigorosamente dall'indicare principi morali, se non in misura strettamente limitata agli aspetti legali di protezione dell'integrità fisica personale e della proprietà.
    Gli atei inoltre ritengono che la credenza nel divino non sia necessaria.
    L'ateismo dunque, è il peggior incubo dell'umanità.
    Sostenere che oltre alla vita che vediamo tutti i giorni non esista null'altro, nessuna giustizia; che siamo solo delle scimmie evolute; chi potrebbe descrivere una "verità" più cupa e tenebrosa?
    La vita ha tanti lati positivi ed altrettanti lati negativi: spesso comporta molte difficoltà faticose da accettare o superare, motivi di infelicità, esistono tragedie, ingiustizie, catastrofi, malattie. Ed ora proviamo ad ipotizzare una società atea. Pensate che tutte le persone sono buone e fortemente ancorate alla ragione e ai buoni propositi? Che le persone che hanno buoni propositi riescono sempre a mantenerli anche quando si trovano colpiti da situazioni tragiche o particolarmente difficili? Pensate che tutte le persone possiedano l'intelligenza e la forza di astenersi dal male? Pensate bene a tutte le cause di infelicità, le sciagure e la rabbia che può produrre la vita quotidiana. Ed ora chiediamoci, che cosa spingerebbe una persona a faticare per affrontare la vita, per cercare di migliorare se stessa e la sua società? Che cosa bloccherebbe tanta gente infelice ed insoddisfatta, per esempio, dallo scendere giu per strada e sfogare tutta la propria frustrazione e disperazione verso le prime persone incontrate e magari poi suicidarsi, piuttosto che continuare ad affrontare una vita che è "tutta qui", che siamo null'altro che animali che hanno sviluppato le proprie capacità intellettuali nel corso dell'evoluzione? Di certo non bloccherebbe sapere che esiste il rischio di essere fermato e messo in galera: perche cosa conta la vita se finita qui, in questa terra, non esistesse null'altro? Come convincerebbero coloro che hanno l'impulso o la volontà di calpestare la vita altrui o rovinare la propria, se la vita non ha alcun valore divino, ma siamo solo delle scimmie evolute? Come è possibile la sicurezza e in generale una società civile quando questa è completamente senza saldi stimoli e freni? Converrete dunque quanto sia folle l'idea dell'esistenza di una società civile che sia priva di riferimenti al Divino!
    Basta un minimo di immaginazione per capire che una persona che crede in un ordine divino ha ovvie maggiori remore al compiere scorrettezze e crimini, e maggiori stimoli a comportarsi bene, rispetto ad un ateo che non ha nessun freno e stimolo, se non quello di seguire le proprie passioni e di non essere scoperto in un comportamento scorretto.
    Questo lo può capire chiunque, se veramente un minimo interessato alla verità.
    La credenza personale e sociale in un ordine divino è innanzitutto quindi necessaria.
    Inoltre come si può pensare che tutto ciò che ci circonda, l'immensità dell'universo, le innumerevoli forme di vita, sia lasciato totalmente al caos, privo di un qualsiasi ordine superiore? Come si può pensare che all'origine di tutto, non ci sia nulla? Che miliardi e miliardi di vite, in miliardi e miliardi di anni abbiano vissuto nel caos e le loro vite siano limitate a quel breve intervallo di tempo e null'altro e nessuna giustizia?
    La ragione quindi suggerisce l'esistenza del Divino.
    E' dovere di tutti impegnarsi per la laicità e per la razionalità nelle religioni e nelle credenze in Dio, ma altro discorso è affermare l'ateismo.
    L'ateismo è un pensiero antisociale, perché la società civile senza riferimenti al divino non potrebbe esistere.
    L'ateismo è un eccessivo e quindi erroneo atteggiamento scientista, che sostiene che la questione del divino possa venire trattata come una qualsiasi analisi di laboratorio, che analizza dati inequivocabili nell'affermare se una cosa esista oppure no, senza capire la rilevanza sociale della questione, senza seguire quindi la ragione.
    Un ateo è tendenzialmente fuori ogni freno, e se un ateo si comporta bene, questo non basta per "garantire" un ateo, perché in quanto ateo, non si ritiene soggetto a seguire altro che se stesso e quello che lui ritiene bello o utile.
    Secondo le attuali stime sulla religiosità nel mondo ( http://www.adherents.com/Religions_By_Adherents.html ) gli atei rappresentano circa l'8 %, mentre il 92 % dell'umanità crede in un qualsivoglia ordine divino, di una religione ufficiale o in base ad un proprio ideale laico. Molte volte l'ateismo è semplicemente una posizione di reazione ad una cultura religiosa; il non voler vedere oltre una o più determinate interpretazioni religiose e/o degli errori di esse. Una reazione distruttiva, piuttosto che un ragionamento costruttivo. Una adesione superficiale ad un'idea senza tener conto della natura umana mutevole ed ambivalente, della realtà della vita.

    p.s. non sono cattolico.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    ooooWAGLIONEoooo
    Data Registrazione
    05 May 2007
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    3,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito




    Sei affetto da definizionismo ossia per campare bene devi inquadrare e definire le cose, anche quelle non tue, anche quelle che non ti riguardano.

    Mi spiace essere così grossoloano ma hai scritto una tale marea di stupidaggini che non vale la pena rispondere nemmeno a due o tre di esse. Anche se le perle ci sono.

    Non ho manco letto fino alla fine.

    Ti è andata male sul forum di politicagenerale e vieni a fare la rimpatriata qua?


  3. #3
    Mauro V.
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da waglione Visualizza Messaggio



    Sei affetto da definizionismo ossia per campare bene devi inquadrare e definire le cose, anche quelle non tue, anche quelle che non ri riguardano.

    stai bene?

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Nov 2006
    Località
    Difendi, Conserva, Prega!
    Messaggi
    15,331
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    No, e si sa da tempo.

  5. #5
    ooooWAGLIONEoooo
    Data Registrazione
    05 May 2007
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    3,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mi spiace essere così grossoloano ma hai scritto una tale marea di stupidaggini che non vale la pena rispondere nemmeno a due o tre di esse. Anche se le perle ci sono.

    Non ho manco letto fino alla fine.

    Ti è andata male sul forum di politicagenerale e vieni a fare la rimpatriata qua?

  6. #6
    ooooWAGLIONEoooo
    Data Registrazione
    05 May 2007
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    3,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    No dai perchè è comica la cosa..state discutendo di la da dieci giorni... e dieci giorni fa un altro poco manco sapevi chi era il papa.
    Nel prosieguo del dibattito qualche nozione l'hai assorbita, hai fatto qualche ricerchina, e mo vieni qua a servirci il sermone apodittico del martedì.

    Ma falla finita.

  7. #7
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da waglione Visualizza Messaggio
    No dai perchè è comica la cosa..state discutendo di la da dieci giorni... e dieci giorni fa un altro poco manco sapevi chi era il papa.
    Nel prosieguo del dibattito qualche nozione l'hai assorbita, hai fatto qualche ricerchina, e mo vieni qua a servirci il sermone apodittico del martedì.

    Ma falla finita.
    Su coraggio, di' anche a lui: "sei un poveraccio"


    Mi spiace, ma ti tormentero' per un po', signorino. Dipende da te quanto.



  8. #8
    ooooWAGLIONEoooo
    Data Registrazione
    05 May 2007
    Località
    NAPOLI
    Messaggi
    3,055
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pfjodor Visualizza Messaggio
    Su coraggio, di' anche a lui: "sei un poveraccio"


    Mi spiace, ma ti tormentero' per un po', signorino. Dipende da te quanto.



    A Pfjodor, makkìttese !

  9. #9
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Calma calma signorino...




  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    A casa mia
    Messaggi
    8,389
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Mauro V. Visualizza Messaggio
    III. ATEISMO E AGNOSTICISMO.

    L'ateismo è la negazione di Dio.
    Con il termine "Dio" non si intende solamente il monoteismo, ma piuttosto qualunque "realtà divina". L'ateismo dunque è la negazione di tutte le credenze monoteiste, politeiste, della reincarnazione, della vita ultraterrena, eccetera.
    E' un dogma perché nessuno può o potrà mai fornire prove concrete dell'esistenza di un ordine divino oltre alla realtà che vediamo, perché non esistono strumenti inequivocabili per appurare tale esistenza o inesistenza.
    L'agnosticismo è quell'atteggiamento che considera inconoscibile tutto ciò che è al di là del dato sperimentale in quanto non sottoponibile ai metodi delle scienze positive. Questo termine ha anche il significato di non prendere posizione su di un determinato argomento religioso o politico.
    Quasi sempre dunque l'agnosticismo è ateismo, visto che nessuno può e potrà mai portare la prova inequivocabile dell'esistenza di Dio o di un ordine divino.
    Per gli atei la vita è esclusivamente solo quella che vediamo tutti i giorni, che ha inizio dal concepimento e fine con la morte su questa terra.
    Gli atei si rifiutano spesso anche di definire chiaramente un concetto di moralità, perché questo viene ritenuto un concetto arbitrario e invasivo della libertà di ognuno. Anche a livello sociale la posizione usuale degli atei è quella di relegare la morale al solo aspetto privato ed individuale, quindi lo Stato non solo deve essere laico ma anche astenersi rigorosamente dall'indicare principi morali, se non in misura strettamente limitata agli aspetti legali di protezione dell'integrità fisica personale e della proprietà.
    Gli atei inoltre ritengono che la credenza nel divino non sia necessaria.
    L'ateismo dunque, è il peggior incubo dell'umanità.
    Sostenere che oltre alla vita che vediamo tutti i giorni non esista null'altro, nessuna giustizia; che siamo solo delle scimmie evolute; chi potrebbe descrivere una "verità" più cupa e tenebrosa?
    La vita ha tanti lati positivi ed altrettanti lati negativi: spesso comporta molte difficoltà faticose da accettare o superare, motivi di infelicità, esistono tragedie, ingiustizie, catastrofi, malattie. Ed ora proviamo ad ipotizzare una società atea. Pensate che tutte le persone sono buone e fortemente ancorate alla ragione e ai buoni propositi? Che le persone che hanno buoni propositi riescono sempre a mantenerli anche quando si trovano colpiti da situazioni tragiche o particolarmente difficili? Pensate che tutte le persone possiedano l'intelligenza e la forza di astenersi dal male? Pensate bene a tutte le cause di infelicità, le sciagure e la rabbia che può produrre la vita quotidiana. Ed ora chiediamoci, che cosa spingerebbe una persona a faticare per affrontare la vita, per cercare di migliorare se stessa e la sua società? Che cosa bloccherebbe tanta gente infelice ed insoddisfatta, per esempio, dallo scendere giu per strada e sfogare tutta la propria frustrazione e disperazione verso le prime persone incontrate e magari poi suicidarsi, piuttosto che continuare ad affrontare una vita che è "tutta qui", che siamo null'altro che animali che hanno sviluppato le proprie capacità intellettuali nel corso dell'evoluzione? Di certo non bloccherebbe sapere che esiste il rischio di essere fermato e messo in galera: perche cosa conta la vita se finita qui, in questa terra, non esistesse null'altro? Come convincerebbero coloro che hanno l'impulso o la volontà di calpestare la vita altrui o rovinare la propria, se la vita non ha alcun valore divino, ma siamo solo delle scimmie evolute? Come è possibile la sicurezza e in generale una società civile quando questa è completamente senza saldi stimoli e freni? Converrete dunque quanto sia folle l'idea dell'esistenza di una società civile che sia priva di riferimenti al Divino!
    Basta un minimo di immaginazione per capire che una persona che crede in un ordine divino ha ovvie maggiori remore al compiere scorrettezze e crimini, e maggiori stimoli a comportarsi bene, rispetto ad un ateo che non ha nessun freno e stimolo, se non quello di seguire le proprie passioni e di non essere scoperto in un comportamento scorretto.
    Questo lo può capire chiunque, se veramente un minimo interessato alla verità.
    La credenza personale e sociale in un ordine divino è innanzitutto quindi necessaria.
    Inoltre come si può pensare che tutto ciò che ci circonda, l'immensità dell'universo, le innumerevoli forme di vita, sia lasciato totalmente al caos, privo di un qualsiasi ordine superiore? Come si può pensare che all'origine di tutto, non ci sia nulla? Che miliardi e miliardi di vite, in miliardi e miliardi di anni abbiano vissuto nel caos e le loro vite siano limitate a quel breve intervallo di tempo e null'altro e nessuna giustizia?
    La ragione quindi suggerisce l'esistenza del Divino.
    E' dovere di tutti impegnarsi per la laicità e per la razionalità nelle religioni e nelle credenze in Dio, ma altro discorso è affermare l'ateismo.
    L'ateismo è un pensiero antisociale, perché la società civile senza riferimenti al divino non potrebbe esistere.
    L'ateismo è un eccessivo e quindi erroneo atteggiamento scientista, che sostiene che la questione del divino possa venire trattata come una qualsiasi analisi di laboratorio, che analizza dati inequivocabili nell'affermare se una cosa esista oppure no, senza capire la rilevanza sociale della questione, senza seguire quindi la ragione.
    Un ateo è tendenzialmente fuori ogni freno, e se un ateo si comporta bene, questo non basta per "garantire" un ateo, perché in quanto ateo, non si ritiene soggetto a seguire altro che se stesso e quello che lui ritiene bello o utile.
    Secondo le attuali stime sulla religiosità nel mondo ( http://www.adherents.com/Religions_By_Adherents.html ) gli atei rappresentano circa l'8 %, mentre il 92 % dell'umanità crede in un qualsivoglia ordine divino, di una religione ufficiale o in base ad un proprio ideale laico. Molte volte l'ateismo è semplicemente una posizione di reazione ad una cultura religiosa; il non voler vedere oltre una o più determinate interpretazioni religiose e/o degli errori di esse. Una reazione distruttiva, piuttosto che un ragionamento costruttivo. Una adesione superficiale ad un'idea senza tener conto della natura umana mutevole ed ambivalente, della realtà della vita.

    p.s. non sono cattolico.
    bellissimo quello che hai scritto,ma è riportato da qualcosa o sono tue opinioni?
    Penso però che ci sono degli atei che sono interessati a scoprire il "metafisico" se così si può definire e che non ti ridono in faccia se ti professi credente.

 

 
Pagina 1 di 21 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Dalla: con l'Opus Dei contro l'ateismo
    Di Cuordy nel forum Cattolici
    Risposte: 189
    Ultimo Messaggio: 05-07-12, 15:51
  2. Hitler: un cristiano contro l'ateismo...
    Di Giordi nel forum Laici e Laicità
    Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 10-03-12, 13:28
  3. l'ateismo e l'agnosticismo sono un gravissimo errore
    Di Odissea nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 14-05-10, 11:14
  4. Iran:collaboriamo contro ateismo
    Di Nazionalistaeuropeo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-11-09, 14:23
  5. Su Ateismo e Agnosticismo
    Di Mauro V. nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 30-01-08, 09:22

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226