User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    danielito
    Ospite

    Predefinito Il piano di Bush? Vecchia retorica statalista

    Alla notizia del piano di Bush di destinare miliardi di dollari ad uno “stimulus”, molti si saranno chiesti: «tutti questi soldi per un intestino pigro?!?». Questi distratti non sanno che “stimulus” è la nuova parola d’ordine per l’intervento a piè pari del governo nell’economia. In questo senso, gli Stati Uniti – che pure rimangono una delle economie più libere del pianeta – hanno una nutrita tradizione di stimolatori illustri. Franklin Delano Roosevelt, ad esempio. O Herbert Hoover, che – proprio come Bush – ai primi accenni di recessione si è detto: «ora ci penso io»: sappiamo bene com’è finita, nel ’29. La stessa idea di uno stimolo per risollevare l’economia nei momenti di difficoltà ha dei profili patologici: come si è chiesto l’economista Steve Pejovic, se davvero il governo sapesse come migliorare le performance dei mercati, perché mai dovrebbe attendere i momenti di recessione per porre in atto i propri piani ingegnosi? Purtroppo, è la conferma che a dispetto della fase di gradimento calante in cui le sue teorie sono cadute in ambito accademico, l’appeal di John Maynard Keynes sulle classi politiche è ancora considerevole: come disse Milton Friedman nei primi anni ’70 – e non Richard Nixon, come comunemente si crede – oramai «siamo tutti keynesiani».

    L’idea fondamentale dietro alle misure annunciate da Bush è che sia il consumo a guidare lo sviluppo economico, ingenerando un vorticoso processo di moltiplicazione dei pani e dei pesci: e come in quella pubblicità “regresso” di alcuni anni fa, il consumatore assurge al rango di benefattore della comunità. Nel famoso esempio di Keynes, persino far scavare una buca e poi richiuderla innesca la crescita: tutto va bene purché i soldi girino in fretta. Peccato che un’economia funzionante richieda l’esatto contrario: il risparmio, cioè l’accumulazione di capitale, poiché come insegnava già tre secoli fa Jean-Baptiste Say è l’offerta a creare la propria domanda. Altro tema tipicamente keynesiano è poi la persuasione che il breve termine sia determinante, perché “nel lungo saremo tutti morti”; ciò che non si considera è la relazione tra i due ambiti, cioè il modo in cui le distorsioni introdotte nel breve termine modificheranno anche le prospettive nel lungo. In altre parole, Bush (che ha sottoscritto esplicitamente questa visione anche nel suo ultimo discorso sullo Stato dell’Unione) finge d’ignorare che il suo piano dovrà essere finanziato da qualcuno: cioè da quegli stessi cittadini che – nelle previsioni – dovrebbero tuffarsi nello shopping sfrenato offerto dal Presidente.

    Se gli americani avranno un minimo di buon senso, viceversa, riserveranno gli assegni governativi per i prevedibili aumenti d’imposte. Si tratta di un piano, insomma, non soltanto basato su premesse scientifiche insostenibili, ma anche destinato a neutralizzarsi da sé. Quest’episodio non testimonia solo dell’insipienza economica di Bush o dei suoi consigliori, purtroppo, ma rappresenta un grande lezione per la politica statunitense. In primo luogo, si tratta probabilmente del degno sipario su una presidenza in cui furono riposte grandissime attese – al termine dell’epopea clintoniana alla Casa Bianca (od – Obama permettendo – del suo primo atto) – ma che non ha decisamente mantenuto le promesse. Inoltre, e questo è persino più grave, esso costituisce la più lampante dimostrazione della rivoluzione che ha avuto luogo nello scenario della cultura politica a stelle e strisce negli ultimi decenni, certo con la vistosa eccezione di Ronald Reagan. Uno scenario in cui – escludendo, forse, il tema delle imposte, laddove è più viva l’eredità, anche solo retorica, del presidente-attore – le piattaforme economiche dei due partiti maggiori sono difficilmente distinguibili, e la battaglia elettorale pare limitata ad altri campi, dalla politica estera ai diritti civili. Intendiamoci: difficilmente un Marco Rizzo troverebbe posto al Congresso; ma si può ragionevolmente asserire che molti esponenti democratici o repubblicani, anche di primo piano, farebbero la loro porca figura in un qualsiasi partito socialdemocratico europeo.

    È evidente che le tradizionali catalogazioni, a cui siamo tanto affezionati, non funzionano più: ed espressioni inveterate come “fiscal conservative” fanno oramai persino sorridere, ove si pensi che a detta di numerosi analisti, i repubblicani sono diventati il vero partito della spesa pubblica. Non è davvero paradossale, insomma, che Ron Paul – il candidato libertario alle primarie del GOP – si sia potuto definire “il più repubblicano dei repubblicani”. La speranza per il partito dell’elefante – e per l’America tutta – non può prescindere da una rigorosa inversione di marcia. D’altro canto, perché mai scegliere delle copie sbiadite (Bush o chi per lui) quando uno può avere Hillary?

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6251

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Fiamma dell'Occidente
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Nei cuori degli uomini liberi. ---------------------- Su POL dal 2005. Moderatore forum Liberalismo.
    Messaggi
    38,169
    Mentioned
    137 Post(s)
    Tagged
    48 Thread(s)

    Predefinito

    grandissimo articolo, quoto tutto
    _
    P R I M O_M I N I S T R O_D I _P O L
    * * *

    Presidente di Progetto Liberale

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    1,412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse qui l'unica retorica è quella libertaria che vorrebbe lo Stato assente. Lo Stato, come ci ha insegnato anche Ronald Reagan, deve essere minimo e non invadente, però ciò non significa che esso debba essere assente, soprattutto durante un'emergenza nazionale.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2007
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da RobertoP Visualizza Messaggio
    Forse qui l'unica retorica è quella libertaria che vorrebbe lo Stato assente. Lo Stato, come ci ha insegnato anche Ronald Reagan, deve essere minimo e non invadente, però ciò non significa che esso debba essere assente, soprattutto durante un'emergenza nazionale.
    la retorica la fanno quelli che sostengono che la soluzione sia lo Stato, quando lo Stato è la CAUSA dei problemi.

    comunque non mi sento di definire uno Stato minimo gli USA di oggi...

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    1,412
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da westminster Visualizza Messaggio
    la retorica la fanno quelli che sostengono che la soluzione sia lo Stato, quando lo Stato è la CAUSA dei problemi.

    comunque non mi sento di definire uno Stato minimo gli USA di oggi...
    Parlando di economia, lo Stato non è affatto la soluzione di tutti i problemi e anzi, in condizioni normali è meglio che esso si occupi davvero poco di questa materia, ma quando l'economia ha dei problemi che non le permettono di reagire in tempi brevi, è giusto che lo Stato metta in atto delle misure per stimolarla. Infatti la parola che Bush utilizza frequentemente negli ultimi tempi è proprio "stimolo", che non rappresenta, a mio avviso, un'ingerenza statalista.

    Gli USA possono vantare ancora oggi una delle economie più libere del pianeta. Poi certo, se si vuole lo Stato minimo anche nella tutela della sicurezza dei cittadini e dell'ordine pubblico, oppure anche nella difesa militare, se ne può parlare, ma è un altro discorso che ci porterebbe a mettere in risalto le differenze che esistono fra liberali-liberisti classici e libertari.

 

 

Discussioni Simili

  1. Camera USA aprova il piano BUSH
    Di pacatamente (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 03-10-08, 23:41
  2. Il piano di Bush? Vecchia retorica statalista
    Di danielito nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 01-02-08, 01:08
  3. Il nuovo piano di Bush per sovvertire le istituzioni cubane
    Di Heimbrecht nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 05-09-06, 01:42
  4. Bush e il fasullo piano di attacco a Los Angeles
    Di Totila nel forum Politica Estera
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 12-02-06, 19:32
  5. Bush vara il piano per disboscare le foreste
    Di Tomás de Torquemada nel forum ZooPOL
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 13-12-02, 22:26

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226