User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Articolo indecente di Sansonetti

    In Europa ogni anno venduti 600mila schiavi

    Piero Sansonetti
    In Europa ogni anno vengono messi in vendita 600 mila schiavi. Questo dato è stato fornito non da una associazione politica o da una organizzazione di carità - le quali sono sempre sospettabili di faziosità - ma dalle autorità competenti dell'Unione Europea. Per essere precisi, dal segretario generale del Consiglio d'Europa Terry Davis, con il massimo possibile di ufficialità. Davis non ci ha detto quale sia la cifra complessiva degli schiavi che circolano o transitano nei nostri paesi. Non è difficile immaginare che se ogni anno avvengono 600.000 "vendite", la cifra complessiva degli schiavi deve essere di alcuni milioni. Non so quanti schiavi ci fossero in Europa prima della rivoluzione francese, o in America prima di Lincoln, ma non credo che il numero fosse molto più alto. L'ottanta per cento di queste persone sono donne. Le forme principali della schiavitù sono la schiavitù sessuale e i lavori forzati. Una parte minore del traffico di esseri umani è destinato al commercio di organi da trapiantare e alle adozioni illegali. Secondo le autorità europee la compravendita degli schiavi è diventata, insieme al commercio di armi e di droga, la principale fonte di ricchezza per la malavita internazionale. E' una attività che porta a fortissimi movimenti di denaro, che incidono profondamente e interferiscono con il normale funzionamento delle economie dei paesi europei. Spostando, e dominando, ricchezze e forza lavoro.
    Non riesco a capire in che modo si potrebbe considerare questa notizia meno che sconvolgente. Naturalmente sapevamo che la schiavitù è un fenomeno tutt'altro che cancellato nel mondo. Però non potete negare che trovarsi di fronte a queste cifre e scoprire che nell'occidente moderno e civilissimo esista un numero così forte di schiavi e che la schiavitù abbia ancora un peso così significativo nelle relazioni economiche, trovarsi di fronte a una realtà così cruda, fornita da fonti assolutamente autorevoli, provoca una specie di shock.
    Quale riflessione si può fare? E' inevitabile ragionare sulla struttura dei nostri sistemi politici e sociali. Si può discutere finché si vuole sugli aspetti positivi e liberali del capitalismo e dell'ideologia neoliberista; si può affermare, saggiamente, che la libertà (valore principe del capitalismo) è ancora più importante dell'uguaglianza (valore principe del socialismo e della sinistra); ma di fronte a queste cifre bisognerà prendere atto che nel sistema liberista moderno la "quota" di liberalità è sempre più ridotta. Il suo sviluppo non sta portando ad un aumento del grado di libertà a disposizione della collettività, ma ad una drastica riduzione, che oltretutto sembra inarrestabile.
    Vedete, quando si parla di un problema come quello della schiavitù, la questione della libertà e quella dell'uguaglianza si mescolano e diventano indistinguibili. La schiavitù è la massima negazione dell'uguaglianza, perché stabilisce un legame di possesso di una persona su un'altra; ma è anche - nel suo termine stesso - la totale negazione della libertà. E quando la schiavitù, da fenomeno marginale - drammatico ma storicamente ininfluente - assume queste dimensioni, è chiaro che tutto il modello politico viene messo in discussione. Non perché non assicuri uguaglianza, anzi sia basato sull'aumento delle disuguaglianze. Ma perché produce drammatici fenomeni "illiberali". Toatlemnte illiberali. Nel liberismo moderno il mercato ha del tutto soppiantato la libertà, facendo perdere a quel modello ogni sua forza moderna e trainante, ogni qualità ideale o culturale.
    Non è questo un problema che dovrebbe investire in pieno non solo le sinistre - per le quali la condanna e l'indignazione è automatica - ma anche le correnti cristiane e liberali del pensiero europeo? Invece non è così. A differenza di vent'anni fa, le espressioni politiche del centrismo liberale e cristiano e - in parte - persino del riformismo socialdemocratico, si sono fatte completamente assorbire dal'ideologia liberista, ne sono subalterne, e hanno rinunciato ad ogni possibilità di critica e di rivolta.
    Il segretario generale del Consiglio di Europa Terry Davis ha fatto notare che l'Europa, per fronteggiare questa situazione tragica e incivile, ha preso delle contromisure. Ha varato una Convenzione, che certo non risolerà il problema, ma che almeno fornisce alcuni strumenti per combattere la piaga della schiavitù, specie della schiavitù sessuale. Per esempio delle misure che garantiscono agli schiavi, una volta che vengono liberati, un piccolo risarcimento: la non espulsione immediata (visto che quasi tutti gli schiavi sono clandestini, e le leggi che impongono loro la clandestinità sono il principale strumento di potere degli schiavisti). Questa convenzione, per diventare legge, ed essere applicata, ha bisogno dell'approvazione dei Parlamenti. Molti parlamenti europei l'hanno approvata. C'è un paese però che finora ha rinviato la decisione. Sapete qual è? L'Italia. Non vi sembra che sia una vergogna?

    Liberazione 02/02/2008



    Non è certo colpa dell'economia di mercato (che non è un'ideologia, ma un sistema di libero scambio) se viene costantemente messa in difficoltà da regolamentazioni, leggi, controlli, tasse, dazi e statalismo diffuso (persino negli States!). Il grado di liberismo è molto basso, il paese tanto nominato come liberale è in realtà molto lontano dal vero ideale libero scambista e del classic liberalism. Come non ricordare i danni fatti nel 29, per contenere la crisi si è favorita la degenerazione del sistema, da una fisiologica e salutare flessione si è ingigantita in una depressione durata anni. E le misure del New Deal non hanno fatto altro che instaurare uno statalismo diffuso perfino negli States. Figuriamoci in Europa...dove allo statalismo degli stati, si è sostituito lo statalismo sovranazionale della UE. Ma cosa va cianciando, il giornalista di Liberazione, Finchè il monopolio di certe pratiche cosidette illegali (ma che sono pienamente legittime in quanto non violano nessun diritto) come la prostituzione e lo spaccio di droga saranno a vantaggio delle società criminali, lo schiavismo denunciato dalla UE continuerà ad essere pratica comune. Non a caso coloro che si sono battuti contro lo schiavismo (sansonetti dovrebbe leggersi la storia degli Usa e della rivoluzione americana) erano proprio liberali e liberoscambisti!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    uruguayo
    Data Registrazione
    04 Apr 2009
    Messaggi
    7,474
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il genio qui dimentica che la fabbrica di puttane e di bambini da adottare sono i paesi dell'ex blocco comunista. Ci sarebbero altre analisi più serie da fare, ma mi ha disgustato il tono dell'articolo, quindi passo e chiudo.

  3. #3
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da teo scarpellini Visualizza Messaggio
    Il genio qui dimentica che la fabbrica di puttane e di bambini da adottare sono i paesi dell'ex blocco comunista. Ci sarebbero altre analisi più serie da fare, ma mi ha disgustato il tono dell'articolo, quindi passo e chiudo.
    Anche a me, per questo l'ho postato...però cerchiamo di fare anche altre analisi...almeno tra di noi

  4. #4
    Non sono più Italiano.
    Data Registrazione
    28 May 2007
    Località
    в генуе
    Messaggi
    559
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da teo scarpellini Visualizza Messaggio
    Il genio qui dimentica che la fabbrica di puttane e di bambini da adottare sono i paesi dell'ex blocco comunista. Ci sarebbero altre analisi più serie da fare, ma mi ha disgustato il tono dell'articolo, quindi passo e chiudo.
    Sono del tutto d' accordo.

  5. #5
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,255
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    inutile sprecare tempo coi sansonetti tanto sono talmente imbevuti della loro ideologia,ma soprattutto dall'odio per la libertà,che mai ammetterebbero il loro errore

 

 

Discussioni Simili

  1. Sansonetti silurato
    Di Goldfinger nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 07-01-09, 16:23
  2. Il trionfo di Sansonetti
    Di Eridano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 32
    Ultimo Messaggio: 02-10-08, 14:29
  3. povero sansonetti...
    Di MaRcO88 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 24-09-08, 15:09
  4. Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 01-02-08, 16:15
  5. Un articolo "indecente"!
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26-04-02, 10:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226