User Tag List

Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 66
  1. #1
    Lombard [--+--] Mod
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Soul Padania
    Messaggi
    1,402
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    Alla chiusura del congresso del Pdl Bossi era incupito e aveva le sue buone ragioni. Pur infiocchettandolo di affettuosità e di lisciate di pelo Berlusconi gli ha prospettato una sorta di benservito. Di persona ha detto che, puntando al 51%, il nuovo partito conta di non avere più bisogno di compagni di strada, manutengoli e alleanze. Ha specificato con estrema chiarezza cosa sia il suo federalismo: solidale verso il Sud, “che non frammenta le competenze, che non si occupa dei poteri”, ma che – in nome della governabilità e con una ardita evoluzione scientifica – è il paravento per il “rafforzamento dei poteri del governo centrale”. Che il federalismo non sia proprio una priorità salta fuori anche dal fatto che il termine sia stato pronunciato dal premier solo domenica e all’interno dello stesso passaggio; peggio è andato alle parole Nord e Settentrione, impiegate come connotazione identitaria solo rispettivamente due e una volta. Per contro nei due discorsi l’Italia è stata complessivamente nominata 58 volte, gli italiani 46, il Paese 28, la Patria solo 3 (un messaggio ai nuovi soci?), lo Stato 38 volte, la Nazione 7. Non una parola sull’immigrazione.
    Nel discorso di venerdì, Berlusconi è stato anche estremamente chiaro sul suo rapporto con il Carroccio rivendicando con orgoglio che la funzione prima della Casa delle libertà nel 1994 fosse quella di evitare “ogni tentazione separatista”. É un passaggio che a Bossi ha sicuramente ricordato tutte le volte che – prima del 2000 - era lui a sostenerlo con toni assai più colorati e che oggi ha assunto il senso di piatto freddo di una vendetta a lungo assaporata per lo sgarro del ribaltone. Berlusconi è un uomo intelligente e determinato.
    Ad altri è stato riservato il ruolo di agitare il bastone dell’inderogabilità della scelta fra il ruolo “di lotta e di governo” (Formigoni ha ribadito una cosa che la base leghista chiede da tempo) e la carota agrodolce dell’adesione della Lega al nuovo partito.
    Tutti assieme hanno detto che la Lega è servita per arrivare fino a qui ma adesso, se vuole continuare a godere delle dolcezze del potere, si deve dimenticare l’autonomismo padano e tutto il resto.
    Non è affatto certo che il Pdl arrivi al 51%, è anzi probabile che all’inizio perda qualcosa a vantaggio della Lega, ma è un progetto per tempi lunghi cui arrivare magari imbarcando altri soci, grazie alla legge elettorale e al referendum. La maggioranza assoluta è al momento un bel sogno ma ce n’è abbastanza per incupire uno come Bossi, che pure è abituato al gioco duro.
    La Lega deve decidere cosa fare.
    Può aderire tout-court al Pdl e diventarne la corrente blandamente federalista. Molti ras sarebbero già pronti: si comportano, si vestono e hanno il fenotipo da pidiellini. Fuori resterebbe qualche Storace leghista a combattere con il quorum.
    Può continuare a fare il socio di minoranza sperando che il Pdl non abbia mai i numeri per fare da solo e che qualche riforma di facciata le conservi cadreghe e un minimo di consenso, in attesa che succeda qualcosa. Dovrebbe continuare a starsene buona per anni nella promessa di un federalismo fiscale sempre più virtuale e annacquato, con la spada di Damocle del referendum e il terrore di finire sotto la soglia del 4%. Una lenta agonia.
    La Lega può però dissociarsi, passare all’appoggio esterno o addirittura all’abbandono della coalizione, riprendendo con vigore la bandiera dell’autonomismo separatista. Farebbe fatica: in questi anni si è liberata di tutto l’armamentario indipendentista, ha rinunciato a costruire consenso attorno ai temi della padanità, ha un quotidiano senza lettori, una televisione senza ascolti e una casa editrice che non stampa un libro da dieci anni. Difficilmente con l’attuale classe dirigente potrebbe recuperare l’astensionismo autonomista: servirebbe il radicale cambiamento di una leadership in carenza di credibilità. Nel 1969 per salvare la sua creatura politica De Gaulle si era coraggiosamente e dignitosamente fatto da parte. Bossi i suoi Pompidou, Malraux e Debré li ha però stroncati, ridotti a docili gregari o esiliati a governare qualche provincia. Per contro la Lega padanista, identitaria e liberale dalla sua ha ancora una carica ideologica e ideale straordinariamente forte che la situazione generale non potrà che rafforzare. Dopo un po’ di scossoni si rimetterebbe in movimento ma non può perdere altro tempo.
    Gilberto Oneto

    Libero 01/04/09

    >>>LINK<<<
    STOP IMMIGRATION - START REPATRIATION
    - Standing Up For Great Lombardy -

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Lumbard
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Lach Magiùr
    Messaggi
    11,714
    Mentioned
    3 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    grande Gil, sottoscrivo in toto

    la lega adesso festeggia cadreghe, potere e il maggior numero di voti degli ultimi 10 anni ..... ma c'è sempre il rovescio della medagli: l'abiura delle idee fondanti, le pseudoriforme patacca ma soprattutto la voglia del KapòBerluska di arrivare al 51% (anche a costo di imbarcare Casini) porteranno a un pesante ridimensionamento del movimento

    spero per allora, che veramente l'alternativa sia pronta

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    finchè non se ne va tutta la cupola ... mi pare un po' difficile, considerando che l'allega d'abbozzi è proprio d'abbozzi. lo ha detto centinaia di volte, anche ai bei tempi in cui non ce ne accorgevamo. e poi si trascura il vero padrone dell'allega d'abbozzi, non il suo prestanome.

  4. #4
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    La Lega è il nulla ell'ennesima potenza già da parecchi anni. Quello che farà o non farà in futuro, onestamente, non credo perchè dovrebbe fregare a qualcuno..
    Ricavalcare la tigre "sdentata e senza artigli" dell'indipendentismo? E perchè ? Hanno vinto la lotteria, si godono tutti i vantaggi... a che pro rimettersi in gioco ? Per noi ? o forse per la base "che ci crede ancora" ? Se ci avesse veramente creduto adesso, quella base sig. Oneto, non esisterebbe più, non crede anche Lei ? Avrebbero voltato le spalle a quei truffatori da prima di certe porcate.
    Evidentemente ognuno, chi più chi meno, ha il suo prezzo... alcuni sono in saldo da una vita.
    ...Gli va bene così.

    Se vedòm!

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    articolo ampiamente condivisibile

    resta pero' anche il fatto che pure il malefico nano si illude se crede di mettere su un suo ventennio
    qui siamo tutti fottuti ... la lega il nord /nodde, milan/malano roma l' italgia e l' impero ..

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    369
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    Citazione Originariamente Scritto da Jack's Return Home Visualizza Messaggio
    Alla chiusura del congresso del Pdl Bossi era incupito e aveva le sue buone ragioni. Pur infiocchettandolo di affettuosità e di lisciate di pelo Berlusconi gli ha prospettato una sorta di benservito. Di persona ha detto che, puntando al 51%, il nuovo partito conta di non avere più bisogno di compagni di strada, manutengoli e alleanze. Ha specificato con estrema chiarezza cosa sia il suo federalismo: solidale verso il Sud, “che non frammenta le competenze, che non si occupa dei poteri”, ma che – in nome della governabilità e con una ardita evoluzione scientifica – è il paravento per il “rafforzamento dei poteri del governo centrale”. Che il federalismo non sia proprio una priorità salta fuori anche dal fatto che il termine sia stato pronunciato dal premier solo domenica e all’interno dello stesso passaggio; peggio è andato alle parole Nord e Settentrione, impiegate come connotazione identitaria solo rispettivamente due e una volta. Per contro nei due discorsi l’Italia è stata complessivamente nominata 58 volte, gli italiani 46, il Paese 28, la Patria solo 3 (un messaggio ai nuovi soci?), lo Stato 38 volte, la Nazione 7. Non una parola sull’immigrazione.
    Nel discorso di venerdì, Berlusconi è stato anche estremamente chiaro sul suo rapporto con il Carroccio rivendicando con orgoglio che la funzione prima della Casa delle libertà nel 1994 fosse quella di evitare “ogni tentazione separatista”. É un passaggio che a Bossi ha sicuramente ricordato tutte le volte che – prima del 2000 - era lui a sostenerlo con toni assai più colorati e che oggi ha assunto il senso di piatto freddo di una vendetta a lungo assaporata per lo sgarro del ribaltone. Berlusconi è un uomo intelligente e determinato.
    Ad altri è stato riservato il ruolo di agitare il bastone dell’inderogabilità della scelta fra il ruolo “di lotta e di governo” (Formigoni ha ribadito una cosa che la base leghista chiede da tempo) e la carota agrodolce dell’adesione della Lega al nuovo partito.
    Tutti assieme hanno detto che la Lega è servita per arrivare fino a qui ma adesso, se vuole continuare a godere delle dolcezze del potere, si deve dimenticare l’autonomismo padano e tutto il resto.
    Non è affatto certo che il Pdl arrivi al 51%, è anzi probabile che all’inizio perda qualcosa a vantaggio della Lega, ma è un progetto per tempi lunghi cui arrivare magari imbarcando altri soci, grazie alla legge elettorale e al referendum. La maggioranza assoluta è al momento un bel sogno ma ce n’è abbastanza per incupire uno come Bossi, che pure è abituato al gioco duro.
    La Lega deve decidere cosa fare.
    Può aderire tout-court al Pdl e diventarne la corrente blandamente federalista. Molti ras sarebbero già pronti: si comportano, si vestono e hanno il fenotipo da pidiellini. Fuori resterebbe qualche Storace leghista a combattere con il quorum.
    Può continuare a fare il socio di minoranza sperando che il Pdl non abbia mai i numeri per fare da solo e che qualche riforma di facciata le conservi cadreghe e un minimo di consenso, in attesa che succeda qualcosa. Dovrebbe continuare a starsene buona per anni nella promessa di un federalismo fiscale sempre più virtuale e annacquato, con la spada di Damocle del referendum e il terrore di finire sotto la soglia del 4%. Una lenta agonia.
    La Lega può però dissociarsi, passare all’appoggio esterno o addirittura all’abbandono della coalizione, riprendendo con vigore la bandiera dell’autonomismo separatista. Farebbe fatica: in questi anni si è liberata di tutto l’armamentario indipendentista, ha rinunciato a costruire consenso attorno ai temi della padanità, ha un quotidiano senza lettori, una televisione senza ascolti e una casa editrice che non stampa un libro da dieci anni. Difficilmente con l’attuale classe dirigente potrebbe recuperare l’astensionismo autonomista: servirebbe il radicale cambiamento di una leadership in carenza di credibilità. Nel 1969 per salvare la sua creatura politica De Gaulle si era coraggiosamente e dignitosamente fatto da parte. Bossi i suoi Pompidou, Malraux e Debré li ha però stroncati, ridotti a docili gregari o esiliati a governare qualche provincia. Per contro la Lega padanista, identitaria e liberale dalla sua ha ancora una carica ideologica e ideale straordinariamente forte che la situazione generale non potrà che rafforzare. Dopo un po’ di scossoni si rimetterebbe in movimento ma non può perdere altro tempo.
    Gilberto Oneto

    Libero 01/04/09

    >>>LINK<<>
    sottoscrivo in pieno, ma con qualche distinguo.
    se le indagini demoscopiche affermano che la Lega è ora all'11% a livello Italia per le Europee, o mentono spudoratamente, oppure una frangia della sinistra PD sta valutando di votare Lega (visto che il PdL crescerebbe ancora!!!)
    In questo caso mancherebbero all'appello circa 2 milioni divoti del nord che non sarebbero più per la Lega.
    Domanda dove vanno a finire???
    E Pagliarini?
    Perchè non valutare l'idea di rendere più moderna e federalista la Destra di Storace?
    salucc

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    2,963
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    Citazione Originariamente Scritto da montecristo2006 Visualizza Messaggio
    E Pagliarini?
    Perchè non valutare l'idea di rendere più moderna e federalista la Destra di Storace?
    salucc
    AHAHAHAH

    gia' gia' gia'
    la " battaglia padansita " non e' finita !3:
    abbiamo altri " profeti" ! :408:

    possiamo ancora contare sui partiti del il "governatore" romano e del "questurino " molisano !


    PS : e questa faccina ci sta proprio bene

    2010:

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Territorio di Trieste.
    Messaggi
    1,512
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Talking Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    Citazione Originariamente Scritto da Gatto rognoso Visualizza Messaggio
    La Lega è il nulla ell'ennesima potenza già da parecchi anni.
    Non e' vero. Se un partito che viene quotato al 10% viene considerato in questo modo, immaginarsi cosa sono certi movimenti che in loco raccolgono percentuali da prefisso telefonico e che possono essere raffigurati come il 2 di Briscola, con quest'ultima di segno diverso ovviamente. :446:

  9. #9
    Forumista junior
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    45
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    la lega è politicamente morta da circa 15 anni.

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,769
    Mentioned
    47 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Riferimento: Che ne sarà della Lega col nuovo PdL - di Gilberto Oneto

    Citazione Originariamente Scritto da autonomista Visualizza Messaggio
    la lega è politicamente morta da circa 15 anni.
    Da 9.
    Rubano, massacrano, rapinano e, con falso nome, lo chiamano impero; infine, dove fanno il deserto dicono che è la pace.
    Tacito, Agricola, 30/32.

 

 
Pagina 1 di 7 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Gilberto Oneto su Lega Nord e Croce di San Giorgio
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 16-05-13, 20:51
  2. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 15-07-09, 14:53
  3. Gli intellettuali snob sconfitti dalla Lega - di Gilberto Oneto
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 03-07-09, 09:22
  4. La Lega torni a Miglio (e chieda scusa) - di Gilberto Oneto
    Di Jack's Return Home nel forum Padania!
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 24-04-09, 08:35
  5. La Lega al bivio decisivo - di Gilberto Oneto
    Di luigina nel forum Padania!
    Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 27-04-08, 11:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226