User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    21 May 2010
    Messaggi
    5,561
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Quarant'anni fa l'offensiva del Tet

    Quarant'anni fa l'offensiva del Tet

    di Franco Iachini *

    su altre testate del 04/02/2008


    Nella notte tra il 31 gennaio e il 1° febbraio di 40 anni fa oltre cento città sudvietnamite, grandi e piccole, sono attaccate dai guerriglieri vietcong: passerà alla storia come l'offensiva del Tet. La sorpresa è enorme poiché il paese sta festeggiando il capodanno lunare, la più importante festività dell'Asia Orientale che dura ufficialmente tre giorni ma che la maggior parte della popolazione trasforma in una settimana di vacanza.
    Inoltre, le forze statunitensi e del governo fantoccio di Saigon sono concentrate nella zona smilitarizzata del 17° parallelo per respingere un massiccio attacco delle truppe nordvietnamite, lanciato proprio per distrarli dall'offensiva che i partigiani del sud stanno preparando.
    Completamente colti alla sprovvista, gli americani e i loro alleati subiscono numerose perdite materiali e faticano a riprendere il controllo delle città. L'antica capitale imperiale Hué è tenuta dai vietcong per un mese, ma l'insurrezione generalizzata non si verifica e le posizioni conquistate non sono mantenute. Le perdite sono ingenti poiché gli americani contrattaccano bombardando pesantemente città densamente abitate, non curanti della popolazione civile. In termini militari si può dire che i vietnamiti non vingono la battaglia ma iniziano a vincere la guerra. Infatti, sul fronte politico sono minate le retrovie nemiche, ovvero l'opinione pubblica americana e mondiale. Una guerra, che sembrava fino ad allora svolgersi in un angolo remoto del terzo mondo, balza sui mezzi di comunicazione di massa con immagini strazianti che smascherano la cosiddetta democrazia americana e rivelano la vera faccia dell'imperialismo. Gli americani cominciano a dubitare di poter vincere la guerra che diventa sempre più intollerabile in termini di costi umani, economici e di immagine.
    La situazione è ben sintetizzata dal senatore Gruening (24/2/1968): “Tre ragioni principali presiedono al nostro ritiro dall'assurda guerra del Vietnam: 1) le perdite hanno raggiunto cifre spaventose e tutti i nostri sforzi si sono dimostrati inutili; 2) ormai sappiamo che non possiamo vincere militarmente questa guerra; 3) gli ultimi avvenimenti – l'offensiva vietcong contro le grandi città sudvietnamite, inclusa Saigon – hanno dimostrato che il governo sud-vietnamita è totalmente impotente e in realtà non esiste più”.
    I moti studenteschi ed operai, che nei mesi successivi si svilupperanno poderosi in tutto il mondo, prendono a simbolo l'eroica resistenza del popolo vietnamita, un popolo di contadini che sfida il gigante imperialista: dunque osare si può.
    I nomi di Ho Chi Minh e di Giap echeggeranno per anni negli slogan della migliore gioventù in tante parti del mondo sviluppato e nelle lotte antimperialiste. Oggi, a quarant'anni di distanza, vale la pena riflettere su quel periodo storico per non dimenticare, ma anche per trarne qualche insegnamento.

    * Associazione Italia-Vietnam

    http://www.esserecomunisti.it/index....Articolo=21440

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    06 Dec 2007
    Messaggi
    269
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bell'articolo!! Hai fatto benissimo a postarlo, fu una tappa fondamentale della guerra di liberazione, non tanto per i risultati strattamente militari, quanto per il duro colpo sferrato alla protervia degli invasori: da allora le cose non furono più le stesse e gli amerikani e i loro fantocci dovettero imparare a TEMERE i vietcong, che riuscirono a portargli la guerra "in casa" proprio dove non se lo aspettavano. L' insurrezione del quartiere cinese di Cholon, la presa dell'ambasciata USA, insieme a tanti altri, furono episodi eroici. Sull'offensiva del Tet detti un esame all'Università e voglio approfittare per ricordare il Prof. Enzo Enriques Agnoletti, socialista, grande amico del popolo vietnamita e sostenitore della sua lotta di liberazione.

 

 

Discussioni Simili

  1. Quarant'anni (MCR)
    Di Manfr nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 19-10-08, 12:52
  2. Quarant' anni fa il 68
    Di gianniguelfi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 20-04-08, 16:40
  3. Quarant'anni
    Di Barbera nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 10-08-05, 16:11
  4. Quarant'anni
    Di Barbera nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-07-04, 17:09
  5. Quarant'anni
    Di Shaytan (POL) nel forum Padania!
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 27-01-03, 22:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226