User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: L'esempio irlandese

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2007
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'esempio irlandese

    Su iniziativa dell’Istituto Bruno Leoni (uno dei think-tank che hanno cooperato alla realizzazione della ricerca), si è tenuta ieri a Roma la presentazione dell’Index of Economic Freedom, la classifica mondiale della libertà economica elaborata dalla Heritage Foundation insieme al Wall Street Journal. Alla presentazione hanno preso parte uomini politici come Maurizio Sacconi (Forza Italia) e sindacalisti come Luigi Angeletti (Uil), dirigenti d’impresa come Francesco Valli (British American Tobacco) e banchieri come Roberto Nicastro (UniCredit Banca). Coordinato da Giuseppe De Filippi, il dibattito ha costretto tutti a prendere atto del costante declino – all’interno di tale classifica – che l’Italia conosce ormai da molti anni. Questa volta, infatti, il nostro Paese è stato classificato al sessantaquattresimo posto (libero solo al 62,5%), con un punteggio dello 0,2 peggiore rispetto al 2007. Prima dell’Italia si sono quindi piazzate perfino l’Albania (56), l’Arabia Saudita (60) e la Mongolia (62).

    Ovviamente, assenza di libertà economica non significa – di per sé – povertà: altrimenti tale classifica non avrebbe alcun senso, dato che siamo evidentemente molto più ricchi, ad esempio, degli albanesi. È però vero che la libertà economica permette ad una società di crescere e migliorare, mentre alta regolamentazione e fiscalità oppressiva pongono le premesse per il declino. È significativo, al riguardo, che in cima alla graduatoria vi sia Hong Kong, seguita da Singapore e dall’Irlanda. Gli Stati Uniti occupano invece il quinto posto, il Cile l’ottavo, la Danimarca l’undicesimo e l’Estonia il dodicesimo. Ed in linea di massima sono proprio questi paesi, specie i più piccoli, a vantare la crescita più sicura. L’Indice stima il grado di libertà economica, intesa quale assenza di ostacoli da parte dello Stato all’agire individuale, attraverso dieci criteri: dalla libertà imprenditoriale alla libertà di scambio, dalla libertà fiscale alla libertà monetaria, e via dicendo. Tali parametri si concentrano pertanto sia su fattori macro-economici, sia su indicatori che consentano di stabilire la facilità di aprire e gestire un’impresa.

    In questa classifica, l’Italia ha praticamente il medesimo punteggio dal 1995 e se ogni anno perde posizioni questo si deve innanzi tutto al fatto che molti paesi stanno liberalizzando le loro economie. Per giunta, l’Italia è molto penalizzata dalla “questione fiscale”, ovvero sia dal fatto che le nostre imposte sono tra le più alte al mondo (libertà fiscale: 54,3%). Come anche la discussione di ieri ha fatto emergere, è quindi urgente che l’Italia proceda ad autentiche riforme strutturali: che allarghino gli spazi di iniziativa, attirino capitali e competitori, stimolino tutti gli attori e creino nuovi incentivi. L’assenza di libertà economica, infatti, crea ostacoli sempre più gravi a quanti vogliono intraprendere e però non trovano nel nostro Paese un terreno fertile per investire e avviare iniziative.

    Non si tratta quindi di accusare i governi di destra o sinistra, ma invece è utile comprendere che è giunto il momento di gettare alle ortiche la retorica contro la precarietà, contro la globalizzazione e “l’invasione cinese”, contro l’evasione fiscale e i mille egoismi. Per di più, come l’Indice enfatizza, l’Italia non soffre tanto e in primo luogo l’assenza di infrastrutture pubbliche come la Tav o il ponte di Messina, ma è invece del tutto inospitale per gli assurdi oneri fiscali che impone a quanti lavorano e per l’immensa selva di norme che quotidianamente esce dalle aule parlamentari. Lasciando un poco da parte realtà troppo lontane da noi e quasi incomparabili (da Hong-Kong a Singapore), è interessante rilevare come in cima alla classifica ci sia un paese tradizionalmente poverissimo quale l’Irlanda: da cui per decenni partirono navi di emigranti in cerca di una fortuna che sulla piccola isola verde era quasi impossibile trovare. Dagli anni Ottanta, però, Dublino ha optato per il libero mercato e ha iniziato a compiere scelte coraggiose: esattamente nella direzione della libertà economica.

    Ha disboscato le normative, abbassato le imposte, facilitato in ogni modo la libera espressione di ognuno. E non è un caso che la maggior protagonista della liberalizzazione dei cieli europei sia oggi proprio Ryanair, autentico simbolo della nuova Irlanda e del suo successo. Come mostra molto chiaramente l’Index della Heritage Foundation, il caso irlandese attesta che non bisogna mai davvero disperare. Se si ha il coraggio di compiere le scelte giuste e se si decide di puntare sulla qualità, è possibile ribaltare situazioni che dapprima sembrava impossibile correggere: e non c’è alcuna ragione per credere che il nostro Sud non possa emulare la “tigre celtica” e i suoi successi. Certo questa espansione della libertà economica è più facile se si è un paese piccolo: meglio gestibile, fatalmente aperto agli scambi, nemico dei parassitismi. Ma questa è solo un’altra buona ragione per dirigersi verso riforme veramente federali.

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6276

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,252
    Mentioned
    105 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    sono 15 anni che leggo,sento e parlo di queste cose,ma eliminare il mito del posto pubblico dalle menti e dai cuori degli italiani è davvero dura. Speriamo che alla gente s'illumini la lampadina prima che sia troppo tardi.....

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2007
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    sono 15 anni che leggo,sento e parlo di queste cose,ma eliminare il mito del posto pubblico dalle menti e dai cuori degli italiani è davvero dura. Speriamo che alla gente s'illumini la lampadina prima che sia troppo tardi.....
    in fondo la classe politica italiana è il riflesso esatto del popolo italiano medio...fin quando l'individuo non si emanciperà in quanto tale, fin quando avrà bisogno del consenso dello Stato per andare a pisciare questa classe politica sarà ampiamente meritata.

  4. #4
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,252
    Mentioned
    105 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    assolutamente d'accordo,gli alemanno ed i casini sono lì perchè qualcuno spera che in cambio del voto gli si dia il posto da impiegato al catasto o la pensione d'invalidità alla zia......anche x questo parlavo di lampadina accesa,finché gli italiani non troveranno il coraggio di non voler più ciò che non gli spetta,i liberali seguiteranno a fare la fine di Cassandra

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2007
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    assolutamente d'accordo,gli alemanno ed i casini sono lì perchè qualcuno spera che in cambio del voto gli si dia il posto da impiegato al catasto o la pensione d'invalidità alla zia......anche x questo parlavo di lampadina accesa,finché gli italiani non troveranno il coraggio di non voler più ciò che non gli spetta,i liberali seguiteranno a fare la fine di Cassandra
    quoto

 

 

Discussioni Simili

  1. Ma irlandese?
    Di Canaglia nel forum Fondoscala
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 18-04-10, 17:49
  2. L’esempio irlandese
    Di westminster nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-02-08, 11:01
  3. barzellatta irlandese
    Di steen (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-04-07, 20:59
  4. Il leone irlandese
    Di DrugoLebowsky nel forum Politica Estera
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 17-11-05, 17:21

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226