"Squadra di signorine"

Il presidente rosanero, amareggiato dalla sconfitta di Torino, cancella il ritiro che lui stesso aveva proposto: "Parlerò con tutti faccia a faccia"

PALERMO - È una furia Maurizio Zamparini all'indomani dell'ennesima brutta sconfitta subita dai rosanero ieri a Torino. Questa volta il patron non cambia l'allenatore e rinuncia pure all'ipotesi del ritiro, da lui stesso avanzata ieri; vuole invece affrontare i problemi direttamente.

"Domani sarò in città per parlare faccia a faccia e ad uno ad uno con tutti i giocatori con tutto lo staff - dichiara Zamparini a stadionews. Non so quale sia il male di questa squadra".

Il presidente rosanero ammette che la cosa che lo infastidisce particolarmente è la mancanza di grinta: "È la peggior squadra del campionato che non lotta per come merita il pubblico e merito io. Si può perdere combattendo, ma questa è una squadra di signorine".

"Ci manca quello che hanno le nostre avversarie, ovvero lo spirito di combattimento". Zamparini, non si tira indietro e si assume le proprie responsabilità, ma nel frattempo si mette a disposizione per risolvere i tanti problemi: "Cercherò di aiutarli, come quando si vincono grandi battaglie il merito è di tutti, anche i demeriti vanno divisi".


11/02/2008