User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Se tutto va bene siamo rovinati

    Moody´s: "Per voi rischio-debito tornate a ridurlo, ce la potete fare" - Le news di Diritti Globali


    31 - 03 - 2010
    la Repubblica

    Moody´s: "Per voi rischio-debito tornate a ridurlo, ce la potete fare"
    Resta fermo il rating: la bassa crescita italiana rende più difficile il rientro ma i precedenti storici sono positivi L´agenzia: spazzati via in Europa i traguardi di Maastricht
    di EUGENIO OCCORSIO
    ROMA - L´Italia ormai da più di dieci anni è impegnata in una continua battaglia per stabilizzare il debito pubblico in relazione al Pil, e ora si prepara all´ennesima dura sfida. Ma può farcela perché «la sua lunga esperienza nello strutturare il bilancio in un contesto di una fitta serie di vincoli e per di più con una bassa crescita, rende il nuovo sforzo non molto diverso dai precedenti». È un´attestazione di fiducia non priva di sorprese, lo Special comment pubblicato ieri da Moody´s. «Non è una valutazione di rating, che resta fermo ad Aa2 con un outlook stabile», puntualizza Alexander Kockerbeck, il senior vice president dell´ufficio-credito di Londra che ha redatto lo studio. «È un ampliamento di analisi, una riflessione sulle conseguenze della crisi. Che per paesi più forti del vostro sta comportando modificazioni rivoluzionarie e quindi più difficili da assorbire. In Francia il debito pubblico raggiungerà il 90% nel 2012. In Germania si avvia al 70, peggio che dopo la riunificazione». È come se tutta l´Europa sia diventata un po´ più italiana. «In media il debito in Europa supererà l´80% entro i prossimi tre anni, 20 punti in più che prima di Maastricht: tutto il consolidamento dell´ultimo decennio è stato brutalmente spazzato via». L´intera Europa ora dovrà compiere grossi sforzi in termini di aggiustamento, «per i quali non tutti sono preparati».
    In Italia invece tutto questo rappresenta un punto fermo da fin troppo tempo. Nell´area euro, si trova nel mezzo: suona da (parziale) consolazione il fatto che è il paese meno inguaiato fra i famigerati Pigs: «Il rapporto debito/Pil dell´Italia nei cinque anni più difficili della crisi crescerà di 14,3 punti, dal 103,5% del 2007 al 117,8 dell´anno prossimo. In Irlanda l´aumento sarà di 71,1 punti, in Grecia di 39,9, in Spagna di 37,8, in Portogallo di 27,5». Intendiamoci, precisa Kockerbeck, «non è che il fatto di essere in difficoltà già da prima, giustifica inopportuni entusiasmi ora. Bisogna assolutamente spingere sulla crescita: in Francia e Germania la recessione ha riportato il Pil ai livelli del 2005, in Italia a quelli del 2000. E dal punto di vista fiscale rimane pesante il costo degli interessi, che da solo avrà aggiunto 19,8 punti al rapporto debito/Pil nel 2001-10. Così, è cruciale la necessità di ritrovare un equilibrio fra le risorse pubbliche e gli oneri finanziari». Il tutto finalizzato al miglioramento del rating sui buoni del Tesoro, che porterà infine appunto all´abbassamento della spesa per il "servizio" del debito. «La prima cosa da fare per invertire la tendenza negativa è recuperare l´avanzo primario, che ora è leggermente finito in negativo ma è proprio ciò che può fare la differenza perché già dall´anno prossimo potrebbe comportare la riduzione del rapporto debito/Pil di 1,4 punti».
    Ma soprattutto l´Italia deve saper cogliere l´occasione del minor debito privato, che sta portando alla necessità di minori interventi di salvataggio, e il vantaggio di avere meno settori gonfiati dalla speculazione, tipo le case in Spagna. «Come dice Tremonti - sorride Kockerbeck - avete marciato con la sordina, ma ora questo può essere utile. Lo shock è stato inferiore, siete meno feriti perché avete osato meno e avete ora meno oneri che possano minacciare la crescita. Però ora dovete avere il carattere e la volontà politica per valorizzare questi vostri fattori di stabilità».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    11,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rif: Se tutto va bene siamo rovinati

    Magnifiche parole di incoraggiamento.

    Dato che il debito pubblico italiano è stato creato da una classe politica litica che adotta la mentalità mediterranea per vivere come gli Europei, l'unica risposta a questo uomo che vuole darci speranza è usare il linguaggio mediterraneo.

    Il senso dell'articolo per chi lo legge è:

    SE TUTTO VA BENE SIAMO ROVINATI.

    Questo giornalista, scrivendo in italiano si presume voglia parlare agli italiani.
    E chi è italiano, purtroppo suo malgrado; è abituato a tante di quelle promesse che non può credere.

    A forza di sentire i politici italiani, si diventa troppo smaliziati, e non si apprezzano le parole di speranza.

    Di speranza elargite nei nostri confronti di coloni, sono piene le discariche. .

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,778
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Rif: Se tutto va bene siamo rovinati

    Moody's,
    quello che da i voti in pagella a popoli e governi,
    e che ritiene del tutto lecito e normale, che gli immani
    debiti e bolle dei biscazzieri internazionali, siano pagati
    dai disgraziati, che non comprendono quanto bella
    è la finanza speculativa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Se Berzanov fa scuola...siamo rovinati ;-)
    Di Phileas nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 29-11-12, 16:21
  2. va tutto bene siamo una grande Nazione
    Di lorenzo v. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-06-06, 11:53
  3. se tutto va bene siamo rovinati.
    Di FuoriTempo nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 19-05-06, 20:49
  4. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 01-07-02, 18:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226