User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    Circolo Borsellino Perugia
    Data Registrazione
    25 May 2004
    Località
    Perugia
    Messaggi
    586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito In ricordo del Mar.Giovanni Pezzuolo

    Ci viene da ricordare la Poesia del Mercatini: "Eran trecento, erano giovani e forti, e sono morti!"


    I nostri caduti tra Afghanistan e Irak non sono stati trecento, ma anch'essi erano giovani e forti e sono morti: morti per la Patria, morti per la Pace e la Giustizia, morti per mano vigliacca di terroristi che sparano anche in mezzo alla folla durante una distribuzione umanitaria di viveri. VIGLIACCHI !!.

    Onore dunque alla memoria del Primo Maresciallo Giovanni Pezzuolo che ci ha lasciato un'altra grande vuoto nel cuore, ma che ci lascia in eredita' la sua voglia di fare del bene e la sua devozione per la Patria e per il suo lavoro (cosi' come ha detto al suo funerale la figlia di 16 anni).
    Le piu' sentite condoianze alla famiglia tutta, sperando che lo Stato, pur in un momento di crisi di Governo, gli stia vicino. E solidarieta' all'Esercito italiano e a tutti i soldati impegnati nelle missioni di Pace nel mondo.
    Ricordiamo che l'Italia in ambito ONU e' la terza nazione (su piu' di 180 stati) con il maggiore impegno di uomini e mezzi sparsi per le missioni umanitarie nel globo.

    GRAZIE RAGAZZI.

    Lasciamo in memoria di tutti i caduti italiani in Irak e Afghanistan questa patriottica poesia, che possa illuminare la strada dei nostri soldati durante il buio della notte, e del terrorismo:















    Luigi Mercantini




    La Spigolatrice di Sapri







    Eran trecento, eran giovani e forti,


    E sono morti!

    Me ne andavo al mattino a spigolare
    quando ho visto una barca in mezzo al mare:
    Era una barca che andava a vapore,
    E alzava una bandiera tricolore.
    All’isola di Ponza si è fermata,
    E' stata un poco e poi si è ritornata;
    S’è ritornata ed è venuta a terra;
    Sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra.

    Eran trecento, eran giovani e forti,

    E sono morti!

    Sceser con l’armi, e a noi non fecer guerra,
    Ma s’inchinaron per baciar la terra.
    Ad uno ad uno li guardai nel viso:
    Tutti avevano una lacrima e un sorriso.
    Li disser ladri usciti dalle tane:
    Ma non portaron via nemmeno un pane;
    E li sentii mandare un solo grido:
    Siam venuti a morir pel patrio lido.

    Eran trecento, eran giovani e forti,

    Esono morti!

    Con gli occhi azzurri e coi capelli d’oro
    Un giovin camminava innanzi a loro.
    Mi feci ardita, e, presol per la mano,
    Gli chiesi: Dove vai, bel capitano?
    Guardommi e mi rispose: O mia sorella,
    Vado a morir per la mia patria bella.
    Io mi sentii tremare tutto il core,
    Né potei dirgli: V’aiuti ‘l Signore!


    Eran trecento, eran giovani e forti,


    E sono morti!

    Quel giorno mi scordai di spigolare,
    E dietro a loro mi misi ad andare:
    Due volte si scontrar con li gendarmi,
    E l’una e l’altra li spogliar dell’armi.
    Ma quando fur della Certosa ai muri,
    S’udiron a suonar trombe e tamburi,
    E tra ‘l fumo e gli spari e le scintille
    Piombaron loro addosso più di mille.

    Eran trecento, eran giovani e forti,


    E sono morti!

    Eran trecento e non voller fuggire,
    Parean tremila e vollero morire;
    Ma vollero morir col ferro in mano,
    E avanti a lor correa sangue il piano;
    Fin che pugnar vid’io per lor pregai,
    Ma un tratto venni men, né più guardai;
    Io non vedeva più fra mezzo a loro
    Quegli occhi azzurri e quei capelli d’oro.

    Eran trecento, eran giovani e forti,


    e sono morti!



    www.agpgcircoloborsellino.spaces.live.com
    Massimo Decimo Meridio

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Citazione Originariamente Scritto da ilGladiatore Visualizza Messaggio
    morti per la Patria, morti per la Pace e la Giustizia
    Per la Patria? Per la Pace? Per la Giustizia?
    Stiamo scherzando?

    Quale Patria? USA?
    Quale Pace? Petrolio?
    Quale Giustizia? Invasione?

    Rispetto e rammarico per una vita spezzata durante un LAVORO.
    ...Morti bianche, veri eroi.

  3. #3
    Circolo Borsellino Perugia
    Data Registrazione
    25 May 2004
    Località
    Perugia
    Messaggi
    586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ritengo al contrario di altri la 2nda Guerra mondiale finita, quindi lascerei in bacheca vecchi antiamericanismi.

    Il Maresciallo Pezzuolo e' morto durante una missione di Pace, sotto l'egida delle Nazioni Unite. Il Maresciallo Pezzuolo e' morto per la Giustizia, perche' stava donando dei viveri e vestiti alla popolazione locale, perche' combatteva contro chi non voleva la democrazia e i il rispetto dei diritti in quel paese. Il Maresciallo Pezzuolo e' morto per la PATRIA perche' tutti i giorni cantava all'alba l'inno d'Italia (e voi), perche' ha prestato giuramente alla Bandiera Italiana (e voi?), perche' e' il Parlamento italiano che l'ha mandato li.

    E' morto da patriota perche' amava l'Italia e tutto cio' che rappresentava: anche perche' credeva nelle missioni umanitarie.

    Onore al Maresciallo.
    Massimo Decimo Meridio

  4. #4
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilGladiatore Visualizza Messaggio
    Ritengo al contrario di altri la 2nda Guerra mondiale finita, quindi lascerei in bacheca vecchi antiamericanismi.
    Vecchi anti-americanismi?
    Ma quali vecchi!

    Tutt'ora siamo sotto il loro dominio/controllo, facciamo tutto quello che dalle loro sporche bocche esce. Paghiamo ogni anno loro dei soldi. Abbiamo ben 113 basi Nato in Italia e quel che è più grave è che i loro reati fatti nel nostro territorio non possono essere giudicati in Italia. La neve del Cermis è ancora sporca di sangue, sangue anche Italiano... E di loro, nessuno ha pagato. Sono veramente lontani i tempi in cui i nostri Carabinieri alzavano le armi contro i militari USA quell'11 Ottobre 1985 in quel di Sigonella...

    Vogliamo parlare di democrazia? Ma quale? Quella che hanno a casa loro? Dove muoiono ogni giorno migliaia di persone di fame? Dove esiste ancora la pena di morte? Dove sono controllati e spiati anche quando devono andare in bagno? Dove, se non hai i soldi, non ti curano? Su via, lasciamo perdere.

  5. #5
    Circolo Borsellino Perugia
    Data Registrazione
    25 May 2004
    Località
    Perugia
    Messaggi
    586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Premessa: mai stato filo americano e mai lo saro' . Per me e che sia chiaro la II Guerra Mondiale l'abbiamo persa d'accordo ?? Quindi basta affibiarmi filo americanismi.

    Ad essere sincero poi sono anche uno strenuo sostenitori di Barack Obama alla Casa Bianca, per dirti quanto sia filo amministrazione Bush...


    Pero' non si puo' essere antiamericani per motivi ideologici, di puro nazionalismo cieco o altro. Inoltre ti invito a distinguere le politiche dell'attuale amministrazione da tutto il popolo americano e la sua classe politica.

    Il resto e' solo propaganda.

    Comunque sono sempre convinto che chi sceglie la vita del soldato, con anni di missione di pace all'estero, e' sempre e comunque da rispettare quale rappresentante militare della nostra Patria.

    Ogni tentativo di svilire il lavoro e il sacrificio dei soldati italiani all'estero e' sintomo di antipatriottismo. Quindi non so come ci si puo' collocare nella destra italiana chi disonora il primo punto d'onore all'estero di un paese: il proprio esercito.
    Massimo Decimo Meridio

  6. #6
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilGladiatore Visualizza Messaggio
    Premessa: mai stato filo americano e mai lo saro' . Per me e che sia chiaro la II Guerra Mondiale l'abbiamo persa d'accordo ?? Quindi basta affibiarmi filo americanismi.

    Ad essere sincero poi sono anche uno strenuo sostenitori di Barack Obama alla Casa Bianca, per dirti quanto sia filo amministrazione Bush...


    Pero' non si puo' essere antiamericani per motivi ideologici, di puro nazionalismo cieco o altro. Inoltre ti invito a distinguere le politiche dell'attuale amministrazione da tutto il popolo americano e la sua classe politica.

    Il resto e' solo propaganda.

    Comunque sono sempre convinto che chi sceglie la vita del soldato, con anni di missione di pace all'estero, e' sempre e comunque da rispettare quale rappresentante militare della nostra Patria.

    Ogni tentativo di svilire il lavoro e il sacrificio dei soldati italiani all'estero e' sintomo di antipatriottismo. Quindi non so come ci si puo' collocare nella destra italiana chi disonora il primo punto d'onore all'estero di un paese: il proprio esercito.
    Non si può essere anti-americani per motivi ideologici? Non si può essere anti-americani per puro nazionalismo?

    Credo ancora che tu stia scherzando. Quando avremo una sovranità militare vera potremmo riparlarne.

    Pura propaganda? Ma di cosa? Spiegami spiegami...

    Io sono un soldato, io ho scelto di essere un soldato, un soldato politico.
    Come diceva il buon Oswald Spengler, "La vita ha uno scopo. Esso consiste nel compimento di quanto era stato posto gia con il suo prodursi".

    Sinceramente, IO, non mi sono MAI collocato nella destra italiana, che reputo uno stupido concetto. Per me non esiste nè destra nè sinistra, bisogna andare oltre. E anche qua, mi viene da citarti una frase, questa di Benito Mussolini: "I NOSTRI PROGRAMMI SONO DECISAMENTE RIVOLUZIONARI, LE NOSTRE IDEE APPARTENGONO A QUELLE CHE IN REGIME DEMOCRATICO SI CHIAMEREBBERO DI SINISTRA. SU CIO’ NON PUO’ ESSERCI ALCUN DUBBIO: “NOI” SIAMO I PROLETARI IN LOTTA CONTRO IL CAPITALISMO. SE QUESTO E’ VERO, RIVOLGERSI ALLA BORGHESIA AGITANDO IL PERICOLO ROSSO E’ ASSURDO. LO SPAURACCHIO VERO, IL PERICOLO AUTENTICO, LA MINACCIA CONTRO CUI LOTTIAMO SENZA SOSTA VIENE DA DESTRA".

    Ora i saluto, buona domenica.

  7. #7
    Circolo Borsellino Perugia
    Data Registrazione
    25 May 2004
    Località
    Perugia
    Messaggi
    586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ovviamente rispetto il tuo pensiero, ma è evidente che percorriamo due binari paralleli.

    Io ritengo la Destra italiana una esperienza ancora valida per il mondo di oggi, che pur mantenendo una sorta di struttura di valori, è molto più malleabile e si sa adattare alle sfide del mondo moderno. Questo è tutto il contrario della sinistra reazionaria e di certe frangi extraparlamentari che credono di cambiare il mondo senza governare ma cercando di influenzare l'opinione pubblica o in qualche modo la decisione dei politici: questo è sbagliatissimo perchè la politica e le decisioni si prendonosi in Parlamento, e questa è una prerogativa della nostra Costituzione ed è alla base della nostra Democrazia.

    Tutto il resto è rispettato, accettato (nei limiti della Costituzione) ma non potrà mai incidere nelle linee guida della politica italiana.

    E' per questo che ancora oggi non capisco l'isolamento della sinistra/destra estrema dal gioco politica, neanche ci provano a integrarsi nel giogo politico. In questo modo non riuscirete mai a cambiare l'Italia e a raggiungere gli obiettivi che vi siete prefissati.

    Mussolini era certamente un idealista, ma era anche un pragmatico, uno scaltro Statista e soprattutto era un socialista (nazional-socialista, certo deriva dalla sinistra ma la sigla nazional è certamente di destra): non è stato a predicare al vento, sapeva che per cambiare l'Italia occorreva mettersi in gioco con il Re, il Parlamento e tutta la società italiana.

    Fare invece i marginati a vita, disprezzare la regolare politica e tutto ciò che rappresenta il Parlamento italiano è quanto di più sbagliato ci sia per perseguire i propri fini (sempre se sono obiettivi corenti e rispettosi della Costituzione italiana).

    Per questo dovresti vedere questa mia riflessione più come uno spronamente per i movimenti come i vostri: non un paternalismo, ma proprio vi invito a non isolarvi, a candidarvi, a farvi vedere non solo nelle strade (e fate bene) o nell'"ombra", ma a farvi conoscere dall'elettorato. Questo è il sale della Democrazia. Questa è la via per i vostri obiettivi. Fino a quel momento però i vostri obiettivi rimarranno solo pagine scritti in un volantino.
    Massimo Decimo Meridio

  8. #8
    Circolo Borsellino Perugia
    Data Registrazione
    25 May 2004
    Località
    Perugia
    Messaggi
    586
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il riassunto del mio pensiero sulla necessità di combattere non solo con gli ideali ma anche per VINCERE in Parlamento è riassunto dal pensiero del grande Marcello DeAngelis che ti invito a leggere:

    Com’era prevedibile ricevo da ieri una telefonata ogni dieci minuti di amici che si dicono sorpresi, avviliti, sconcertati o anche solo stupiti della decisione di Fini di unire le forze con Berlusconi. Tutti dicono “la decisione di Fini”, a sottolineare che loro, quella decisione, non l’hanno presa, anche perché nessuno gli ha chiesto il parere. E sono, come in passato, disorientati, per la sempre presente paura di perdere se stessi. Frequento giornalisti che scrivono di politica da anni e so come lavorano. Li conosco di persona. Sono quasi tutti antifascisti, più o meno consapevoli, più o meno viscerali. C’è quello che ricordo dal collettivo del Tasso, l’altro del collettivo del Giulio Cesare. Un altro era del Pdup o di autonomia operaia, molti sono troppo giovani per aver preso parte alla stagione dell’odio e rimpiangono l’occasione persa e il fatto di non aver mai avuto una chiave inglese sulla quale mettere le tacche dei fascisti sprangati. Ci odiano e si fanno beffe di noi. Giocano con noi. Li sento chiacchierare e ridere, raccontandosi l’un l’altro cosa scriveranno, annunciando l’ennesimo strappo, la nuova svolta, usando parole come “abbandono”, “tradimento”, oppure le fanno dire al testimonial di loro scelta, il più anziano possibile, il più accorato, oppure una donna che ricorda i bei tempi che non torneranno, o qualcuno che vuol solo farsi pubblicità. Si dicono “vedrai domani che succede!” e ridono alle nostre spalle, perché giocano con noi come i bambini che mettono il fuoco ai formicai per guardare le povere bestioline che corrono su e giù prese dal panico. Alcuni non hanno fatto altro per dieci anni e ne godono con vero sadismo. Non scrivono sul Manifesto, ma sul Messaggero, sulla Stampa, sul Corriere della sera, su Repubblica, sull’Espresso, ma anche sul Giornale e su Panorama. Altri sono in Rai, molti lavorano a Mediaset e così ci sparano alle spalle, mentre i loro compagni ci sparano in faccia. A ben vedere scrivono sempre la stessa cosa, ci annunciano la Fine che si approssima, la nostra apocalisse dei significati, attraverso la scomparsa dei simboli, ci annunciano l’oblio. Ci annunciano ciò che auspicano da sempre e che auspicavano, frustrati e delusi, i loro fratelli maggiori, i loro genitori e in alcuni casi persino i loro nonni. La nostra estinzione sulla terra, con qualsiasi mezzo, e la cancellazione del nostro ricordo. Ma dinanzi alla nostra sopravvivenza, durata mezzo secolo malgrado tutto e malgrado tutti, all’odio s’è aggiunta l’invidia, il risentimento, perché chi ha tutte le armi per piegare alla propria volontà la verità ufficiale e la memoria collettiva, trema di terrore dinanzi a chi sopravvive solo grazie all’ostinato ricordo. E pensa: “cosa accadrebbe di me e del mio mondo, se questi cocciuti “memori di sé” avessero un giorno anche i mezzi che abbiamo noi? Cosa resterebbe di noi, dei loro nemici di sempre, se un giorno anche loro potessero avere il diritto di insegnare a scuola la loro storia, di farci dei film, di “socializzare” il loro ricordo?” E tremano e vogliono che non accada. Io non penso che un partito sia la mia storia. Penso che un partito sia un mezzo di trasporto, che si usa per fare il percorso necessario. Non potrei mai pensare che il mio sangue, i miei valori, i sogni di tutte le generazioni che mi hanno preceduto e le loro sofferenze, possano essere imprigionate in una cosa piccola e meschina come un partito. La mia casa è l’Italia e a volte nemmeno mi basta, voglio anche l’Europa e da lì voglio segnare il mondo. I miei martiri non sono morti per un partito – o per un simbolo di partito – né per una percentuale di voto, per un certo numero di seggi in più o per permettere ad uno – o a me! – di sedere su una poltrona. Chi fa appello al sangue, ai valori, alla “nostra storia” per farsene uno sgabello che lo avvicini al seggio è un miserabile infame. E purtroppo sono moltissimi, nascosti dietro parole d’ordine e simboli eterni. Basta ipocrisie, basta schizofrenie. Quando ero ragazzino c’erano quelli che per fare i nazisti giravano con la croce di ferro che avevano comprato su una bancarella a Portobello Road. Qualcuno aveva affrontato l’inferno del fronte russo per guadagnarsi quella medaglia e loro pensavano che bastassero le due sterline che avevano dato a un mercante armeno per ostentare la stessa gloria… Indossare la pelle del leone o del lupo può fare impressione ai paesani ignoranti, un lupo o un leone non ti scambia per uno dei suoi, anzi, ti riconosce e ti odia per lo scempio che fai ogni giorno della pelle di suo fratello. E ti vorrebbe uccidere. I miei morti stanno nel mio cuore e nella mia vita di tutti i giorni, non stanno seppelliti in una sede di partito. Il mio dovere non è “commemorarli”, perché le commemorazioni ti mettono in pace con te stesso e ti permettono di ricordare il tuo dovere solo una volta l’anno e fare nel resto dei giorni tutto lo schifo che ti pare. Io volevo morire per la Patria, ma non sono ancora morto. Vuol dire che la Patria da me pretende ancora qualcosa. La Patria, che è sopra ogni cosa e oggi sta morendo. La Patria che sta sopra ogni parte di essa: partiti, famiglie e individui. Sopra la Patria c’è solo Dio. Bisogna combattere per creare un mondo migliore per i propri figli o per preservare il mondo dei propri antenati? Tutt’e due. Ma bisogna capire che esistono solo il passato – che è andato via e non torna – e il futuro, che non è ancora arrivato. Il presente è un’illusione. Chi vive il passato nel presente è malato e si nega il futuro. Chi si ferma è perduto. Se avanzo seguitemi, se indietreggio sparatemi. Il fascismo non è mai ieri è sempre domani. Onorare i morti non è portare per sempre i loro corpi sulle spalle, ma dargli degna sepoltura perché siano liberi di andare oltre, nella loro corsa verso il cielo. Onorare i martiri significa arrivare lì dove loro erano diretti, non erigere una torre dove sono caduti e restarci in eterno. E per andare, più lontano e più veloce, si scende dalla diligenza per prendere il treno e giù dal treno per prendere l’aereo: i mezzi non sono sacri, lo è solo il fine. E il fine è salvare la Nazione e sconfiggere i suoi nemici. L’Italia è ancora da fare e soprattutto gli italiani. Io ho nostalgia di tutto, mi è difficile staccarmi da qualsiasi cosa. Ma le cose si muovono malgrado me e se resto fermo non servo a nulla. E una volta che mi sono preso delle responsabilità nei confronti di altro e di altri, che diritto ho a restare seduto a piangere sul passato che si allontana insieme alla gioventù e tutte le persone care che a poco a poco sono sempre di meno? Il dovere del soldato è vincere, non è morire nella battaglia disperata. Anche se a volte questo sembra più desiderabile. Il soldato deve battere il nemico, perché se invece cade, lascerà senza protezione la sua terra, la sua donna e i suoi figli e – peggio ancora – i figli degli altri – e avrà così guadagnato la gloria ma perso l’onore, perché il dovere del soldato è combattere per la Patria, non per acquisire una medaglia e l’ammirazione delle signorine. Io non posso stare un giorno senza combattere: per la Patria, per la sua salvezza e per il suo onore, che sono anche la salvezza dei miei figli e l’onore dei miei padri. Se il nemico usa i missili, io voglio i missili. Se hanno il nucleare, userò il nucleare. Chi va in giro vestito da cavaliere antico, o coperto di alamari, farà sicuramente più bella figura, ma in battaglia non serve a niente. Per sorprendere il nemico bisogna mimetizzarsi e coprirsi la faccia di fango. La vittoria, se non è solo per goderne in privato, è un dovere. Se è in gioco la sopravvivenza della Patria, la sconfitta non è un opzione accettabile. Se le cose cambiano e il mondo continua a girare e facciamo fatica a stargli dietro, possiamo e dobbiamo provare rabbia, ma non possiamo frignare e dire “basta, non gioco più”. Chi diserta perché il suo esercito ha modificato l’uniforme, non può poi andare a dire a quelli che continuano a combattere che il vero eroe è lui…
    Massimo Decimo Meridio

  9. #9
    Foedere et Religione tenemur
    Data Registrazione
    02 Sep 2007
    Località
    Anche se tutti sul rosso hanno puntato,con coraggio giochi il nero e dopo lanci il dado
    Messaggi
    316
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'articolo e' stupendo,Marcello si conferma una volta di piu' il numero uno in assoluto!
    Pero' ,purtroppo , ho forti perplessita' sul fatto che tutto cio' possa essere realizzato su serio!non nascondiamoci che la nostra idea(cioe' quella di Marcello,Alemanno e piu' modestamente la mia e di altri ragazzi di Terni e di Italia) gia' era minoritaria in AN,dove i liberal-finiani-gasparriani avevano sempre piu' potere,confinando noi in una posizione quasi folkloristica; immagino cosa accadra' nel PDL.
    Sono veramente perplesso ed addolorato...spero di non essere l'unico a cui dispiace annettersi alle forze american-sioniste,iperliberiste,senza piu' ne' una connotazione storica ne' un serio ideale.
    Lo spero,ma da quello che e' emerso nell'assemblea nazionale non sembra essere cosi'....

  10. #10
    www.cmperugia.org
    Data Registrazione
    08 May 2007
    Località
    www.controventopg.splinder.com
    Messaggi
    1,158
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da ilGladiatore Visualizza Messaggio
    Il riassunto del mio pensiero sulla necessità di combattere non solo con gli ideali ma anche per VINCERE in Parlamento è riassunto dal pensiero del grande Marcello DeAngelis che ti invito a leggere:

    Com’era prevedibile ricevo da ieri una telefonata ogni dieci minuti di amici che si dicono sorpresi, avviliti, sconcertati o anche solo stupiti della decisione di Fini di unire le forze con Berlusconi. Tutti dicono “la decisione di Fini”, a sottolineare che loro, quella decisione, non l’hanno presa, anche perché nessuno gli ha chiesto il parere. E sono, come in passato, disorientati, per la sempre presente paura di perdere se stessi. Frequento giornalisti che scrivono di politica da anni e so come lavorano. Li conosco di persona. Sono quasi tutti antifascisti, più o meno consapevoli, più o meno viscerali. C’è quello che ricordo dal collettivo del Tasso, l’altro del collettivo del Giulio Cesare. Un altro era del Pdup o di autonomia operaia, molti sono troppo giovani per aver preso parte alla stagione dell’odio e rimpiangono l’occasione persa e il fatto di non aver mai avuto una chiave inglese sulla quale mettere le tacche dei fascisti sprangati. Ci odiano e si fanno beffe di noi. Giocano con noi. Li sento chiacchierare e ridere, raccontandosi l’un l’altro cosa scriveranno, annunciando l’ennesimo strappo, la nuova svolta, usando parole come “abbandono”, “tradimento”, oppure le fanno dire al testimonial di loro scelta, il più anziano possibile, il più accorato, oppure una donna che ricorda i bei tempi che non torneranno, o qualcuno che vuol solo farsi pubblicità. Si dicono “vedrai domani che succede!” e ridono alle nostre spalle, perché giocano con noi come i bambini che mettono il fuoco ai formicai per guardare le povere bestioline che corrono su e giù prese dal panico. Alcuni non hanno fatto altro per dieci anni e ne godono con vero sadismo. Non scrivono sul Manifesto, ma sul Messaggero, sulla Stampa, sul Corriere della sera, su Repubblica, sull’Espresso, ma anche sul Giornale e su Panorama. Altri sono in Rai, molti lavorano a Mediaset e così ci sparano alle spalle, mentre i loro compagni ci sparano in faccia. A ben vedere scrivono sempre la stessa cosa, ci annunciano la Fine che si approssima, la nostra apocalisse dei significati, attraverso la scomparsa dei simboli, ci annunciano l’oblio. Ci annunciano ciò che auspicano da sempre e che auspicavano, frustrati e delusi, i loro fratelli maggiori, i loro genitori e in alcuni casi persino i loro nonni. La nostra estinzione sulla terra, con qualsiasi mezzo, e la cancellazione del nostro ricordo. Ma dinanzi alla nostra sopravvivenza, durata mezzo secolo malgrado tutto e malgrado tutti, all’odio s’è aggiunta l’invidia, il risentimento, perché chi ha tutte le armi per piegare alla propria volontà la verità ufficiale e la memoria collettiva, trema di terrore dinanzi a chi sopravvive solo grazie all’ostinato ricordo. E pensa: “cosa accadrebbe di me e del mio mondo, se questi cocciuti “memori di sé” avessero un giorno anche i mezzi che abbiamo noi? Cosa resterebbe di noi, dei loro nemici di sempre, se un giorno anche loro potessero avere il diritto di insegnare a scuola la loro storia, di farci dei film, di “socializzare” il loro ricordo?” E tremano e vogliono che non accada. Io non penso che un partito sia la mia storia. Penso che un partito sia un mezzo di trasporto, che si usa per fare il percorso necessario. Non potrei mai pensare che il mio sangue, i miei valori, i sogni di tutte le generazioni che mi hanno preceduto e le loro sofferenze, possano essere imprigionate in una cosa piccola e meschina come un partito. La mia casa è l’Italia e a volte nemmeno mi basta, voglio anche l’Europa e da lì voglio segnare il mondo. I miei martiri non sono morti per un partito – o per un simbolo di partito – né per una percentuale di voto, per un certo numero di seggi in più o per permettere ad uno – o a me! – di sedere su una poltrona. Chi fa appello al sangue, ai valori, alla “nostra storia” per farsene uno sgabello che lo avvicini al seggio è un miserabile infame. E purtroppo sono moltissimi, nascosti dietro parole d’ordine e simboli eterni. Basta ipocrisie, basta schizofrenie. Quando ero ragazzino c’erano quelli che per fare i nazisti giravano con la croce di ferro che avevano comprato su una bancarella a Portobello Road. Qualcuno aveva affrontato l’inferno del fronte russo per guadagnarsi quella medaglia e loro pensavano che bastassero le due sterline che avevano dato a un mercante armeno per ostentare la stessa gloria… Indossare la pelle del leone o del lupo può fare impressione ai paesani ignoranti, un lupo o un leone non ti scambia per uno dei suoi, anzi, ti riconosce e ti odia per lo scempio che fai ogni giorno della pelle di suo fratello. E ti vorrebbe uccidere. I miei morti stanno nel mio cuore e nella mia vita di tutti i giorni, non stanno seppelliti in una sede di partito. Il mio dovere non è “commemorarli”, perché le commemorazioni ti mettono in pace con te stesso e ti permettono di ricordare il tuo dovere solo una volta l’anno e fare nel resto dei giorni tutto lo schifo che ti pare. Io volevo morire per la Patria, ma non sono ancora morto. Vuol dire che la Patria da me pretende ancora qualcosa. La Patria, che è sopra ogni cosa e oggi sta morendo. La Patria che sta sopra ogni parte di essa: partiti, famiglie e individui. Sopra la Patria c’è solo Dio. Bisogna combattere per creare un mondo migliore per i propri figli o per preservare il mondo dei propri antenati? Tutt’e due. Ma bisogna capire che esistono solo il passato – che è andato via e non torna – e il futuro, che non è ancora arrivato. Il presente è un’illusione. Chi vive il passato nel presente è malato e si nega il futuro. Chi si ferma è perduto. Se avanzo seguitemi, se indietreggio sparatemi. Il fascismo non è mai ieri è sempre domani. Onorare i morti non è portare per sempre i loro corpi sulle spalle, ma dargli degna sepoltura perché siano liberi di andare oltre, nella loro corsa verso il cielo. Onorare i martiri significa arrivare lì dove loro erano diretti, non erigere una torre dove sono caduti e restarci in eterno. E per andare, più lontano e più veloce, si scende dalla diligenza per prendere il treno e giù dal treno per prendere l’aereo: i mezzi non sono sacri, lo è solo il fine. E il fine è salvare la Nazione e sconfiggere i suoi nemici. L’Italia è ancora da fare e soprattutto gli italiani. Io ho nostalgia di tutto, mi è difficile staccarmi da qualsiasi cosa. Ma le cose si muovono malgrado me e se resto fermo non servo a nulla. E una volta che mi sono preso delle responsabilità nei confronti di altro e di altri, che diritto ho a restare seduto a piangere sul passato che si allontana insieme alla gioventù e tutte le persone care che a poco a poco sono sempre di meno? Il dovere del soldato è vincere, non è morire nella battaglia disperata. Anche se a volte questo sembra più desiderabile. Il soldato deve battere il nemico, perché se invece cade, lascerà senza protezione la sua terra, la sua donna e i suoi figli e – peggio ancora – i figli degli altri – e avrà così guadagnato la gloria ma perso l’onore, perché il dovere del soldato è combattere per la Patria, non per acquisire una medaglia e l’ammirazione delle signorine. Io non posso stare un giorno senza combattere: per la Patria, per la sua salvezza e per il suo onore, che sono anche la salvezza dei miei figli e l’onore dei miei padri. Se il nemico usa i missili, io voglio i missili. Se hanno il nucleare, userò il nucleare. Chi va in giro vestito da cavaliere antico, o coperto di alamari, farà sicuramente più bella figura, ma in battaglia non serve a niente. Per sorprendere il nemico bisogna mimetizzarsi e coprirsi la faccia di fango. La vittoria, se non è solo per goderne in privato, è un dovere. Se è in gioco la sopravvivenza della Patria, la sconfitta non è un opzione accettabile. Se le cose cambiano e il mondo continua a girare e facciamo fatica a stargli dietro, possiamo e dobbiamo provare rabbia, ma non possiamo frignare e dire “basta, non gioco più”. Chi diserta perché il suo esercito ha modificato l’uniforme, non può poi andare a dire a quelli che continuano a combattere che il vero eroe è lui…
    "Il Ribelle è deciso ad opporre Resistenza. Il suo intento è dare battaglia, sia pure disperata"

    Per il resto, non giudico Marcello (non sono nessuno per farlo, IO), ma assolutamente non condivido.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Mozione per il ricordo di Giovanni Spadolini
    Di Tipo Destro nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 06-09-08, 17:10
  2. In Ricordo del Santo Padre Giovanni Paolo II
    Di merello nel forum Cattolici
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 22-03-07, 16:15
  3. Giovanni Paolo II nel ricordo di due Sorelle Maggiori
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 09-05-05, 23:30
  4. Giovanni Paolo II nel ricordo di due Sorelle Maggiori
    Di daca. nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 09-05-05, 23:05
  5. In ricordo di Giovanni Spadolini
    Di Paolo Arsena nel forum Repubblicani
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-08-04, 09:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226