User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3

Discussione: Calcio & Cristo

  1. #1
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Feb 2010
    Messaggi
    484
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Calcio & Cristo

    ROMA (15 febbraio) - Alla fine della sua carriera sogna di fare il predicatore come Kakà e assicura che non «farà più sesso prima del matrimonio». Il difensore della Juventus Nicola Legrottaglie si confessa in una intervista al Tg1 ammettendo che «la Bibbia, la parola di Dio, ha cambiato la mia visione della vita». «Io aspetto la donna della mia vita - spiega il giocatore bianconero rispondendo a chi lo criticava sulla sua decisione di non fare sesso da due anni - per avere un rapporto. Prima di conoscere Gesù ero costretto e mi sentivo schiavo del sesso come molti giovani. Anche Kakà ha detto di essere arrivato al matrimonio vergine. Lo invidio perché è riuscito a mantenere la verginità fino al matrimonio».
    Kakà ha detto che quando smetterà di giocare vuole fare il predicatore? «Anche io voglio fare come lui - conclude Legrottaglie - e aiutare il prossimo».



    ****

    Se il calcio ha disaffezionato molti sportivi a causa delle sue inedificanti vicissitudini societarie e finanziarie, c’è un fenomeno (neanche tanto) nascosto, che si diffonde, grazie soprattutto alla testimonianza dei giocatori sudamericani: la fede in campo. Si tratta di gesti e immagini che i giocatori esibiscono dopo un gol, all’ingresso in campo o anche dopo un episodio negativo.
    Durante una partita dell mundial spagnolo dell’82, Diego Maradona fu giustamente espulso e uscì dal campo facendo ripetuti segni della croce. Il colombiano Ramiro Cordoba, di passaggio tempo fa a Lanciano, volle recarsi con l’intera famiglia in pellegrinaggio alla chiesa ove è custodita la reliquia del Miracolo Eucaristico. Il brasiliano Kakà, cristiano evangelico, alza viso e indici al cielo dopo il gol e non per dedicare la segnatura al defunto (ingenuità tipicamente italica...); Cruz bacia il crocifisso appeso al collo; le nazionali dell’America Centrale cantano l’inno nazionale con la mano sul cuore; Adriano prega compostamente prima della partita. I sudamericani (quasi sempre) tra i meno animosi e tra i più disposti al sacrificio, a “cantare e portare la croce” appunto. Tra gli altri giocatori, molti dei quali non più in attività, che hanno parlato senza imbarazzo della propria fede ci sono Balbo, Batistuta, Zanetti, Amoroso, Amarildo, Chamot. Il cileno Marcelo Salas, che dopo ogni gol si inginocchiava facendo il segno della croce, dichiarò: “Credo molto nella preghiera; prima di dormire, prego. Diciamo che mi piace parlare di Dio. Non importa avere una bella casa o possedere ricchezze materiali. Sono cose passeggere. La cosa importante è avere fede in Dio per costruire qualcosa di bello”. I giocatori sudamericani si inginocchiarono sul campo, mano nella mano, in preghiera, dopo la vittoria della quinta coppa del mondo nel 2002. La cosa non fu gradita al commissario della FIFA Blatter: nei mondiali di quell’anno c’era il divieto di qualunque ostentazione religiosa in campo, sia con magliette, che con preghiere. Il credo religioso ridotto ad un fatto privato, talmente privato da colpevolizzare chi, con coraggio, lo manifesta.


    Lotari

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Daouda
    Ospite

    Predefinito

    Diceva un Maestro:

    "Lodiamoli perché le loro intenzioni sono buone, Dio li faccia entrare nell'Impero dei cieli."

    Con ciò sono e rimangono (con grandissima probabilità) cristiani insufficienti come molti di noi e tra noi.

  3. #3
    the dark knight's return
    Data Registrazione
    06 Jul 2006
    Località
    Gotham City
    Messaggi
    26,969
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lotari Visualizza Messaggio
    ROMA (15 febbraio) - Alla fine della sua carriera sogna di fare il predicatore come Kakà e assicura che non «farà più sesso prima del matrimonio». Il difensore della Juventus Nicola Legrottaglie si confessa in una intervista al Tg1 ammettendo che «la Bibbia, la parola di Dio, ha cambiato la mia visione della vita». «Io aspetto la donna della mia vita - spiega il giocatore bianconero rispondendo a chi lo criticava sulla sua decisione di non fare sesso da due anni - per avere un rapporto. Prima di conoscere Gesù ero costretto e mi sentivo schiavo del sesso come molti giovani. Anche Kakà ha detto di essere arrivato al matrimonio vergine. Lo invidio perché è riuscito a mantenere la verginità fino al matrimonio».
    Kakà ha detto che quando smetterà di giocare vuole fare il predicatore? «Anche io voglio fare come lui - conclude Legrottaglie - e aiutare il prossimo».



    ****

    Se il calcio ha disaffezionato molti sportivi a causa delle sue inedificanti vicissitudini societarie e finanziarie, c’è un fenomeno (neanche tanto) nascosto, che si diffonde, grazie soprattutto alla testimonianza dei giocatori sudamericani: la fede in campo. Si tratta di gesti e immagini che i giocatori esibiscono dopo un gol, all’ingresso in campo o anche dopo un episodio negativo.
    Durante una partita dell mundial spagnolo dell’82, Diego Maradona fu giustamente espulso e uscì dal campo facendo ripetuti segni della croce. Il colombiano Ramiro Cordoba, di passaggio tempo fa a Lanciano, volle recarsi con l’intera famiglia in pellegrinaggio alla chiesa ove è custodita la reliquia del Miracolo Eucaristico. Il brasiliano Kakà, cristiano evangelico, alza viso e indici al cielo dopo il gol e non per dedicare la segnatura al defunto (ingenuità tipicamente italica...); Cruz bacia il crocifisso appeso al collo; le nazionali dell’America Centrale cantano l’inno nazionale con la mano sul cuore; Adriano prega compostamente prima della partita. I sudamericani (quasi sempre) tra i meno animosi e tra i più disposti al sacrificio, a “cantare e portare la croce” appunto. Tra gli altri giocatori, molti dei quali non più in attività, che hanno parlato senza imbarazzo della propria fede ci sono Balbo, Batistuta, Zanetti, Amoroso, Amarildo, Chamot. Il cileno Marcelo Salas, che dopo ogni gol si inginocchiava facendo il segno della croce, dichiarò: “Credo molto nella preghiera; prima di dormire, prego. Diciamo che mi piace parlare di Dio. Non importa avere una bella casa o possedere ricchezze materiali. Sono cose passeggere. La cosa importante è avere fede in Dio per costruire qualcosa di bello”. I giocatori sudamericani si inginocchiarono sul campo, mano nella mano, in preghiera, dopo la vittoria della quinta coppa del mondo nel 2002. La cosa non fu gradita al commissario della FIFA Blatter: nei mondiali di quell’anno c’era il divieto di qualunque ostentazione religiosa in campo, sia con magliette, che con preghiere. Il credo religioso ridotto ad un fatto privato, talmente privato da colpevolizzare chi, con coraggio, lo manifesta.


    Lotari
    sul primo non penso sia un vanto per un Cristiano visto la leggere che è...

    i Sudamericani i meno animosi??? ti faccio un elenco

    Maradona (Napoli) -argentino-

    Ortega (Sampdoria-Parma) -argentino-

    Cordoba (Sampdoria) -argentino-

    Catè (Sampdoria) -brasiliano-

    Veron (Sampdoria,Parma,Lazio,Inter) -argentino-

    Caniggia (Atalanta) -argentino-

    Aguilera (Genoa,Torino) -uruguaiano-

    Castillo "El Tigre" (Genoa) -colombiano-

    Edmundo (Fiorentina-Napoli) -brasiliano-

    Adriano (Parma,Inter) -brasiliano-



    questa è una minima lista (ce ne saranno un centinaio) di sudamericani che hanno provocato problemi molto gravi...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 30-09-11, 12:03
  2. Cristo, Anti-Cristo e contro-iniziazione (René Guénon)
    Di goodbye_cat nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 60
    Ultimo Messaggio: 05-01-09, 00:48
  3. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 16-05-08, 16:09
  4. Cristo cosmico e Cristo storico
    Di oggettivista nel forum Paganesimo e Politeismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 19-08-05, 02:02
  5. Cristo cosmico e Cristo storico
    Di oggettivista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14-08-05, 21:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226