User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16

Discussione: Leggi Di Giustizia

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Leggi Di Giustizia


    LAWS of justice which Hammurabi, the wise king, established. A righteous law, and pious statute did he teach the land. Hammurabi, the protecting king am I. I have not withdrawn myself from the men, whom Bel gave to me, the rule over whom Marduk gave to me, I was not negligent, but I made them a peaceful abiding-place. I expounded all great difficulties, I made the light shine upon them. With the mighty weapons which Zamama and Ishtar entrusted to me, with the keen vision with which Ea endowed me, with the wisdom that Marduk gave me, I have uprooted the enemy above and below (in north and south), subdued the earth, brought prosperity to the land, guaranteed security to the inhabitants in their homes; a disturber was not permitted. The great gods have called me, I am the salvation-bearing shepherd, whose staff is straight, the good shadow that is spread over my city; on my breast I cherish the inhabitants of the land of Sumer and Akkad; in my shelter I have let them repose in peace; in my deep wisdom have I enclosed them. That the strong might not injure the weak, in order to protect the widows and orphans, I have in Babylon the city where Anu and Bel raise high their head, in E-Sagil, the Temple, whose foundations stand firm as heaven and earth, in order to bespeak justice in the land, to settle all disputes, and heal all injuries, set up these my precious words, written upon my memorial stone, before the image of me, as king of righteousness.

    The king who ruleth among the kings of the cities am I. My words are well considered; there is no wisdom like unto mine. By the command of Shamash, the great judge of heaven and earth, let righteousness go forth in the land: by the order of Marduk, my lord, let no destruction befall my monument. In E-Sagil, which I love, let my name be ever repeated; let the oppressed, who has a case at law, come and stand before this my image as king of righteousness; let him read the inscription, and understand my precious words: the inscription will explain his case to him; he will find out what is just, and his heart will be glad, so that he will say:
    "Hammurabi is a ruler, who is as a father to his subjects, who holds the words of Marduk in reverence, who has achieved conquest for Marduk over the north and south, who rejoices the heart of Marduk, his lord, who has bestowed benefits for ever and ever on his subjects, and has established order in the land."
    When he reads the record, let him pray with full heart to Marduk, my lord, and Zarpanit, my lady; and then shall the protecting deities and the gods, who frequent E-Sagil, graciously grant the desires daily presented before Marduk, my lord, and Zarpanit, my lady.
    In future time, through all coming generations, let the king, who may be in the land, observe the words of righteousness which I have written on my monument; let him not alter the law of the land which I have given, the edicts which I have enacted; my monument let him not mar. If such a ruler have wisdom, and be able to keep his land in order, he shall observe the words which I have written in this inscription; the rule, statute, and law of the land which I have given; the decisions which I have made will this inscription show him; let him rule his subjects accordingly, speak justice to them, give right decisions, root out the miscreants and criminals from this land, and grant prosperity to his subjects.
    Hammurabi, the king of righteousness, on whom Shamash has conferred right (or law) am I. My words are well considered; my deeds are not equaled; to bring low those that were high; to humble the proud, to expel insolence. If a succeeding ruler considers my words, which I have written in this my inscription, if he do not annul my law, nor corrupt my words, nor change my monument, then may Shamash lengthen that king's reign, as he has that of me, the king of righteousness, that he may reign in righteousness over his subjects. If this ruler do not esteem my words, which I have written in my inscription, if he despise my curses, and fear not the curse of God, if he destroy the law which I have given, corrupt my words, change my monument, efface my name, write his name there, or on account of the curses commission another so to do, that man, whether king or ruler, patesi, or commoner, no matter what he be, may the great God (Anu), the Father of the gods, who has ordered my rule, withdraw from him the glory of royalty, break his scepter, curse his destiny. May Bel, the lord, who fixeth destiny, whose command can not be altered, who has made my kingdom great, order a rebellion which his hand can not control; may he let the wind of the overthrow of his habitation blow, may he ordain the years of his rule in groaning, years of scarcity, years of famine, darkness without light, death with seeing eyes be fated to him; may he (Bel) order with his potent mouth the destruction of his city, the dispersion of his subjects, the cutting off of his rule, the removal of his name and memory from the land. May Belit, the great Mother, whose command is potent in E-Kur (the Babylonian Olympus), the Mistress, who harkens graciously to my petitions, in the seat of judgment and decision (where Bel fixes destiny), turn his affairs evil before Bel, and put the devastation of his land, the destruction of his subjects, the pouring out of his life like water into the mouth of King Bel. May Ea, the great ruler, whose fated decrees come to pass, the thinker of the gods, the omniscient, who maketh long the days of my life, withdraw understanding and wisdom from him, lead him to forgetfulness, shut up his rivers at their sources, and not allow corn or sustenance for man to grow in his land. May Shamash, the great Judge of heaven and earth, who supporteth all means of livelihood, Lord of life-courage, shatter his dominion, annul his law, destroy his way, make vain the march of his troops, send him in his visions forecasts of the uprooting of the foundations of his throne and of the destruction of his land. May the condemnation of Shamash overtake him forthwith; may he be deprived of water above among the living, and his spirit below in the earth. May Sin (the Moon-god), the Lord of Heaven, the divine father, whose crescent gives light among the gods, take away the crown and regal throne from him; may he put upon him heavy guilt, great decay, that nothing may be lower than he. May he destine him as fated, days, months and years of dominion filled with sighing and tears, increase of the burden of dominion, a life that is like unto death. May Adad, the lord of fruitfulness, ruler of heaven and earth, my helper, withhold from him rain from heaven, and the flood of water from the springs, destroying his land by famine and want; may he rage mightily over his city, and make his land into flood-hills (heaps of ruined cities). May Zamama, the great warrior, the first-born son of E-Kur, who goeth at my right hand, shatter his weapons on the field of battle, turn day into night for him, and let his foe triumph over him. May Ishtar, the goddess of fighting and war, who unfetters my weapons, my gracious protecting spirit, who loveth my dominion, curse his kingdom in her angry heart; in her great wrath, change his grace into evil, and shatter his weapons on the place of fighting and war. May she create disorder and sedition for him, strike down his warriors, that the earth may drink their blood, and throw down the piles of corpses of his warriors on the field; may she not grant him a life of mercy, deliver him into the hands of his enemies, and imprison him in the land of his enemies. May Nergal, the might among the gods, whose contest is irresistible, who grants me victory, in his great might burn up his subjects like a slender reedstalk, cut off his limbs with his mighty weapons, and shatter him like an earthen image. May Nin-tu, the sublime mistress of the lands, the fruitful mother, deny him a son, vouchsafe him no name, give him no successor among men. May Nin-karak, the daughter of Anu, who adjudges grace to me, cause to come upon his members in E-kur high fever, severe wounds, that can not be healed, whose nature the physician does not understand, which he can not treat with dressing, which, like the bite of death, can not be removed, until they have sapped away his life.
    May he lament the loss of his life-power, and may the great gods of heaven and earth, the Anunaki, altogether inflict a curse and evil upon the confines of the temple, the walls of this E-barra (the Sun temple of Sippara), upon his dominion, his land, his warriors, his subjects, and his troops. May Bel curse him with the potent curses of his mouth that can not be altered, and may they come upon him forthwith.


    A voi voglio proporre questo 'epilogo' delle ben note e giustamente celebri 'leggi di Hammurabi', grande Re dei tempi gloriosi del passato...
    Perché?
    Sinceramente credo sia necessario e vitale riflettere a fondo su questi valori etici ch'erano alla base della religiosità degli antichi imperi e dei sovrani amati dagli Dei: in un'età quale la nostra in cui la Dea della Giustizia si è ritirata dalla Terra per risiedere fra gli astri, è necessario riscoprire cosa essa amava quando invece dimorava molto vicina al cuore degli uomini.
    Queste leggi e questo epilogo di esse ce ne danno un'idea- anche perché chiudono il dilemma sulla frattura fra leggi divine/non scritte e leggi scritte/umane; rendono onore al ben noto 'nomos basileus' della Grecia arcaica e originaria, troppo spesso ignorato o trascurato in favore di più 'moderne' concezioni giuridico-politiche; stabiliscono la necessaria e bellissima connessione fra Giustizia e Norma Divina ed emanazione delle Leggi Sovrane ad opera di un Re divinamente ispirato...
    E molto altro ancora...

    Saluti!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    leggiti le 200 leggi degli ittiti, solo di un paio di secoli posteriori a quelle di hammurabi.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Già, ma non solo...
    In area mediterranea perché non ricordarsi di queste:

    ZALEUCUS THE LOCRIAN
    PREFACE TO HIS LAWS
    All inhabitants of city or country should in the first place be firmly persuaded of the existence of divinities, as result of their observation of the heavens and the world and the orderly arrangement of their contained beings. These are not the productions of fortune or of men. We should reverence and honor them as causes of every reasonable good. We should therefore prepare our souls so they may be free from vice. For the gods are not honored by the worship of a bad man, nor through sumptuousity of offerings, nor with the tragical expense of a depraved man; but by virtue, and the deliberate choice of good and beautiful deeds. All of us, therefore, should be as good as possible, both in actions and deliberate choice; if he wishes to be dear to divinity. He should not fear the loss of money more than that of renown; such a one would be considered the better citizen. Those who do not easily feel so impelled, and whose soul is easily excited to injustice, are invited to consider the following. They, and their fellow residents of a house should remember that there are Gods who punish the unjust, and should remember that no one escapes the final liberation from life. For in the supreme moment they will repent, from remembering their unjust deeds, and wishing that their deeds had been just. Everyone, in every action should be mindful of this time, as if it were present; which is a powerful incentive to probity and justice.
    Should any one feel (tempted by ) the presence of an evil genius, tempting him to injustice, he should go into a temple, remain at the altar, or in sacred groves, flying from injustice as from an impious and harmful mistress, supplicating the divinities to cooperate with him in turning it away from himself. He should also seek the company of men known for their probity, in order to hear them discourse about a blessed life and the punishment of bad men, that he may be deterred from bad deeds, dreading none but the avenging geniuses.
    Citizens should honor all the Gods according to the particular country's legal rites, which should be considered as the most beautiful of all others. Citizens should, besides obeying the laws, show their respect for the rulers by rising before them, and obeying their instructions. Men who are intelligent, and wish to be saved should, after the Gods, geniuses and heroes most honor parents, laws, and rulers.
    Let none love his city better than his country, the indignation of whose gods he would thus be exciting; for such conduct is the beginning of treachery. For a man to leave his country and reside in a foreign land, is something most afflicting and unbearable; for nothing is more kindred to us than out natal country. Nor let anyone consider a naturalized citizen an implacable enemy; such a person could neither judge, nor govern properly, for his anger predominates over his reason. Let none speak ill either of the whole city, or of a private citizen.
    Let the guardians of the laws keep a watchful eye over offenders, first by admonishing them, and if that is not sufficient, by punishment. Should any established law seem unsatisfactory, let it be changed into a better one; but whichever remain should be universally obeyed; for the breaking of established laws is neither beautiful nor beneficial; though it is both beautiful and beneficial to be restrained by a more excellent law, as if vanquished thereby.
    Transgressors of established laws should however be punished, as promoting anarchy, which is the greatest evil. The magistrates should neither be arrogant, nor judge insultingly, nor in passing sentence regard friendship, or hate, being partial, thus deciding more justly, and being worthy of the magistracy. Slaves should do what is just through fear, but free men, through shame, and for the sake of beauty in conduct. Governors should be men of this kind, to arouse reverence.
    Anyone who wishes to change any one of the established laws, or to introduce another law, should put a halter around his neck, and address the people. And if from the suffrages it should appear that the established law should be dissolved, or that a new law should be introduced, let him not be punished. But if it should appear that the preexisting law is better, or, that the new proposition is unjust, let him who wishes to change an old, or introduce a new law, be executed by the halter.


    Esempi davvero irrinunciabili ....

    Saluti!

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,535
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito The lover traduci in italiano anche queste

    Dato che ti sei già cimentata nel tradurre in italiano, fai uno sforzo.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Data l'importanza dell'argomento tenterò ancora quest'impresa...
    (data la mia non competenza nella traduzione spero apprezzerete soprattutto il senso perdonando qualche errore se lo troverete...)
    E dato il breve scampolo di tempo a mia disposizione inizierò con le leggi di Hammurabi, quanto prima seguirò con le altre...

    Leggi di giustizia che Hammurabi, il Re saggio, stabilì.
    Una giusta Legge e un pio statuto egli insegnò alla terra.
    Hammurabi, il Re che protegge, io sono. Non ho ritirato me stesso dagli uomini che Bel mi diede, il dominio sui quali Marduk mi diede, io non fui negligente, ma creai per loro una pacifica dimora in cui risiedere.
    Io spiegai tutte le grandi difficoltà, feci che la luce risplendesse contro di loro.
    Con le potenti armi che Zamama e Ishtar mi affidarono, con la profonda visione di cui Ea mi dotò, con la saggezza che Marduk mi diede, io ho sradicato i nemici nel Nord e nel Sud, sottomesso la terra, portato prosperità alla nazione, garantito sicurezza agli abitanti nelle loro case; colui che portava disturbo non era tollerato.
    I Grandi Dei mi hanno chiamato, io sono il pastore che porta la salvezza, il cui bastone è saldo, la cui buona ombra si diffonde sulla mia città; nel mio petto io curo con amore gli abitanti della terra di Sumer e Accad; nel mio rifugio li ho lasciati riposare nella pace; nella mia profonda saggezza li ho riuniti.
    Affinchè il forte non possa danneggiare il debole, in modo da proteggere gli orfani e le vedove, io ho, in Babilonia, la città in cui Anu e Bel sollevano alti i loro volti, in Esagil il tempio le cui fondamenta sono salde come il cielo e la terra,per indicare la Giustizia alla terra, per dirimere tutte le dispute e sanare tutte le ingiurie, ho fatto innalzare queste mie preziose parole, scritte sulle mie pietre memoriali, di fronte alle mie immagini, come Re di Giustizia.

    Il Re che governa fra i Re delle città io sono. Le mie parole sono ben considerate; non esiste saggezza quale la mia.
    Per il comando di Shamash, il grande Giudice del cielo e della terra, fai che la Giustizia si diffonda sulla terra; per l'ordine di Marduk il mio signore, fai che la distruzione non cada sui miei monumenti.
    In Esagil lascia che il mio nome sia ripetuto per sempre; lascia che gli oppressi che hanno un processo con la legge, vengano e stiano di fronte alla mia immagine come re di Giustizia; lascia che leggano l'iscrizione e comprendano le mie sagge parole: l'iscrizione spiegherà a ciascuno il suo caso; egli troverà ciò ch'è giusto e il suo cuore sarà felice e così dirà:
    "Hammurabi è un sovrano ch'è come un padre per i suoi sudditi, che tiene le parole di Marduk in riverenza, che ha completato per Marduk la conquista sul nord e sul sud, che fa gioire il cuore di Marduk il suo signore, che ha concesso benefici durevoli per sempre ai suoi sudditi e ha stabilito l'ordine sopra la terra.
    Quando egli leggerà ciò ch'è scritto, lascia che preghi di tutto cuore Marduk il mio signore, e Zarpanit la mia signora; che quindi le divinità protettrici e gli dei che frequentano Esagil graziosamente garantiscano i desideri giornalmente presentati di fronte a Marduk il mio signore e Zarpanit la mia signora.
    Nei tempi futuri, attraverso tutte le generazioni, lascia che colui che sarà signore sulla terra, osservi le parole di giustizia che io ho scritto sui miei monumenti; fai che egli non alteri la legge della nazione che io ho stabilito, gli editti che io ho promulgato; che egli non danneggi i miei monumenti.
    Se un tale governante avrà saggezza e sarà capace di tenere la terra in ordine, egli osserverà le leggi che ho scritto in questa iscrizione; la Legge, lo Statuto e la Regola della nazione che io ho posto; fai che governi i suoi sudditi secondo essa, parli con giustizia ad essi, prenda rette decisioni, sradichi i miscredenti e i criminali dal suo regno e garantisca prosperità ai suoi sudditi.
    Hammuarbi il Re di Giustizia, a cui Shamash ha conferito la Legge io sono. Le mie parole sono ben considerate, i miei atti non sono eguagliati; per abbassare coloro che sono troppo in alto, per umiliare l'orgoglioso, per espellere l'insolenza.
    Se un governante fortunato considererà le mie parole, che ho scritto in questa mia iscrizione, se egli non annullerà la mia Legge nè altererà i miei monumenti, allora possa Shamash allungare il regno di un tale Re, come ha fatto per me, il Re di Giustizia, così che egli possa regnare in giustizia sopra i suoi sudditi.
    Se invece questo re non dovesse stimare le mie parole che ho scritto nelle mie iscrizioni, se prenderà alla leggera le mie maledizioni, e non avrà timore della maledizione del Dio, se distruggerà la Legge che io ho dato, ne corromperà le parole, cambierà i miei monumenti, cancellerà il mio nome, vi apporrà il proprio, o a causa delle maledizioni farà sì che qualcuno lo faccia al posto suo; quell'uomo sia egli governante o re, un patesi o un uomo comune, qualunque cosa sia, possa il grande Dio Anu, il padre degli Dei, che stabilì il mio comando, ritirare da lui la gloria della regalità, spezzare il suo scettro e maledire il suo destino.
    Possa Bel, il Signore, che fissa il Destino, il cui comando non può essere alterato, che ha reso grande il mio regno, ordinare una ribellione che non può essere controllata; possa egli lasciare che il vento della disfatta soffiare sulla sua casa, possa egli stabilire gli anni del suo regno nel lamento, nella scarsezza, nella carestia, oscurità senza luce e una morte che lo guardi negli occhi siano il suo fato.
    Possa Bel ordinare con la sua bocca potente la distruzione della sua città, la dispersione dei suoi sudditi, la fine del suo governo, la rimozione del suo nome e del suo ricordo dalla terra.
    Possa Belit, la Grande Madre,il cui comando è potente in Ekur, la Sovrana, che si ricorda graziosamente delle mie petizioni, nel seggio del giudizio e della decisione (dove Bel fissa i destini), far apparire i suoi affari malvagi di fronte a Bel e stabilire la distruzione della sua nazione, dei suoi sudditi
    , il versare la sua vita come acqua nella bocca di Bel il Re.
    Possa Ea, il grande Governatore, i cui decreti del fato accadranno certamente, il saggio degli Dei, l'Onnisciente, che rese lunghi i giorni della mia vita, ritirare saggezza e comprensione da lui, condurlo alla dimenticanza, disseccare i suoi fiumi alla sorgente, e non concedere che grano o sostentamento per gli uomini crescano sulla sua terra.
    Possa Shamash, il grande Giudice del cielo e della terra, che supporta tutti i mezzi di sopravvivenza, Signore del coraggio della vita, distruggere il suo dominio, annullare le sue leggi, distruggere il suo percorso, rendere vana la marcia delle sue truppe, mandargli visioni preannuncianti dello sradicamento delle fondazioni del suo trono e della distruzione della sua terra. Possa la condanna di Shamash sopraffarlo subito; possa egli essere privato di acqua fra i viventi, e il suo spirito sotto la terra.
    Possa Sin, Dio della Luna, il Signore del Cielo, il padre divino, il cui crescente da luce agli Dei, portargli via la corona e il trono regale; possa egli porre su di lui una pesante colpa, grande decadenza, che niente possa essere più basso di lui.
    Possa egli destinargli secondo i fati, giorni, mesi e anni di dominio colmi di sospiri e lacrime, accrescere il peso del dominio, una vita che sia come la morte.
    Possa Adad, il Signore dell'Abbondanza, Signore del cielo e della terra, colui che viene in mio soccorso, ritrarre per lui la pioggia dal cielo, e il flusso d'acqua dalle sorgenti, distruggendo la sua terra con la carestia e il bisogno; possa egli possentemente mostrare la sua ira sopra la sua città e trasformare la sua nazione in mucchi di città devastate.
    Possa Zamama, il Grande guerriero, il primogenito figlio di Ekur, che sta al mio fianco destro, frantumare le sue armi sul campo di battaglia, volgere il giorno in notte per lui e lasciare che il suo nemico trionfare sopra di lui.
    Possa Ishtar, Dea del combattimento e della guerra, che scioglie dai legami le mie armi, il mio grazioso spirito protettore, che ama il mio dominio, maledire il suo regno nella Suo cuore furioso; nella Sua grande ira muti la sua grazia in male, e spezzare le sue armi nel luogo del combattimento e della guerra.
    Possa Ella creare disordine e sedizione per lui, colpire i suoi guerrieri, che la terra possa bere il loro sangue e far ammucchiare pile di cadaveri dei suoi guerrieri sul campo; possa Ella non garantirgli una vita di pietà, consegnarlo nelle mani dei suoi nemici, e imprigionarlo nella terra dei suoi nemici.
    Possa Nergal, il possente fra gli Dei, la cui contesa è irresistibile, che mi garantisce la vittoria, nella sua grande possanza bruciare i suoi sudditi come un inconsistente cespuglio, tagliare le sue membra con le sue armi possenti, e distruggerlo come un'immagine d'argilla.
    Possa Nintu, la sublime Signora della Terra, la Madre fruttuosa, negargli un figlio, non concedergli il nome e successori fra gli uomini.
    Possa Nin- karak, la figlia di Anu, che mi ha concesso la grazia, far giungere su di lui in Ekur alta febbre, dure ferite che non possono essere guarite, la cui natura i medici non comprendono, che non possa trattare con bende, che, come il morso della morte, non può essere rimosso, fino a che non si saranno portati via la sua vita.
    possa egli lamentare la perdita del suo potere vitale, e possano i Grandi Dei del cielo e della terra, gli Anunaki, insieme infliggergli una maledizione e male sui confini del tempio, le mura di questo E-barra, sul suo dominio, al sua terra, i suoi guerrieri, i suoi sudditi e le sue truppe.
    Possa Bel maledirlo con le potenti maledizioni della sua bocca che non possono essere alterate e possano essere subito sopra di lui.


  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Zaleuco di Locri
    Prefazione alle sue Leggi

    Tutti gli abitanti della città o del paese debbono in primo luogo essere fermamente persuasi dell'esistenza degli Dei, come risultato delle loro osservazioni dei cieli e del mondo e dell'ordinata composizione degli esseri in essi contenuti.
    Queste non sono produzioni della fortuna o dell'uomo.
    Noi dobbiamo mostrare loro reverenza e onorarli come cause di ogni bene giusto.
    Dobbiamo perciò preparare le nostre anime così che possano essere libere dal vizio.
    Poiché gli Dei non sono onorati dal culto di un uomo malvagio, né attraverso la sontuosità delle offerte, e nemmeno dalle spese eccessive di un uomo depravato; ma attraverso la virtù e la deliberata scelta di atti buoni e belli.
    Ciascuno di noi perciò, dovrebbe essere buono quanto più possibile, sia nelle azioni sia nelle scelte deliberate; se si desidera essere cari alla Divinità.
    Egli non dovrà temere la perdita di denaro più di quella del proprio onore; un simile uomo sarà considerato il migliore dei cittadini.
    Coloro che non facilmente sono così predisposti, e le cui anime sono facilmente esaltate all'ingiustizia, sono invitati a considerare le seguenti parole.
    Costoro, e coloro che abitano insieme a loro in casa, debbono ricordare che sono gli Dei che puniscono l'ingiusto, e devono ricordare che nessuno sfugge alla finale liberazione dalla vita.
    Poichè nel momento supremo essi si pentiranno, ricordandosi degli atti ingiusti da loro stessi commessi, e desiderando che essi invece fossero stati giusti.
    Ciascuno, in ogni azione, dev'essere memore di questo tempo, come se fosse già presente; ciò è un potente incentivo alla probità e alla giustizia.
    Se qualcuno si sentisse tentato dalla presenza di un malvagio genio, che lo spinge all'ingiustizia, dovrà recarsi in un tempio, rimanere presso l'altare, o nei boschi sacri, rifuggendo l'ingiustizia come si fugge da una padrona empia e nociva, supplicando le Divinità di cooperare con lui nello scacciarla da sé.
    Egli dovrà anche cercare la compagnia di uomini noti per la loro probità, in modo da ascoltarli discorrere circa una vita religiosa e sulle punizioni degli uomini ingiusti, così che egli si possa trattenere dagli atti malvagi, avendo timore solo del Genio della Vendetta.
    I cittadini debbono onorare tutti gli Dei secondo i culti legittimi di ogni particolare paese, che devono essere considerati come i più belli fra tutti.
    I cittadini devono obbedire alle leggi, mostrare il loro rispetto per i governanti alzandosi di fronte a loro, e obbedendo alle loro istruzioni.
    Gli uomini che sono intelligenti, e desiderano salvarsi, devono, dopo gli Dei, i Geni e gli Eroi, onorare soprattutto i genitori, le leggi e i governanti.
    Che nessuno ami di più la propria città della propria terra, suscitando così l'indignazione dei suoi Dei; poiché una tale condotta è il principio del tradimento.
    Per un uomo abbandonare la sua terra e risiedere in un paese straniero è qualcosa di affliggente e insopportabile; poiché nulla ci è più caro della nostra terra natale.
    Non si lasci considerare un cittadino naturalizzato come implacabile nemico; una tale persona non può nè giudicare nè governare propriamente , poichè la sua rabbia predomina sulla sua ragione. Che nessuno parli male della città nè di un privato cittadino.
    Che i guardiani delle leggi pongano un occhio attento su coloro che offendono, prima ammonendoli, e se questo non è sufficiente, attraverso la punizione.
    Se qualche legge stabilita non sembra soddisfacente, che sia modificata in una migliore, ma quelle che rimangono devono essere universalmente obbedite; poichè lo spezzare una legge stabilita non è nè bello nè benefico; è invece bello e benefico essere frenati da una legge eccellente ed essere vinti a causa di essa.
    I trasgressori delle leggi stabilite devono perciò essere puniti, in quanto promotori dell'anarchia, che è il male più grande.
    I magistrati non devono essere arroganti nè giudicare in modo insultante, nè passare sentenze in riguardo dell'amicizia, o dell'odio, essendo parziali; così decideranno più giustamente essendo degni della magistratura.
    Gli schiavi devono fare ciò che è giusto attraverso la paura, ma l'uomo libero attraverso la vergogna e per il fine della bellezza nella condotta. I governanti devono essere uomini di tal specie, per far sorgere la reverenza.
    Chiunque desideri cambiare una delle leggi stabilite, o introdurne di nuove, dovrà porre un cappio intorno al proprio collo e rivolgersi ai cittadini.
    E se dalle consultazioni apparirà che la legge stabilità dev'essere dissolta e che una nuova legge dev'essere introdotta, che egli non sia punito. Ma se apparirà che la legge preesistente era migliore, o che la nuova proposta è ingiusta; che colui che desiderava mutare l'antica o introdurne una nuova, sia giustiziato col cappio.



    E ancora una volta dico: esempi e principi davvero irrinunciabili...

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito





    Sthenidas il Locrese (400 a.c.)

    Sul Regno



    Un Re dev'essere un uomo saggio; così egli sarà onorato nello stesso modo della divinità suprema, imitatore della quale egli sarà.
    Come ciò ch'è supremo è per natura il primo re e potentato, così sarà il re, per nascita e per imitazione.
    Come il primo governa tutte le cose nell'intero universo, così farà quest'ultimo sulla terra.
    Mentre il primo governa tutte le cose eternamente, e possiede una vita che mai viene meno, possedendo tutta la saggezza in sé stesso, così il secondo acquisisce la scienza attraverso il tempo.
    Ma un Re imiterà nella maniera migliore il Dio Primo, se egli acquisirà magnanimità e grandezza, e la restrizione dei suoi bisogni ad un numero molto piccolo di cose, esibendo verso i suoi sudditi una disposizione paterna.
    Poiché è a causa specialmente di ciò che il Dio Primo è chiamato Padre sia degli Dei che degli uomini, poiché Egli è moderato verso ogni cosa che gli sia sottomessa, e mai cessa di governare con sguardo provvidenziale.
    Non è Egli soddisfatto nell'essere il Creatore di tutte le cose, ma Egli è colui che nutre e il precettore di ogni cosa che sia bella , e il legislatore di tutte le cose ugualmente.

    Tale dev'essere un Re che sulla terra governa sugli uomini.
    Niente può esser bello, che manchi di una direzione o di un governo.
    Ancora, nessun Re o governante può esistere senza saggezza e scienza.
    Colui perciò che sarà sia un saggio sia un governante sarà un imitatore e un legittimo ministro del Dio.

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa brevissima (ahimè!) rassegna permette di farsi un 'idea abbastanza chiara di cosa realmente fosse il Nomos Basileus nelle nazioni, o Stati, religiosamente ordinati.
    Qui nel diritto, come in qualsiasi altro campo, vige questa norma: descrizione ma non spiegazione (ovvero per risalire ad una dicotomia molto comune, ci si interroga esclusivamente sul 'che cosa ?' ma non sul 'perché?')- ritornando appunto al diritto, alla Legge, si deve notare come, ai giorni nostri, coloro che sono competenti nella materia, non sappiano dare un fondamento alle loro costituzioni, una ragione ontologica, come si potrebbe almeno definire, al cosiddetto 'stato di diritto' dell'età contemporanea: da un semplice punto di vista filosofico queste odierne argomentazioni non reggono, figuriamoci da un punto di vista religioso...
    Perciò possiamo dire di possedere, in quanto mondo contemporaneo, un bel bagaglio, solido (più o meno a seconda delle opportunità), di leggi scritte, ma nessuna Legge...
    Noto con stupore (ma forse mi sbaglio, o meglio spero di sbagliarmi,e sono qui apposta per essere smentita- cosa che mi farebbe persino piacere...) che voi 'pagani' o 'gentili' non amiate discutere di questo tema... curioso che debba essere proprio una fanciulla a venirvi a ricordare questo problema fondamentale...segno dell'era, vorticoso mutamento dei tempi presenti? mah...
    Ad ogni modo, a causa della mia natura 'umanistica', vi invito a meditare con molta attenzione su quei pochi passi che ho riportato- una luce del tutto nuova essi spargono sulle fosche tenebre contemporanee...

    Salute a tutti
    e buon periodo delle Antesterie e dei Piccoli Misteri....

  9. #9
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Messaggi
    5,535
    Mentioned
    19 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)

    Predefinito Il mondo è in evoluzione

    The lover quello che hai riportato è significativol moderno ha bisogno dell'antico. Il mondo sta velocemente evolvendo, sappiamo che la nostra non è una speranza , ma una certezza.

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    20 Sep 2007
    Messaggi
    127
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Dimenticavo uno dei miei passi preferiti:

    ATENA
    "Ascoltate ora il mio responso, popolo dell'Attica, voi che ora siete chiamati a giudicare sul primo delitto di sangue!
    Anche per il tempo a venire rimarrà insediato nella comunità di Egeo questo tribunale di giudici. Sarà questo Colle di Ares, in cui posero il campo le Amazzoni quando vennero ad attaccare Teseo e di fronte all'Acropoli costruirono una nuova rocca con alte mura e torri: qui sacrificavano ad Ares.
    Questa rocca, da allora, ha preso il nome di Areopago, colle di Ares: qui il rispetto dei cittadini, e la paura che si accompagna al rispetto, tratterrà dal commettere crimini di giorno e di notte.
    E se i cittadini non manterranno in vigore questo ordinamento scorreranno fiumi di sciagure: l'acqua limpida si contaminerà col fango e non sarà più possibile berne.
    Né anarchia né dispotismo: questa è la norma che indico ai cittadini e che raccomando loro di osservare.
    E ancora vi ordino di non cacciare fuori dalla Città la potenza del terrore. Chi può stare nel giusto se non ha nulla da temere? Se tutti avranno la giusta riverenza per l'autorità sacra di questa istituzione, ci sarà sempre un baluardo per questa terra e salvezza per questa Città, quale nessun altro tra i mortali avrà mai né fra gli Sciti né nella regione di Pelope.
    Immune da corruzione, rispettato, inflessibile, sentinella per chi dorme, sempre vigile su questa terra: così questo tribunale io fondo e costituisco.
    ....
    Come un agricoltore ama le sue piante, così io amo la stirpe dei giusti e voglio che fiorisca senza soffrire, tutto ciò sta a voi.
    ...
    Molto potente è la Venerabile Erinni!
    Presso gli immortali, presso i morti sottoterra,
    e per gli uomini tutto porta a sicuro compimento:
    ad alcuni procura canti di lode,
    ad altri una vita nell'ombra, segnata dal pianto."

    Eschilo, Eumenidi


    Esimio Sideros, dimmi: cosa muta ai tuoi occhi la più bella delle speranze in una certezza?
    Il mondo sta mutando, ma il tempo è ciclico- regressivo, come diceva l'ottimo Platone; perciò cosa ti fa pensare che non si stia invece precipitando sempre più velocemente nell'abisso dell'ingiustizia?
    Ad ogni modo sono felice che almeno tu abbia risposto!

    Saluti!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 29-08-11, 00:14
  2. GIUSTIZIA: BERLUSCONI, mai fatto leggi ad personam :):):)
    Di luca18 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 24-12-09, 08:02
  3. Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 29-12-08, 08:20
  4. centinaia di migliaia di leggi e la riforma della giustizia
    Di argos nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07-12-08, 21:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226