User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito OT: Il Popolo dei Giganti

    La Nuova Sardegna, venerdì 22/02/2008
    www.lanuovasardegna.it

    L’ISOLA AL TEMPO DEI GIGANTI E DELLA GRANDE ONDA

    Pauli Arborei, tra mito e antichi racconti, testimonianze su sospetti ritrovamenti ossei
    Dall’inviato Walter Porcedda

    In un tempo lontano. Molto, ma molto lontano. All'epoca delle possenti torri dei nuraghi e delle navi che solcavano il mare per andare verso lidi dai nomi esotici viveva in un posto, non troppo distante dal mare, un popolo di adoratori delle stelle e della luna. Alcuni di questi erano dei giganti. Vivevano in città circondate da fiumi e canali ma che un giorno
    vennero spazzate via, sommerse da un onda gigantesca arrivata dal mare... Potrebbe essere il racconto giusto per far innamorare un poeta della narrazione come il compianto Sergio Atzeni, autore dell'intrigante e visionario romanzo dedicato ai sardi, «Passavamo sulla terra leggeri», dei quali ne evoca poeticamente origini e destini. Eppure di questi ed altri accidenti si ascolta a Pauli Arbarei, centro della Marmilla. Tra storia e leggenda, il mito si intreccia con il racconto orale, passato da padre in figlio, di generazione in generazione proprio come il rito antico e oscuro di Antonio Setzu, il custode del tempo del libro di Atzeni, che trasmette la memoria collettiva al suo giovanissimo discepolo.
    «Diecimila anni fa vivevano da queste parti un re con dieci dame di corte e una flotta di milleduecento navi». Così rievoca tziu Alfredo Garau, 69 anni, mentre con gli occhi misura i filari ben ordinati del suo orto. Piccole e regolari cunette di terra grigia scura come la cenere, così come è da queste parti, dentro le quali iniziano a spuntare dei germogli verdi. Ed è come se tutto fosse accaduto appena ieri. «Là nella città perduta vivevano anche des' ominis mannus che nessuno poteva toccare». Poi un giorno la catastrofe. Quello che era un grande lago con canali navigabili fino al mare diventò solo una palude d'acqua (e il nome Pauli Arbarei potrebbe proprio voler dire questo).
    «S'unda manna» annientò così una grande civiltà. E poi? «Quel posto era rimasto sacro nella memoria di tutti.
    Non si poteva e doveva violare. Invece... Dai campi ogni tanto saltavano fuori delle ossa. Tantissime e tutte in sa idda boccia. Grandi, enormi. Io stesso ho visto, avevo allora 17 anni, una tibia grande come questo tavolo. Sa, non si sapeva bene cosa fossero, si prendevano e si buttavano via. Poi arrivarono i trattori e queste finivano frantumate sotto i cingoli... anche per la paura che bloccassero tutto».
    Così continua l'anziano di questo villaggio a un tiro di schioppo dalla Statale 131, dove scorre senza soste il fiume argenteo delle auto e dei tir.
    Qui è come una piccola Macondo dove il tempo sembra essere rallentato. Vie linde e strette, dove sfilano antichi portali di legno, si indovinano giardini rigogliosi di erbe e profumati d'aranci. Dappertutto, nell'aria, l'odore pungente di fuochi accesi dentro i cammini. Dove un silenzio calmo e di pace sembra avvolgere come una morbida coltre segreti nascosti nel cuore degli uomini.
    Molti di questi parlano anche dei Giganti. Aveva appena dieci anni Luigi Muscas, oggi ultraquarantenne quando, mentre pascolava le pecore a Corte e Baccasa, altipiano sopra il paese, allo scoppiare di un temporale si era rifugiato tra le rocce, dentro una cavità. Enorme lo stupore nello scoprirvi all'interno un grande scheletro mummificato. Corre trafelato in paese ad avvisare il nonno che, dopo aver condiviso senza alcun stupore la scoperta, inizia a tramandare al nipote le antiche leggende del luogo. Leggende che da allora per quel pastorello, oggi diventato scultore, sono diventate una grande passione, fino a raccoglierle in un libro, «II popolo dei giganti» (sarà presentato oggi alle 16,30 a Oristano nella sala conferenze ex Ept di Oristano in piazza Elenora d'Arborea) che, certo lungi da pretese di essere un volume con il crisma della scientificità, non solo raccoglie storie, dubbi e interrogativi senza risposte ma è di fatto — questo l'elemento più interessante — un bell'incontro tra mito e conto popolare. Al suo interno infatti ci sono le testimonianze di ben ventiquattro persone del paese e del circondario. Una sorta di antologia alla Spoon River revocatrice di immagini sfocate dal tempo e consegnate in quel limbo fluttuante tra il sogno e la realtà. Ed è come se così fosse un solo uomo a parlare, o meglio a narrare con le ansie e pure le contraddizioni, ma sempre con austera e rispettosa sacralità, quella che è dovuta agli avi. Grandi o piccoli che fossero.
    Così il racconto di Virgilio Saiu, di 92 anni. «Io, un gigante l'ho visto davvero. Era il 1950, lavoravo con altri due operai vicino alla locale chiesa di Sant'Agostino. Fui io per primo a colpire con il picco una lapide di pietra. Pulii la terra attorno al coperchio e aprii una enorme bara di pietra. Dentro c'era lo scheletro di un uomo grande tre volte la mia altezza. Oltre i due metri e mezzo. Era mummificato e nelle braccia si vedeva no le arterie pietrificate. Nelle mani aveva tre monete lucenti. Che diedi al parrocco, don Sideri perché (così mi disse) avrebbe dovuto farle vedere a Cagliari. Ma non le ho più riviste. Lo scheletro? Ci disse di farlo a pezzi e seppellirlo». Ma non fu l'unica volta. «Sì. L'anno prima facevo dei lavori come bracciante nella vigna di Nadali Pusceddu vicino a Nuraxi e'Passeri.
    Scavando, scoprimmo una ventina di scheletri tutti allineati. Alcuni avevano caviglie grandi come quelle dei buoi».
    Tanti concordano nel dire che i Giganti (dei quali vengono mostrati ipotetiche ossa, qualche stranissimo dente, resti che molti si augurano vengano analizzati scientificamente) appartenuti a una gens e a una civiltà cancellata da «s'unda manna» vivevano là nella città dimenticata.
    Nell'altopiano sopra il paese, in effetti, numerose sono le tracce di siti che forse andrebbero studiati e tutelati meglio (e finora purtroppo solo preda degli agguerriti tombaroli che spogliano e distruggono senza curarsi della memoria e della scienza). Nuraghi interrati, massi ciclopici rovinati, cocci etc... E perstno grandi e pesanti anelli di ferro che dicono servissero per l'attracco delle navi. «Erano nella giara, sotto il nuraghe de S'ununcu e su sensu» dice Eugenio Cuncu che rivela: «demolendo una vecchia casa ne trovammo una quarantina che gettarne in una discarica di Ussaramanna». Ma non ci sono solo Giganti. Adriano Picchedda, 82 anni svela che «fino all'età di 17 anni, con miei genitori e altre persone in certe notti andavamo attorno a delle pozze d'acqua a pregare le stelle e la luna. Per chiedere che l'annata fosse buona».
    Ecco forse l'estremo indizio di una memoria che dal mito diventa poesia. Ultimo segnale di un popolo che come scrisse Atzeni nella sua affascinante saga non lasciò «altre tracce che i nuraghe, le navi di bronzo di Urel di Mu e i piccoli uomini cornuti, guardiani dell'isola che molti fecero imitando Mir. Nessuno sapeva leggere e scrivere.
    Passavamo sulla terra leggeri come l'acqua».

    LE TRADIZIONI ORALI VANNO ASCOLTATE
    L’opinione del giornalista Sergio Frau

    Scavando dentro leggende senza tempo, anche tra i vecchi di Pauli Arbarei che rievocano storie di giganti e popoli marinai, torna l'eco sotterranea di un grande onda che dal mare cancellò una civiltà.
    Per primo lei, in «Le Colonne d'Erede, un'inchiesta» ha ipotizzato scenari diversi per la storia della Sardegna, quella che lei stesso ha nel Mediterraneo. Cosa ne pensa di questo reperto di tradizioni popolari?
    Non vorrei prendermi meriti altrui... Di Platone soprattutto: è stato lui a parlarne per primo. In quel mio libro io, infatti, ho semplicemente verbalizzato le sue parole, quelle di Omero e quel che la Memoria degli Antichi d'Oriente — in Grecia, in Egitto — aveva conservato a proposito di una strabiliante e ricchissima Isola d'Occidente, al di là delle prime" Colonne d'Erede, nel l'Oceano di Omero: qui da noi, quindi! Le stesse storie dicono che poi, però, intorno al XII secolo a.C. quell'isola fu colpita da terribili cataclismi marini che la ferirono a morte. I taccuini di scavo di Giovanni Lilliu (in cui racconta di quando tolse 30 metri di fango dalla sua Barumini) e un'occhiata
    ai tanti nuraghi sotto il fango in pianura, mi hanno convinto che le tradizioni orali vanno ascoltate e verificate con rispetto e attenzione. Del resto, ormai, l'antropologia di alto livello lo fa ovunque...»
    — Cosa fare per trovare ulteriori indizi che possano dare un supporto scientifico a questi racconti?
    «Non c'è nulla di meglio che incrociare il rigore nella ricerca delle fonti testimoniali con campagne di analisi geologiche ben fatte. A volte, poi, basta soltanto metter da parte pre-giudizi e ragionare con mente serena...».
    — Nel sottosuolo dell'isola c'è ancora molto da scoprire. Tanto da dover riscrivere la storia del nostro popolo?
    «A mio avviso la prima storia della Sardegna è già stata scritta: è quella che ci raccontano Omero, Ramses III, con gli Shardana sulle mura di Medinet Habu. Giustamente Lilliu si è raccomandato di non scavare più tanto! Sono ormai troppe le meraviglie rinchiuse da anni nelle casse. Riordiniamo prima quelle! E, piuttosto, cerchiamo di capirlo cos'è successo davvero al nostro territorio: come mai Losa e migliaia di altri nuraghi sembrano fatti ieri? E come mai nelle piane troviamo a centinaia altri nuraghi sepolti dal fango? Finito il libro l'ho fatto avere a Mario Tozzi, geologo del Cnr che stimavo ma ancora non conoscevo: è stato proprio lui a confermare molti dei sospetti
    che ormai avevo. E ora — nel nuovo catalogo della mostra Atlantikà: Sardegna, Isola Mito — ci sono decine e decine di foto, fatte da Francesco Cubeddu con il suo paramotore: stringono il cuore tutti quei nuraghi del Sinis e del Campidano, sepolti come giganti abbattuti. Chiunque potrà giudicare e ragionarci su: solo se ha voglia di ragionare, ovviamente...». (w.p.)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Sempre liberista e federalista
    Data Registrazione
    20 Jun 2006
    Località
    Piacenza, Norditalia
    Messaggi
    968
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Veramente molto molto interessante! Se uscirà anche nelle librerie del Nord comprerò sicuramente "il popolo dei giganti"!

    Tra l'altro è solo l'ultimo, ennesimo indizio che ci parla di civiltà "strane" e "diverse" vissute ben prima di quando la storiografia moderna intende dar inizio alla civilità "moderna" (ovvero Egitto, Mesopotamia, etc..).

    Aggiungo che il riferimento di molte leggende di vari popoli ai Giganti è come quello ad Atlantide e al Diluvio: sono presenti tutti e tre presso quasi tutte le tradizioni popolari, sia orali che scritte, per non parlare poi del clamoroso verso della Bibbia:
    Citazione Originariamente Scritto da Genesi 6,1
    C'erano sulla terra i giganti a quei tempi - e anche dopo - quando i figli di Dio si univano alle figlie degli uomini e queste partorivano loro dei figli: sono questi gli eroi dell'antichità, uomini famosi.
    Aggiungo anche un consiglio: provare a leggersi così, per curiosità, "La Bibbia degli dei" di Zecharia Sitchin, uno storico ebreo che ha spulciato i testi sacri del Medio Oriente trovando straordinari riferimenti a questo popolo frutto di relazioni "proibite" tra divinità e uomini.

  3. #3
    Meda sabios paris
    Data Registrazione
    02 Dec 2004
    Località
    Atlantide
    Messaggi
    5,064
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Informazioni sul libro di Muscas:

    http://www.luigimuscas.com/libro%20e%20info%20libro.htm

    E su "Le Colonne d'Ercole" di Sergio Frau:

    http://www.colonnedercole.it/navi.htm

 

 

Discussioni Simili

  1. L'attacco dei Giganti
    Di Cattivo nel forum Hdemia
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-07-13, 20:39
  2. Ani e cetrioli giganti
    Di Marximiliano nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 26-03-13, 14:52
  3. Il Pozzo Dei Giganti
    Di LUCIO (POL) nel forum Repubblicani
    Risposte: 98
    Ultimo Messaggio: 26-10-08, 09:28
  4. giganti
    Di Anunnaky nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 06-04-08, 23:02
  5. Giganti ?
    Di agaragar nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02-09-05, 21:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226