User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 15

Discussione: La città marxista

  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    15 Sep 2007
    Messaggi
    779
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La città marxista

    Giro per le città pre-marxiste della mia regione, la Toscana.

    Nel centro di Siena attraverso la città medioevale con le sue meraviglie, scopro una trama splendida, ricca di immagini, di visioni che si aprono all’improvviso. È un’esperienza straordinaria.

    Entro in Firenze, nella città del Rinascimento, dalla piazza della Signoria arrivo ai lungarni e resto colpito dalla magnificenza e dallo splendore di spazi e di edifici ineguagliabili.

    Mi reco nel centro di Pisa e di Volterra, di Pistoia e di Serravalle, vado in altre città della toscana e dovunque la parte più antica mi appare eccezionale. Mi spingo un po’ all’esterno della parte più antica, percorro parti costruite nei secoli successivi, fino a ritrovarmi nelle città dell’ ‘800 e continuo a stupirmi per le proporzioni e l’armonia da esse espresse. A Firenze trovo grandi viali alberati, salgo per il viale Michelangiolo e arrivo al piazzale, tutti spazi strepitosi. Mi sposto in altre città, a Pisa e a Montecatini, a Lucca e a Viareggio, e anche qui la città dell’Ottocento è elegante e ben strutturata, con ampi viali, grandi parchi, affascinanti viste prospettiche. Ad Arezzo, che è la mia città, c’è la piazza ottocentesca con le quattro strade che segna con chiarezza ed efficacia la nuova struttura urbana in funzione della sopraggiunta ferrovia.

    Ai margini delle sistemazioni ottocentesche, entrando nella parte costruita nei primi decenni del Novecento, trovo ancora una città di qualità. A Firenze, la piazza della Stazione mi appare uno spazio perfetto. Continuando a girare per la toscana, gli interventi degli anni ’30 di Livorno, o il viale tra il centro e la stazione di Prato, il viale lungomare della Versilia, i “giardinetti” di Arezzo che avvolgono il centro storico, pur danneggiati da interventi di anni recenti, si presentano ancora come pregevoli pezzi di città, strutture urbane equilibrate ed armoniose.

    Ugualmente, se esco dalla Toscana e mi reco in altri luoghi, da Bergamo a Torino, dall’EUR a Latina, dovunque mi compaiono eccellenti parti urbane realizzate nei primi quarant’anni del secolo scorso, siano esse caratterizzate dall’architettura liberty, o da quella umbertina, dallo stile novecento o da quello littorio.

    Adesso, mi spingo ancora un po’ verso l’esterno ed arrivo nella città costruita dopo il 1945. Mi accorgo subito di essere entrato bruscamente in un luogo diverso, in una città alternativa rispetto a quella percorsa fino ad allora, una città desolata, composta da successioni di casermoni uniformi e squallidi.

    Sono entrato nella città marxista.

    Per spiegare questa aggettivazione occorre ragguagliare il lettore che negli anni ’20, Stalin incaricò un gruppo di architetti guidato da Ernst May, di teorizzare la città proletaria derivante dai principi del collettivismo e contrapposta a quella borghese. La teoria si materializzò in un modello di città composta da grossi contenitori dove assemblare la popolazione in spazi strettamente essenziali. Blocchi geometrici a stecche ripetute per rappresentare l’egualitarismo, con le forme irrigidite della prefabbricazione pesante secondo il mito dell’economia di scala, prive di negozi individuali per il rigetto del sistema di mercato, senza alcuna concessione all’estetica considerata pregiudizio borghese, senza elementi di identificazione secondo l’ideologia del collettivismo.

    Questi principi furono rigorosamente applicati nei nuovi quartieri dell’Unione Sovietica e dei paesi satelliti.

    Ad applicare questi principi in Italia ha provveduto una lobby di urbanisti che, omologatasi al PCI nel primo dopoguerra quando spirava forte il vento dell’ideologia marxista, nell’insipienza delle altre parti politiche, ha preso il potere nelle università, nelle istituzioni culturali, nell’editoria, nei rapporti con lo Stato e con gli altri Enti, e da allora ha dominato in modo totalizzante nella teoria e ha avuto il monopolio nella prassi a tutti i livelli, nazionale, regionale e comunale.

    Così, attraverso i Piani Regolatori e le relative Norme di Attuazione comunali, totalmente gestiti dall’urbanistica dominante, sono stati imposti in Italia i principi del collettivismo, con qualche digressione e attenuazione dovute alle resistenze della realtà economica e sociale, determinando comunque gli squallidi e desolanti risultati delle parti urbane costruite dopo il 1945.

    Il modello marxista è stato invece rigorosamente applicato nei “Villaggi Popolari”, dove gli urbanisti della sinistra hanno potuto gestire, senza inframmettenze, l’intero processo costruttivo, dalla struttura urbanistica al progetto edilizio, determinando i risultati più infami, che ben conosciamo. Di essi, valga per tutti richiamare lo ZEN di Palermo, progettato da uno dei loro più famosi campioni.

    Pier Lodovico Rupi è ingegnere, architetto, già incaricato di un corso integrativo di Urbanistica Univ. Arch. di Firenze

    http://www.brunoleoni.it/nextpage.aspx?codice=6330

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,298
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    parole sante,anche nella mia città ci sono i quartieri di case popolari,talmente brutti che andrebbero denunciati coloro che li hanno approvati e costruiti per vandalismo

  3. #3
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,867
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    andrebbero aboliti tutti i progetti di edilizia pubblica, anche i piani regolatori andrebbero seriamente revisionati.

  4. #4
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    24,298
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    piucchealtro sarei tanto curioso di sapere cosa insegnano nelle nostre facoltà di architettura.....

  5. #5
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Guardate la bellezza, delle costruzioni berlusconiane

    http://img119.imageshack.us/img119/5...atemi22oy5.jpg

    http://img258.imageshack.us/img258/9...ratemi2nd7.jpg

    Marxismo VS Liberalismo

  6. #6
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da -Duca- Visualizza Messaggio
    andrebbero aboliti tutti i progetti di edilizia pubblica, anche i piani regolatori andrebbero seriamente revisionati.
    Huston, nel Texas, non ha piano regolatore...ci pensano i privati a costruire come gli pare. Di solito sempre meglio di quando costriscono secondo le stupide regole statali.

  7. #7
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Huston, nel Texas, non ha piano regolatore...ci pensano i privati a costruire come gli pare. Di solito sempre meglio di quando costriscono secondo le stupide regole statali.
    Vero, ma non mi pare che la soluzione sia abolire totalmente i piani regolatori(semmai andrebbero riformati in chiave liberale), per lasciare tutto in mano alla speculazione- L'italia non ha gli spazi dell'america o del canada e ha un patrimonio artistico da tutelare. Non guardiamo solo alla teoria di rothbard, guardiamo anche alla ocntingenza storica.

  8. #8
    Anarcocapitalista
    Data Registrazione
    02 Feb 2007
    Località
    Li dove ho inalzato mura solide a difesa dell'agressore Socialista. Li dove la strada ha il mio nome. Li dove ho costruito una torre bene armata in difesa della Libertà. Li dove sono Sovrano e i messi dello Stato non sono i benvenuti.
    Messaggi
    11,362
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rochefoucauld Visualizza Messaggio
    Vero, ma non mi pare che la soluzione sia abolire totalmente i piani regolatori(semmai andrebbero riformati in chiave liberale), per lasciare tutto in mano alla speculazione- L'italia non ha gli spazi dell'america o del canada e ha un patrimonio artistico da tutelare. Non guardiamo solo alla teoria di rothbard, guardiamo anche alla ocntingenza storica.
    Ma smettila.

  9. #9
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JohnPollock Visualizza Messaggio
    Ma smettila.
    Stai calmino eh

  10. #10
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,867
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rochefoucauld Visualizza Messaggio
    Vero, ma non mi pare che la soluzione sia abolire totalmente i piani regolatori(semmai andrebbero riformati in chiave liberale), per lasciare tutto in mano alla speculazione- L'italia non ha gli spazi dell'america o del canada e ha un patrimonio artistico da tutelare. Non guardiamo solo alla teoria di rothbard, guardiamo anche alla ocntingenza storica.
    possiamo sempre vendere il colosseo a pollock

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07-06-09, 13:58
  2. La città marxista
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 19-01-09, 00:55
  3. La città marxista
    Di westminster nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 93
    Ultimo Messaggio: 28-02-08, 02:08
  4. Risposte: 234
    Ultimo Messaggio: 20-02-08, 15:33
  5. Città sante, città occupate, città liberate
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 03-10-02, 03:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226