User Tag List

Pagina 1 di 27 1211 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 270

Discussione: Cattolici al voto

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    24 Aug 2009
    Messaggi
    5,382
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Cattolici al voto

    Cari amici forumisti,
    come ben sapete il nostro forum già da tempo ha evitato argomenti di tipo politico, non per disinteresse verso la cosa pubblica, ma per evitare che anche su un forum cattolico ci si ritrovasse a fare quanto abbondandemente, e purtroppo spesso in maniera negativa, si fa sui fora adibiti ad argomenti di tipo politico.
    Tuttavia crediamo che in vista delle elezioni politiche del 13-14 aprile sia importante discutere tra cattolici, in maniera serena e civile, sulle scelte da fare per il bene del Paese.
    Con questo post allora si intende aperto il thread "Cattolici al voto" che sarà l'unico luogo in cui tutti i forumisti potranno discutere sul tema delle elezioni.

    In questa discussione potranno essere postati:

    - articoli o documenti di notevole interesse con link obbligatorio;
    - presentazione di candidati e di programmi;
    - personali dichiarazioni di voto.

    Non sarà assolutamente possibile postare:

    - propaganda elettorale;
    - attacchi a partiti o candidati;
    - dichiarazioni di non voto.

    Nel thread sarà importante rispettare le elementari regole di "netiquette", e creare un clima di sereno dialogo e confronto. Le elezioni non sono una crociata nè una guerra santa ma sono un momento di crescita civile del Paese e di forte contributo dei cattolici alla società italiana.
    Ogni intervento che violi le suddette regole o che sia palesemente contrario agli intenti di questo thread verrà prontamente rimosso, inoltre non saranno permesse nel forum altre discussioni di carattere politico.
    Nella speranza che tutti i forumisti colgano questo thread come una preziosa opportunità di crescita, auguro una buona discussione e invito quanti avessero suggerimenti o obiezioni a contattarmi privatamente.

    Lepanto, moderatore


    P.S.
    La discussione rimarrà in rilevo fino alla settimana successiva al risultato delle elezioni politiche per consentire una elaborazione e una riflessione sui dati elettorali.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dubitare Discutere Cooperare
    Data Registrazione
    05 Jul 2006
    Località
    10, 100, 1000 Genchi!!!
    Messaggi
    3,442
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vedo anch'io le prossime elezioni come cruciali per i cristiani, ma in modo molto differente.

    Non credo che a seconda di chi vincera' le elezioni ci saranno differenze importanti sui temi etici, anche se molti attori politici stanno cercando di farci credere questo. Basta pero' riflettere un attimo per rendersi conto delle seguenti cose:

    - MATRIMONI GAY: i DiCo che la SX non e' riuscita a fare erano davvero cosa minima rispetto ad un "matrimonio gay", che nessuno in Italia vuole veramente istituire: la proposta piu' recente della Bindi prevedeva di fatto dei diritti molto piccoli, quali il diritto ad assistere il partner ricoverato in ospedale come se si fosse parenti. La destra chiaramente e' contraria comunque a qualsiasi concessione ai conviventi, ma i DiCo erano tutto fuorche' rivoluzionari

    - FECONDAZIONE ARTIFICIALE: la legge difesa a spada tratta dalla destra non la vieta, ma aggiunge solo qualche "bastone fra le ruote": 3 embrioni invece di qualcuno in piu', fecondazione eterologa no ma omologa si (devo ancora capire perche' una va bene ma l'altra no); palliativi minimi, rispetto all'ipotesi di vietare invece tutto

    - ABORTO: non vedo alcuna volonta' dalla stragrande maggioranza del mondo politico di vietarlo; UDC e teodem del PD forse lo farebbero ma sono davvero pochi, e anche in quel caso io credo che messi di fronte alla vera possibilita' di farlo alcuni di loro stessi si tirerebbero indietro

    - EUTANASIA: forse questo e' l'unico argomento etico su cui i 2 schieramenti sono invece piu' sicuri di se', la sinistra la legalizzerebbe volentieri (anche se con forti restrizioni e regolamentazioni), la destra lascerebbe tutto come ora cioe' non affronterebbe la scrittura di alcuna legge a riguardo

    In conclusione, credo che le differenze vere non siano affatto rilevanti. Tuttavia la destra sta tentando di indossare l'abito dei grandi difensori della religione (pur avendo fatto una legge sulla fecondazione artificiale che e' tutto fuorche' proibizionista) mentre la sinistra sta tentando di indossare l'abito dei grandi riformatori laici (pur avendo proposto dei DiCo che sono minimi, quasi irrilevanti).

    Questo secondo me e' il punto critico della situazione: stanno trasformando anche la nostra religione in uno scontro tra tifoserie, cosi' come hanno gia' trasformato in 15 anni il resto della politica. Se c'e' una cosa che fino ancora a 2-3 anni fa costituiva un punto di COMUNIONE tra persone diverse, ciascuna con le sue idee economiche politiche ecc., era la nostra religione. Vogliono toglierci anche l'ultima possibilita' di restare ancora un popolo unito.

    Io spero che non ce la facciano, spero che l'Italia torni ad essere un paese normale, ma piu' passa il tempo e piu' persone si schierano in modo squadrista da una parte o dall'altra (la settimana scorsa e' stato il turno dell'Avvenire), scavando sempre piu' il solco nella societa' civile.

    Addirittura nel procedimento e' stato completamente distorto il significato della parola laico, che gli uni usano con disprezzo come sinonimo di "ateo" o "infedele" e gli altri con superbia anticlericale (anch'io un po' lo confesso...), mentre siamo TUTTI laici qui dentro tranne i 2 forumisti preti di cui non ricordo il nome. La chiesa, intesa come insieme dei fedeli, e' costituita oltre il 90% da laici, perche' laico significa semplicemente "non appartenente al clero". Anche le parole ci tolgono, pur di coinvolgerci in una guerra di bottoni che serve solo ai politici per vincere piu' cadreghe

  3. #3
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    pur non condividendo in genere le idee di Ferrara e pur non votando da anni, farò forse questa volta una duplice e doverosa eccezione, utile, magari, a salvare qualche vita...



    Lista per la moratoria con Giuliano Ferrara
    23 Febbraio 2008
    Il programma serio della lista pazza

    Roma. I nostri candidati si impegnano a:

    1. Promuovere legislativamente il dovere di seppellire tutti i bambini abortiti nel territorio nazionale, in qualunque fase della gestazione e per qualunque motivo. Le spese sono a carico del pubblico erario.
    2. Vietare per decreto legge l’introduzione in Italia della pillola abortiva Ru486 e simili veleni capaci di reintrodurre la convenzione dell’aborto solitario e clandestino contro lo spirito e la lettera della legge 194 di tutela sociale della maternità.
    3. Stabilire per via di legge che accoglienza, rianimazione e cura dei neonati sono un compito deontologico dei medici a prescindere da qualunque autorizzazione di terzi.
    4. Emendare l’articolo 3 della Costituzione, comma 1. Dove  scritto “tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge” aggiungere una virgola e la frase “dal concepimento fino alla morte naturale”.
    5. Impegnare il governo della Repubblica a costruire un’alleanza capace di emendare la Dichiarazione universale dei diritti dell’Uomo delle Nazioni Unite all’articolo 3. Dove  scritto “ogni individuo ha diritto alla vita” aggiungere una virgola e la frase “dal concepimento fino alla morte naturale”.
    6. Difendere la legge 40 sulla fecondazione medicalmente assistita, escludendo per via di legge e linee guida interpretative ogni possibilità, adombrata in recenti sentenze giudiziarie, di introdurre la pratica eugenetica della selezione per annientamento dell’embrione umano al posto della cura e della relativa diagnostica terapeutica. Introdurre nei primi cento giorni una moratoria per la ricerca sulle cellule staminali embrionali, sulla falsariga di quella europea abbandonata dal governo Prodi, e rafforzare la ricerca sulle staminali adulte o etiche.
    7. Fondare in ogni regione italiana una Agenzia per le adozioni il cui compito specifico sia quello di favorire l’adozione, con procedura riservata e urgente, di quei bambini che possono essere sottratti a una decisione abortiva di qualunque tipo.
    8. Adottare le modalità del “Progetto Gemma”(*) sul sostegno materiale alle gestanti in difficoltˆ e alle giovani madri di ogni nazionalità e status giuridico per la prima accoglienza e educazione dei bambini, con l’erogazione di consistenti somme per i primi trentasei mesi di vita dei figli.
    9. Applicare la parte preventiva e di tutela della maternità della legge 194. Potenziare in termini di risorse disponibili e di formazione del personale pubblico, valorizzando il volontariato pro vita, la rete insufficiente dei consultori e dei Centri di aiuto alla vita in ogni regione e provincia italiana.
    10. Triplicare i fondi per la ricerca sulle disabilità e istituire una Agenzia di tutela e integrazione del disabile in ogni regione italiana.
    11. Sostenere con sovvenzioni pubbliche adeguate l’attività dell’associazione di promozione sociale denominata Movimento per la vita.
    12. Le risorse per il programma elettorale sono da fissare nella misura di mezzo punto calcolato sul prodotto interno lordo e verranno rese disponibili attraverso lo stanziamento di 7 miliardi di euro attualmente giacenti presso i conti correnti dormienti in via di smobilitazione e altri cespiti di entrata.

  4. #4
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    (*)

    http://www.caritas.it/Documents/10/1789.html

    Progetto Gemma

    Il Progetto Gemma permette di offrire ad una mamma il sostegno economico che le consenta di portare a termine con serenità il periodo di gestazione e la aiuti nel primo anno di vita del bambino.
    Il Progetto Gemma è nato per mettere in collegamento le mamme più bisognose con tutti coloro che desiderano aiutarle: chi aderisce al Progetto praticamente "adotta" una mamma e il suo bambino per 18 mesi (gli ultimi 6 mesi di gravidanza e i primi 12 mesi di vita del bambino) versando al Centro di Aiuto alla Vita che fa da intermediario per la mamma, un contributo minimo mensile di 160,00 euro.
    L'impegno economico è rilevante, in parte può corrispondere all'equivalente per la spesa delle bomboniere-ricordo e richiedere un di più di apertura e di generosità.

    Una volta che la quota è a disposizione, occorre riferirsi direttamente a:
    Vita Nova - Centro Adozione Prenatale
    Via Tonezza, 3 - 20147 Milano
    Tel. 02/48702890 - Fax 02/48705429;
    E-mail: [email protected];

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    23 Feb 2010
    Messaggi
    484
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Due cose:

    Antonio Socci ha invitato con una lettera aperta Ferrara a ritirare la sua lista dicendogli che "ha già vinto". A me, però, sfugge il senso del suo discorso. Limite mio. Se qualcuno può aiutarmi a capire.
    http://www.antoniosocci.it/Socci/ind...ta=view&id=592

    Andrea Sarubbi ("A sua immagine") ha accettato l'invito di Veltroni a candidarsi nelle liste del PD.
    http://notizie.alice.it/notizie/poli...l?pmk=nothppol
    Sarubbi ha detto che la contrapposizione laici-cattolici è una favola, mentre le cose che contano sono le condizioni di vita (terrena) della gente. Siccome laico sono pur io, che sono cattolico, traduco il pensiero di Sarubbi: la contrapposizione atei-credenti è un cartone animato.
    Non commento, per non violare la netiquette.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2007
    Messaggi
    436
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La centralita' della Dottrina Sociale della Chiesa

    I cattolici hanno uno strumento mirabile per orientare il proprio voto:
    la Dottrina Sociale della Chiesa.

    La Dottrina Sociale della Chiesa e' infatti il distillato dell'insegnamento di morale sociale proposto dal Magistero e fa ampio riferimento alla legge naturale iscritta nel cuore dell'uomo, rivolgendosi pertanto a chiunque, indipentemente dalla propria fede.

    Va ricordato che la Democrazia Cristiana rigetto' fin dalle sue origini il riferimento alla Dottrina Sociale della Chiesa, preferendo far assurgere il valore "democrazia" a cardine centrale del proprio orientamento, invece che considerarla per quello che e', cioe' una procedura decisionale tra le altre.

    Cio' comporto' l'allontanamento e la marginalizzazione di valori sociali cattolici importanti, quali la primarieta' della societa' sullo Stato, la sussidiarieta', i corpi intermedi, la distribuzione universale delle ricchezze, la critica al capitalismo, la necessita' di limitare la proprieta' privata entro i limiti del bene comune e nel comtempo la chiusura aprioristica verso tutti i contributi positivi del fascismo e l'apertura verso il comunismo.

    La DC monopolizzo' la rappresentanza cattolica e nello stesso tempo alieno' da se i veri valori cattolici, contribuendo a farli deperire nella societa': una sorta di apostasia, che pero' gli fu fatale in quanto ne causo' la morte per perdita di di identita'.

    In vista delle imminenti elezioni suggerirei pertanto a quanti hanno ancora a cuore i valori universali della Dottrina Sociale della Chiesa di diffidare decisamente di tutti coloro che si richiamano alla Democrazia Cristiana o ad ideologie nefaste quali il socialismo o il comunismo e di guardare invece la dove' la famiglia, i corpi intermedi, i principi di bene comune, solidarieta' e sussidiarieta' sono messi al centro.

    In passato furono due cattolici inglesi, Chesterton e Belloc, a proporre un movimento, chiamato Distributismo, che non aveva paura di fare della Dottrina Sociale della Chiesa il proprio punto di riferimento essenziale.

    60 anni di egemoonia della Democrazia Cristiana hanno fatto si' che ora nulla del genere esista nel panorama politico italiano, ma guardando bene qualcosa di simile si puo' trovare.

  7. #7
    Becero Reazionario
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Königreich beider Sizilien
    Messaggi
    18,031
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sab Bernardino Visualizza Messaggio
    I cattolici hanno uno strumento mirabile per orientare il proprio voto:
    la Dottrina Sociale della Chiesa.

    La Dottrina Sociale della Chiesa e' infatti il distillato dell'insegnamento di morale sociale proposto dal Magistero e fa ampio riferimento alla legge naturale iscritta nel cuore dell'uomo, rivolgendosi pertanto a chiunque, indipentemente dalla propria fede.

    Va ricordato che la Democrazia Cristiana rigetto' fin dalle sue origini il riferimento alla Dottrina Sociale della Chiesa, preferendo far assurgere il valore "democrazia" a cardine centrale del proprio orientamento, invece che considerarla per quello che e', cioe' una procedura decisionale tra le altre.

    Cio' comporto' l'allontanamento e la marginalizzazione di valori sociali cattolici importanti, quali la primarieta' della societa' sullo Stato, la sussidiarieta', i corpi intermedi, la distribuzione universale delle ricchezze, la critica al capitalismo, la necessita' di limitare la proprieta' privata entro i limiti del bene comune e nel comtempo la chiusura aprioristica verso tutti i contributi positivi del fascismo e l'apertura verso il comunismo.

    La DC monopolizzo' la rappresentanza cattolica e nello stesso tempo alieno' da se i veri valori cattolici, contribuendo a farli deperire nella societa': una sorta di apostasia, che pero' gli fu fatale in quanto ne causo' la morte per perdita di di identita'.

    In vista delle imminenti elezioni suggerirei pertanto a quanti hanno ancora a cuore i valori universali della Dottrina Sociale della Chiesa di diffidare decisamente di tutti coloro che si richiamano alla Democrazia Cristiana o ad ideologie nefaste quali il socialismo o il comunismo e di guardare invece la dove' la famiglia, i corpi intermedi, i principi di bene comune, solidarieta' e sussidiarieta' sono messi al centro.

    In passato furono due cattolici inglesi, Chesterton e Belloc, a proporre un movimento, chiamato Distributismo, che non aveva paura di fare della Dottrina Sociale della Chiesa il proprio punto di riferimento essenziale.

    60 anni di egemoonia della Democrazia Cristiana hanno fatto si' che ora nulla del genere esista nel panorama politico italiano, ma guardando bene qualcosa di simile si puo' trovare.
    quoto
    (però poi ci dici tu chi (se) voti)

  8. #8
    Forumista
    Data Registrazione
    26 Jan 2008
    Messaggi
    332
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    I conti della serva

    di Gianpaolo Barra,
    da "Il Timone" (04/2006)


    E se noi cattolici, per scegliere chi votare il 9 aprile, ci facessimo semplicemente "due conti della serva"? Niente calcoli complessi, fumosità concettuali o elucubrazioni mentali: rivolgiamoci al semplice buon senso, che se non manca alla serva proverbiale, non manca nemmeno a noi. In realtà, che cosa ci conviene di più? Diciamolo onestamente, noi non siamo "super partes": tra centro-destra e centro-sinistra, preferiamo lo schieramento i cui programmi più s'avvicinano alle indicazioni della Chiesa. La quale, come dice il cardinale Ruini, non dà indicazioni di voto, ma offre criteri di giudizio, perché possiamo scegliere con coerenza. Detto questo, facciamo, allora, un paio di conti. Per la Chiesa, la difesa della vita, fin dal concepimento, è criterio di giudizio prioritario. I cattolici non devono votare partiti favorevoli all'aborto e all'eutanasia. Fin qui tutto chiaro. E il mio "conto della serva" si domanda: sulla vita, chi non la pensa come la Chiesa? Risposta: i radicali e i
    socialisti della Rosa nel Pugno, i Rifondatori comunisti di Bertinotti, i Comunisti italiani di Diliberto, i Verdi di Pecoraro Scanio, l'Italia dei Valori di Di Pietro, i Diessini di Fassino. E constata: questo è il grosso dello schieramento di centro-sinistra. Invece, concordano con la Chiesa, salvo eccezioni marginali, parte della Margherita e l'Udeur di Mastella (centrosinistra) e lo schieramento di centro-destra (Forza Italia, Alleanza Nazionale, Lega Nord, Udc, Democrazia Cristiana). Prego, signori, vogliate registrare!

    Avanti. Per la Chiesa, criterio decisivo di giudizio per scegliere chi votare è la famiglia, quella composta da uomo e donna uniti in matrimonio. Dunque, chi promuove Pacs e unioni omosessuali non merita il voto dei cattolici. E il mio "conto della serva" si domanda: chi avversa quel che dice la Chiesa? Guarda caso, gli stessi di prima: Rosa nel Pugno, Comunisti rifondatori e italiani, Verdi, il partito di Di Pietro e Diessini, dunque - ancora - il grosso del centro-sinistra. Convengono, invece, con la Chiesa, salvo eccezioni marginali, parte della Margherita e l'Udeur (centro-sinistra) e Forza Italia, Alleanza Nazionale, Lega Nord, Udc e Democrazia Cristiana (centro-destra). Mettiamo in conto anche questo, per favore.

    Procediamo. Grazie al Concordato, lo Stato paga gli insegnanti di religione. In più, meritoriamente, il governo di centro-destra li ha immessi in ruolo, equiparandoli ai loro colleghi. Perché negarlo: è una novità importante, della quale sono contento. Bene, il mio "conto della serva" annota: chi si è lamentato di questa decisione favorevole a noi cattolici (e non solo), chi vuole dare un colpo all'opera educativa della Chiesa in Italia? Guarda caso, sempre loro: radicali e socialisti della Rosa nel Pugno, Comunisti di Bertinotti e di Diliberto, Verdi, "Dipietrini" e buona parte dei Diessini, tutti nello schieramento di centro-sinistra. Non così lo schieramento di centro-destra.

    Lo so, a qualcuno, specie se cattolico della specie "adulta", tutto questo spiacerà, ma a me, che son come la serva, interessa sapere come stanno le cose. E prenderne nota! Qui mi fermo. Lo spazio è poco, la lista è lunga, i lettori la completeranno. I "conti della serva" sono arrivati alla riga e urge una decisione.

    Ai miei "due conti della serva" non sfugge un fatto: ogni qualvolta - sì: ogni qualvolta! - si prospettano misure conformi alle indicazioni della Chiesa (su vita, famiglia, eutanasia, educazione, 8 per mille, Concordato, fecondazione assistita, ingegneria genetica, insegnamento della religione, sostegno alle scuole private, etc.), sempre - dico sempre! - la contestazione, l'avversione, gli ostacoli, le prese di distanza, le grida d'allarme e perfino l'astio emergono nelle forze del centro-sinistra. Non di tutte, ma della gran parte.

    Che cosa fa una serva che non vuole farsi male? Vota per questa gente? Guardate che le mancherà la laurea, non il buon senso. Sarà ignorante, non sciocca. Non avrà diploma, ma ha il cervello. E capisce cosa le conviene: che vinca il centro-destra. Bene, io, da cattolico, la penso come lei.

    http://www.acquaviva2000.com/POLITIC...la%20serva.htm

  9. #9
    Amore vince la morte
    Data Registrazione
    22 Sep 2006
    Località
    In prossimità, desidero, del Santo dei santi
    Messaggi
    6,292
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Lotari Visualizza Messaggio
    Due cose:

    Antonio Socci ha invitato con una lettera aperta Ferrara a ritirare la sua lista dicendogli che "ha già vinto". A me, però, sfugge il senso del suo discorso. Limite mio. Se qualcuno può aiutarmi a capire.
    http://www.antoniosocci.it/Socci/ind...ta=view&id=592

    Andrea Sarubbi ("A sua immagine") ha accettato l'invito di Veltroni a candidarsi nelle liste del PD.
    http://notizie.alice.it/notizie/poli...l?pmk=nothppol
    Sarubbi ha detto che la contrapposizione laici-cattolici è una favola, mentre le cose che contano sono le condizioni di vita (terrena) della gente. Siccome laico sono pur io, che sono cattolico, traduco il pensiero di Sarubbi: la contrapposizione atei-credenti è un cartone animato.
    Non commento, per non violare la netiquette.
    Lotari, non hai mai davvero mai incontrato un laico credente?

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    30 Nov 2007
    Messaggi
    436
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giacomina Visualizza Messaggio
    I conti della serva

    di Gianpaolo Barra,
    da "Il Timone" (04/2006)


    E se noi cattolici, per scegliere chi votare il 9 aprile, ci facessimo semplicemente "due conti della serva"? Niente calcoli complessi, fumosità concettuali o elucubrazioni mentali: rivolgiamoci al semplice buon senso, che se non manca alla serva proverbiale, non manca nemmeno a noi. In realtà, che cosa ci conviene di più? Diciamolo onestamente, noi non siamo "super partes": tra centro-destra e centro-sinistra, preferiamo lo schieramento i cui programmi più s'avvicinano alle indicazioni della Chiesa. La quale, come dice il cardinale Ruini, non dà indicazioni di voto, ma offre criteri di giudizio, perché possiamo scegliere con coerenza. Detto questo, facciamo, allora, un paio di conti. Per la Chiesa, la difesa della vita, fin dal concepimento, è criterio di giudizio prioritario. I cattolici non devono votare partiti favorevoli all'aborto e all'eutanasia. Fin qui tutto chiaro. E il mio "conto della serva" si domanda: sulla vita, chi non la pensa come la Chiesa? Risposta: i radicali e i
    socialisti della Rosa nel Pugno, i Rifondatori comunisti di Bertinotti, i Comunisti italiani di Diliberto, i Verdi di Pecoraro Scanio, l'Italia dei Valori di Di Pietro, i Diessini di Fassino. E constata: questo è il grosso dello schieramento di centro-sinistra. Invece, concordano con la Chiesa, salvo eccezioni marginali, parte della Margherita e l'Udeur di Mastella (centrosinistra) e lo schieramento di centro-destra (Forza Italia, Alleanza Nazionale, Lega Nord, Udc, Democrazia Cristiana). Prego, signori, vogliate registrare!

    Avanti. Per la Chiesa, criterio decisivo di giudizio per scegliere chi votare è la famiglia, quella composta da uomo e donna uniti in matrimonio. Dunque, chi promuove Pacs e unioni omosessuali non merita il voto dei cattolici. E il mio "conto della serva" si domanda: chi avversa quel che dice la Chiesa? Guarda caso, gli stessi di prima: Rosa nel Pugno, Comunisti rifondatori e italiani, Verdi, il partito di Di Pietro e Diessini, dunque - ancora - il grosso del centro-sinistra. Convengono, invece, con la Chiesa, salvo eccezioni marginali, parte della Margherita e l'Udeur (centro-sinistra) e Forza Italia, Alleanza Nazionale, Lega Nord, Udc e Democrazia Cristiana (centro-destra). Mettiamo in conto anche questo, per favore.

    Procediamo. Grazie al Concordato, lo Stato paga gli insegnanti di religione. In più, meritoriamente, il governo di centro-destra li ha immessi in ruolo, equiparandoli ai loro colleghi. Perché negarlo: è una novità importante, della quale sono contento. Bene, il mio "conto della serva" annota: chi si è lamentato di questa decisione favorevole a noi cattolici (e non solo), chi vuole dare un colpo all'opera educativa della Chiesa in Italia? Guarda caso, sempre loro: radicali e socialisti della Rosa nel Pugno, Comunisti di Bertinotti e di Diliberto, Verdi, "Dipietrini" e buona parte dei Diessini, tutti nello schieramento di centro-sinistra. Non così lo schieramento di centro-destra.

    Lo so, a qualcuno, specie se cattolico della specie "adulta", tutto questo spiacerà, ma a me, che son come la serva, interessa sapere come stanno le cose. E prenderne nota! Qui mi fermo. Lo spazio è poco, la lista è lunga, i lettori la completeranno. I "conti della serva" sono arrivati alla riga e urge una decisione.

    Ai miei "due conti della serva" non sfugge un fatto: ogni qualvolta - sì: ogni qualvolta! - si prospettano misure conformi alle indicazioni della Chiesa (su vita, famiglia, eutanasia, educazione, 8 per mille, Concordato, fecondazione assistita, ingegneria genetica, insegnamento della religione, sostegno alle scuole private, etc.), sempre - dico sempre! - la contestazione, l'avversione, gli ostacoli, le prese di distanza, le grida d'allarme e perfino l'astio emergono nelle forze del centro-sinistra. Non di tutte, ma della gran parte.

    Che cosa fa una serva che non vuole farsi male? Vota per questa gente? Guardate che le mancherà la laurea, non il buon senso. Sarà ignorante, non sciocca. Non avrà diploma, ma ha il cervello. E capisce cosa le conviene: che vinca il centro-destra. Bene, io, da cattolico, la penso come lei.

    http://www.acquaviva2000.com/POLITIC...la%20serva.htm

    Peccato che questo articolo e' datato 2006 e adesso gli schieramenti sono un po' cambiati. Il vecchio centro-destra e' infatti diviso in quattro: Casini con la Rosa Bianca, Fiore con Forza Nuova e il Mis di Rauti, La Destra di Santanche' e Storace, e il `PDL di Berlusconi e Fini.

 

 
Pagina 1 di 27 1211 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Sondaggio:il PD perde il Voto dei Cattolici
    Di Mantide nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 03-03-08, 14:03
  2. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 02-03-08, 19:30
  3. Filosofi cattolici per il non voto.
    Di Thomas Aquinas nel forum Cattolici
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-06-05, 21:26
  4. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 04-03-04, 19:11
  5. Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 28-03-03, 19:04

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226