User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Sull'immigrazione

  1. #1
    Vedo la mano invisibile
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Éire
    Messaggi
    29,867
    Mentioned
    140 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito Sull'immigrazione

    Credo che le restrizioni all’immigrazione siano un errore.
    Si dovrebbe prendere esempio dalla politica tendenzialmente priva di limitazioni attuata negli USA fino alla metà degli anni ’29, è stato un esempio di lotta alla povertà unico nella storia.
    Credo che una proposta del genere andrebbe accompagnata dalla modifica, o dall’abolizione delle leggi sul salario minimo in modo da non doverla applicare ai nuovi immigrati. Si potrebbe tendere in questo modo alla piena occupazione della nuova forza lavoro che si recherebbe nel nostro paese.
    Molti dei nuovi immigrati sarebbero ovviamente poveri, porterebbero con loro un livello di istruzione, nutrizione e salute che scioccherebbe i nostri assistenti sociali, per lo standard a cui siamo abituati, vivrebbero nonostante tutto in condizioni che per loro rappresenterebbero già un miglioramento, per questa ragione sono disposti a lasciare il loro paese d’origine.
    Un immigrazione senza restrizioni ci renderebbe tutti più ricchi.
    Una donna che lavora ci guadagnerebbe molto a prendere una colf indiana pagata 200 dollari all’anno in India e dargliene diciamo 2000 all’anno,inoltre se contemporaneamente questa donna grazie alla colf potrebbe anche lavorare contribuendo insieme al marito, il guadagno per le famiglie sarebbe ancora maggiore.
    A patto che gli immigrati paghino per ciò che usano non rendono il resto della società più povera.
    Certo, i nuovi immigrati farebbero scendere il salario per i lavori non specializzati, andando a colpire alcune delle classi attualmente più povere, ma nello stesso tempo, la presenza di molti stranieri renderebbe anche il più elementare livello di cultura, come ad esempio la capacità ad esprimersi in italiano una competenza commerciabile.
    Alcuni degli attuali lavoratori non specializzati potrebbero trovare impiego a capo di lavoratori stranieri o come rappresentanti di imprese composte da stranieri.
    Oltre gli effetti economici possiamo notare effetti psicologici positivi che avrebbero gli immigrati sulle classi attualmente più povere, che non sarebbero più le ultime della lista.
    Si darebbe in questo modo anche una spinta alla mobilità sociale.
    Una volta che i nuovi cittadini avranno preso familiarità con la lingua e la cultura della loro nazione adottiva si introdurranno all’interno della classe media come fecero i loro predecessori di alcuni decenni fa negli USA.
    La base della statua della libertà riporta questi versi:
    Venite a me, voi stanchi, voi poveri,
    voi miseri rifiuti delle vostre coste affollate,
    Mandate a me i senza tetto, trascinati dalla tempesta;
    Io sollevo la mia lampada accanto alla porta d’oro.

    Ad essere onesti bisognerebbe rispedire in Francia la Statua della Libertà, o rimpiazzare i vecchi versi con nuove righe:
    “America, questa riserva chiusa/Che gli sporchi stranieri non meritano”.
    Oppure si possono aprire di nuovo le frontiere.

    Benvenuto, benvenuto emigrante
    Nel mio paese, benvenuto a casa tua.


    Tratto da: David Fridman, L’ingranaggio della libertà, guida ad un capitalismo radicale. Liberilibri.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Consigliore Lib
    Data Registrazione
    20 May 2007
    Località
    Libera economia in libero stato!
    Messaggi
    3,336
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Di recente ho letto questo libro e il passo citato, per quanto suggestivo mi sembra pura utopia. In una società complessa ed eterogenea come la nostra, dove i mezzi di trasporto - grazie al capitalismo eh, mica alla socialdemocrazia - sono diventati economici anche per le grandi masse di disperati, abolire totalmente le frontiere sarebbe un atto da irresponsabili, le conseguenze devastanti sul tessuto sociale e connettivo di un dato territorio farebbero germogliare il razzismo, come i funghi dopo la pioggia in autunno. Si deve garantire, esclusivamente a chi è in grado di scambiare forza lavoro - salario, l'accesso ai territorio, combattendo con le forze di polizia la criminalità e la clandestinità. Un certo margine di disperati e apolidi si possono accogliere, ma entro rigide quote stabilite dai governi, non si può far entrare chiunque. I risultati sono purtroppo sotto gli occhi di tutti.

 

 

Discussioni Simili

  1. Sull'immigrazione
    Di Popolare nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 13-05-09, 12:34
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-05-09, 23:52
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11-05-09, 23:51
  4. Sull'immigrazione
    Di -Duca- nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 23:43
  5. Sull'immigrazione
    Di -Duca- nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 23:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226