User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito A Treviso il PNV inizia a una nuova stagione politica per l’indipendenza veneta

    A Treviso il PNV inizia a una nuova stagione politica per l’indipendenza veneta


    http://www.pnveneto.org/index.php/20...ndenza-veneta/


    Una nuova stagione politica sta per aprirsi e i primi segnali si vedranno a Treviso.


    Finalmente nell’agenda politica entra con forza l’obiettivo dell’indipendenza veneta.


    Un obiettivo che manda al governo i leader politici che per esso si battono, in tutte le aree produttive europee che come il Veneto sono sfruttate dagli stati centrali, che pure sono meno parassitari e alla bancarotta di quello italiano.


    Questa è la situazione politica che troviamo in Scozia, nei Paesi Baschi, nelle Fiandre, in Baviera, in Catalogna: dovunque ci siano istanze come quelle che caratterizzano il Veneto, a parte il Veneto.
    Crediamo sia giunto il momento dichiedersi perché.


    Il problema non è certo nei veneti. Anzi, i cittadini veneti si distinguono proprio per senso civico. siamo i primi nel volontariato, siamo i primi nella raccolta differenziata, siamo i primi per donazioni di sangue, siamo i primo per capacità di risparmio, siamo i primi per spirito di sacrificio e dedizione al lavoro, siamo i primi per sensibilità ambientale e cultura ecologica. I cittadini veneti non hanno nulla da invidiare in quanto a maturità politica rispetto ai cugini scozzesi, bavaresi, fiamminghi, baschi, catalani.

    Rispetto a loro ci manca una cosa: una classe politica consapevole dell’esigenza di una politica di difesa dell’interesse nazionale veneto. Sì, perché noi veneti siamo una Nazione. E il non averlo saputo capire e comunicare è la prima grave responsabilità dei nostri politici cosiddetti autonomisti.


    La nostra lunga tradizione contadina, che non abbiamo dimenticato, ci ricorda che un albero dalle radici profonde sa sopravvivere anche in tempi difficili. Perchè proprio quelle radici gli consentono di trovare cibo e acqua e lo tengono ancorato al terreno nelle tempeste.
    Il tiglio, sin dall’antichità albero sacro per i Veneti, rappresenta simbolicamente il popolo veneto. Tracce di insediamenti venetici, confermate da reperti archeologici, risalgono al X secolo avanti Cristo, ossia a 3000 anni fa. Noi popolo veneto abbiamo almeno 3000 anni di storia!
    La Serenissima è sorta nel IX secolo dopo Cristo e ha durato 1000 anni.
    Ora finalmente sta soffiando un vento nuovo che possiamo chiamare orgoglio veneto. L’orgoglio di appartenere al popolo veneto va crescendo e diffondendosi e sta facendo rifiorire quest’albero millenario. Sbocciano nuovi germogli.


    Le radici profonde che danno sostegno e alimento all’albero, sono la carta di identità del nostro popolo, la garanzia del nostro futuro. Quel solido futuro che possiamo costruire insieme, noi stessi, con le nostre mani.
    Il motivo per cui il PNV nel proprio simbolo sceglie l’unione del leone di San Marco e del tiglio è proprio per segnare una linea di continuità tra il presente e la consapevolezza di chi siamo, unica garanzia che ci per permetta di essere nuovamente protagonisti in Europa e nel mondo.
    Per portare avanti questa nuova politica abbiamo scelto di partire da Treviso. Perché Treviso rappresenta simbolicamente la cittadella del potere dove si sono asseragliati quei politici che ci rendono schiavi dello stato centrale, in cambio di qualche miserevole pagnotta e qualche seggiola occupata sempre dalle stesse persone.


    E a nulla gli serviranno slogan populisti, razzisti e xenofobi per crearsi una cortina di ferro inviolabile. La presenza di figure che a tali slogan inneggiano in tutte le varie liste autonomiste alleate di roma, come la lega nord, o deboli con roma, come il pne, e nei loro alleati nazionalisti italiani e anti-veneti non gli rende certo onore e allontana le persone per bene dalle loro formazioni ormai in disfatta.


    Il vento dell’indipendenza veneta abbatterrà anche loro, anzi loro per primi.

    Di più: i trevisani non sono certo né comunisti né favorevoli a governi di sinistra, per cui la scelta naturale per chi ha a cuore il futuro della propria città e della propria patria si chiama PNV, il Partito Nazionale Veneto, il partito a difesa degli interessi dei veneti e che chiederà mandato per indire il referendum per l’indipendenza politica dei veneti.


    Stop ala crixi: independensa!

    Questo è lo slogan che il PNV farà conoscere ai trevisani che cominciano a non sbarcare più il lunario. Questa è l’unica soluzione che ci resta prima che tutto sia perduto.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Rifondazione Leghista
    Data Registrazione
    25 Jun 2006
    Messaggi
    1,028
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da giane Visualizza Messaggio
    A Treviso il PNV inizia a una nuova stagione politica per l’indipendenza veneta


    http://www.pnveneto.org/index.php/20...ndenza-veneta/


    Una nuova stagione politica sta per aprirsi e i primi segnali si vedranno a Treviso.


    Finalmente nell’agenda politica entra con forza l’obiettivo dell’indipendenza veneta.


    Un obiettivo che manda al governo i leader politici che per esso si battono, in tutte le aree produttive europee che come il Veneto sono sfruttate dagli stati centrali, che pure sono meno parassitari e alla bancarotta di quello italiano.


    Questa è la situazione politica che troviamo in Scozia, nei Paesi Baschi, nelle Fiandre, in Baviera, in Catalogna: dovunque ci siano istanze come quelle che caratterizzano il Veneto, a parte il Veneto.
    Crediamo sia giunto il momento dichiedersi perché.


    Il problema non è certo nei veneti. Anzi, i cittadini veneti si distinguono proprio per senso civico. siamo i primi nel volontariato, siamo i primi nella raccolta differenziata, siamo i primi per donazioni di sangue, siamo i primo per capacità di risparmio, siamo i primi per spirito di sacrificio e dedizione al lavoro, siamo i primi per sensibilità ambientale e cultura ecologica. I cittadini veneti non hanno nulla da invidiare in quanto a maturità politica rispetto ai cugini scozzesi, bavaresi, fiamminghi, baschi, catalani.

    Rispetto a loro ci manca una cosa: una classe politica consapevole dell’esigenza di una politica di difesa dell’interesse nazionale veneto. Sì, perché noi veneti siamo una Nazione. E il non averlo saputo capire e comunicare è la prima grave responsabilità dei nostri politici cosiddetti autonomisti.


    La nostra lunga tradizione contadina, che non abbiamo dimenticato, ci ricorda che un albero dalle radici profonde sa sopravvivere anche in tempi difficili. Perchè proprio quelle radici gli consentono di trovare cibo e acqua e lo tengono ancorato al terreno nelle tempeste.
    Il tiglio, sin dall’antichità albero sacro per i Veneti, rappresenta simbolicamente il popolo veneto. Tracce di insediamenti venetici, confermate da reperti archeologici, risalgono al X secolo avanti Cristo, ossia a 3000 anni fa. Noi popolo veneto abbiamo almeno 3000 anni di storia!
    La Serenissima è sorta nel IX secolo dopo Cristo e ha durato 1000 anni.
    Ora finalmente sta soffiando un vento nuovo che possiamo chiamare orgoglio veneto. L’orgoglio di appartenere al popolo veneto va crescendo e diffondendosi e sta facendo rifiorire quest’albero millenario. Sbocciano nuovi germogli.


    Le radici profonde che danno sostegno e alimento all’albero, sono la carta di identità del nostro popolo, la garanzia del nostro futuro. Quel solido futuro che possiamo costruire insieme, noi stessi, con le nostre mani.
    Il motivo per cui il PNV nel proprio simbolo sceglie l’unione del leone di San Marco e del tiglio è proprio per segnare una linea di continuità tra il presente e la consapevolezza di chi siamo, unica garanzia che ci per permetta di essere nuovamente protagonisti in Europa e nel mondo.
    Per portare avanti questa nuova politica abbiamo scelto di partire da Treviso. Perché Treviso rappresenta simbolicamente la cittadella del potere dove si sono asseragliati quei politici che ci rendono schiavi dello stato centrale, in cambio di qualche miserevole pagnotta e qualche seggiola occupata sempre dalle stesse persone.


    E a nulla gli serviranno slogan populisti, razzisti e xenofobi per crearsi una cortina di ferro inviolabile. La presenza di figure che a tali slogan inneggiano in tutte le varie liste autonomiste alleate di roma, come la lega nord, o deboli con roma, come il pne, e nei loro alleati nazionalisti italiani e anti-veneti non gli rende certo onore e allontana le persone per bene dalle loro formazioni ormai in disfatta.


    Il vento dell’indipendenza veneta abbatterrà anche loro, anzi loro per primi.

    Di più: i trevisani non sono certo né comunisti né favorevoli a governi di sinistra, per cui la scelta naturale per chi ha a cuore il futuro della propria città e della propria patria si chiama PNV, il Partito Nazionale Veneto, il partito a difesa degli interessi dei veneti e che chiederà mandato per indire il referendum per l’indipendenza politica dei veneti.


    Stop ala crixi: independensa!

    Questo è lo slogan che il PNV farà conoscere ai trevisani che cominciano a non sbarcare più il lunario. Questa è l’unica soluzione che ci resta prima che tutto sia perduto.
    Ecco! Proprio quello che ci serviva, un'altra sigla che invece di attaccare i partiti romani pensa prima di tutto a far fuori Lega e PNE. Chissà perchè c'è sempre un nuovo gruppo autonomista che deve dimostrare di essere più bravo di quelli che ci sono già, dedicando quasi interamente i propri sforzi ad attaccarli. Quelli che sono partiti in questo modo, tanti finora, non hanno fatto molta strada...

    P.S. mi sembrate un po' troppo tesi a curare simboli ed immagine. La gente vuole vedere gli uomini in carne ed ossa, dei personaggi virtuali, per fortuna, non si fida ancora molto

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tu dici: "Il problema non è certo nei veneti. Anzi, i cittadini veneti si distinguono proprio per senso civico. siamo i primi nel volontariato, siamo i primi nella raccolta differenziata, siamo i primi per donazioni di sangue, siamo i primo per capacità di risparmio, siamo i primi per spirito di sacrificio e dedizione al lavoro, siamo i primi per sensibilità ambientale e cultura ecologica. I cittadini veneti non hanno nulla da invidiare in quanto a maturità politica rispetto ai cugini scozzesi, bavaresi, fiamminghi, baschi, catalani.

    Bravi! Così andrete tutti in paradiso. Speriamo che anche lì possiate essere i primi, altrimente chiederete la secessione dal Padreterno.

  4. #4
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da paulus Visualizza Messaggio
    Bravi! Così andrete tutti in paradiso. Speriamo che anche lì possiate essere i primi, altrimente chiederete la secessione dal Padreterno.
    Vedo che ci capisci :-)

  5. #5
    www.pnveneto.org - PNV
    Data Registrazione
    18 Aug 2006
    Località
    Trevixo - Venetia
    Messaggi
    1,133
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da marcagioiosa Visualizza Messaggio
    Ecco! Proprio quello che ci serviva, un'altra sigla che invece di attaccare i partiti romani pensa prima di tutto a far fuori Lega e PNE. Chissà perchè c'è sempre un nuovo gruppo autonomista che deve dimostrare di essere più bravo di quelli che ci sono già, dedicando quasi interamente i propri sforzi ad attaccarli. Quelli che sono partiti in questo modo, tanti finora, non hanno fatto molta strada...

    P.S. mi sembrate un po' troppo tesi a curare simboli ed immagine. La gente vuole vedere gli uomini in carne ed ossa, dei personaggi virtuali, per fortuna, non si fida ancora molto
    forse sbagli qualcosa, sai, dato che non siamo autonomisti, ma indipendentisti.

    Lasciamo l'affollato parterre autonomista tutto ai vari Fini, Bossi, Veltroni, Berlusconi, Lombardo che ormai lo stanno affollando un pò...

    Non c'è spazio in quel parterre per chi cerca di portare avanti una politica per l'indipendenza come avviene nel resto delle Nazioni senza stato.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-02-08, 10:46
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-02-08, 10:43
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 22-11-07, 16:39

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226