User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,810
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Bianchi: la mannaia del decreto su Malpensa

    Bianchi: la mannaia del decreto su Malpensa

    da Il Riformista 26-02-2008) http://gabriocasati.org/?p=157

    “Le Regioni dovranno perdere ogni velleità di intervenire in una materia che per sua natura deve restare di competenza statale”. Con queste parole, il ministro Bianchi ha argomentato su Il Sole 24 ORE la sua proposta di trasferire in capo a Enav (ente nazionale per l’assistenza al volo) le competenze sull’assegnazione degli slot che oggi sono appannaggio di Assoclereance, l’associazione che comprende le compagnie aeree e le società di gestione aeroportuale.

    La questione degli slot non è un noioso tecnicismo, ma l’essenza stessa del mercato dell’aviazione civile e, nell’attuale contesto italiano, la condizione necessaria per qualsiasi soluzione del problema Alitalia-Malpensa. Procediamo con ordine. Il Vice presidente di Aifrance-KLM, Leo Van Wijk, ha recentemente dichiarato al Wall Street Journal che il ridimensionamento di Malpensa è pre-condizione per qualsiasi accordo tra il gruppo franco-olandese e la moribonda Alitalia. Al di là delle differenti sfumature tra francesi e olandesi sulla questione (i primi più interessati all’acquisto della compagnia italiana di quanto non lo siano i secondi), la posizione del gruppo dimostra che, come ai tempi della progettata fusione tra Alitalia e KLM, Malpensa è il nodo centrale di ogni accordo industriale sul mercato aereo civile in Italia.
    Mentre nel 2000 Malpensa era la chiave di volta dell’accordo con gli olandesi, che avrebbe portato alla costituzione di un gruppo aereo integrato basato su Schiphol e sull’aeroporto milanese (accordo che saltò proprio a causa dei ritardi di Malpensa ), questa volta è la vittima sacrificale per la salvezza di Alitalia. Infatti, mentre Airfrance intende rifocalizzare Alitalia su Fiumicino, rendendola un operatore regionale integrato nel mega-gruppo, ha assoluta necessità di “mettere in sicurezza” le sue retrovie, ovvero il Nord. Per poter attuare il suo piano, legittimo e ben studiato (che presuppone la banale impossibilità di spostare Alitalia , armi e bagagli, a Malpensa) Airfrance deve comprarsi il mercato aereo italiano, non tanto Alitalia. E per poterlo fare deve chiudere le falle, la più grande delle quali si chiama Malpensa, abbandonata da Alitalia e piena di slot che, se assegnati in modo accorto e coordinato, potrebbero andare a tutto favore dei principali concorrenti europei del gruppo franco-olandese, in primo luogo a Lufthansa.

    Una Malpensa rafforzata e collegata in maniera intelligente con il resto degli hub europei rappresenterebbe quindi una breccia aperta attraverso la quale un numero insostenibile di passeggeri sfuggirebbe al Charles de Gaulle o, in seconda battuta, a Fiumicino. Come si fa a sterilizzare un aeroporto? Semplice, intervenendo sui meccanismi di gestione dei suoi slot, ovvero di quegli intervalli di tempo in cui un aereo è autorizzato ad atterrare e ripartire. In questo quadro assume un nuovo significato la repentina dismissione degli slot di Alitalia a Malpensa. Mettere sul mercato tutti gli slot in un solo momento infatti, massimizza le possibilità che gli stessi si sparpaglino tra molti operatori, allontanando il rischio del rafforzamento di un soggetto unico.
    Sempre nella grande partita degli slot, funzionale a quella più generale della conquista del mercato italiano, anche le parole del ministro pro-tempore Bianchi assumono una diversa connotazione. Non si fanno processi alle intenzioni, soprattutto in un contesto così tecnico come quello aeronautico, ma la tempistica del provvedimento è più che sospetta (come inequivocabilmente suggerito dallo stesso titolo de Il Sole). La proposta Bianchi infatti è diretta a sterilizzare la Legge regionale, approvata tra l’altro con voto bipartisan, con cui la Lombardia siè assegnata un ruolo nel processo di assegnazione degli slot. Una Legge che mirava appunto a conferire in capo alla Regione quei poteri, ancorché consultivi, di coordinamento in materia di fasce orarie, così essenziale per qualsiasi progetto di rilancio di Malpensa. La capacità di Regione Lombardia, e ancor più di SEA, di sottrarsi al cappio regolamentare che è stato accuratamente predisposto per Malpensa con la fattiva collaborazione del Governo, sarà essenziale per rilanciare nel prossimo futuro il grande aeroporto lombardo, al pari della capacità delle istituzioni lombarde di limitare (o meglio ancora, chiudere) Linate.
    Se dalla tecnica ci spostiamo alla politica, tre sono i dati che emergono più nitidamente.
    Il primo è il sostanziale disinteresse del centrodestra nazionale alla vicenda, cui fa riscontro il grande attivismo di Lega e Forza Italia sul territorio culminato anche, a parte una lodevole attività legislativa in materia in Consiglio regionale, in una manifestazione di sostegno all’hub lombardo. Bandiere e slogan un po’ stonati se si pensa che per ben cinque anni il centrodestra ha potuto contare sulla straordinaria occasione fornita dal gestire contemporaneamente Governo, Regione e Comune di Milano. Cinque anni passati del tutto inutilmente per quanto riguarda sia Alitalia sia Malpensa, cinque anni in cui la questione si è incancrenita e ha maturato tutte le condizioni che ci hanno portato allo stato attuale.
    Il secondo è la fortuna guadagnata dal refrain “Staccare il destino di Malpensa da quello di Alitalia”. La tesi, ben apprezzabile anche nell’ultimo intervento di Veltroni sul tema dalle pagine del Corriere, è che tra i due elementi del ragionamento, la compagnia romana e lo scalo varesino, vi sia un mercato libero che risolverà ogni problema, garantendo ad Alitalia una pacifica esistenza in un grande gruppo aeronautico e a Malpensa uno sviluppo autonomo. C’è solo un dettaglio: il mercato aeronautico è tutt’altro che libero. Trattati, accordi, regolamentazioni definiscono minuziosamente ciò che le compagnie aeree possono o non possono fare, e in quale aeroporto. Allo stato attuale, tutti gli accordi in vigore in Italia privilegiano sistematicamente Fiumicino. Se quindi Alitalia e Malpensa non possono più stare insieme né convivere in un contesto concorrenziale, è necessario scegliere da che parte stare. In mezzo non c’è posto.

    Il terzo elemento di interesse è rappresentato dall’indomito attivismo di Carlo Toto e del suo partner bancario Intesa SanPaolo. La soluzione italiana, come più volte sostenuto sulle pagine di Ambrogio, tra molti difetti un vantaggio ce l’ha: evitare la dispersione del patrimonio di slot che assicurano, soprattutto nel medio periodo, l’accessibilità aerea intercontinentale del Paese. Un secondo vantaggio, ancora più consistente, sarebbe rappresentato dalla possibilità di far assorbire AirOne-Alitalia da Lufthansa che con tutti gli aeroporti tedeschi saturi o in rapida saturazione, a differenza di Charles De Gaulle, ha da tempo attuato una vera politica multi-hub ed è da sempre interessata allo sviluppo di Malpensa.
    Se non possiamo avere una compagnia nazionale forte che sia basata dove sta il suo mercato, cerchiamo almeno di vendere quella che abbiamo all’operatore che ci serva meglio. In fondo Monaco è proprio dietro l’angolo.

    Mi piacerebbe sentire adesso qualcosa in proposito da Facco, dal momento che sosteneva che la SEA e la regione Lombardia dovevano "solo" richiedere la liberalizzazione degli slot e delle rotte intercontinentali. Certo, basta chiedere e ci sarà dato, dov'è il problema? Infatti si è visto..
    Per il nord la soluzione di gran lunga migliore è proprio che alitaglia fallisca.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,810
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Malpensa, il governo taglia fuori la Lombardia

    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=243692

    da Milano

    La «vendetta» del ministro Alessandro Bianchi contro la Lombardia arriverà sotto forma di decreto legge, che toglierà alla Regione ogni voce in capitolo sull’assegnazione delle bande orarie (i famosi «slot») a Malpensa. Non più dunque un ricorso alla Corte costituzionale contro la legge sul sistema aeroportuale approvata a novembre dalla Lombardia per soccorrere Malpensa nella bufera Alitalia, come minacciato in precedenza dal titolare dei Trasporti. Il ministro - come illustrato in una lettera inviata il 21 febbraio agli operatori aeroportuali - pensa invece a un blitz che tolga in un sol colpo ad Assoclearance, l’associazione dei vettori e delle società aeroportuali, la gestione degli slot per passarla all’Enav come ente nazionale super partes. La nuova legge regionale impone che Assoclearance si confronti con la Regione prima di definire le rotte degli aeroporti lombardi, e prevede anche la presenza di un rappresentante della Lombardia nel comitato di coordinamento. Dunque, eliminando Assoclearance dai giochi il governo solleva anche la Lombardia da qualunque potere nella definizione degli slot e, di conseguenza, nella complicata partita Alitalia-Malpensa. Ed è precisamente quello che il ministro vuole, come ha spiegato in un’intervista al Sole24Ore: «Le Regioni dovranno perdere ogni velleità di intervento in una materia che per sua natura è e deve restare di competenza nazionale», ha detto Bianchi. «L’assegnazione degli slot deve rimanere in capo all’amministrazione centrale e deve essere fatto da un organismo indipendente». Che sarebbe l’Enav, «il vigile urbano dei cieli». Il decreto potrebbe scattare già dopo il 7 marzo.
    Il ministro spiega che la decisione è stata «imposta dalla Ue», che richiede «la neutralità e l’indipendenza del soggetto coordinatore». In realtà la materia è complicata. C’è di mezzo, come ha ricordato il governatore lombardo Roberto Formigoni, il nuovo titolo V della Costituzione, che prevede che nelle materie di legislazione concorrente (tra cui appunto gli aeroporti civili) «spetti alle Regioni la potestà legislativa». Ma anche l’Assoclearance solleva dubbi sulla legittimità della decisione del ministro, che non sarebbe compatibile con lo statuto dell’associazione e con le attuali normative del trasporto aereo. L’associazione non intende comunque restare alla finestra e replicherà formalmente al ministro in un’assemblea prevista per domani a Fiumicino. E pure l’Ente nazionale per l’aviazione civile (Enac) si dice perplesso per le conseguenze del prossimo decreto Bianchi. «Un provvedimento - si legge in una nota del presidente dell’Enac - che non trova modelli corrispondenti in altri Paesi dell’Unione europea, a differenza, invece, dell’attuale sistema di gestione degli slot che rientra tra quelli in uso in Europa». L’Enac ha perciò convocato una riunione urgente «per formulare una risposta strutturata da sottoporre al ministro».
    Intanto una risposta politica arriva dall’assessore lombardo alla Mobilità, Raffaele Cattaneo: «È l’ennesimo attacco del governo Prodi che tenta di impedire la difesa di Malpensa. Il Nord non si farà ingannare da questa loro politica che tenta di imbavagliarlo. Qui non prenderanno un solo voto». Gli fa eco il senatore della Lega Ettore Pirovano: «Con questo decreto tentano di soffocare le giuste rivendicazioni sul nostro hub. La nostra gente lo sa e la mobilitazione sarà ancora più massiccia».

  3. #3
    La mia autorità morale SONO IO
    Data Registrazione
    30 Oct 2004
    Località
    Martesana, Insubria, Europa.
    Messaggi
    1,355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    secessione, unica soluzione.

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,810
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Max_s Visualizza Messaggio
    secessione, unica soluzione.
    Davvero, non si può andare avanti con uno stato nazionale che condanna un settore delicato come il trasporto aeroportuale all'incertezza normativa perenne pur di salvaguardare le lobbies romane: con un governo che fa blitz come questi, che vanno contro la Costituzione emanata dallo stesso csx, e che si esporrà certamente a ricorsi da parte di SEA e di Assoclearance, pur di fare gli interessi di una parte sola del paese;

    e soprattutto con un governo che ha finalmente mostrato in modo chiarissimo che ha la necessità di azzerare MXP, perchè altrimenti Air France il carrozzone non se lo compra proprio, nonostante il "ricchissimo" traffico turistico verso Fiumicino e il "ricchissimo" traffico aereo del centrosud itaglia che si riversa a Fiumicino...ma come, aliafrica rilascia gli slot su MXP perchè "non redditizi" (bene), si ritrasferisce armi e bagagli a Fiumicino per contenere le perdite (bene), dichiara che MXP dovrà essere salvata dal mercato (benissimo), e poi non appena la regione Lombardia vara una legge che forse le permetterebbe di aprire MXP al mercato vero, quello fatto dalle compagnie straniere, il governo sfiduciato fa un blitz assurdo per bloccare quegli slot??? ehhhh, cosa c'è davvero sotto??? e con che coraggio ci hanno presi per i fondelli finora??

    D'accordo con te ovviamente, secessione unica soluzione, perchè questo è uno stato criminale, bizantino e africano, in cui manca da parte della classe dirigente roman-nazziunale qualsiasi coscienza di cosa siano le regole e uno stato di diritto, sarebbero capaci di fare qualsiasi cosa per difendere il loro orticello, ma senza rispetto delle regole da parte della classe dirigente uno stato precipita a livelli da meridione d'itaglia, e noi con questo tipo di mentalità e di paese davvero non c'entriamo proprio niente.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    e la lecca cheffà ? Abbozzi ...

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,810
    Mentioned
    45 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio
    e la lecca cheffà ? Abbozzi ...
    La Lega e Bossi difendono Malpensa con i mezzi che hanno, dato che la bacchetta magica per fare la secessione non ce l'hanno ...
    Bonomi sta lavorando davvero bene, così come Cattaneo (FI), Formigoni e Moratti...davvero bene. Stanno facendo di tutto per attirare a MXP le migliori compagnie, e in particolare Lufthansa . Ma dall'altra parte ci sono dei veri pescecani.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    povero berlusconi (liberal-monopolista). dovrà scegliere se accontentare abbozzi o affini.

 

 

Discussioni Simili

  1. La mannaia bocconiana
    Di Antonio nel forum MoVimento 5 Stelle
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 22-11-11, 13:21
  2. La “scossa” e la “mannaia”
    Di S&S nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 253
    Ultimo Messaggio: 14-02-11, 16:24
  3. Easyjet apre Malpensa-Bari e Malpensa-Barcellona e altre novità
    Di cesare.caldi nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-07-07, 21:59
  4. Il Ministro Bianchi e Malpensa
    Di foscarina nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14-12-06, 09:30
  5. Malpensa verrà chiuso per decreto legge...
    Di ainicar nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 16-03-06, 19:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226