User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lombardo batte Calderoli 2-0

    Ieri sulla 7 ho ascoltato il dibattito fra il siciliano Lombardo ed il lombardo Calderoli. Il primo Lombardo un vero federalista che conosce il federalismo e sa di cosa parla; il secondo lombardo (Calderoli) un lupo accentratore travestito da pecora federalista con mentalità dittatoriale Il primo avrebbe una buona occasione per mostrare il suo federalismo e la sua voglia sincera di indipendenza dall'Italia rivendicando la precedenza della costituzione siciliana rispetto a quella italiana. Il diritto internazionale gli darebbe ragione. Putroppo fra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare: un mare di quattrini che l'italia regala alla Sicilia. Il secondo (il lupo travestito da pecora) dovrebbe spiegare il suo federalismo dicendo alla gente come un partito centralista e dittatoriale può perseguire il federalismo, ovvero esattamente il suo contrario. Anche in questo caso fra il dire ed il fare, come dimostrato dalla fallimentare riforma centralista del titolo V° della costituzione, c'è di mezzo il mare; pardon la cadrega.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da paulus Visualizza Messaggio
    Ieri sulla 7 ho ascoltato il dibattito fra il siciliano Lombardo ed il lombardo Calderoli. Il primo Lombardo un vero federalista che conosce il federalismo e sa di cosa parla; il secondo lombardo (Calderoli) un lupo accentratore travestito da pecora federalista con mentalità dittatoriale Il primo avrebbe una buona occasione per mostrare il suo federalismo e la sua voglia sincera di indipendenza dall'Italia rivendicando la precedenza della costituzione siciliana rispetto a quella italiana. Il diritto internazionale gli darebbe ragione. Putroppo fra il dire ed il fare c'è di mezzo il mare: un mare di quattrini che l'italia regala alla Sicilia. Il secondo (il lupo travestito da pecora) dovrebbe spiegare il suo federalismo dicendo alla gente come un partito centralista e dittatoriale può perseguire il federalismo, ovvero esattamente il suo contrario. Anche in questo caso fra il dire ed il fare, come dimostrato dalla fallimentare riforma centralista del titolo V° della costituzione, c'è di mezzo il mare; pardon la cadrega.
    Va bè l'ennesimo post antilega per partito preso. Non c'è veramente niente da commentare dialetticamente.

    Dire che Lombardo sia un vero federalista fa solo ridere.

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JuvSP Visualizza Messaggio
    Dire che Lombardo sia un vero federalista fa solo ridere.
    Esatto, infatti si è alleato con Calderoli. Tutto torna.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JuvSP Visualizza Messaggio
    Va bè l'ennesimo post antilega per partito preso. Non c'è veramente niente da commentare dialetticamente.

    Dire che Lombardo sia un vero federalista fa solo ridere.
    Non è così. Nel 1994 a Prato si è svolta una riunione alla quale hanno partecipato un centinaio di federalisti provenienti da tutta italia . La riunione era organizzata a cura dell'Unione federalista toscana. In quella occasione ho conosciuto un siciliano, avvocato Di Pasquali o De Pasquale, non ricordo, che era venuto appositamente dalla sicilia in aereo. Successivamente l'ho incontrato a Alessandria al la nascita del movimento di Comino (APE); ci era venuto con un volo charter ed una settantina di siciliani. Ho avuto molti colloqui con De Pasquale e misono reso conto che aveva un''ottima preparazione sul federalismo. Fra i primi libri sul federalismo che ho letto ce ne sono due (n°1 e n° 2) pubblicati dalla provincia di Enna a cura di Ettore E. Albertoni e Massimo Ganci, contenenti gli Atti del Seminario internazionale sul Federalismo, Regionalismo, Autonomismo, (24-27 giugno 1987). A quel seminario parteciparono studiosi di prim'ordine e dalla lettura dei due tomi capii l'importanza che aveva la cultura agli effetti dellì'idea dello stato federale. Se invece di continuare a predicare il federalismo con la mentalità dei centralisti, gli esponenti della Lega leggessero qualche libro sull'argomento, probabilmente non saremmo arrivati al punto di vedere un'idea così bella e proiettata al futuro posta nelle mani di personaggi che non conoscono le differenze fra stato moderno e stato federale. Ti ricordo inoltre che lo stesso Bossi conobbe il federalismo per merito di un toscano di Grosseto, Salvadori, vissuto in Valle d'Aosta, ma temo che non abbia capito molto bene il suo pensiero, mentre capì benissimo la forza che poteva avere questa concezione dello stato. Conservo con cura quei libri e riguardandoli ho compreso le ragioni per le quali Lombardo era un federalista serio e preparato, mentre la pecora vestita a da lupo,...beh, lasciamo perdere. Eppoi, guarda, io non ce l'ho con la Lega, ce l'ho con chi approfitta della Lega per la cadrega e penso che a livello dirigente il numero di costoro sia notevolmente alto; non solo, spero che prima o poi la Lega si decida a cambiare strada, perché diversamente la sua fine è segnata.

  5. #5
    Juv
    Juv è offline
    Moderatore
    Data Registrazione
    03 Jun 2006
    Località
    Quel Posto Davanti al Mare
    Messaggi
    32,725
    Mentioned
    52 Post(s)
    Tagged
    3 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da M.A.Valsesia Visualizza Messaggio
    MA TU HAI VISTO IL PROGRAMMA?

    NON O PENSO O PEGGIO SE L' HAI VISTO NON SAI UN CAZZO DI FEDERALISMO !!!

    a me lombardo sta un tot sui coglioni ma ieri ha dimostrato di sapere che cosa è in realtà il federalismo (che poi lo metta in pratica e tutto un altro paio di maniche ) mentre il COGLIONE!!! ha fatto capire ( ai non militonti ) che il suo posto e insieme alla santanchè!!!

    Avevo altro da fare che sentire Calderoli ed un democristiano.

    Lombardo ha detto cose giuste? Buon per lui, chissà che non faccia divemntare la sezione siciliana dell'UDC un partito autonomista.

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da JuvSP Visualizza Messaggio
    Avevo altro da fare che sentire Calderoli ed un democristiano.

    Lombardo ha detto cose giuste? Buon per lui, chissà che non faccia divemntare la sezione siciliana dell'UDC un partito autonomista.
    Lunga vita e sicura felicità a quelli, come te, che riescono ad ascoltare solo se stessi. Chissà poi cosa avevi da fare! Certamente è difficile credere che tu fossi occupato a pensare.

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    06 Nov 2010
    Località
    Martina Franca, Italy
    Messaggi
    1,137
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo co Paulus.

    Sopratutto Lombardo è federalista sa di cosa parla e si vede bene dal confondere federalismo e secessione.

    La lega invece credo usi indistintamente i 2 termini come sinonimi.

    L'ignoranza è dura a morire

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quando cesserà l'ostilità dei media nei confronti dei veri federalisti (e qui devo dire che Radio Padania è stata l'UNICA a dare l'accesso, anche se solo per pochi minuti, alla voce del vero federalismo), la gente si meraviglierà di quanto il federalismo sia profondamente diverso da quello predicato per quasi due decenni da Bossi e compagnia. Ma questo non può accadere. Lo impone il grande capitale, di cui la grande maggioranza nel Parlamento e nei Consigli è serva per mantenere i propri privilegi di casta, di loggia o di clan.

  9. #9
    Schliemann
    Ospite

    Predefinito

    La lettera della Tor di Valle Costruzioni porta la data del 21 gennaio e accusa la Provincia di non essere riuscita in cinque anni a espropriare i terreni dove dovrebbe sorgere la nuova caserma dei vigili del fuoco di Catania. Eppure solo una settimana prima decine di persone avevano assistito alla posa della prima pietra: una inaugurazione virtuale che, una volta smascherata, sarebbe diventata un de profundis per qualunque amministratore pubblico. Non per lui. Non per don Raffaele Lombardo da Grammichele, provincia di Catania, psichiatra e europarlamentare, presidente della provincia e leader del Movimento politico autonomista, ex carcerato (poi assolto) ed ex democristiano.

    Una ricerca del 'Sole 24 Ore' racconta che nel 2007 gli elettori hanno collocato Lombardo al secondo posto tra i presidenti di provincia più graditi d'Italia. I sondaggi pronosticano che sarà lui, e non la democratica Anna Finocchiaro, a succedere a Totò Cuffaro sulla poltrona di governatore della Sicilia. Mentre Silvio Berlusconi, sebbene non ne ami né i baffi né il riporto di capelli, conta su Lombardo (125 mila preferenze alle europee e 13 per cento alle regionali) per ottenere nell'isola quel premio di maggioranza al Senato che a Roma gli permetterà di governare.

    E allora cosa volete che importi a Lombardo di quella lettera, inviata in copia anche alla Corte dei conti. Certo, dentro si legge che presto l'impresa potrebbe chiedere un risarcimento danni a causa "dell'incapacità dell'ente appaltante (la Provincia di Catania) a sbloccare la situazione"; che "la Provincia ha omesso di effettuare un atto necessario, ovvero l'esproprio dell'area". Ma Lombardo, intanto, è tranquillo. Ventiquattr'ore prima della cerimonia, aveva fatto sapere di non poter partecipare. E così per una volta la sua foto sui giornali non c'era finita.

    In trent'anni di attività l'ex delfino del ministro dc Calogero Mannino ha del resto imparato che in politica il punto non è essere. È apparire. E anche se nell'incontro che ha sancito l'alleanza con Berlusconi, Lombardo ha snocciolato una serie di richieste in cui, Ponte sullo Stretto a parte, spicca la "lotta agli sprechi, a partire da quelli della sanità", lui e l'Mpa, badano più a occupare i centri di potere che ad amministrare. Paradossalmente infatti in Sicilia più si governa e più si ottiene consenso. Più saranno gli amministratori del tuo partito e più saranno i voti perché molti, anzi moltissimi, saranno i favori che si potranno elargire.

    Così Angelo Lombardo, il fratello di don Raffaele, dopo essere entrato in Regione sull'onda di 25 mila preferenze, ha presentato un unico disegno di legge: quello che dovrebbe permettere la creazione di nuove province, a partire da Caltagirone che casualmente dista solo 13 chilometri dalla natia Grammichele.

    Altre province, altri stipendi e gettoni di presenza, altri amministratori, ovvero altri voti da aggiungere a quelli che già porta l'esercito dell'Mpa: 800 consiglieri comunali, 40 presidenti di consigli comunali, 50 sindaci, più tre assessori e dieci deputati regionali. Un'invincibile armata sempre più forte. Lombardo recluta nuovi colonnelli tra le fila del teorico nemico (l'ultimo è stato Giuseppe Lauricella, figlio dello storico leader Psi, due anni fa candidato all'Ars con i Ds); in altre regioni (in Campania il leader del movimento sarà l'ex ministro dc, Enzo Scotti); e soprattutto rafforza il suo formidabile apparato di vettovagliamento.

    Sì, perché è nelle retrovie che sta la vera forza di Lombardo. A partire dal 2005, anno di nascita dell'Mpa, i suoi uomini hanno inesorabilmente conquistato gli enti pubblici, occupato le società partecipate, assunto o fatto assumere centinaia di precari. Che quella sia la sua tattica, lui non ne ha mai fatto mistero. Quando in tribunale si era ritrovato a difendersi dall'accusa di aver ricevuto parte delle tangenti versate dall'ex presidente dell'Inter Ernesto Pellegrini per accaparrarsi le forniture all'Usl 35, Lombardo aveva sostenuto di aver respinto le offerte di denaro, e di "essersi limitato a chiedere assunzioni".

    E la decisione di uno dei manager di Pellegrini di avvalersi in aula della facoltà di non rispondere, dopo aver invece detto ai pm di avergli versato 200 milioni, aveva fatto il resto: Lombardo assolto con tanto di risarcimento di 33 mila euro per ingiusta detenzione. Stessa storia, o quasi, per i concorsi truccati della medesima Usl. Secondo i giudici la sua segreteria aveva anticipato ad alcuni candidati i temi di un concorso. Nella sentenza si legge che dalle intercettazioni telefoniche era emerso che uno dei membri del comitato dei garanti della Usl e Lombardo "erano uniti da enormi interessi in concorsi e pratiche di enti pubblici". Ma dopo la condanna per abuso d'ufficio. in appello era arrivata l'assoluzione.



    Dal punto di vista giudiziario, insomma, don Raffaele è bianco come un giglio. Tanto da essere riuscito a prendere con sé l'ex procuratore generale di Catania, Giacomo Scalzo, e Romeo Palma, magistrato della Corte dei conti e fratello dell'ex procuratore aggiunto di Palermo, Anna Palma. Da quello politico, beh è tutta un'altra storia. Nella sanità siciliana (ma non solo) la militarizzazione prosegue spedita. Battendo le orme dell'amico Clemente Mastella, Lombardo, ha messo alla testa della Ausl di Enna suo cognato Francesco Judica, poi ha conquistato a Catania un direttore amministrativo all'ospedale Cannizzaro, un direttore sanitario all'ospedale Garibaldi, un direttore generale a quello di Caltagirone...

    Lombardo con Berlusconi e Calderoli

    L'elenco è lunghissimo e va aggiornato di continuo, anche con le altre poltrone di peso occupate nelle aziende dei rifiuti e nei parchi regionali. Ma è all'aeroporto Fontanarossa di Catania che Lombardo ha compiuto il suo capolavoro. La Sac, la società che lo gestisce, è partecipata dalla Provincia. Così l'Mpa può intervenire sulle assunzioni, tramite la Sac Service capitanata da un uomo di Lombardo, e soprattutto occuparsi del costruendo aeroporto di Comiso, in società con Mario Ciancio Sanfilippo.

    E a Catania, Ciancio vuol dire la stampa, tutta la stampa (sono sue 'La Sicilia' e buona parte delle tv private). Se si considera poi che Ciancio è socio di un'importante iniziativa immobiliare di Ennio Virlinzi, sponsor di Lombardo fin dalla prima ora, diventa chiaro perché sulle metodologie dell'eurodeputato, l'opinione pubblica non sia pienamente informata.

    Tutti i catanesi, per esempio, hanno ben presente che l'amministrazione del Comune da parte del medico personale di Berlusconi, Umberto Scapagnini, oggi dimissionario, è stata un disastro. Il municipio è a un passo dal fallimento. Nel 2007 sono mancati persino i soldi per illuminare interi quartieri, ma per tutti il colpevole è lui: l'etereo Scapagnini.

    In realtà in giunta e in consiglio negli ultimi tre anni l'ha fatta da padrone l'Mpa, che in città ha raccolto grazie a un gioco di prestigio (Lombardo aveva presentato quattro diverse liste, contando che familiari e amici di tutti i candidati sarebbero corsi a votare) il 20 per cento dei consensi. E soprattutto Catania è l'unica amministrazione d'Italia dove il capo del personale, l'ingegnere capo e il ragioniere generale, lavorano sia per la Provincia che per il Comune. Miracolo dei contratti di consulenza che Lombardo alla Provincia ha utilizzato con maestria.

    Totò Cuffaro
    © Foto La Presse

    Pippo Pignataro
    , un consigliere provinciale di centrosinistra, spiega che le consulenze servono a Lombardo per convincere gli uomini degli altri partiti a passare con lui: "A rotazione fa dimettere gli assessori per nominarne altri e ricompensare i dimissionari scegliendoli come consulenti o dando loro altri incarichi". Eclatante il caso dell'assessore allo Sport Daniele Capuana, dimessosi in vista delle regionali del 2006, poi tornato all'assessorato, e nell'intermezzo nominato consulente.

    A scorrere l'elenco dei benificiati c'è da restare impressionati. Dentro c'è di tutto. Anche il vero Richelieu di Lombardo, il professor Elio Rossitto, un ex comunista, consigliere negli anni '80 del presidente della Regione, Rino Nicolosi, poi accusato dallo stesso Nicolosi di aver fatto parte del comitato di affari che spartiva tutti gli appalti siciliani, ma infine assolto. In totale fanno circa 300 persone, da aggiungere ai 760 dipendenti della Provincia, e ai 500 che ricevono invece lo stipendio dalla Publiservizi, una controllata di diritto privato che si può così permettere il lusso di assumere gente senza concorsi pubblici.

    Il risultato è che gli autisti della Publiservizi a volte sono consiglieri comunali (o loro parenti) di paesi dell'hinterland, e che tra gli altri assunti ve ne è uno la cui occupazione principale è pulire una voliera per uccelli. Per questo persino gli alleati di Forza Italia si lamentano. Dice il consigliere azzurro Carmelo Giuffrida: "Ha usato l'ente per aggregare persone di varie aree politiche. Appena insediato, aveva detto di volere giunte snelle. Due mesi fa invece ha nominato un ennesimo assessore, l'ex consigliere di An Filippo Condorelli, precedentemente nominato consulente alla protezione civile, e alle ultime comunali di Paternò candidato sindaco dell'Mpa". Come dire: attento Silvio, con Lombardo si vince, ma governare poi è tutta un'altra storia (ha collaborato Giuseppe Giustolisi).

    http://dagospia.excite.it/articolo_index_38446.html

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Dec 2009
    Messaggi
    1,042
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Senti amico: io sono toscano e non me ne importa niente della Sicilia e di Don Raffaele. Ho solo detto che ha parlato con un linguaggio federalista. Per me anche un pirla, a volte, dice cose sensate. Non mi importa sapere dove imparato le cose che ha detto, o se le usi per i propri scopi. Né sono interessato a tutti i traffici che ci ha illustrato. Quello che mi importa è che lui si dichiari favorevole al fatto che "ognuno deve essere padrone a casa sua". Figurati: anche un leghista di nome Calderoli, dopo che Lombardo ha pronunciato queste parole, si è dichiarato daccordo! Ma una volta che sarà padrone a casa sua (e Dio lo voglia!) come ha chiesto, non crederà mica che possa continuare la solfa degli aiuti al Sud, perchè anche il nord ed il centro saranno padroni a casa loro ed i soldi, Lombardo, li dovrà spillare ai siciliani ed alla mafia e contro questo nessuno avrebbe niente da dire. Nel federalismo la solidarietà la fà la gente, chi vota, che sceglie di volta in volta se è conveniente se farla oppure no. Mentre oggi la solidarietà la fa lo stato degli affaristi mafiosi e corrotti che ci governano. Se sul federalismo Lombardo ha detto cose che non pensa, cazzi suoi. Se ne renderà conto quando quello che ha detto sarà attuato.
    ed io sinceramente spro che prima o poi lo sarà. Allora lui ed i tipi come lui, se è vero quello che Lei ha detto, dovranno EMIGRARE.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Lombardo scarica Calderoli.Federalismo KO
    Di vlassov nel forum Padania!
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 27-10-08, 22:48
  2. Sono lombardo voto Lombardo
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 24-08-08, 09:46
  3. A Lombardo non piace Lombardo
    Di grigioverde nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 21-07-08, 08:37
  4. Il Lombardo non e' una lingua, garantito da Calderoli
    Di giangaleazzo (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17-04-06, 23:15

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226