User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Guerra NATO /UE contro la Russia

    Oggi leggevo il forum www.alternatehistory.com , il più grande forum mondiale di ucronie, e ho trovato una discussione interessante sul più "clichè" degli argomenti, ovvero una guerra tra la Russia e l'Occidente, ma traslata al giorno d'oggi.

    Questo mi sembrava il "casus belli" più verosimile (pur nella sua totale improbabilità):

    "Silent Thunder: The Russia-EU War of 2008

    Author’s Disclaimer: There is a good chance that this may be outdated before anyone sees it, but never mind, it could be considered Alternate History if nothing else.

    February 2008 – Kosovo declares independence from Serbia, much to the Serbs outrage and that of their Russian allies. The Russians do not move at once to take action – they have no choice, but to do something, as the loss of face involved in failing to do something would shatter Russia’s pretensions towards being a Great Power again – but they start preparing to take action. The Russian goal is to prevent permanent independence for Kosovo.

    As the month goes on, unrest in Serbia and Kosovo continues to rise, with major damage being done to American and European interests. Several powers announce their intentions to evacuate their embassies as rioters threaten the lives of their people; the UNSC attempts to condemn what they see as Serbia ignoring the threat to westerners. The Russians veto the resolution.

    March 2008 – Putin finally takes a stand and declares that Russia will not tolerate any pretensions of independence on the part of Kosovo. Putin has less room for manoeuvre here as he is coming under fire from both Russian nationalists and the Serbs; if Russia cannot live up to its promises, Russia will shortly have no allies left. He also starts reaching for various levers to use against NATO, from arms shipments to Iran and Serbia, to economic pressure against states dependent upon Russian energy supplies.

    There is an absence of clear leadership in NATO or the EU. The US, heavily involved in Iraq, is less able to assert it’s authority, while not every state in the EU is enthusiastic about becoming embroiled with Russia. Poland demands stronger action and several alternate energy polices, including much more development of nuclear power. Overall, the EU, unable to form a policy, will tend to follow what it already has – de facto recognition of Kosovo Independence.

    Kosovo, meanwhile, has its own problems. Serbs living within the area are clearly being armed and trained for a long-term insurgency and the UN troops stationed within the area are unable to prevent the weapons from getting through. As more weapons and training – suspected of including Russian soldiers – arrives, the insurgency gets worse, with attacks directed against UN soldiers, Kosovo politicians and others.

    Putin starts to dust off plans for military pressure.

    April 2008 – The official UN report concludes that Kosovo is in a state of civil war and suggests that KFOR be enlarged to keep a lid on the violence. Russia’s offer of troops for the mission is rapidly dismissed and the Russians flatly refuse to permit any further thoughts of independence. Anti-Russian feeling is hardening through Eastern Europe and reaching into Western Europe, despite ‘peace campaigns’ against more troop deployments to Kosovo. Despite this, the EU manages to put together some reinforcements, around 7000 men, mainly French and German.

    Putin has a choice; raise the ante or shut up. He decides to shift Russian military units to the borders of the Baltic States and use them in a less-than-subtle reminder of Russian power. The Russians talk sweetly in public, but in private they’re twisting arms; they want the EU to abandon Kosovo to the tender mercies of the Serbs, or else.

    NATO goes to red alert as the Baltics start screaming (but under the table) for help. The Polish military starts calling up reserves and preparing for a possible move into the Baltic States, while other militaries start activating their own reserve units.

    The Russians issue a warning; if NATO units reinforce the Baltics, they will jump into the Baltics and let the chips fall where they may. NATO thinks they’re bluffing; they’re not. As German troops prepare to march through Poland to join the defenders, the Russian army comes over the border into the Baltic States. The defenders have been deployed and have the advantage of knowing their territory, but the Russians have vastly greater firepower and air cover, at least at first. The Russians advance rapidly.

    Polish, German and French aircraft join the battle. The fighting spills out across the region, proving that NATO aircraft and training are superior, but the Russians have the numbers again. NATO attempts to rush reinforcements into the Baltics, using ships and air transports, but the operations are doomed to failure as the Russians secure their primary targets and defeat the remaining Baltic militaries. As refugees start to pour into Poland, fleeing the Russians, the NATO forces halt in Poland.

    Alexander Lukashenko, President of Belarus, declares his country to be solidly behind it’s Slavic brethren and places his military directly under Russian control. Lukashenko, who has been agitating for a Belarus-Russian Union, sees this as his best chance to force the issue; within hours, there are clashes along the Belarus-Poland border and some Belarusian troops have moved into the Baltics. This is rather embarrassing to Putin, who would prefer to negotiate rather than expand the war, now that he’s made his point, but Russia has too few allies to quibble. Much.

    May 2008 – The various EU military departments have been swept away as the sudden pressure of a real crisis forces action. Germany and France would prefer to avoid a war, but both Nicolas Sarkozy and Angela Merkel know that they can’t risk shattering the EU over this issue. Merkel, who had sought stronger ties with Russia, is particularly alarmed, but with three NATO states under occupation, there is little in the way of manoeuvring room. The governments-in-exile are particularly vocal on the subject of Russian atrocities within the Baltics, faithfully reported through the Internet, and the very credibility of the EU is under threat.

    Putin is much less happy than it seems. He was never in favour of any kind of union between Belarus and Russia; he looks on Lukashenko as a fool who somehow managed to remain in power. His own hard-liners regard some of Lukashenko’s speeches as treason, or at least unfriendly, and he finds himself having to finess more issues than he would prefer to have to handle. There’s also the issue of the Belarus underground; they’re not keen on any alliance either. For the moment, Russian forces are taking up defensive positions in Belarus and the Baltics, but it hasn’t escaped Polish notice that the forces could be on the Polish border within hours.

    On the other side of the pond, President Bush views the crisis through tired eyes. He has one advantage over the Europeans; he doesn’t have to be re-elected. The downside is that the issue has become an election one; Poles in the US want their country protected, and it is a clear case of violence being directed against a NATO member. The problem is that the US is heavily committed to Iraq and various other places; the EU is not interested in recognising US primacy unless the US makes a major commitment, and the US is not really in a position to make a commitment. Some US units are committed to the situation, but others need time to prepare for deployment.

    Prime Minister Brown is the least enthusiastic about the war, even though there are some elements within the British power structure that would be delighted a chance to singe the Russian beard. He knows that Blair’s legacy will be forever tainted by Iraq and the involvement with the US; apart from the RAF and some ground units, Britain – too – is heavily committed in Iraq. Brown’s more left-wing supporters would like to use it as an excuse to pull UK forces out of Iraq, but they can’t get round the fact that they will be sent into another war zone.

    The diplomats are dancing around and around the issue. The problem is that their positions don’t match up; Russia wants Serbia to regain Kosovo, perhaps with a limited face-saving autonomy, and a freeze on all military moves. The EU does not want to bargain at gunpoint and the Poles won’t accept any freeze on military reinforcement while preparing for a possible war. Tension is rising…

    June 2008 – The insurrection in Kosovo finally explodes into the light, with attacks directed against both UN forces and the local government. Serbia orders out KFOR, warning that they are prepared to put an end to the rebellious province once and for all; KFOR, going to force protection, doesn’t have much time to react. As the Kosovo Government staggers under the weight of the insurrection, Serbian forces invade.

    This is immediately condemned by NATO and contingency plans are hastily dusted off; US carriers in the nearby waters launch air strikes against Serbian positions, backed up by Italian aircraft and various other southern EU air forces, trying to slow down and impede the Serbian invasion. The Serbs leaned from the prior war and have prepared, with Russian advice, and soak up the attacks and keep going. The human crisis rapidly grows worse as UN forces are attacked, captured, or destroyed. Russian SAM systems, deployed to Serbia, prove better than expected. Several US aircraft are shot down.

    Putin’s time has run out. The Russians have been badly implicated in aiding the Serbs and they have actually been supplying the Serbs with orbital images of the US actions and aiding them to coordinate their forces. He stalls, long enough to try to get a force of Russian ‘peacekeepers’ into the area, only to have them bombed by US aircraft, more or less by accident. As the rhetoric reaches a new level, with Russia accusing the US of deliberately attacking their units, Putin issues an ultimation; the EU can accept the situation on the ground, or else.

    The EU has been trying to organise a response to the latest crisis. The position is not helped by a struggle over who should command the NATO force, still largely German and French, but the sudden eruption of war in Kosovo forces the decision. A German has been appointed as the CO of the allied forces in Poland, just in time to face the most dangerous moment of 2008. The EU declares full mobilisation and starts rushing reinforcements forward into Poland, with the declared intention of fighting a limited war against Russia to liberate the Baltic States. Kosovo is put on the back-burner as the EU cannot realistically dictate the solution on the ground without much higher troop numbers.

    Putin’s military have been working on their own plans. The Russian Army has made vast strides since the Fall of the Soviet Union, but they’re not back at the same levels, yet. They do have vast numbers of tanks and guns, but many of them are outdated and outmatched by the NATO forces. They do, however, have a large covert operations capability and a certain disregard for the rules of conventional warfare. They have also not been wasting the time spent in the Baltics; while the diplomats danced, the Russians dug in and prepared for war.

    Putin would dearly love to see the crisis just blow over. The problem is that Russia’s face is involved here; he cannot just give the EU back the Baltics, regardless of anything else, without extracting a price in return. Russian nationalists have been taking to the streets to cheer on the Russian forces, despite the damage that has been inflicted on the Russian economy and simply backing down is not an option. Putin would prefer, given a choice, to stall until the Serbs settled the Kosovo issue through mass slaughter, but the US has ensured that that is no longer an option. The orders are issued…

    The Russian troops in Belarus come across the border into Poland, launching a classic spoiling attack, moving on the heels of a series of coordinated Special Forces operations in Poland and Western Europe. Russian SF hit bridges, rail links and army bases, after which the Russians launch several flights of cruise missiles into Poland and Germany. The combined force, at least, was expecting trouble; the Russians inflict serious damage, but the NATO command structure remains intact and the Russians are met in the field. Fighting spreads across Eastern Poland, but by the end of the first week, the Russians have only made small gains.

    Both sides are leaning rapidly from the other. The Russians have learned that the allies have better antitank weapons than they thought. The Europeans underestimated Russian air defences and lost several aircraft before they altered their operational patterns. The EU is also short on supplies; the US cuts loose as much as it can from it’s bases, but even so it will take time for the supplies to reach Europe. The issue at hand, both sides conclude, is if the Russians can smash the NATO force and dictate terms, or if the NATO forces can blunt Russia’s spearheads and cripple the Russians. As the Russians advance on Warsaw, it doesn’t look good…"


    Lo scenario prosegue, ma mi interesserebbe cercare di costruire una nostra evoluzione, con l'aiuto di forumisti esperti, della situazione, magari tenendo in conto anche cose come le rispettive campagne elettorali (ad esempio, come una simile crisi entrerebbe nel dibattito Veltroni-Berlusconi, o Mc-Cain-Clinton-Obama o Zapatero-Rajoy).

    Che dite, ci proviamo ?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    direttamente dall'Inferno
    Data Registrazione
    19 Jan 2007
    Località
    nel girone che preferite
    Messaggi
    21,818
    Mentioned
    56 Post(s)
    Tagged
    16 Thread(s)

    Predefinito

    magari se prima si facesse un sunto del discorso per i non angloparlanti.....

  3. #3
    29 volte campioni
    Data Registrazione
    14 Apr 2005
    Località
    Marche
    Messaggi
    9,330
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tanto per cominciare i russi sul Kosovo hanno ragione da vendere e non sarei mai disposto a difendere il mio Paese per una questione in cui credo abbia torto.

    Il riconoscimento del kosovo è stato un gesto da dementi fatto solo perchè D'Alema ancora una volta doveva accreditarsi di fronte alla Nato.

  4. #4
    mormilla
    Ospite

    Predefinito

    per
    forumisti esperti
    intendevi golpisti vero?
    per questo hai postato su DR

  5. #5
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da perplesso666 Visualizza Messaggio
    magari se prima si facesse un sunto del discorso per i non angloparlanti.....
    Ok, con un pò di tempo provvedo

  6. #6
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Traduzione per non anglofoni:

    Febbraio 2008: Il Kosovo dichiara l'indipendenza, nonostante l'indignazione della Serbia e della Russia, che non agisce per il momento, ma prepara alcune contromosse: ne val del prestigio internazionale del Paese. L'obiettivo è impedire una indipendenza permanente del Kosovo.
    Durante il mese, l'insodissfazione in Serbia e Kosovo aumenta, con rivolte che causano grossi danni a strutture e imprese americane e europee sul posto. Diversi paesi evacuano le ambasciate. Il Consiglio di Sicurezza dell'ONU tenta di condannare gli eventi con una risoluzione, ma la Russia pone il veto.

    Marzo 2008: Putin finalmente prende posizione, pressato dai Serbi ma sopratutto dai nazionalisti di casa sua, e annuncia che non tollererà l'indipendenza del Kosovo sotto qualsiasi forma. Inizia sottobanco a vendere armamenti alla Serbia, a finanziare la ricerca nucleare iraniana e a far pressione con le forniture di gas presso gli Stati occidentali.
    Nella NATO e nella UE c'è una chiara assenza di leadership. Gli Stati Uniti sono troppo occupati in Iraq (e nella campagna elettorale) per far sentire con chiarezza la loro autorità, e molti Stati non sono entusiasti di lasciarsi coinvolgere in una simile grana. La Polonia chiede maggiore coordinazione comunitaria e un investimento su fonti energetiche alternative, ma tutto ciò a cui si approda è l'atteggiamento un pò sciattone che abbiamo visto nel nostro mondo.
    Il Kosovo, intanto, ha i suoi problemi: i Serbi dell'area si stanno armando, e sembrano prepararsi a una insurrezione a lungo termine, senza che le truppe dell'ONU riescano a fermare il transito di armi. Iniziano gli attacchi contro i soldati occidentali, le infrastrutture e i politici indipendentisti.
    Putin inizia a rispolverare piani per la pressione militare.

    Aprie 2008 – Le Nazioni Unite riconoscono ufficialmente che il Kosovo è preda di una guerra civile e suggeriscono di aumentare le forze della KFOR. La Russia si propone come fornitrice di truppe, ma chiaramente le viene risposto picche, mentre sentimenti pacifisti iniziano a serpeggiare in Europa Occidentale (al contrario, nell'Europa Orientale inizia a crescere la paranoia antirussa). Alla fine, vengono inviati circa 7000 soldati europei di rinforzo, perlopiù tedeschi e francesi.

    Più o meno a questo punto, ci sono le elezioni nel nostro Paese: che succede?

    Putin decide per un gesto dimostrativo, e sposta alcune unità militari russe sul confine baltico, per ricordare al mondo che la Russia non resterà in silenzio nella questione kosovara: in fin dei conti, in Estonia un quarto della popolazione è russo, e abita perlopiù nella provincia dell'Ida-Koomaru. Anche se i toni pubblici sono concilianti, la sostanza è che la Russia vuole l'immediato abbandono del Kosovo in mano ai serbi, e la partenza degli occidentali, o farà lo stesso che hanno fatto i Kosovari in Estonia, Georgia, Moldavia ...
    La NATO inizia a mettersi in allerta, mentre gli alleati baltici cadono nel panico. La Polonia inizia a richiamare i riservisti e prepara piani per un'avanzata rapida nel territorio dei piccoli vicini, mentre anche altre nazioni dell'area iniziano a preparare piani di emergenza.
    La Russia manda un avvertimento alla NATO di tenersi fuori dalla questione, ma l'Alleanza Atlantica lo ritiene un bluff: in realtà, mentre i primi contingenti di truppe tedesche entrano in Polonia per unirsi alle forze baltiche, le truppe russe avanzano verso i confini dei tre piccoli Stati, le cui truppe, per quanto preparate e pratiche del terreno, soccombono sotto la superiore potenza di fuoco russa. Almeno all'inizio, l'avanzata delle truppe di Putin è rapida.
    In base al Trattato NATO, l'aeronautica tedesca, polacca e francese si unisce allo scontro, in soccorso degli alleati baltici. Lo scontro è equilibrato: i Russi hanno i numeri dalla loro, gli occidentali hanno mezzi e addestramento. La NATO cerca di pareggiare i conti inviando rinforzi verso il Baltico, con operazioni aeree e marittime, ma i Russi riescono a raggiungere i loro obiettivi strategici primari e a neutralizzare le truppe dei paesi baltici prima che le forze della NATO siano in grado di intervenire sul campo. Mentre rifugiati cominciano ad affluire a Ovest, le forze della NATO si concentrano in Polonia.

    Lukashenko, il presidente bielorusso, si dichiara saldamente a fianco dei suoi fratelli Slavi e si dichiara disponibile a mettere le sue truppe sotto il diretto comando russo. La sua speranza è ottenere in questo modo un nuovo Trattato di Unione che incorpori la Bielorussia nella "sorella maggiore": più realista del re, in poche ore ordina un'avanzata di reparti bielorussi nei confini polacchi. Grande imbarazzo per Putin, che vede sfumare, con la "guerra parallela" dell'entuasiasta Lukashenko, le possibilità di una soluzione diplomatica.

    Maggio 2008:
    In preda al panico, i governi della UE riescono a combinare qualcosa: nonostante Francia e Germania (in particolar modo la Merkel) non siano esattamente entusiasti di una guerra, l'occupazione di tre paesi membri non può certo essere ignorata. I comandi militari dei vari Paesi della UE vengono messi sotto controllo NATO, e si iniziano a elaborare strategie comuni. Per l'intanto, tramite Internet, si diffondono immagini delle atrocità commesse da reparti russi sulla popolazione baltica, a cui la Russia verosimilmente risponde con filmati simili riguardanti però la popolazione russofona e le truppe baltiche.
    Putin è tutt'altro che soddisfatto della piega presa dagli eventi. Non ha mai considerato l'unione con la Bielorussia, e non si fida di Lukashenko e dei suoi tiri di matto. Per evitare un'escalation del conflitto, le truppe russe si attestano su posizioni difensive nei paesi baltici e in Bielorussia.
    Dall'altro lato dell'Atlantico, Bush è stanco e preoccupato: ha come unico vantaggio il non dover essere rieletto, a differenza dei suoi alleati europei, ma la questione non ha fatto fatica a irrompere nella campagna elettorale per le elezioni di Novembre. La comunità polacca è particolarmente attiva nel chiedere un intervento in Europa degli USA, anche per l'evidente attacco a paesi membri della NATO. Le truppe americane sono tuttavia troppo impegnate sul campo in Iraq e Afghanistan, e i paesi della UE non sono disposti a rinunciare alla conduzione del conflitto se gli USA non si impegneranno direttamente sul campo. La risposta americana, per ora, è inviare alcune unità e rifornimenti, in attesa di tempi migliori che permettano un nuovo schieramento di truppe.

    Il meno entusiasta di tutti è Gordon Brown: sa che l'eredità del blairismo è già stata sufficientemente segnata dalla guerra in Iraq, e non vuole certo passare alla storia come un guerrafondaio ancora peggiore. In più, a parte la RAF e pochi reparti di terra, la maggior parte delle forze inglesi sono già sul campo, pesantemente coinvolte. E nonostante la sinistra laburista prema per il ritiro dall'Iraq, sarebbe comunque politicamente indifendibile rispedire i soldati appena tornati a casa in un nuovo teatro di guerra, ben più pericoloso.
    I diplomatici lavorano indefessamente, ma le posizioni restano distanti: la Russia chiede un Kosovo serbo, e lo stop a ogni manovra militare. L'UE rifiuta di trattare sotto la minaccia delle armi, e la Polonia in particolare non accetta nessuna riduzione di truppe sul suo territorio se resta la minaccia russa dell'uso della forza. La tensione non si allenta affatto.

    Giugno 2008: In Kosovo, l'insurrezione della minoranza serba è oramai aperta. Belgrado (dove evidentemente Nikolic e Kostunica hanno messo all'angolo Tadic) chiede il ritiro della KFOR, avvertendo di essere pronta a intervenire. Le truppe occidentali restano ferme, il governo Kosovaro è sull'orlo del collasso, e alla fine le truppe serbe, assieme a reparti paramilitari, varcano il confine per ristabilire l'ordine.
    La NATO reagisce immediatamente: le navi USA nell'area lanciano attacchi aerei contro le posizioni serbe, supportati dall'aeronautica italiana e dai paesi NATO del sud e del mediterraneo. Le truppe serbe riescono a ridurre l'impatto dei bombardamenti grazie ai sistemi SAM forniti dalla Russia, e circondano e disarmano le forze ONU.
    Putin tenta di accreditarsi come uomo di pace, inviando una forza di "peacekepers" nel Kosovo: più o meno per errore, il contingente viene colpito da un attacco americano. Putin non può che rispondere con un ultimatum: o gli Occidentali accettano il fatto compiuto o ...

    Intanto gli euroburocrati hanno passato un altro pò di tempo a litigare su chi nominare SACEUR in sostituzione di un comandante americano ritenuto inaccettabile per lo scarso coinvolgimento sul campo delle truppe USA: alla fine, dopo un mese di litigi, si sceglie un generale tedesco. Viene dichiarata la mobilitazione generale, e rinfori arrivano in Polonia: l'intenzione dichiarata, vista l'impossibilità di intervenire anche in Kosovo, è la liberazione dei tre paesi baltici, se necessario con un conflitto regionale.

    Anche la Russia ha i suoi piani: pur se l'esercito putiniano non è paragonabile a quello della guerra fredda. In particolar modo, il grosso numero di uomini e mezzi a disposizione non ha armamenti sufficientemente moderni. Tuttavia, hanno dalla loro il vantaggio di essersi preparati al peggio, mentre gli occidentali discutevano. Putin continua a preferire una soluzione diplomatica, ma per ora non può cedere su nulla: c'è in gioco la faccia del suo Paese.
    Le truppe russe a Minsk sfondano perciò il confine polacco, facendosi precedere da reparti speciali che eseguono azioni di sabotraggio in tutta la Polonia e nei paesi vicini. Vengono colpiti treni, ponti, basi militari, centrali energetiche. Seguono diversi attacchi di missili Cruise su Germania e Polonia.
    Le truppe degli alleati europei, nonostante tutto il chiacchericcio, si aspettavano il peggio, e pur subendo danni pesanti riescono a mantenere intatta la catena di comando, e a rispondere sul campo. L'avanzata russa in Polonia viene contenuta.

    I due campi imparano rapidamente l'uno dall'altro: i Russi hanno realizzato che gli Occidentali dispongono di ottimi armamenti anticarro, gli Europei capiscono il valore delle contraeree russe quando subiscono perdite durante tentativi di attacco dall'aria.
    La UE ha inoltre il problema delle risorse: gli USA stanno spedendo tutto ciò che possono sul Vecchio Continente, ma ci vorrà tempo.... e i Russi sono pur sempre vicini a Varsavia".

  7. #7
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da mormilla Visualizza Messaggio
    per intendevi golpisti vero?
    per questo hai postato su DR


    Però sarebbe interessante vedere se i forumisti di DR seguirebbero lo stereotipo del neofascista atlantico di servizio o viceversa marciassero per la pace assieme agli Arcobaleni

  8. #8
    Nichilismo Cristiano
    Data Registrazione
    02 Apr 2004
    Località
    Parma
    Messaggi
    34,670
    Mentioned
    348 Post(s)
    Tagged
    29 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito

    Ma quale pace.. io andrei ad arruolarmi nell'esercito russo o serbo direttamente.

    Comunque è uno scenario troppo eurocentrico, non tiene conto della situazione in Iran, le truppe americane in Afghanistan e asia centrale a contatto con i russi, Chavez che approfitterebbe della crisi (si spera) per vendere il suo petrolio in euri. Per non parlare di Israele che tirerebbe il guinzaglio agli americani, se accennassero ad allontanare la loro attenzione dal medio oriente, come già successe al tempo del Vietnam. E' un classico NATO-Patto di Varsavia stile anni 80 con i nomi cambiati, non ha più niente di attuale.

  9. #9
    Chap Socialist
    Data Registrazione
    13 Sep 2002
    Messaggi
    31,653
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Perseo Visualizza Messaggio
    Ma quale pace.. io andrei ad arruolarmi nell'esercito russo o serbo direttamente.

    Comunque è uno scenario troppo eurocentrico, non tiene conto della situazione in Iran, le truppe americane in Afghanistan e asia centrale a contatto con i russi, Chavez che approfitterebbe della crisi (si spera) per vendere il suo petrolio in euri. Per non parlare di Israele che tirerebbe il guinzaglio agli americani, se accennassero ad allontanare la loro attenzione dal medio oriente, come già successe al tempo del Vietnam. E' un classico NATO-Patto di Varsavia stile anni 80 con i nomi cambiati, non ha più niente di attuale.
    Beh, è proprio questa la sua particolarità ! Uno scenario in cui non ci siano un buono e un cattivo predefiniti (tutto nasce da un mezzo incidente bellico, dopo una serie di operazioni diplomatiche discutibili su tutti e due i punti di vista coinvolti), e in cui lo scontro bellico vero e proprio sia limitato, anzichè dell'ennesimo "L'Asse del Bene Atlantico contro l'Impero Nazicomunista (o viceversa)" che finisce a cazzottoni nucleari.

    E poi questa è la descrizione di nemmeno 1 mese di conflitto, il resto dovremmo appunto scriverlo o revisionarlo noi

    Nella fattispecie, io credo che la Russia finanziariebbe pesantemente sia i talebani che gli insorti in Iraq, onde impegnare il più possibile truppe occidentali.

  10. #10
    mormilla
    Ospite

    Predefinito

    si ma dei distinguo tra reale e virtuale vanno fatti
    .. su DR c'è gente che si "scanna" su quale sia il reparto must o altro
    e poi magari scopri che non ha neanche mai partecipato ,non solo operazioni militari o alla vita militare,ma neanche sa cos'è un otturatore...

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 53
    Ultimo Messaggio: 15-03-08, 13:08
  2. Simulazione: dal Kosovo, guerra NATO/UE contro la Russia
    Di Manfr nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 01-03-08, 14:05
  3. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-03-08, 12:27
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 29-02-08, 22:02
  5. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 29-02-08, 20:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226