User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    INDIPENDENTISTA
    Data Registrazione
    11 Apr 2007
    Località
    Verona-Venetia
    Messaggi
    449
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Il Nordest dice basta al centralismo

    RIFORME E CITTADINI. Presentata l’indagine sui Sussidiarietà e riforme istituzionali condotta dalla Fondazione di Giorgio Vittadini- «Italiani irritati e consapevoli»

    Il Nordest dice basta al centralismo
    Il 65% degli intervistati chiede che lo Stato deleghi funzioni e poteri alle Regioni Centro-Sud più scettico
    DECENTRAMENTO DI FUNZIONI. Lo Stato deve delegare funzioni e poteri a Regioni e Comuni che a loro volta devono dare spazio ai corpi intermedi della società? A livello nazionale sono favorevoli il 61% degli intervistati con un massimo che si registra nel Nordest (65%) rispetto a un Centro-Sud che, anche se non dice di no, si ferma al 58,7%.
    Proseguendo nell’analisi dell’indagine, si scopre che la solidarietà secondo gli intervistati è garantita meglio dai Comuni (38%), per il 29% dallo Stato, per il 1 dalla Regione e solo il 9,5% dice dalla Provincia. All’interno di queste risposte, si scopre che chi ha indicato che la Regione è il livello di governo ottimale per dare maggior sostegno alla solidarietà vive nel Nord perché sia Nord ovest che Nord est si esprimo con livelli superiori al 31%; lo Stato invece è più adatto a garantire solidarietà secondo gli intervistati di Sud e Isole (37,2%)
    SVILUPPO ECONOMICO. Differenze che trovano conferma anche su un altro tema, importantissimo per il nostro territorio. Qual è il livello di governo più efficace per promuovere lo sviluppo economico? Secondo il 50% degli intervistati lo Stato; per il 28% la Regione; seguono molto staccati Comune e Provincia. Chi vota a favore della Regione come governo ottimale per lo sviluppo economico, sono gli intervistati del Nordest con il 35,7% e anche la Provincia prende i voti dal Nordest (10,7%) mentre Centro e Sud la collocano all’ultimo posto.
    IL CAMBIAMENTO. Ma siccome alcuni passaggi di poteri ci sono già stati dallo Stato alle Regioni, la situazione è cambiata? La maggioranza degli intervistati, quasi il 70%, ritiene che la redistribuzione dei poteri tra Stato e Regioni non abbia portato miglioramenti significativi in termini di efficienza e di miglioramento delle condizioni di vita dei cittadini. Le cose cambiano però se andiamo ad analizzare le macroaree: chi ritiene che grazie ai maggiori poteri alle Regioni la situazione sia migliorata sono i cittadini del Nordest con il 34,2%; chi ritiene che la situazione sia rimasta invariata sono gli intervistati di Sud e Isole con il 37,2% che sono anche quelli che considerano la situazione addirittura peggiorata con il decentramento (43,1%).
    IL FUTURO. Tuttavia, oltre il 64% degli intervistati si è dichiarato favorevole a un incremento dei poteri legislativi delle Regioni. Altissima la percentuale al Nord: oltre l’80% chiede che le Regioni si occupino in maniera esclusiva di politiche di tutela ambientale; il 79% per la protezione civile; l’80% per la sanità; leggermente inferiore la propensione per trasferire alle Regioni l’istruzione. In ogni caso, se tutto il paese chiede un maggior coinvolgimento delle Regioni con maggiori poteri, i picchi più alti si registrano ancora una volta nel Nord est (70,3%) e Nord Ovest (67,5%).
    E in questi dati si trova la conferma di quella «questione settentrionale» che forse ancora qualcuno vuole negare.
    FEDERALISMO FISCALE. Se oltre il 60% degli intervistati è per il decentramento di alcune funzioni dello Stato, più del 60% è convinto che il federalismo fiscale possa avere effetti positivi sull’efficienza del prelievo e sulla riduzione degli sprechi e quasi il 57% lo considera anche un’opportunità per la promozione dello sviluppo anche nelle aree depresse.
    VOGLIA DI RIFORME. Una voglia di cambiamento che vede anche il 56% degli intervistati favorevoli a diversificare le due Camere con un Senato federale; il 76% favorevole all’elezione diretta del premier; il 47% per il maggioritario (possibilmente a doppio turno); nove su dieci chiedono di poter esprimere preferenze sulle candidature e oltre il 64% vorrebbe le primarie a tutti i livelli.

    Maurizio Battista
    Il Nordest è la macroarea d’Italia dove c’è più richiesta di federalismo, dove la predisposizione è maggiore per avere meno Stato e più potere locale. Il centralismo è ritenuto vecchio, superato, poco efficiente. La disponibilità di veneti, friulani e trentini e altoatesini verso un federalismo compiuto, soprattutto fiscale, è ampia. Lo Stato vince, nell’opinione degli intervistati, al Centro e al Sud.
    I dati sono quelli dell’indagine «Sussidiarietà e riforme istituzionali» presentata a Venezia e condotta dalla Fondazione per la Sussidiarietà presieduta da Giorgio Vittadini, dalla quale emerge, come ha detto lo stesso presidente, che gli italiani sono «irritati e consapevoli».
    Irritati perché le risposte alle loro necessità e ai problemi del Paese stentano ad arrivare sia dalla politica che dallo Stato centrale; consapevoli perché sanno perfettamente che la priorità da raggiungere è una modernità istituzionale e sociale - all’insegna della maggior efficienza e della difesa delle libertà, della partecipazione e della sussidiarietà

    E intanto il Veneto cerca la strada per contare di più

    Giancarlo Galan non andrà a Roma, non si candida, non farà il ministro in un eventuale Governo Berlusconi. Lo ha detto lui stesso l’altro giorno: resterà nel Veneto e sempre più accarezza l’idea di una Forza Italia regionale, tipo Forza Veneto, il vecchio progetto di una Cdu bavarese in salsa veneta per portare non solo e non tanto il decentramento per avere pieni poteri dallo Stato, quanto il federalismo fiscale, cioè le risorse. Poter disporre del gettito di tasse dei Veneti. Di battaglie dal Veneto ne ha fatte molte, con le risoluzioni e i progetti di legge, per questo Galan si è infuriato la settimana scorsa a Venezia quando ha letto che nel programma del Pdl si fa espresso riferimento, in merito di applicazione del federalismo, della proposta di legge per modificare l’articolo 119 della Costituzione, adottata dal Consiglio regionale della Lombardia. Vale a dire Formigoni.
    Ma come, si è imbufalito Galan, il Veneto fa scuola al punto che il Nordest è l’area più favorevole del Paese al decentramento e questi vanno a copiare dalla Lombardia? Da qui l’attacco ai parlamentari nostrani, perché il «Veneto non conta», salvo correggersi due giorni dopo, quando è stata varata la società Regione-Anas per gestire il Passante di Mestre e la Venezia-Padova e incassarne i pedaggi.
    «Il Veneto non deve dimostrare per contare di avere qualcosa da Roma. Lo ha già fatto», ha detto davanti al ministro Di Pietro. «Il Veneto ha avuto quello di cui aveva bisogno anche da questo governo. Il Veneto quindi conta. Adesso bisogna contare di più là, mandando qualcuno che rappresenti il Veneto, non se stesso». Chissà se era già al corrente, Galan, che Massimo Calearo, presidente nazionale di Federmeccanica e presidente, dimissionario, di Confindustria vicentina aveva già detto di sì a Walter Veltroni per candidarsi con il Pd. O se sapeva già che Bossi dal Parlamento del Nord di Vicenza ieri gli avrebbe tirato le orecchie, perché portare avanti l’Euroregione insieme con Illy e il Friuli significa dividere la Padania. Ma che cosa sta accadendo nel Veneto? Chi riuscirà a dare le risposte giuste a questa regione?M.B.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Pensiero Libero
    Data Registrazione
    16 Jun 2009
    Messaggi
    2,341
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Il colmo è che Bossi si è arrabbiato, non vuole il distaccamento di parti di Padania!

    Padania = Italia

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 17
    Ultimo Messaggio: 19-12-09, 01:18
  2. Il popolo che dice basta
    Di Polfeed nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-11-09, 21:50
  3. Centralismo, centralismo con decentramento amministrativo o federalismo?
    Di Dimitri Oblomov (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 23-12-08, 01:17
  4. La Lega dice BASTA!
    Di vend. solitario nel forum Fondoscala
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 12-05-06, 10:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226